domenica 16 dic
  • Parco Tindari luogo del cuore

    Parco Tindari luogo del cuore

    Oggi si chiuderà la campagna Fai a favore dei luoghi del cuore che vede in testa al momento Palermo e il fiume Oreto (questo il link per votare). 
Il fiume Oreto non è l’unico luogo palermitano in classifica; con oltre 2500 voti, tra quelli già registrati nel portale FAI e quelli raccolti in forma cartacea, trova posto anche Parco Tindari.
 Parco Tindari in realtà oggi non esiste ma, è solo uno spazio verde di Borgo Nuovo, senza nome e per nulla o quasi utilizzato, arrivato alle cronache qualche tempo fa per il cartellone affisso da una madre della zona contro gli spacciatori che frequentano la zona.
 Da allora qualcosa si sta muovendo e, dopo la festa della legalità organizzata a maggio, venerdì scorso a #ParcoTindari è stato il luogo centrale dell’evento S-CacciAMO i rifiuti organizzato dall’associazione ComPA in occasione della Settimana europea per la Riduzione dei Rifiuti, che ha visto per una settimana Borgo Nuovo e non solo piena di studenti in “caccia” di discariche e criticità ambientali.
    Per un giorno lo spazio è stato quello che dovrebbe essere normalmente, il cuore pulsante del quartiere e non solo di quello, dove i bambini hanno fatto merenda dopo aver giocato e svolto attività didattica all’area aperta.
    Pensiamo che, se si vuole provare a cambiare la nostra città, si debba partire dai luoghi come Parco Tindari, recuperandoli e trasformandoli, da spazi senza nome e vita, a luoghi condivisi di attrazione sfruttandone le potenzialità.
    Da qui nasce il percorso #Sonoborgonuovo (dichiarazione d’intenti del progetto), che ha l’obiettivo, facendo rete, con scuole, associazioni e persone del quartiere e non solo, di rilanciare il valore della vita quotidiana in periferia, intendendola con luogo dormitorio ma, centro esterno da valorizzare dove poter aggregare anche chi vive nel resto della città.
    Nel caso di Borgo Nuovo, la potenzialità è legata agli ampi spazi verdi esistenti ed all’impiantistica sportiva già presente: c’è una palestra comunale di atletica pesante, ci sarebbero dei campetti, oggi abbandonati ed occupati, di Largo Gibilmanna, ci sono le palestre delle scuole che fino a qualche anno fa ospitavano le attività di tante medio-piccole associazioni sportive e poi, c’è Parco Tindari ed i tanti spazi verdi che potrebbero essere trasformati in percorsi ciclabili e pedonali per fare jogging, cross, ecc…
    Il primo passo per raggiungere questo obiettivo è far nascere il Parco lo dobbiamo ai bambini degli I.C. Russo/Raciti e Rita Levi Montalcini che in pochi giorni insieme ai propri insegnanti hanno raccolto quasi mille firme coinvolgendo genitori ed amici.
    Per farlo il primo passo può essere votare #ParcoTindari (qui il link per votare) nella campagna dei
luoghi del cuore del #FAI  il superamento dei 2000 voti garantirà la partecipazione al bando Fai per il finanziamento di interventi sul sito ed ogni voto in più potrà servire a convincere l’amministrazione comunale ad investire per la nascita del Parco. 
    Non lasciamoci scappare l’occasione offertaci dal FAI per recuperare e rilanciare Parco Tindari ed il Fiume Oreto, bastano pochi secondi per votare e condividere il link dei luoghi del cuore.

    Parco Tindari

    Parco Tindari

    Parco Tindari

    Parco Tindari

    Parco Tindari

    Parco Tindari

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.