35°C
martedì 5 lug
  • Figlio di mafioso candidato con Miceli alla sesta circoscrizione

    Il padre era uomo di Cosa nostra a Cruillas, il figlio è candidato con Miceli

    Nicola Piranio, 43 anni, è candidato alla sesta circoscrizione con la lista Progetto Palermo a sostegno del candidato sindaco del centrosinistra Franco Miceli; il padre Biagio è stato arrestato nell’operazione “Padronanza” del 2020 perché ritenuto collaboratore del boss della Noce-Cruillas Giovanni Nicoletti.

    Piranio è incensurato e militare dell’Esercito. Aveva rapporti molto rari col padre.

    Nella campagna elettorale per l’elezione del sindaco è stata ampia la polemica su una dichiarazione di Marcello Dell’Utri, condannato per concorso esterno in Cosa nostra, a favore del candidato del centrodestra Roberto Lagalla che annovera tra le sue liste la Nuova Dc dell’ex presidente della Regione Salvatore Cuffaro, condannato per rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento a Cosa nostra.

    Il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani ha dichiarato: «In una lista del Pd c’è il figlio di un boss che sta in carcere. Io sono un garantista. Naturalmente, non ha nessuna colpa, ma se si vuole parlare di relazioni, allora, parliamo anche di questo».

    Palermo
  • 3 commenti a “Il padre era uomo di Cosa nostra a Cruillas, il figlio è candidato con Miceli”

    1. Complimenti al ragazzo allora, che si è affrancato. Resta molto probabile che il padre non lo voti e si orienti sugli amici di sempre…

    2. Nel titolo sparate una notizia che poi è smentita nel testo (aveva rapporti rari..). Capisco sia difficile “compensare” per la vicinanza del centrodestra con condannati per mafia. Magari un po’ più di fantasia la prossima volta.

    3. Il titolo dice ciò che e’ ovviamente vero. O vuoi dire che era raramente figlio?

  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.

x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram