giovedì 17 ago
  • Riqualificazione per Barcarello e Vergine Maria

    Due zone prospicienti il mare sono destinatarie di progetti di riqualificazione. Si tratta di Barcarello (Sferracavallo) e della zona antistante la tonnara Bordonaro a Vergine Maria.

    Il lungomare di Barcarello avrà presto percorsi pedonali, panchine e arredi a verde. Il cordolo attuale tra la scogliera e il marciapiede sarà abbattuto e sulle rocce saranno sistemate alcune pedane in legno iroko larghe sette metri e mezzo per creare una nuova passeggiata. Sono previste piazzole di sosta, panchine, alberelli ornamentali di tamerice e una trama di faretti inseriti nella pavimentazione per l’illuminazione serale.

    A Vergine Maria l”intervento prevede un nuovo allestimento per rendere accessibile l’area compresa fra la tonnara Bordonaro e il porticciolo, attualmente scoscesa e impraticabile. Sulla traccia di uno scoglio affiorante, unito alla terraferma da alcuni blocchi (residui del vecchio approdo), si snoderà un sistema di piattaforme in legno iroko. L’intero spazio verrà bonificato, dotato di impianto-luce e suddiviso, ai lati delle passerelle, in aiuole allestite a prato.

    I lavori per entrambi gli interventi dureranno 180 giorni.

    Palermo
  • 8 commenti a “Riqualificazione per Barcarello e Vergine Maria”

    1. mi auguro di sbagliare ma credo che ancora siano fermi all’aggiudicazione delle gare d’appalto (con conseguente slittamento dei tempi). che si affrettino anche ad iniziare i lavori agli allacci fognari di Vergine Maria e dintorni è ASSURDO che in quella zona le acque nere delle abitazioni vengano riversato in mare!!

    2. E SPERIAMO CHE LA GENTE LA SMETTA D’INSUDICIARE GLI SCOGLI DI SFERRACAVALLO (E GIà CHE CI SONO ANCHE QUELLI DELL’ADDAURA) CON CARTONI DELLA PIZZA, ELETTRODOMESTICI E QUANT’ALTRO!! LA GENTE NON HA IL SENSO MINIMO DEL DECORO!!! VERGOGNA!!

    3. Dovrebbero essere riqualificati tutti i favolosi Km di costa che abbiamo quì a Palermo, da Aspra a Sferracavallo………..vergognosamente abbandonati e devastati, in alcuni lunghi tratti………E noi speriamo sempre…….

    4. Andrebbebero riqualificate anche le strutture mentali di tanti palermitani, non tutti (meglio precisarlo).

    5. Comincio il conto alla rovescia per questi 180 giorni!!!!!

    6. Mio nonno abita proprio vicino alla tonnara bordonaro, vicino a quel famoso scoglio affiorante residui del vecchio approdo, beh sapete cosa vi dico è da anni che se ne parla ma come disse san tommaso non ci credo finchè non ci metto il naso!

    7. A vergine Maria il problema più sentito dagli abitanti sono le fogne mai realizzate. Il presidente della circoscrizione ce le promette ogni anno a natale da dieci anni e su informa palermo sono state realizzate già da diversi anni un pò come il ponte di messina negli sketch di Ficarra e Picone.
      E cmq adesso il problema vero è costituito dai Parcheggi perchè da quando c’è il KUrsal tonnara in estate non si vive più.
      A quanto pare l’apertura del pub era subordinata alla realizzazione dii un parcheggio, ma siccome siamo a Palermo e le regole valgono solo per i fessi e per chi non è AMMANIGGHIATU, gli hanno approvato l’uso di un parcheggio a 1 km di distanza che nessuno usa e così le persone in estate si vedono le macchine posteggiate dentro le case con grande disagio per gli abitanti e grandi sfregi sulle fiancate per gli abusivi della sosta…
      certo che la cosa che dà da pensare è che sembra strano che venga autorizzata una veranda in plastica bianca su in immobile del 1400.. misteri degli ammanigghiamenti…
      un altra cosa che mi sembra discutibile è che vengano usati soldi pubblici anzichè per realizzare opere che servono alla collettività come appunto le fogne e i parcheggi, vengono realizzate operazioni di facciata a tutto vantaggio di un pub…

    8. Caro Ottavio concordo pienamente con te!!
      e ribadisco che il vero problema è all’origine,prima bisogna creare le basi cioè fogne,parcheggi adeguadi,illuminazione delle strade, le strade stesse e poi si può pensare ad un abbellimento di tutto il quartiere, non solo di una singola parte.
      Per quanto riguarda la famosa struttura in plastica che dici te,non solo non dovevano costruirla,ma il problema sostanziale, come ho detto prima, è all’origine e più propriamente quando si stava ristrutturando la tonnara bisognava usare solo ed eclusivamente materiali di recupero della stessa tonnara e non nuovi come è stato fatto rovinando così definitivamente tutta la bellezza e il fascino antico.

    Lascia un commento (policy dei commenti)