mercoledì 18 ott
  • “Kals’art” verrà riproposta nel 2008

    Kals'art

    Diego Cammarata, sindaco di Palermo nella conferenza stampa di ieri ha parlato anche di Kals’art, manifestazione che non si è sostanzialmente svolta nel 2007: «Proprio per alleggerire le spese, quest’anno abbiamo dovuto fare a meno del Kals’art. Abbiamo reinvestito il denaro per i servizi sociali, ma me ne rammarico perché abbiamo comunque perso una manifestazione che ha, senza dubbio, sostenuto lo sviluppo economico della città. Ecco perché per il prossimo anno intendo riproporre Kals’art».

    Palermo
  • 5 commenti a ““Kals’art” verrà riproposta nel 2008”

    1. La frase “manifestazione che non si è sostanzialmente svolta nel 2007” è un capolavoro semantico.
      Neanche Ugo Zatterin – nel famosissimo “pezzo” televisivo, nel quale diede notizia dell’approvazione della legge Merlin (chiusura delle case di tolleranza) senza mai nominare l’innominabile – riuscì a tanto.
      Ergo: vedo per Rosalio (o chi per lui) una brillante carriera di direttore di telegiornale. Rete governativa, naturalmente!

    2. Autofocus temo che ti sfuggano i presupposti su cui si basa quella frase. Kals’art non è mai iniziata nel 2007, però si sono svolti alcuni concerti che vi erano ricollegabili e ne riportavano il logo. In questa situazione se avessi scritto che si è svolta/che non si è svolta sarebbe stato impreciso. Quindi ho preferito usare quello che tu definisci (grazie!) capolavoro semantico. 😉

    3. Ma è chiedere troppo che l’amministrazione cerchi sponsor, partner privati e quant’altro per ammortizzare in parte le spese del Kals’art? Di questo passo più che manifestazione annuale diventerà quinquennale se non decennale 🙁 ………

    4. [concerti che vi erano ricollegabili e ne riportavano il logo]

      anche questa è bella. Quasi quasi mi faccio uno spettacolino autoprodotto e ci appiccico sopra un bel logo della Filarmonica di Vienna!!!

      Beh, la cosa preoccupante è che questo post venga proprio dopo quello in cui Cammarata parla di bilancio sano! E vabbè, cosa dire, in Sicilia siamo proprio bravi a fare spallucce e dire che “peccato per quest’anno, speriamo nel futuro”. La verità è che l’unica manifestazione che sembrava aver gettato un barlume di speranza nella ripresa (o nella partenza) culturale di Palermo è stata un flop assurdo. In fondo ai miei concittadini palermitani “c’ha dari calia e simenza”, non arte e cultura.

    5. […] Ma per il 2008 le cose sembra che andranno diversamente, su un articolo pubblicato su Rosalio è stata riportata una dichiarazione di Diego Cammarata con la quale il Sindaco conferma […]

    Lascia un commento (policy dei commenti)