domenica 17 dic
  • Che scriverebbe Travaglio di Travaglio?

    Marco Travaglio è il vostro santo civile e il suo metodo insinuatorio è il vostro credo? Non è il mio caso. Altrimenti applichiamolo anche a lui: Che scriverebbe Travaglio di Travaglio?. Buona lettura.

    (via www.gerypalazzotto.it)

    Marco Travaglio (foto di Andreas Carter)
    (foto di Andreas Carter)

    Palermo
  • 130 commenti a “Che scriverebbe Travaglio di Travaglio?”

    1. Travaglio è intelligente ed ha una buona memoria, poi parla bene, ma non è un giornalista, è un “divulgatore di notizie altrui populista”. Avete mai visto Travaglio messo alle strette indietreggiare? no. Come un politico non cerca la verità, cerca il consenso. I suoi editoriali sono suggestivi, ma appunto evocano, non raccontano fatti, non sempre.

    2. Articolo di Filippo Facci: una vera autorità morale, politica e storica!
      Complimenti per la “citazione”, Siino!

    3. C’era forse anche Facci in piscina? 😉

    4. ahahahahah Filippo Facci. Travaglio ha dimostrato chiaramente di aver pagato quella vacanza con i suoi soldi. riguardo le frequentazioni, chi a Palermo (con una posizione di rilievo) consciamente o incosciamente non ha/ha avuto frequentazioni con “insospettabili”..

    5. Leggo “Rosalio è un multiblog locale che parla di Palermo e della palermitanità”. Forse l’autore dovrebbe spiegare meglio il nesso tra Travaglio-Ingroia e il blog. Personalmente cosi’ presentato il post mi sembra soltanto un articolo politico, che si puo’ leggere su un quotidiano come LIBERO.

    6. Ce ne fossero di Travaglio in Italia.

    7. ..citare un articolo di facci, assumendolo a verità indiscussa contro travaglio e addirittura lodarlo come una “buona lettura ” per il fine settimana…ridicolo..

    8. Travaglio è l’antidoto contro la perdita di memoria collettiva che assicura l’impunità di tanti farabutti, almeno dalla sanzione sociale: meglio avercelo!

    9. Caro Siino proprio non riesci a distaccarti da Berlusconi. Citare Facci, uno stipendiato del Caimano, equivale ad un autogol. Travaglio avrà pure i suoi difetti ma è un grande!

    10. http://www.youtube.com/watch?v=lcz2lp4epeM
      Ma perchè i giornalisti si occupano degli altri giornalisti? Mi pare che in Italia non manchi di che parlare anzi.

    11. 73 anni, non durerà ancora per molto.
      Ci vergogneremo di ciò che stiamo vivendo.

    12. Facci fa un mestiere che è diverso dal giornalismo,fa parte del comitato elettorale che è in mediaset e non è estraneo a calunnia e diffamazione http://www.danielemartinelli.it/2009/05/14/filippo-facci-condannato-per-diffamazione/

      Curioso questo interesse di Siino per un tema “abbastanza” fuoriluogo per Rosalìo, mi unisco al commento di Uldo!!

    13. Ma Facci il piacere!

    14. Ma mi Facci il piacere!

    15. Siino anche tu 6 un dipendente dello psiconano?

    16. Filippo facci la voce della verità. vero Siino?
      torna a parlare del marketing virale…lascia perdere le questioni della politica.

    17. …a quanto pare il buon tony siino, non aveva idee per un post del weekend ed ha riciclato questo -articolo?- -sproloquio?- (chiamatelo come volete), di Facci contro Travaglio.
      già dalla brevissima introduzione di siino si capisce che la sua posizione su Travaglio è abbastanza netta:

      “Marco Travaglio è il vostro santo civile e il suo metodo insinuatorio è il vostro credo? Non è il mio caso.”

      ps: domani (ri)spunterà il post: “Contribuisci a Rosalio”.
      e magari molte cose interessanti che noi proponiamo vengono messe da parte per pubblicare queste cose…!
      contenti loro…!

    18. L’originale è sempre migliore della fotocopia.

    19. La tentazione sarebbe quella di comnciare a fare dei distinguo su quanto descritto nell’articolo, tipo cominciare a dire che avere a che fare con uno che poi si rivela essere una spia è del tutto normale. Quanto più la spia è in gamba, tanto più è credibile nel suo ruolo “scoperto”. Potrei avere a che fare con il segretario personale del Papa e poi scoprire in seguito che è una spia di uno stato straniero. Ciò non farebbe di me un corresponsabile.
      Mentre se sei l’avvocato di un costruttore che dichiaratamente ammette di aver falsificato i documenti e gli permetti di tenersi il palazzo grazie alla tua abilità e poi si scopre che il costruttore è mafioso… beh, magari stavi facendo il tuo lavoro, ma non puoi paragonarti a chi inconsapevolmente aveva rapporti di amicizia con un ufficiale dello Stato, poi scoperto esser una spia della mafia.
      Per quanto ci si possa provare, non si tratta della stessa cosa.
      L’articolo di Facci, attaccando Travaglio (inutilmente, visto che poi lo scagiona lui stesso) in realtà mira a colpire Ingroia, che molto più di Travaglio, è stata la vera vittima della spia in questione.
      In quanto a Travaglio… può risultare borioso e saccente, ma se solo un decimo dei giornalisti italiani fosse come lui, saremmo ancora in un paese dove l’informazione è libera.
      Difficile poter accusare Travaglio di essere servile.
      Anche Montanelli non era uno che le mandava a dire e non era per nulla un tipo simpatico. Prese le sue cantonate ma di certo di lui non si può dire che sia mai stato un servo.
      Travaglio mi pare più sulla scia di Montanelli piuttosto che di gente come Minzolini, Feltri, Ferrara, Belpietro.
      Rimane da vedere come interpretare questo post dal pdv di Siino.
      Cos’è il suo? Scetticismo perché non è possibile che Travaglio non abbia scheletri nell’armadio? Come dire, visto che si occupa di Berlusconi e soci, deve per forza essere sporco pure lui, visto che se si maneggia il fango non c’è verso di rimanere puliti…
      Oppure invidia? Sai quando uno dice “ma diamine, io scrivo meglio di lui eppure lui ha più lettori di me”?
      Oppure? Cos’altro?
      Era solo uno spunto come un altro per mettere giù un post?

    20. Timido tentativo di difendere l’indifendibile. Chi è furbo ha già abbandonato quel presidente che ormai ha imboccato la via del tramonto…inesorabile

    21. Andrea «Mal comune mezzo gaudio»? No, grazie.
      Pink non sono un berlusconiano e non me ne può fregare di meno di Berlusconi. Mappo non so a chi tu ti riferisci ma sono un libero professionista e soprattutto da libero parlo di ciò che mi pare (e per me questo post è pertinente).
      Agostinik il web è diverso dai media tradizionali e un contenuto non toglie necessariamente spazio ad altri (che a tuo dire verrebbero «messi da parte» a discapito di quelli pubblicati). Se ci sono spunti non pubblicati per un motivo o per un altro (a nostro avviso) non era il caso o non era il momento di pubblicarli. Tu però, grazie al web, hai il tuo blog dove puoi mettere ciò che ti pare. Qui puoi mettere ciò che pare (a noi) meritevole. 😉

    22. Premetto: detesto “i fan di Travaglio”, il travaglismo e trovo abbastanza inutili i suoi libri. Non mi interessa sapere chi, cosa, quanto e ogni singolo pelo: non la trovo informazione, ma non perchè sia necessariamente invetato – o esagerato – ma perché credo sia importante ricostruire un contesto, un costume, i meccanismi di un sistema, dopo di che i dettagli – o 20 libri di 500 pagine di dettagli – non canbiano la vita a me e ai cittadini, ma alla soubrette Travaglio sì, che itrattiene il suo pubblico radical chic come raffaella carrà quello del suo target di riferimento. Detto questo, ho letto l’articolo linkato: Ingroia casomai è la vittima di una talpa. E attenzione, non di una qualunque: ma di uno che girava in divisa, di cui almeno apparentemete ci si dovrebbe fidare (altrimenti che talpa è?). E c’è una bella differenza tra essere un torinese (Travaglio) che viene in vacanza in Siclia, in un contesto non suo e una persona nata e cresciuta da queste parti (Schifani): è difficile che non sappia chi sono (a prescindere da quando arrivano le accuse, colpa semmai del sistema giudiziario) i capi quartiere o rione che gli stanno intorno. Non si è uomini di panza, senza che la gente non lo sappia.

    23. @Siino. “non me ne può fregare di meno di Berlusconi”. Ma intanto il mio commento è stato rimosso. Resiste però “via http://www.gerypalazzotto.it“. Miracoli internet.” A Palermo pure io ? ” No, tu no. Ps Replicherò via e-mail, però però sarebbe giusto motivare “pubblicamente” le rimozioni. Che non sono censure, qui lo sappiamo tutti.

    24. Dunque…riassumiamo la genesi di questo post. Il blog di un non giornalista che cerca di fare informazione (Siino-Rosalio) che cita un giornalista-scrittore che superati gli “anta” vuole riciclarsi intellettuale (Palazzotto), che a sua volta cita un giornalista cacciato da “Il Giornale” di Berlusconi (Facci) che fino a poche settimane fa ha attaccato il suo ex capo ad Annozero (con Travaglio), e ora ricicla una storia vecchia di un anno e mezzo, che di fatto ha sviluppato Repubblica con Beppe D’Avanzo…

    25. Vassily sono soltanto un misero e umile blogger e lascio a te, che C6 e fai per 3 a Palermo (per Palermo), l’Informazione, le inchieste e gli scoop (al momento non me ne sovvengono a tua firma, però sarà carenza di fosforo…). 😉

    26. Manuelo il tuo commento è stato rimosso per violazione della policy dei commenti del blog e ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    27. Ancora nessuno si è sbilanciato sull’ argomento.
      Qualcuno diceva : Chi non ha peccato scagli la prima pietra

    28. L’argomento è interessante vista la beatificazione dei vari Travaglio e Grillo, populisti allo stesso modo di chi osteggiano. Posso anche accettare che lo si pubblichi qui per aprire un pò gli occhi a molti, però anch’io mi chiedo anch’io cosa c’entri questo con Palermo.

    29. Mao i fatti e i personaggi riguardano Palermo? Direi di sì.

    30. Vassilly, Facci non è stato cacciato dal Giornale ma è andato via quando è arrivato Feltri, con cui non ha mai avuto un buon rapporto (per precedenti che sicuramente tu conoscerai)

    31. @ Tony Siino
      Io volo molto piu basso ( serve ad evitare i radar), mi dice che “c’azzecca” stò post NEL blog palermitano per eccellenza?
      E ancora .. , il metodo Travaglio non è il suo credo, può farci la confidenza di farci capire qual’è il suo?
      Vabbene che lei siede alla destra del padre (Rosalio) e quindi ineluttabilmente ( che nn so che signifiva ma rafforza), lei può; Ma posto così il post è a senso unico, ci dia una possibilità di replica visto che lei ha messo un link.
      Qual’è il suo credo? Marcello Veneziani? Emilio Fede? Bruno Vespa?
      Guardi … lei sa il rispetto che gode da parte mia, è una cosa che avrei voluto dirgli in privato ma la sparo qui che fa piu effetto, lei secondo me è .. molto FINI, e Fini in questo momento è la massima espressione dell’opposizione, ecco perchè le voglio bene. ( hihihii).
      Sempre a sua disposizione dottò

    32. Pardòn anticipato sul ” che c’azzecca”

    33. Tonino…lo scoop è la scorciatoia del giornalista scarso…

    34. @Vassily
      dici?
      Mi incuriosisci: dacci un saggio di giornalista bravo…

    35. Ma questa teoria del giornalista scarso che è quello che fa gli scoop è semplicemente fantastica!
      Invece i giornalisti bravi scrivono i “tamburini” delle feste rionali….come l’autore della teoria, noto anche come campione regionale di “mirrorclimbing”

    36. Ecco una delle oramai consuete “siinate” del blogger più influente del web. Cos’altro ancora dovremo aspettarci di leggere in futuro su Rosalio?
      Prossimamente nei migliori blog. “Reloading Siino”.

    37. @Vassily ha spiegato ( compiutamente, secondo me )i motivi di questo post ( quali potrebbero essere ). Genesi : formazione, sviluppo. Non capisco le critiche che gli vengono rivolte, peraltro non si è presentato come giornalista. L’unica cosa su cui si può discutere è semmai il termine usato : genesi. Di solito si adopera per le opere d’arte.

    38. Manuelo, forse ti sei perso un pezzo…
      A Vassily si chiedevano lumi sul suo post successivo, e precisamente sulla frase:
      “Tonino…lo scoop è la scorciatoia del giornalista scarso…”

    39. @Giuseppe. Quel commento è in replica. Risposta forse sensata a chi mette insieme ” l’Informazione, le inchieste e gli scoop “. In forma “chattante”. E ( forse ) fuori tema.

    40. E’ bello essere sempre nei vostri cuori. Spieghiamo…Gli scoop…nella carriera di un giornalista…capitano uno o due volte ogni tot numero di anni. L’obiettivo del giornalista è trovare “le notizie”, molto più complicate a trovarsi degli scoop.
      La notizia il giornalista la cerca…lo scoop in genere è una polpetta avvelenata fornita da qualcuno che vuole sputtanare qualche altro…

      Esempio. Io da una settimana so chi si esibirà al concerto di Capodanno in città, ma non è uno scoop, è una notizia.

      Quando invece alle ultime regionali mi hanno detto (e nessuno voleva crederci), sai, c’è Sonia Alfano che si candida a predidente della Regione, quello era uno scoop. Piccolo, ma lo era.

      Lo scoop ce l’hai solo tu ed è tuo per sempre…La notizia è più scivolosa…perché rischi di perderla, di sbagliarla o che qualcuno te la rubi. Rosalio, citando Palazzotto e citanto Facci ha solo rimescolato minestrone vecchio…che neanche è frutto di ricerche dello stesso Facci.

      Ah…informo Amanda Knox (l’hanno scarcerata?) che non ho mai scritto di feste rionali (magari…avrei guadagnato in popolarità e caciotte)…ma alterno spettacoli a cronaca a politica…E considero tutti i “generi” con pari digmità. Amanda…io non mi arrampico sugli specchi…cerco di attraversarli…

    41. 10..100…1000 Marco Travaglio!!

      Se solo la gente sapesse di quel che racconta, se solo la gente riflettesse…

    42. Non entro nel merito della polemica però voglio avvisare tutti gli aspiranti giornalisti che leggono tale vassily che il giornalismo è tutta un’altra cosa, distante milioni di miglia dalle lezioncine che il signore in questione impartisce ai lettori di questo blog.

    43. Vi invito a rimanere in tema. Grazie.

    44. @g.d…nessuna lezione…ho dato opinione…come te…Il blog è democrazia…

    45. Vassily il “rimescolare” notizie in un contesto di information overload (Internet) agendo da filtro è fondamentale però.

    46. @g.d Ma insomma chi se ne importa di che cosa è il giornalismo ! Lo sa lei ? Che cos’è ? Ah già, è tutta un’altra cosa ! E poi dice che non vuole entare in polemica. Questa è bella davvero, se non bella significativa. Io non so chi sia questo “vassily”, mi sembra di averlo incontrato un’altra volta, sempre da commentatore, mentre stavo parlando di orologi a cucù. Adesso ho letto una sua spiegazione su questo post. E mi è sembrata una risposta esaustiva. Chiara, compiuta. Si puo’ dire anche se non si conosce vassily e si vive lontano da Palermo ?

    47. Sì Tony…ma quallo che ha raccontato Facci è già stato chiarito e dimostrato con tanto di documentazione finale…La storia è figlia di una vecchia polemica tra Travaglio e D’Avanzo, dove Facci sta cavalcando un cadavere già spolpato e giornalisticamente archiviato. E’ come se io accusassi te del fatto che ti facevi la pipì addosso da neonato…E tu potresti rispondermi benissimo: “Naturale, avevo 3 mesi”…E allora poace…Immagina tra un anno e mezzo uno che torna ad accusarti della stessa cosa? Come minimo lo definiresti “poco incline a conoscere l’informazione passata”.
      Sai quando è nata sta storia? Esattamente quando Travaglio ha accusato il ministro del Senato appena Eletto, Renato Schifani, di rapporti con la mafia…Scoppio la polemica, D’Avanzo accuso Travaglio di facile moralismo, Marco rispose punto per punto. Fine della storia…Facci così dimostra poca fantasia e capacitù di trovare informazioni nuove…tu (e principalmente l’altro “intellettuale”…che mi risulta faccia ancora il lavoro di Facci), postando, contribuite a diffondere fango…

    48. @ Siino. Quale filtro ? E’ il principio dei vasi comunicanti :un liquido contenuto in due contenitori comunicanti tra loro raggiunge lo stesso livello.

    49. Vassily. “sta cavalcando un cadavere già spolpato e giornalisticamente archiviato”. Ma che dice ? Come parla ? Ho capito. Arrivederci e grazie a tutti.

    50. Travaglio conosce (ed anche di più) Mafiosi e non ha diritto di parlare di altri.
      Semplice………
      Il discorso è vivo, eccome!

    51. … ed io non capisco perché ogni volta che si discute di giornali e giornalisti spunta fuori magicamente – ma dov’era? – vassily levinsky dobrovonsky … non so nemmeno qual’è il suo vero cognome … che tra tutti quelli di Palermo e dintorni che vorrebbero fare i giornalisti – e chissà come potrebbero riuscirci – è quello che scrive peggio. Osservare attentamente per crederci.

    52. Gigi…sono in attesa delle tue lezioni di ita(g)liano…Ah…elimina il condizionale “vorrebbero”…Giornalista lo sono…e da un bel po’

    53. Vassily, non è soltanto una “semplice” questione di grammatica … Si, c’è pure il problema della grammatica, ma quello è un compito che lascio ai correttori di Rosalio, che non sono pochi, io parlavo anche di altre cose, che forse sono piu’ importanti della grammatica.

    54. Vassily, perdona, mi sfugge qualcosa…
      Una premessa: non faccio parte della categoria dei giornalisti, ma piuttosto dei lettori.
      E come lettore ho notato nei tuoi commenti un astio personale nei confronti di Palazzotto: lo hai descritto, nell’ordine, come attempato (“superato gli anta” hai scritto: che motivo c’è di rimarcare l’età? ha valenza?) come “riciclato”, come “intellettuale” tra ironiche virgolette.
      Eppure io ho letto il post di Palazzotto che ha “generato”, per usare parole tue, questo thread di Rosalio e non mi pare che Palazzotto abbia commentato il testo di Facci. Anzi ha esplicitamente evitato qualsivoglia commento proprio perchè ciascun lettore potesse formarsi una personale opinione senza condizionamenti.
      A me, per esempio, Facci mi dà nausea e ringrazio Palazzotto per avermi segnalato un ulteriore motivo per turarmi il naso.
      Tornando alla premessa, come ti dicevo sono un lettore e, da lettore, il tuo scritto mi è parso fortemente condizionato da rancore personale, poco lucido, più impegnato nell’attacco personale del dito indice che non di cosa, quel dito, effettivamente indichi.
      Hai spostato il focus da Facci a Palazzotto.
      Sarai anche un bravo giornalista, a detta tua ma, personalmente, quando incontro sui miei quotidiani giornalisti che scrivono così, giro pagina.

    55. “Scusciu ri catta senza cubbaita ”
      (rumore di carta senza torrone dentro, ossia tanto rumore per nulla)

    56. @ Gigi…quali altre cose? Quali correttori?

      @ Giuseppe…il rancore non mi appartiene…E’ che conosco la storia…E in Sicilia c’è gente che troppo spesso passa per “persona di cultura” quando in realtà c’è ancora tanto da costruire. Facci va lasciato nel suo gabbiotto…non va illuminato da altri linkaggi…se poi lo linki senza commentarlo…Fai la figura del “vorrei, ma non posso”…

    57. Vincenzo parli di diffamazione? Buona lettura.

    58. @Siino e a tutti gli altri: invece di incartarvi in sterili polemiche provinciali perchè nessuno dice semplicemente che Travaglio dà fastidio a chi non vuole sentirsi dire la verità, a chi invece di entrare nel merito delle sue inchieste sposta l’attenzione da un’altra parte attaccando la persona o cambiando discorso. Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito! Buona riflessione.

    59. strano che rosalio tempo fa, alle mie considerazioni in merito all’assoluto silenzio sulla bocciatura vergognoso lodo alfano (oggi quasi trasformato nel solito penoso tentativo della gang ghedini & co. di tirare berlusconi fuori dai guai giudiziari in cui lo conduce la sua condotta criminale), abbia risposto che rosalio si occupa solo di palermo, cassando dunque il lodo alfano come fuori tema, e considerando come “approccio pindarico” l’eventualità di parlare del lodo (bocciato ai tempi della mia mail) in relazione alla sua attinenza con il presidente del senato, nostro concittadino (eventualità da me non menzionata, recante forse un malcelato sapore di scherno).
      Che l’ex megafono delle “libertà” facci abbia fatto pure lui qualche scampagnata con mangano (insieme a berlusconi e dell’utri), e quindi i suoi scritti siano attinenti alla palermitanità?

    60. Torci il post è relativo a personaggi e/o fatti palermitani quindi respingo la tua perplessità e non mi permetto di schernire un lettore che propone un post. Ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    61. rosalio,
      il lodo alfano (e la sua giusta bocciatura) è una vicenda fortemente legata a personaggi e fatti (fatti piu alla larga e con una certa maliziosa fantasia “programmatica”) palermitani, secondo me almeno quanto questo post, in cui ho l’impressione (non sono un giornalista, ma solo un lettore, forse disattento) che i fatti legati a palermo e ai palermitani siano corollari del vero target del post: l’odiato travaglio (certo non palermitano, ma protagonista assoluto del post).
      Non vorrei essere insolente, scusami, rosalio, ma la mia perplessità che sia proprio il post a essere fuori tema, rimane.

    62. Torci alla larga tutto è potenzialmente in tema.
      Ad ogni modo è fuori tema questa discussione nei commenti e resto a tua disposizione per e-mail. Saluti.

    63. – Il post/articolo contiene notizie nuove e inedite, altro che D’Avanzo o minestrone vecchio. Ciò basterebbe. Se anche non ne contenesse, contiene notizie che pochi conoscono e sulle quali Travaglio avrebbe fatto un inferno: questo spiego chiaramente e questo è il punto.
      Circa altre notizie, esiste un detto («nulla è più inedito dell’edito») che riguarda per esempio il rapporto Ingroia-Aiello e annesse intercettazioini, sul quale ricordo solo un articolo del Foglio del 2003.
      – Non sono stipendiato da Berlusconi, anche se in passato lo sono stato.
      – Sul fatto che io non sia «una vera autorità morale, politica e storica», beh, fuori dal numericamente modesto mondo internettiano posso assicurare che lo sono estremamente di più di Travaglio.
      – Molti hanno commentato senza neppure aver letto, ma ci abbiamo fatto il callo. Basti che sono stato il primo, nel post, a spiegare come la faccenda della vacasnza pagata sia irrilevante o falsa.
      – Il signor Vincenzo stia attento a come parla, perché questo è un luogo pubblico e le menzogne e le diffamazioni – del cui pericolo io rispondo ogni giorno, non nascondendomo dietro nick – non le lascio correre. Non ho condanne per ‘calunnia’ e ti vengo a prendere a casa, se lo ripeti. Io, diversamente da Travaglio, ho una sola condanna per diffamazione passata in giudicato (querela dell’avvocato Giuseppe Lucibello, da me descritto come ridicolo nel vestire) a zero giorni di carcere. E comunque sono il primo a dire cher questa storia delle condanne per diffamazioni – che è stato proprio Travaglio a reinverntare, forcaiolo com’è – è ridicola. Un tempo le condanne per diffamazione erano solo medaglie. Montanelli e Bocca ne hanno centinaia.
      – C’è un altro detto. Dice: i nobili si occupano dei fatti, la servitù delle persone. Traducetelo, se cedete, calcolando che una parte di voi si occupa cei fatti descritti, altri di chi li ha scritti. Gli attacchi a chi ha messo il post – che basta non leggere, in fondo – appartengono a una categoria che qui neppure si sa quanto sia condiderata deteriore: il processo alle intenzioni.
      Grazie dell’attenzione.

    64. di questo post ho letto(ed apprezzo) solo l’ultimo commento.Di cui:
      “…i nobili si occupano dei fatti, la servitù delle persone. Traducetelo, se cedete, calcolando che una parte di voi si occupa cei fatti descritti, altri di chi li ha scritti. Gli attacchi a chi ha messo il post – che basta non leggere, in fondo – appartengono a una categoria che qui neppure si sa quanto sia condiderata deteriore: il processo alle intenzioni…”
      .
      Ecco,questa e’ una sintesi ben fatta,che dovrebbe fare riflettere quanti scrivono nei blog.
      Grazie per il detto,per me inedito.
      Detto illuminante.
      Vedremo nei prossimi giorni se il messaggio sara’ stato recepito.
      Filippo Facci ti seguo sempre in TV e mi fa piacere
      che segui anche le vicende palermitane.
      Saluti

    65. “i nobili si occupano dei fatti, la servitù delle persone”.
      ————–
      Traduzione personale. Ovvero sogno fatto nelle prime ore del mattino

      Un museo. Forse di Palermo.
      Mi sentivo soffocare. Mi capita sempre così infatti nei musei, sarà perchè non mi è mai piaciuto inchinarmi davanti alle cosiddette grandezze, che io non sento quasi mai così grandi. C’era tanta gente. Montava da un piano all’altro attraverso tubi di plastica, pareva una popolazione di minuscole formiche. C’erano tanti artisti anche e le loro opere e non solo. Avevano riempito sale e pareti con qualcosa. Soffocamento. Come nelle biblioteche, stessa sensazione. Tutti quei volumi sprecati, fermi lì negli scaffali a dire ben poco….Poi eccomi fuori dal museo. Finalmente a respirare. Le cose andavano meglio, decisamente meglio. Persone. Mangiatori di fuoco, ingoiatori di spade, incantatori di serpenti, uomini su letti di chiodi, cantanti, tutti i tipi di pazzi barboni. Induriti, patetici, affamati, automutilati. Mi sentivo bene, come con dei vecchi compagni di lavoro, a fare lo straordinario. Un uomo stava scrivendo un messaggio sul cemento con il suo stesso sangue, un altro cercava di strangolare un pappagallo, uno faceva strani rumori ballando a ritmo, un altro spezzava lentamente il braccio ad un amico. Capitava un po’ di tutto e la gente lasciava cadere qualche moneta in un piattino per l’elemosina. E’ stato questo rumore a farmi svegliare.

    66. OH cavolo, Filippo Facci qui?
      Quel FF che ha scritto ” Enzo Biagi piace alle vecchie e ai deficienti”?
      E’ questa la nobiltà?
      Ah ok, capito, non c’è piu posto per me in questo blog.
      Insomma … ora che la parte comica è stata occupata che ci faccio io qui?
      Rosalio basta che me lo dicevi mi sarei messo da parte, e non cacciato così in modo violento.
      Addio amici, proverò a raccontare barzellette sotto i portici, magari qualche “servo deficiente” mi ascolta pure e tiro su qualche nichelino. 🙁

    67. aaaaaaa ora capisco, è questa “l’intelighenzia” destriera?
      TONINOOOOOOOOOOOOOOO il 2012 è vicino, salvati ò frat, sei ancora in tempo.
      Organizzerò una veglia per te, pregheremo tutti insieme, ti puoi salvare, niente è perduto.

    68. Salve, vorrei dire a Siino e al blog in generale che l’argomento non mi sembra pertinente perchè riguarda Travaglio, il titolo del post mi sembra piuttosto esaustivo, e non i fatti palermitani o di concittadini palermitani come si è poi imbarazzatamente tentato di sostenere. Il post riguarda Travaglio che con Palermo non c’entra meno del Lodo Alfano.
      Con stima, verso il blog nel suo complesso, un lettore.

    69. Vassily levinsky dobrovonsky, mi spiego meglio?
      Ecco: Rosalio inserisce il link di un post dove, a parte qualche schermaglia nemmeno gradevole da leggere, altre manifestazioni di rivalità che non interessano i lettori ( perlomeno penso che non dovrebbero interessare ma, pensandoci meglio, forse interessano alcuni … ), si tratta di un post che non aggiunge nulla alla questione, nemmeno il “detto” aggiunto in seguito, che è altra dialettica inutile e lascia il tempo che trova.
      Ebbene tu, Vassily, invece di commentare i fatti – a dire il vero, per quello che scrivi, sarebbe stato meglio astenerti – dai vita al solito curtigghiu e colpi bassi verso coloro che nella tua mente consideri come rivali per mestiere. Secondo me questa presunta rivalità esiste solo nella tua mente, perché da come scrivi non sembri affatto un giornalista: oltre agli errori di grammatica ( ripeto, questo è un dettaglio che mi interessa meno e che lascio a chi ha voglia di correggerti ), che sono numerosi, adotti uno “stile” di scrittura da ragazzino della prima media. E’ sgradevole, ogni volta che si discute di giornali e giornalisti, leggere il tuo curtigghiu, peraltro fondato solo su basi immaginarie frutto della tua mente ma assolutamente immotivate.

    70. in pratica facci ha avuto sta bella idea di mettere solo i commenti graditi a lui su blog dove tutti più o meno la pensano come lui, impedendo quella sassaiola che tutte le santissime volte lo metteva al muro a corto di argomenti dimostrando la pochezza degli argomenti riportati a tutti. No complimenti davvero, che giornalista libero e coraggioso.

    71. scusate, “di mettere su macchianera solo i commenti graditi a lui presi su blog etc.”

    72. Ma scusate avete notato la frase del post di Facci: “.. ti vengo a prendere a casa, se lo ripeti.”?
      Bastano questi modi per descrivere una persona…

    73. Beh non credo che sia un problema se per me il post è in tema e per altri no. Forse è un problema che qui si sia parlato di quanto è santo Travaglio, di quanto è diavolo Facci ma che pochissimi (nessuno?) siano entrati nel merito del pezzo.

    74. Nogard999
      se ti riferissi al mio commento
      io ho evidenziato il fatto che Facci segue un blog su Rosalio,che fino a prova contraria e’ un blog di Palermo
      Io il tema del post e gli altri commenti ne’ li ho letti ne’ mi interessano,proprio in quanto si cita un certo personaggio.
      Comunque Facci sicuramente si riferiva ai
      ” nobili di spirito” e non certo alla nobilta’ decaduta.
      Del motto possono trarre giovamento tutti quelli che qui si dilettano in denigrazioni personali,pure sulla grammatica dei commenti…

    75. giul
      Facci e’ un passionale,uno che nelle cose ci si butta,
      uno che non sorvola,e questo aspetto del suo carattere
      io lo vedo positivo.Cosi’ l’ho sempre visto in TV,
      battagliero ed incisivo.

    76. nogard999
      leggasi
      ….Facci segue un post su Rosalio,che fino a prova contraria e’ un blog di Palermo…..”

    77. A parer mio però la modalità di scelta di un tema dovrebbe essere univoca e quanto più obiettiva possibile, non personale come in questo caso.
      Per quanto riguarda i fatti, come più volte detto, sono già stati chiarati dai soggetti della “contesa giornalistica” (a questo punto non riuscirei a definirla in altro modo). Mi sfugge dunque la “ratio” del post, qual’è? Rancore verso i “giustizialisti”?
      Abberrazione nei confronti dei moralisti, che in quanto uomini avranno anche loro delle colpe e a causa di tale peso devono stare attenti a ciò che dicono?
      senza nessun intento polemico né voglia repressa di fare l’avvocato della difesa di un giornalista che, se pensate all’origine della sua fortuna, non poteva cercto aspettarsi tutta questa fama e quattrini. In tutto il globo rare volte è conveniente attaccare i potenti.

    78. @ Giorgio
      Non mi riferivo al tuo commento.
      Una semplice riflessione generale.

    79. Nogard999 (e tutti gli altri): il tema del post non è se il post sia in tema (lo è per chi deve decidere la pubblicazione e ciò chiude la questione). Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Grazie.

    80. Nogard999 come dice Filippo Facci ci sono fatti nuovi rispetto al passato.

    81. Anche se così fosse, il post mi sembra un attacco personale al giornalista al quale viene mossa la critica sul suo modo di fare giornalismo(“modo insinuatorio”) non avrebbe semplicemente potuto inviare una lettera aperta al giornalista, sul blog ovviamente, e spiegare le sue critiche? Quanto ai fatti quelli salienti dell’articolo mi sembrano legati ad Ingroia ed ai suoi legami.
      per il resto torno a ripetere che mi sembra una rancorosa diatriba tra giornalisti e colleghi. (D’Avanzo-Facci-Travaglio)
      Cosa dovremmo commentare sui fatti quando i soggetti hanno gia spiegato tutto, tranne Ingroia, come dicevo ma che comunque mi sembra sia chiaro essere inconsapevole??

    82. Che cosa ne pensi tu, per esempio.

    83. Non credo sia meritevole di discussione il fatto che qualcuno, chiunque sia, che non ricopra ruoli istituzionali passi le vacanze dove voglia, con chi voglia. diverso il discorso per Ingroia, che ha responsabilità rilevanti nelle procedure di contrasto alla mafia.
      Il fatto che il legame con appartenenti a “cosa nostra”, il maresciallo dell’Arma, dei due non sia consapevole (il maresciallo è una spia come già detto da un altro utente non un boss dichiarato) dovrebbe far cadere qualunque eventuale malevolo pensiero…. a meno che non si voglia dimostrare qualcosa partendo da posizioni aprioristiche di antipatia o “non stima”, scuasate ma sono andato “inchirimi a panza”

    84. Tony, se permetti io l’ho scritto cosa ne penso del post, come ho scritto cosa ne penso del “detto” aggiunto in seguito dall’autore. L’ho fatto con poche parole, quelle giuste, né una in piu’ e nemmeno una in meno.
      P.S. “ti vengo a prendere a casa”, mi ricorda certi cortili televisivi dove fanno a gara a chi grida di piu’, poi quando ce n’è uno che si prende una bella boffa stampata in faccia si mette a piangere, a querelare e chiedere risarcimenti.

    85. Siccome non è chiaro o noto a tutti: il post è un articolo (mio) uscito su Libero di venerdì.

    86. Dott. Facci per come la penso io, anche se non condivido il modo di fare giornalismo suo, lei (come Travaglio) giustamente scrive ciò che vuole e che ritiene meritevole di pubblicazione. Se qualcuno si sente leso o diffamato si avvale degli istituti di tutela preposti.
      Ma il post non è suo, l’articolo è suo il post è di Tony Siino su un blog che riguarda Palermo e i suoi contesti.
      L’argomento è sicuramente meritevole di dibattito, infatti lei a pubblicato l’articolo, solo è fuori luogo qui, visto che la vicenda evidentemente assume connotati politici e morali che più volte su questo blog sono state respinte.

    87. errore di battitura l’a senza h.

    88. Nogard9999 noto che non mi spiego. Non è argomento di discussione la pertinenza del post (in quanto fuori tema come commento) e rimuoverò anche commenti parzialmente fuori tema come il tuo precedente.
      Preciso che gli autori di Rosalio sono nella piena facoltà di esprimere idee connotate politicamente e moralmente.

    89. Per quanto mi riguarda io ho commentato: ” un post dove, a parte qualche schermaglia nemmeno gradevole da leggere, altre manifestazioni di rivalità che non interessano i lettori ( perlomeno penso che non dovrebbero interessare ma, pensandoci meglio, forse interessano alcuni … ), si tratta di un post che non aggiunge nulla alla questione, nemmeno il “detto” aggiunto in seguito, che è altra dialettica inutile e lascia il tempo che trova ” .
      Mi riferivo a quello che l’autore chiama articolo ( basta linkare per andare a leggerlo; lo sanno fare tutti i frequentatori del web ), ma se ho ben capito in internet si chiama post. La sostanza non cambia.

    90. Facci ha ragione quando dice che molti commenti non sono entrati nel merito della questione. Se si risponde, si risponde a quello. Criticare poi, che il post sia stato pubblicato è semplicemente ridicolo. Non capisco come degli utenti possano ergersi a censori. Se siete voi a difendere la libertà di stampa, o avete le idee confuse o siamo davvero messi male. Resta il fatto, che se non amo Travaglio (non sono una “fan”, non sono iscritta al partito dei Travaglisti e trovo piuttosto ridicolo chiedere a qualcuno chi sia il “suo credo”, intendendo con questo quali siano i giornalisti che non legge ma a questo punto venera), apprezzo ancor meno (stilisticamente)l’articolo in questione. Spero di non diffamare nessuno, se dico che inseguire il metodo Travaglio, per fare il Travaglio-bis, che diventa popolare perché attacca Travaglio, come farebbe Travaglio, come fa Facci, lo trovo utile per Facci, ma abbastanza deprimente. Mi permetto di dirlo, perché nel merito, ho già espresso la mia opione in un commento precedente.
      Quanto a Siino: un bravo blogger sa che un post del genere, ha inevitabilmente molti lettori e molti commenti. Non credo ci sia niente di male. Del resto se viviamo in un paese dove non si ragiona più, ma si litiga tra tifoserie avversarie, chi ha cervello o ne approfitta o si sente male. Io mi sento male.

    91. Credo che ha qualcuno gli abbiano toccato l’ONORE

    92. Vi ricordo che i commenti che riportano un indirizzo di posta elettronica palesemente fittizio vengono rimossi. Grazie.

    93. i nobili si occupano dei fatti,la servitu’ delle persone
      e’ solo una citazione di un motto
      che chissa’ chi ed in quale epoca lo ha scritto.
      .
      Ora,l’aspetto emblematico di questo motto e’ che i fatti possono pure riguardare le persone.
      Pero’ mi pare che il senso sia
      quando vi trovate di fronte ad un fatto,discutete del fatto e lasciate perdere la curiosita’ di sapere
      chi c’e’ dietro la tesi A o la tesi B.
      La curiosita’ e’ donna.

    94. ora,vi rendete conto di quanto sia importante e determinante l’immagine?Se uno ha un’immagine poco accattivante,o se in passato l’ha bruciata in qualche circostanza,e’ messo facilmente fuori gioco,non ha credibilita’,nessuno lo segue.
      Mestiere veramente difficile,scrivere.
      Molti politici in passato hanno usato pseudonomi
      per sostenere le loro tesi.

    95. Mizzica quante discussioni hanno come origine mister B. ( è l’arché di tutto 🙂 )
      Bravo a Tony che sa creare “scruscio”.
      Non entro nel merito dell’articolo. Forse sarebbe davvero interessante che il giornalista Facci si occupasse di smontare ciò che scrive Travaglio, ma non voglio sindacare sul suo lavoro.
      Personalmente preferisco l’operato di Travaglio sempre ricco di dettagli e talvolta d’ironia, ma penso che anche Filippo Facci sia un buon giornalista e non poche volte l’ho trovato grintoso e piacevole da ascoltare.

    96. come al solito non si riesce a commentare il contenuto del post, ma la pertinenza dello stesso in questo blog. e non capisco perchè. forse non ci sono argomentazioni valide? rosalio è l’unico responsabile di ciò che viene pubblicato e ha piena autonomia. detto ciò, l’articolo di facci è geniale, ironico, riesce a ribaltare la prospettiva e a imitare benissimo lo stile di travaglio. bravo!

    97. L’orginale è sempre migliore della migliore fotocopia.

    98. ma quale fotocopia?! è una presa per il c…! in ogni caso, ha avuto un’idea geniale.

    99. ” in ogni caso, ha avuto un’idea geniale.”

      Dici? Geniale? Ha solo messo in pratica ciò che ha scritto tempo fa D’avanzo, ovvero mettere in pratica su di lui lo stesso presunto ” metodo TRavaglio” Dove sarebbe la ” genialità”?

    100. L’orginale è sempre migliore della migliore fotocopia, è una legge di natura.

    101. A posto siamo, ora i paladini del vogue sconfinano pure oltre via libertà.
      Penso che Siino abbia abbastanza “scagghiuna” per difendersi da solo.
      Entrando nel merito:
      Resto dell’idea che il post sia la parte scritta da Siino, link compreso, ma non è il link, quindi anche se effettivamente ci sarebbe da scrivere sul contenuto di quest’ultimo,lo evito per correttezza di pertinenza.
      Marco Travaglio non è il mio santo nè il mio credo, nonostante tutto SALTUARIAMENTE lo seguo e si mi piace il suo modo di “sfruculiare”, è un modo suo.
      Mi spiego meglio, a me piace lo “sfruculiamento” giornalistico, fatto da qualsiasi giornalista, purchè lo faccia col suo stile.
      Se il titolo “Che scriverebbe Travaglio di Travaglio?” vuole introdurci a quel che è il link, cioè un’imitazione di Travaglio che scriverebbe di stesso, allora è fantastico.
      Se rimane un titolo di presentazione di un pezzo di Facci che scrive DI Travglio, allora è deprimente.
      Trovo Facci una pessima imitazione di Travaglio stesso.
      Riporto una stringhetta :
      “Per una vacanza. Di dieci giorni. Per lui e per tutta la famiglia. Vabbeh”
      In quel ” Vabbeh” c’è tutto Travaglio, ma scritto da Facci, che non ha la stessa mimica, nè quel sorriso sarcastico.
      Ripeto, volontariamente mi astengo di parlare di cose ( seppur interessanti) contenute nel “pezzo” per rimanere nel merito del post, post che occupandosi di persone e non di fatti ha mostrato come anche questa citata nobiltà sia miseramente decaduta.
      In buona sostanza volendo parlare di una persona s’è usato metodo e maniera della persona stessa.

    102. Goku, ma dov’eri finito??
      Concordo assolutamente con il tuo ultimo commento, anche perchè il post sembra essere teso a delineare delle tifoserie pro o contro la persona Travaglio (di cui, per inciso, non mi importa).

    103. quoto goku su tutta la linea, da via libertà fino al vebbeh

    104. siete antichi.Una volta l’originale era meglio della fotocopia,ma con i piccoli segreti della manipolazione digitale oggi si possono fare miracoli.
      Comunque vi faccio anche notare che un lettore
      all’oscuro di queste diatribe Facci-Travaglio & Co
      qui non avrebbe trovato alcun elemento per entrarci
      dentro.
      Di persone si puo’ anche parlare quando se ne parla bene.
      Uno che ha velleita’ letterarie per prima cosa deve avere rispetto dei lettori.E’ solo un consiglio.

    105. di questa “diatriba” facci-travaglio è sempre il primo a pungolare l’altro.
      non mi ricordo ricorrenti e ridondanti articoli di Travaglio su Facci, così, per attaccarlo e basta.

    106. Ricordi veramente male.
      Cominciò lui, anni fa.
      E comunque io non parlo in prima serata da solo.

    107. io che Facci l’ho visto solo in TV,chiedo,
      c’e’ qualcuno che sa sintetizzare
      la sostanza del contendere?

    108. lupus in fabula,
      Filippo Facci,
      sii gentile,
      puoi dirci brevemente di che stiamo parlando?

    109. E’ vero, una volta l’originale era migliore della fotocopia ma nell’era digitale possiamo interpolare i dati presenti nell’originale con informazioni derivate matematicamente e ottenere così un prodotto apparentemente migliore, ma si tratta pur sempre di un artefatto. Prendere a prestito uno stilema è diverso da ricalcare uno stile.

    110. come mai Facci non parla dell’articolo di Mazzetta sulle sue cose con il Molise?

    111. Ricordo però bene, caro Facci, la volta che ti difese, in diretta, quando la Rai per una ridicola querela, non ti fece entrare nei suoi studi.
      Almeno l’onestà di riconoscerlo.
      Faresti tu, con lui, lo stesso ?

      ps
      Io credo di si

    112. @ Filippo Facci
      Le posso chiedere un favore? può gentilmente chiedere a Rosalio di ospitarla e ripresentare il suo “pezzo”?
      Mi piacerebbe ora commentare su quello.

    113. signor Facci.
      leggendo il post ho dapprima pensato ad un suo opinabile ma legittimo j’accuse sul ruolo di travaglio a confronto con i suoi comportamenti nella vita di ogni giorno (smeniti o meno, lo ignoro).
      ma il suo ultimo commento onestamente ha ridimensionato il tutto ad ben più misero regolamento di conti.
      lei scrive ” Cominciò lui, anni fa.
      E comunque io non parlo in prima serata da solo”
      mi perdoni ma sa più di puerile schermaglia tra colleghi che di teoria del corretto giornalista.

      mi permetto di osservare che sarebbe più professionale in futuro vi scambiaste un paio mail invece di occupare inultimente le pagine di quei già martoriati e mortificati quotidiani.

    114. Perchè da qualche giorno a questa parte ho sempre più la netta convinzione che l’incubo di Montalbano narrato nelle prime pagine del romanzo “Il campo del vasaio” sia già realtà da anni?
      Nel merito dell’articolo di Facci, del c.d. “metodo Travaglio”, e soprattutto delle ultime parole di Facci in quell’articolo, laddove si lancia in un parallelismo tra le vicende di Schifani e la vacanza di Travaglio, invito tutti a leggersi (e a farsi una propria opinione) le dense pagine del reportage di Marco Lillo da Palermo (a proposito Toni, questa vicenda non riguarda Palermo come e più dell’articolo di Facci?), pubblicato sul Fatto Quotidiano del 20 novembre.

      Ecco il link: http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&id_blogdoc=2384496&yy=2009&mm=11&dd=20&title=storia_di_un_palazzo_abitato_d

    115. Papi da paura

    116. travaglio è avvincente, bravissimo, ma io voto e voterò sempre il berlusca…

    117. Facci in questo momento e’ tra gli ospiti di Omnibus
      La 7 ,ed il suo intervento ha ricevuto apprezzamenti
      sia dal conduttore che dagli altri ospiti.

    118. sto vedendo in internet la puntata di omnibus di oggi,
      ed il concetto più interessante in mezzo al cicaleccio (col pappagallino Capezzone)è stato espresso da Fabio Granata del PDL (detto da me poi) alle ore 9:06:21…vi invito a sentirla….

    119. Basta riconoscere che a Palermo c’e’ la Mafia se poi non si e’ in grado di distinguere la gente perbene dai malavitosi?A Palermo anche questo succede.Non ci si fa scrupolo di colpire persone oneste che non hanno nulla da spartire con i mafiosi.
      .
      Un esponente di una linea politica “minoritaria”
      dovrebbe evitare di mettere in difficolta’
      la maggioranza.O NO?
      .
      Tornando a Filippo Facci,ha avuto l’onore di “chiudere”
      oltre un’ora di trasmissione,affermando “due titoli”:
      1.Gli Enti pubblici della Campania vanno disciolti
      2.La Magistratura e’ uno dei principali problemi di questo paese.
      .
      Seguiremo gli eventuali sviluppi.

    120. I politici delinquenti non sono invece un “titolo”

    121. il tema rientrerebbe ,anche,nel punto 1?

    122. Il metodo insinuatorio: suscitare un sospetto per mezzo di allusioni, di un accenno indiretto a qualcosa o a qualcuno! La mia personale opinione è più che altro, una amara constatazione. Nella vita ho imparato che prima di parlare bisogna essere certi di quello che si deve dire, in tutti gli esami i docenti pretendevano la certezza e la precisione delle mie affermazioni, ma noto che persone poco precise (non mi riferisco solo a Travaglio, ma a coloro i quali utilizzano il metodo insinuatorio in genere) che hanno la grande possibilità di scrivere pubblicamente, utilizzano questo potere in un modo che non trovo utile alla conoscenza. Certe volte mi chiedo cosa stiamo insegnando ai giovani, che impareranno un metodo di scontro diffamatorio, che crederanno che chiunque sappia leggere e scrivere può dire quello che pensa senza preoccuparsi minimamente di quello che comunica. Essere contro il metodo utilizzato da Travaglio, non significa essere berlusconiano, per il semplice motivo che insinuare è sbagliato e basta! L’insinuazione semmai può essere un valido spunto di indagine, non una prova. Ma allora perché diventare giornalista quando basta diffamare o distorcere le informazioni per essere stimato? E poi, perché alcuni si sono scandalizzati tanto del tema da affrontare? Perché si stanno tutti criticando e nessuno sta parlando del tema in oggetto? Ecco, siamo stati tutti influenzati dal metodo insinuatorio!

    123. quando hai le buone ragioni,le esprimi.
      quando non hai argomenti,insinui.

    124. condivido!!!!! conciso ed efficace.

    125. Peccato che l’insinuazione sia semmai il ” metodo Facci” e non di Travaglio, che riporta dati e fatti. A volte sbagliando, certo. Ma Travglio non ” insinua”. Basta vaedere su COSA costruisce i suoi articoli Travaglio.
      Ma di stravolgimenti delle cose ne abbiamo viste in abbondanza, negli ultimi anni, non mi sorprendono più.

    126. Per parafrasare, quando non sai come giustificare i tuoi pregiudizi o opinioni errate, mistifichi le posizioni degli altri.

    127. se c’e’ una cosa da dire e’ che oramai tutti insinuano.
      E’ il passatempo preferito.

    128. “Ma allora perché diventare giornalista quando basta diffamare o distorcere le informazioni per essere stimato?”

      Se c’è qualcuno che diffama ed insinua sono Feltri e C. tanto è vero che si è dovuto scusare pubblicamente sul suo giornale (si fa per dire) per le cavolate che ha scritto contro il direttore dell’Osservatore Romano…per non parlare poi della finta lettera delle BR che si sono autoinviati…Lasciate in pace Travaglio e fatevene una ragione…prima si è cercato di attaccarlo sulla sua fedina penale (immacolata), poi si è cercato indietro nelle sue vacanze…qualcuno che abbia il coraggio di controbattere quello che dice?

    129. Travaglio,come Montanelli,Biagi,Bocca,Ottone,Igor Man,Furio Colombo,Massimo Fini,Oliviero Beha,Rossana Rossanda,Luigi Pintor,e,per fortuna tanti altri del passato e del presente,è un Giornalista.E non un mediocre pennivendolo invidioso e pieno di livore.Non è servo di nessun potente o micropotente.Tutto qui.Il resto sono rancori ed odi politici e pre-politici.Comunque grazie a questo livore cicchittiano e berlusconide il Fatto aumenta la sua notorietà e la sua tiratura.Au revoir!

    130. bravo,tutti esperti nell’arte della demonizzazione
      dell’avversario e dell’insinuazione!
      Ma…NON FUNZIONA.

    Lascia un commento (policy dei commenti)