mercoledì 18 ott
  • Targhe alterne a Palermo dal 15 marzo

    Al fine di contenere l’inquinamento atmosferico a tutela della salute pubblica il sindaco ha emanato un’ordinanza con cui dispone dal 15 marzo la circolazione a targhe alterne in città.

    Le limitazioni valgono per i veicoli Euro 0, 1, 2, 3, nel territorio comunale, nella fascia oraria dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle ore 20:00 per i soli giorni dal lunedì al venerdì (compresi). Nei giorni dispari di calendario (1, 3, 5 ecc.) il divieto di circolazione opera per le auto con targa pari e, pertanto, potranno circolare i veicoli con targa dispari; nei giorni pari di calendario (0, 2, 4, 6 ecc.) il divieto di circolazione opera per le auto con targa dispari e, pertanto, potranno circolare i veicoli con targa pari.

    Saranno sempre percorribili da qualunque veicolo, a prescindere dall’appartenenza o meno ad una categoria di omologazione Euro, purché conformi alle direttive sul controllo dei gas di scarico (Bollino Blu), l’asse di viale Regione Siciliana (compresa la laterale di monte); tutte le sedi viarie del territorio comunale, a monte del viale Regione Siciliana; viale Regione Siciliana laterale di mare nei tratti in corrispondenza dei nodi (svincoli); le viabilità e i tratti di accesso in entrata e in uscita, delle aree a parcheggio.

    Palermo
  • 102 commenti a “Targhe alterne a Palermo dal 15 marzo”

    1. E, come sempre, ci sono le deroghe “per i soggetti che svolgono pubblico servizio” e quelle “che saranno valutate caso per caso”.

    2. Ragazzi, vi segnalo un “errorino”: sul calendario, tra i giorni pari, non esiste lo zero 🙂

    3. azz, come faccio a scendere in centro il giorno 0 di ogni mese?

    4. @minico: 0,2,4,6 ecc.; a me è quell’eccetera che mi turba!

    5. 0=domenica
      1=lunedì
      2=martedì
      3=mercoledì
      4=giovedì
      5=venerdì
      6=sabato;
      ma sabato e domenica non si circolava?? allora ha ragione @minico esiste il giorno 0 di ogni mese!!! …in tanti anni non ci avevo mai fatto caso, …ma vedi un pò…!!

    6. .. per conto mio ogni 0 del mese voglio scendere in città, veda il sindaco come organizzare il calendario. Io al giorno 0 non ci rinuncio, ora che so che esiste, non ci voglio più rinunciare!

    7. Mi spiegate una cosa? Fra le deroghe all’ordinanza c’è

      *autovetture al servizio delle persone diversamente abili, con disabile a bordo, titolare del contrassegno invalidi di cui alla fig. V 4 art. 381 del Regolamento di esecuzione del C.d.S. (D.P.R. 16.12.1992, n. 495), e solo per comprovate esigenze sanitarie;

      Quindi inpratica se un disabile vuole muoversi in città anche per andarsi a fare una passeggiata o andare per negozi, e non può prendere i mezzi piubblici perchè la sua disabilità glie lo impedisce si deve stare a casa perchè non ha comprovate esigenze sanitarie? A me pare proprio limitare la libertà individuale di una persona

    8. @Vincenzo… e non solo per una passeggiata o per altro, ma come faccio a comprovare una esigenza sanitaria, come ad esempio una visita medica programmata, senza che il medico o l’azienda ospedaliera, mi rilasci preventivamente l’attestazione che mi stò recando a visita, la certificazione è a posteriori mai preventiva, dopodichè se si incontra il vigile tignoso ci toccherà andare al comando VV.UU. per dimostrare la buona fede, o peggio fare ricorso alla multa!!!
      Io ho un padre disabile ed ogni 40-60 gg mi tocca recarmi al policlinico per una visita di controllo!
      il 01 aprile mi divertirò mi sa tanto!!!

    9. A me sembra una limitazione della libertà personale di tutti…non solo dei disabili…anche la mia! Eccheppalle!

    10. Vabè quello si, ma almeno noi possiamo prendere i mezzi pubblici (si lo so sono inesistenti specie in periferia io devo aspettare fra i 45 min e un ora per vederne uno e prenderne minimo 2 per arrivare in centro) o al limite andare a piedi (giusto quei 20 km), ma un disabile anche volendo non può prenderlo l’autobus (e che non mi vengano a dire che i servizi per disabili sugli autobus di palermo funzionano)

    11. (Al risorante)
      Signora come la facciamo la bistecca, al sangue?
      No, non mi piace la carne al sangue.
      Allora la facciamo ben cotta?
      No, non mi piace la carne ben cotta.
      Allora la facciamo a metà cottura?
      No, non mi piace la carne a metà cottura.

    12. 0 credo sia riferito alla targa, che potrà circolare solo nei giorni pari………

    13. @ Vincenzo: il diversamente abile che voglia uscire senza avere comprovate esigenze sanitarie ma solo per una passeggiata ha due possibilità (come del resto tutti gli altri cittadini): possedere un’auto euro 4 o GPL o metano e può circolare oppure aspettare che arrivi il suo giorno pari o dispari (anche le targhe dei diversamente abili sono o pari o dispari, presumo).

    14. @ Vincenzo: sempre sui diversamente abili, mi spieghi che differenza c’è tra la mia passeggiata e la loro? La mia libertà individuale può essere (legittimamente o meno, qui poco importa)calpestata e quella di un diversamente abile no? Vale, la sua libertà, più della mia? Il suo diritto di andare x negozi, vale più del mio diritto di andare a lavorare? Se poi il disabile ha un’esigenza sanitaria, allora ha la deroga e amen!

    15. Semplice, TU hai l’opzione di andare a piedi o prendere i mezzi pubblici , i diversamente abili di cui parlo io (e ho specificato a riguardo) non hanno questa possibilità anche volendo, poi come ho specificato i mezzi pubblici a Palermo sono scomodi perchè non funzionano bene ma per i diversamente abili sono impossibili da prendere

    16. Va bene, ma la passeggiata o lo shopping possono aspettare un giorno anche per il diversamente abile! I taxi sono esclusi dall’ordinanza, se il D.H. ha urgenza di shopping in un giorno sbagliato ne può chiamare uno!

    17. Sono d’accordo su questo ma perchè io me ne posso uscire con 1,20 ero di biglietto e un diversamente abile che già ha i suoi problemi deve anche gravarsi della spesa di un taxi? Certo può aspettare e uscire il giorno dopo così come può farlo chiunque altro ma è comunque una limitazione in più rispetto agli altri, non è questione di urgenza di shopping io facevo un esempio scrivendo passeggiata o andare per negozi ma si può avere un’esigenza qualsiasi che esula dalle necessità sanitarie, porto un’altro esempio. Un disabile che lavora (essì lavorano anche loro), non può recarsi in bus perchè la sua condizione non glie lo permette cosa fa lavora solo nei giorni giusti? Io che non sono disabile prendo l’autobus faccio il sacrificio e vado col mezzo pubblico. Non voglio sembrare ostile ti assicuro che non lo sono vorrei solo far capire il mio punto di vista

    18. Il disabile che lavora sono certissima che potrà avere una deroga, rientrando a pieno titolo (a mio modestissimo parere) tra quei casi in cui potrà essere concessa.
      L’ordinanza infatti prevede che saranno concesse deroghe, valutando caso per caso (e se io fossi disabile e dovessi andare a lavorare, chiederei la deroga e se non mi venisse concessa farei e vincerei il ricorso al TAR).
      E così potrà andare a lavorare con la sua automobile; per lo shopping pazienza (tu all’inizio hai fatto questo esempio, non quello dell’andare a lavoro) aspetterà il giorno dopo!

    19. Dimenticavo: se io devo andare a lavoro e non ho una euro 4, vivo in periferia e devo prendere almeno 3 autobus x farlo (prova ad arrivare da Chiavelli o Santa Maria di Gesù o Ciaculli fino in via Paruta o fino in via Notarbartolo con i mezzi pubblici e poi mi dici), ovviamente non potrò avere una deroga!

    20. @LiaM., le zone da te citate (Chiavelli, S.Maria di Gesù, Ciaculli e Paruta) sono esenti dall’ordinanza, compreso tutta la Circonvallazione 😀
      Via Notarbartolo? posteggi più a monte.Tutta questa difficoltà di cui parli, obiettivamente non la vedo, pur essendo un provvedimento che di certo non risolverà i problemi d’inquinamento.
      E comunque, anche se tu avessi una euro4: se fra 2 anni imporranno il blocco anche a queste, ti metti a cambiare auto ogni 2 anni? 😀

    21. fabio
      non vorrei che le tue battute ingenerino confusione.
      Il giorno 0 non esiste,
      mentre esistono i giorni 10,20,30 del mese
      (finale 0)
      Numeri dei giorni dispari e pari non sono legati
      alla classificazione settimanale.
      Quindi per esempio un lunedi puo’ capitare una volta pari ed un’altra dispari.

    22. Non pensate che chi ha l’auto con targa pari sia leggermente penalizzato rispetto a chi ha la targa dispari? Questo mese, ad esempio, è di 31. Chi ha la targa dispari gira per 2 giorni di fila mentre chi ha la targa pari per 2 giorni sta fermo. Bisognerebbe trovare una norma specifica per i 31 di ogni mese.

    23. e per i bisestili! io proporrei anche una differenziazione per colore delle macchine… le auto bianche le classificherei come le euro 4, inquinano meno, poi passerei al colore della pelle, i bianchi circolano, i neri no, i gialli a intermittenza, un ora si e un ora no. tutto ciò per motivate ed accertate esigenze ambientali.
      sto presentando un ricorso con motivazioni aggiunte a quello già presentato più di un anno fa contro la prima ordinanza. come dichiaravamo allora queste ordinanze non rispondono ad esigenze puntuali, ad emergenze. è una situazione cronica, che va affrontata con strumenti strutturali e non con provvedimenti tampone che non tamponano nulla. ancora aspettiamo il PUT. Che vergogna.
      Solidarietà ai diversamente immobili.
      Riguardo al “caso per caso” è il colmo! Caso per caso = caso al quadrato!
      Viva Palermo e viva S. Rosalia!

    24. @merighi
      Ma tu non fai altro che fare ricorsi? è vero che Si dice di te che fai ricorso pure quando al bar ti vendono un’arancina fredda, è vero? 😉
      Scusa ma le soluzioni strutturali di cui parli tu mi pare che stiano prendendo forma piano piano, sia il cantiere del passante ferroviario che quello del tram sono aperti. Che possono fare loro per calmierare l’inquinamento nel frattempo se non le targhe alterne?

    25. correggo, il primo “è vero” va cancellato.

    26. Era ora!

    27. In realtà io ho fatto solo due ricorsi al tar: uno sulle ztl (vinto) e uno sulle targhe alterne (in attesa di essere messo in calendario). Per le arancine in genere scelgo alcuni bar, dove so di trovarle buone 🙂 . Se davvero certi provvedimenti servissero a calmierare l’inquinamento, almeno me ne farei una ragione. E’ scientificamente provato che provvedimenti come questo non incidono sulle polveri sottili. Anzi, in certi casi provocano maggiori emissioni di gas inquinanti nelle zone esterne ai perimetri di confine.
      Sui progetti in corso e i relativi cantieri non mi sento di esprimermi, non li conosco a dovere e in genere non parlo a vanvera quando non sono sufficientemente preparato. Fatto sta che tutto quello che si dovrebbe fare per la mobilità, dovrebbe essere secondario rispetto alla realizzazione di un serio ed efficace PUT, che dovrebbe concertare con tutti gli operatori di interesse della città le soluzioni utili all’ambiente e ad una più razionalizzata circolazione in città. Chiusure, pedonalizzazioni, parcheggi, sensi unici di marcia, divieti, zone disco… tutto dovrebbe essere coordinato da un progetto che integri ogni caso particolare, ogni proposta, ogni idea, in una organica soluzione condivisa ed efficace.
      In assenza del PUT, il Sindaco mantiene un potere discrezionale infinito, con tutto quello che questa discrezionalità comporta in termini di privilegi. Sarà per questo che ancora sto PUT non si fa?

    28. @giorgio, che il giorno 0 non esiste non avevo dubbi, come non ho dubbi che non esiste il giorno 40,50 o 60, il fatto è che l’ordinanza in se è scritta male e ciò che è scritto è: – nei giorni pari di calendario (0,2,4,6 ecc.) il divieto…..!ciò che è disposto resta, la sua applicazione è fantasia!!

    29. Non è da escludere che anche il PUT preveda targhe alterne nell’attesa delle opere strutturali 🙂
      Pertanto concordo con Freddie

    30. @Merighi, nello specifico: ricordi cosa successe all’indomani della sentenza contro le ztl?
      Tantissimi avvocati che facevano ricorso al giudice di pace sul rimborso dei pass e le indennità risarcitorie (o spese).
      Logicamente la causa veniva vinta, il cliente riceveva il rimborso del pass e tanti avvocati ci andarono a mangiare con i risarcimenti.Che altro non erano che soldi pubblici che il Comune metteva.Complimenti a questi avvocati.
      I ricorsi sono leciti, ma quando poi ci sono questi sporchi giochi col denaro pubblico….

    31. Uno dei principali fattori inquinanti è il cosidetto PM10 (polveri sottili). Solo in parte prodotti dalla combustione dei motori, derivano anche da usura dei pneumatici, freni, fondo stradale. Cause indipendenti dalla classe del veicolo (euro1, euro2…).
      Le polveri sottili hanno la caratteristica di depositarsi al suolo ed essere sollevate dalle correnti d’aria.
      Anche in questa causa, la corrente d’aria generata da un veicolo in movimento è indipendente dalla sua classe inquinante.
      Da studi recenti sulla materia si apprende che il lavare le strade con regolarità abbatte il PM10 di parecchi punti percentuali.
      Lavare le strade costa soldi che il comune non ha (figuriamoci l’AMIA!).
      Istituire le targhe alterne è un provvedimento a costo zero (anche a ricavi zero, i soldi delle multe sono spiccioli insignificanti messi a confronto con l’impopolarità del provvedimento).
      L’amministrazione ne ottiene però un alibi in merito agli obblighi di Legge che impongono un suo intervento per combattere e prevenire l’inquinamento.

    32. Io condivido quanto dice spillo68. In più affermo che oltre ad essere a costo zero, oltre ad essere un alibi, è anche inutile se non dannoso per la questionje dei pm10 (che è la motivazione sottesa all’ordinanza).
      Io per provvedimenti strutturali intendo proprio il put. Se il put prevederà le targhe alterne (mi pare molto improbabile) allora pazienza. Io più che alle targhe alterne aspiro ad una città dove si utilizzi il meno possibile il mezzo privato, con ampie zone pedonali, con parcheggi nei punti di snodo, con una razionalizzazione dei parcheggi attraverso le zone disco (non le strisce blu).
      Ma tutto questo solo ed esclusivamente inserito in un piano organico, concertato con tutti gli operatore di interesse e redatto da esperti di mobilità sostenibile.
      Ma credo, Antony, che siamo d’accordo, al di là delle battute, no?

    33. Antony, riguardo agli avvocati, e ai decreti ingiuntivi, mi sono interessato del problema a suo tempo avendo avuto notizie dall’ufficio del gdp. (Bispensiero non ha MAI sollecitato ad adire le vie legali), ho saputo delle speculazioni e sono d’accordo con te. Come è stato assurda la pratica costosissima dei rimborsi adottata dal Comune. Ma questo non toglie nulla alla legittimità dell’iniziativa di Bispensiero (che ha fatto risparmiare mi pare di ricordare 20.000.000 di euro in 5 anni)

    34. Freddie scrive: “Che possono fare loro per calmierare l’inquinamento nel frattempo se non le targhe alterne?”
      Ti risponde l’ordine degli ingegneri:
      1) la qualità dell’aria non dipende dalle targhe alterne: http://www.bispensiero.it/documents/qualitadellaria.pdf

      2) il PUT: http://www.bispensiero.it/documents/PUT.pdf (e speriamo che questi ingegneri si sbrighino a fare, oltre che a scrivere belle parole)

      spero che troverai queste letture illuminanti, di sicuro sono interessanti e non nono affatto noiose, benchè lunghe.

    35. Lia M. alleviare i problemi dei diversamente abili è uno dei passi più importanti dell’accostamento alla civiltà così come l’auto ai loro familiari. Non capisco come ci si possa accanire contro. Se non si conosce il problema, il tacere è più redditizio.

    36. err.c. l’aiuto….non l’auto.

    37. Il provvedimento non è inteso da applicare ai giorni della settimana (Lunedì, Martedì, ecc…) ma al numero di giorno del mese (1, 2, 3, 4, ecc..).
      Anche io ritengo che sia una cosa inutile e avrebbe più senso chiudere completamente il centro storico o impedire del tutto la circolazione delle vecchie auto Euro0 e Euro1. Ma qualcuno è convinto che la cosa sia utile e ha stabilito questa regola che, in quanto tale, VA RISPETTATA e se è il caso contestata nelle sedi opportune.

    38. spillo
      lavare le strade costa,
      asportare polvere e cartacce da sotto i marciapiedi
      dovrebbe rientrare nell’attivita’ quotidiana delle tante casacche gialle che vanno in giro con i lapini ed il cassone vuoto.
      Parigi,che e’ attraversata dalla Senna,ha un sistema di scorrimento di acque che lavano le strade sotto i marciapiedi,semplicemente facendo scorrere l’acqua,quindi a costo irrisorio.

    39. ah dimenticavo di scrivere:
      Loro hanno la Senna ma noi abbiamo i grandi invasi,
      le dighe.

    40. …in altre città è sufficiente mettere un cartello su un lato della strada: “divieto di sosta il mercoledì dalle ore 22:00 alle ore 06:00”. Nell’intervallo di tempo e nel giorno prescritti sul lato dove è posto il cartello passa una spazzatrice…et voilà… c’est fait tres bien…dans deux min.

    41. @Roberto:Il provvedimento non è inteso da applicare ai giorni della settimana (Lunedì, Martedì, ecc…) ma al numero di giorno del mese (1, 2, 3, 4, ecc..)…..
      Roberto scusa se ti correggo ma dal 02.03.2010, solo per la città di Palermo ed unicamente per la Tutela della Salute Pubblica, i giorni del mese sono 0,1,2,3,4,5,6 ecc.

    42. fabio
      vedo che ti stai appassionando.
      Senza scomodare un’ingombrante spazzatrice,che solitamente richiede anche una persona che avvicina con la scopa i rifiuti alle spazzole,come abbiamo potuto osservare tantissime volte,
      ho visto operare una specie di grosso bidone aspiratutto,che aspira veramente tutto.
      L’apparecchiatura era piazzata su un normale
      camioncino.Un solo addetto per la manovra del
      tubo flessibile.

    43. per anni si è fatta polemica sui giorni che terminano con 0, perchè c’era chi sosteneva non fossero nè pari nè dispari.
      adesso, volendo prevenire la polemica e fare chiarezza, si scivola verso il grottesco.

    44. un numero è pari se obbedisce alla formula 2xN
      un numero è dispari se obbedisce alla formula 2xN+1
      zero è considerato pari poiché si può utilizzare la prima formula con N =0 dunque,2×0 = 0
      te l’è vist la dimostrasion?

    45. naturalmente le auto blu dei nostri cari politici (che è dimostrato che non inquinano, essendo di piccola cilindrata) saranno libere di scorrazzare per la città in qualunque giorno ed a qualunque ora…!
      sennò come fa il sindaco a spostarsi da una festa all’altra e da un’inaugurazione all’altra…?!

      dovrebbero essere loro i primi a dare l’esempio.

      il condizionale è più che mai d’obbligo in casi come questo…!

    46. Le auto blu dei nostri cari politici non sono escluse dalle limitazioni. Quindi, a meno che non rientrino tra le deroghe valutabili caso per caso, o sono euro 4 o devono circolare secondo numero di targa. E qui ci sarebbe un bel giochino da mettere in atto per la Petix o per le Iene, beccarli in castagna e fargli fare una bella figura di m**da.

    47. Ho i miei dubbi sul fatto che siano escluse.
      Come ricordavo nel primo commento al post, c’è la deroga per i soggetti che svolgono servizio pubblico.
      (“Io sono io, e voi…”)

    48. Per i soggetti che svolgono servizio pubblico deve “comunque emergere l’intervento da effettuare, riportato in apposita certificazione…” Si riferisce espressamente a “operatori dei servizi manutentivi di emergenza”.
      A proposito dei Marchesi del Grillo, sono d’accordo sul fatto che non temano i vigili. Ma la Petix si! Per essere eletti consiglieri comunali (ancora) è necessario il consenso che determina le preferenze. Essere accomunati alla “casta” è una caduta di immagine che non possono permettersi.
      D’altronde Palazzo delle Aquile è ben servito dai mezzi pubblici.

    49. che anche i cari poltici si facciano scortare in carrozza..hahahah

    50. Spillo68, sei troppo ottimista.
      Temo invece che, quanto più un politichetto è arrogante e inserito nella casta, tanto più viene apprezzato come “potente”, e quindi riverito dal popolo bue.
      Altro che perdita di consenso.

    51. Pensandoci bene, per i pidiellini è probabilmente come dici tu. Contiamo almeno sulla restante parte che sa di avere un elettorato più attento ai dettagli.

    52. 😀

    53. ragazzi, avete idea di quanto inquinano le auto costrette a rallentare e fermarsi per il parcheggio abusivo in doppia fila? basterebbe che gli addetti ai lavori non facciano parcheggiare in doppia fila (vedi via Sciuti, Sammartino, corso Olivuzza e così tutte le vie della città dove si svolge commercio)…. mi viene un dubbio “Addetti ai lavori” chi sono costoro?
      un saluto a tutti

    54. salve ragazzi….

      certo che mettere le targhe alterne in via Montalbo…è veramente ridicolo….

      Leggendo l’ordinanza ho visto che, fra le vie percorribili da qualunque veicolo,(TIPO VIALE REGIONE SICILIANA) non vi sono, ne IL VIALE DELLA FAVORITA, ne il lungo mare dell’addaura…Questo significa che questa estate, faremo i bagni a giorni alterni…. ??? RAGAZZI MI SEMBRA DAVVERO UNA ESAGERAZIONE……controllate l’ordinanza e vedrete che non mi sbaglio

    55. @Mike71. I quartieri di Mondello e di Sferracavallo sono esclusi dall’ordinanza, così come la zona tra Bonagia e Cruillas. Considerato che Viale del Fante è percorribile da tutti, sicuramente anche la Favorita lo sarà. Quindi possiamo andare al mare tutti i giorni senza incorrere in contravvenzioni.

    56. ammettiamo che i servizi publici possono funzionare,ma è un costo per gli utenti.Come la mettiamo con l’assicurazione…..dovremmo pagare mettà tariffa,,,ho no?Sono convinto che ci prendono sempre per i FONDELLI!!!!

    57. Oggi ho visto i cartelli Targhe Alterne, all’entrata della Favorita (altezza fiera) e nella strada che porta al Santuario di Santa Rosalia…..Che Vergogna…é una esagerazione…

    58. Salve, domani dovevo andare a Palermo x una visita veterinaria, purtroppo x colpa di questa iniziativa non posso fare niente 🙁 ma è solo domani?? O ci sarà sempre sto problema? Ma non si vergognano? Cioè bloccano tutto… mah…

    59. signori concittadini spero solo che domani nessuno
      si fara beccare ,io personalmente il centro me lo sono venduto , cerchiamo di camminare a piedi ci fara’ bene o magari posteggiamo nelle zone percorribili per poi proseguire a piedi o magari in bici ,spero chi legge questo commento ne faccia uso ,per non buttare i propi soldi inutilmente in multe insignificanti,

    60. Ciao a tutti.

      Anch’io vorrei contribuire con la mia opinione:

      Se fosse “veramente necessario” sarei perfettamente d’accordo e ne sarei un propugnatore, ma,…
      Purtroppo nel nostro caso si tratta di un “abuso” (sequestrati in casa), a causa di “negligenza attiva”, perché non si è garantita la viabilità, soprattutto nelle periferie, impedendo di posteggiare come ciascuno decide di fare (e non solo in doppia fila, e più le strade sono larghe, più si prestano…), e di una “discriminazione” verso chi l’auto nuova non se la può conmprare.
      Mi spiego meglio facendo un esempio.
      Io abito a circa quattro chilometri dalla stazione. Con una buona andatura, a piedi, impiego circa venti minuti (non sono più un giovanotto). Con l’auto impiego più o meno dai cinque ai sette minuti, percorrendo strade e stradine. Se vado con l’autobus impiego non meno di tre quarti d’ora… Naturalmente scelgo di andare con l’auto.
      Faccio un altro esempio: l’altro pomeriggio, in prossimità di piazza Torrelunga, per percorrere un tratto di di circa trecento metri, ho impiegato quasi un’ora. La causa? Auto parheggiate in doppia fila in prossimità dell’incrocio impedivano che due autobus, provenienti da opposte direzioni, potessero circolare. No mi è sembrato che sul posto ci fosse qualcuno che aiutasse a smaltire il traffico.
      In piazza c’è una centralina di rilevamento di presenza di polveri sottili e di gas tossici (non rileva le cause). Sicuramente i livelli saranno schizzati alla stelle. Diranno che sono stati causati da “traffico intenso”, “scarichi delle caldaie a gas”, “auto vecchie”. E liquidata con… occorre limitare il traffico e revisionare tutte le caldaie (è finita l’epoca del gas che non inquina?)!.

    61. E per noi che lavoriamo e dobbiamo effettuare le consegne saranno tempi duri, durissimi. Mal che vada andiamo a mangiare a casa del sindaco, a giorni alterni.

      Un sentito grazie dalla categoria degli autotrasportatori che per l’ennesima volta non viene neanche tenuta in considerazione.

      Sono ridicoli, sarebbero bastati dei pass rilasciati in percetuale al parco macchine. Non bisogna essere dei premi Nobel per capire certe cose.

    62. E’ scientificamente provato che l’inquinamento da automobili incide pochissimo.
      A Diego servono un po’ di soldini per le lampade.

    63. Ma andate a piedi, che fa bene al fisico e alla mente e magari scalate anche un poco la panza!!!
      Non v’abbuttò avere ancora a che fare con le auto?
      Non vi accorgete che prima ve le fanno comprare e poi vi ostacolano in tutti i modi possibilie e immaginabili?
      E voi sottostate a questi ricatti?
      Oltretutto siete prossimi all’anacronismo circolando ancora dentro queste scatolette di latta che bruciano petrolio.
      Se vuoi essere al passo con i tempi, vai al passo! ma sul serio però….
      Ma spiegaglielo ai palermitani, quelli che s’infilano dentro la macchina, girano due orette per la città con escursione obbligatoria a Mondello e chiamano tutto ciò passeggiata…..

    64. W le limitazioni all’uso dell’auto, viva le nostre gambe (per chi ricorda di averle).

    65. Ciao.
      Veramente i soldini Diego li farebbe “a palate” multando tutti quelli che non posteggiano in modo rergolare. E poi farebbe bene a tutti mantenere delle regole “sane”.
      Quanto ad andare a piedi ci vado molto volentieri, per passeggiare, ma no quando devo sbrigrare delle faccende… Altrimenti dovrei raggiungere l’età di Matusalemme per portarle a termine. E poi accudisco una nipotina di due anni alla quale non posso spiegare il perché di tante cose. Vi ricordate la domenica a piedi… ” per tutti”? Vi ricordate come pioveva? La nipotina è rimasta “castigata in casa”. Vi sarebbe piaciuto essere al suo posto?.

    66. concordo con pedone, e aggiungo che si può anche andare in bici.

    67. @ giannight: non mi accanisco, lungi da me!
      Il fatto è che vedo molti, troppi pass disabili (spesso fotocopie) in sosta che bloccano il mio passo carrabile autorizzato (e al mio clacson rispondono:… eeeh un minuto… che c’avi primura?), che circolano scendendo da via pitrè lato monte e attraversano sorridenti il cavalcavia a senso unico (et similia, ovviamente), che posteggiano in doppia fila, che posteggiano sugli scivoli per le carrozzine (evidentemente anche a loro non interessa nulla del fatto che una mamma col passeggino possa trovarsi in difficoltà). Oppure vedo pass disabili attaccati a macchine sportivissime e veloci, guidate da giovanotti o signorine che di disabile mi pare abbiano ben poco (soprattutto se sfrecciano contro senso nelle corsie preferenziali, aggiustandosi gli occhiali da sole o dandosi l’ultimo tocco di rossetto per la serata).
      Quello che auspico (come già avviene in città civili) è una stretta di vite sul discorso disabili: i pass solo a chi ne ha VERAMENTE diritto (con tutti gli annessi permessi di circolazione) e ai contravventori multe che dovrebbero vendere la casa per pagarle.
      Perché circolare con un pass disabile falso è già di per sé un reato; commettere un’infrazione con un pass disabili (una volta mi è capitato che un tizio posteggiasse con 4 ruote sul marciapiede e al mio sguardo attonito ha risposto: ma io ho il pass…) è infrazione come tutte le altre e il pass non esime dal rispetto del codice della strada.
      E la macchina del disabile inquina come la mia (anzi di più se non è un’euro 4) quindi la passeggiata (e sottolineo la passeggiata: era di questo che si parlava, non di esigenze sanitarie o lavorative) può farla anche il giorno dopo.

    68. io sono per il blocco totale!!!! altro che targhe alterne…. usiamo le gambe, la bicicletta o per chi non ama “sgambare” può sempre comprarsi un bel mulo!!!!!

    69. Ma perché sui link amici di livesicilia quello di rosalio è sbagliato? Prima rimandava a rosalo.it ora a rosalito.it…

    70. Cambiasso questo dovresti chiederlo a loro casomai. Ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    71. Tra pochi giorni dovrò portare mia moglie alla clinica MACCHIARELLA per un ciclo di 27 giorni lavorativi di RADIOTERAPIA perchè operata di cancro al seno,la mia macchina e una EURO 3 con targa pari, come faccio ad entrare nella zona vietata?

    72. @Totò: ti quoto in pieno!!! la maleducazione l’inciviltà e la mancanza di rispetto di chi lascia l’auto in doppia fila E SPARISCE, dovrebbero essere punite con multe salatissime
      @Pedone: quoto anche te; per me i piedi sono il miglior mezzo di trasporto.
      Abito in centro /politeama, e se devo andare in viale strasburgo ed ho il tempo, vado a piedi, in un’ora o poco più sono lì.
      è meglio della palestra ed è gratis.
      Ma non tutti hanno la fortuna di poterlo fare, vuoi per età e/o condizioni fisiche, vuoi per la presenza di bambini piccoli
      @Rosalio: scusami per gli OT.. mi rimprovero da sola!

    73. Oh, Yeah, Vai, SI, tutti a piedi che fa bene, Yeah, Vai, W le targhe alterne, blocco totale Yeah!
      E per chi domani ha un paio di figli da accompagnare a scuola, e poi deve andare a lavorare a qualche Km da casa, iniziate a farvi la doccia adesso e fate colazione che ne avete di camminare!!!
      Oppure prendete un “bell'” autobus, in questo caso iniziate a prepararvi con calma tra un’ oretta!!!
      Provvedimento ridicolo (come alcuni dei commenti che leggo), ostacolo per la maggiorparte della popolazione!!!
      Un va firate…

    74. per chi ha sempre fretta e sempre una buona scusa e pensa che in auto si fa prima. 😉
      http://www.youtube.com/watch?v=r9rLPCM5TFc

    75. …per ora non colgo, non lo ho capito, allora la macchina non la prendo.Ecco.

    76. … tanto fra qualche giorno se ne dimenticheranno e poi fra qualche mese faranno una nuova ordinanza… sono degli incompetenti!

    77. E vai oggi sono troppo contento , sono sceso da casa con la metro in pochi minuti ho fatto aquisti e sono rientrato in un lampo , mi come era bello …. solo che ad un certo punto mi sono svegliato e ho avuto gli incubi ho visto lo spettro di Cammarata che giocava a tennis alla rotonda di piazza Einstein …

    78. Mah…..sarà come dite voi, che la macchina è indispensabile, che i mezzi pubblici non funzionano, però io oggi sono sceso da casa (zona Piazza S. Francesco di Paola) alle 11.59 ( ci ho fatto caso, sì) e alle 12. 30 (minuto più minuto meno) ero a Mondello all’altezza dello Stabilimento!
      Dimenticavo: con l’806!!!

    79. Le targhe alterne sono un buon inizio per combattere lo smog…penso che molti inizieranno a levarsi auto molto vecchie…
      Spero che il secondo passo sia quello di creare un sistema di mezzi di trasporto pubblici…praticamente inesistente fino ad ora soprattutto in periferia!!

    80. Posto che, personalmente, chiuderei la zona politeama-massimo per sempre, 24h su 24, 7 giorni su 7. Però sta cosa delle targhe alterne mi sembra una sciocchezza, primo perché si sbracano tanto sulle euro0-3 e poi ancora oggi abbiamo ancora i lupetti degli anni 50 che da soli inquinano come 100 macchine. Se vogliono fare soldi facili basterebbe tappezzare viale regione siciliana di autovelox fissi e fotocellule con macchina fotografica piazzate sulle corsie preferenziali, appena uno passa: foto, riconoscimento ottico della targa, invio automatico multa a casa. Farebbero i milioni!

    81. Lia M. dalle tue rimostranze è naturale arguire che hai dei motivi per tanta acredine nei confronti dei disabili, ma forse ti dovresti rivolgere a coloro che approfittano per “un minuto” del tuo passo carrabile che siano disabili o no. Poi saprai sicuramente che il pass non implica che il disabile guidi l’auto, l’importante è che sia a bordo quando si fruisce dei benefici leciti…Infine, che d’incivili ce ne sono a iosa è noto, ma a te capitano solo disabili incivili? io ti assicuro che me ne capitano davbanti tanti, ma pseudonormali. CIAO.

    82. Se qualcuno ha ancora dubbi può leggere su la Repubblica di oggi a cosa servono le targhe alterne: 568 multe X 78 Euro = 44304 (Euro). Se questa è la media giornaliera, esclusi sabato e domenica, in un mese diventano 974688 Euro.
      Il comune ha finalmente trovato il modo di risanare il bilancio. A spese nostre.

    83. Il solo dubbio che ho riguardo al fatto che il comune voglia fare cassa è che in città ci sarebbero migliaia di modi per fare cassa con le multe, viste le innumerevoli illegalità che sono sotto gli occhi di tutti. Basterebbe multare SEMPRE le doppie file o i parcheggi su marciapiedi e strisce pedonali, o le affissioni abusive, o il conferimento di rifiuti fuori dagli orari consentiti, ecc… Bisognava inventarsi qualcos’altro? Io invece credo che quello delle targhe alterne sia un goffo tentativo di gente poco competente e poco coraggiosa per risolvere il reale problema dell’inquinamento a Palermo.

    84. @Gaspare
      Sono d’accordissimo. Basterebbe fare per esempio una multina di 30 euro a quelli che passano nelle corsie preferenziali, tramite qualche sistema automatico, tipo fotocellule con fotocamere che scattano la foto alla targa. Nelle ore di punta, solo in viale regione per esempio,a occhio e croce ne passeranno almeno 1 ogni 5 secondi, quindi mettiamo 12 al minuto, 720 ogni ora, sono 21600 euro all’ora! Quanto viene al giorno?

    85. Appunto. Le targhe alterne non c’entrano niente col fare cassa. Il problema è che l’unione europea ha diminuito sino a 35 su 365 i giorni in cui è tollerato lo sforamento, dopodichè si pagano multe per ogni giorno di sforamento oltre il 35esimo.
      E noi già ci sitiamo masticando i 35 giorni consentiti e ancora siamo a Marzo…
      p.s. oggi via roma/marchese di villa bianca/marchese di roccaforte/viale lazio era una favola…si camminava benissimo!

    86. basterebbe munire gli autobus amat si fotocamere che scattino foto alle auto moto che magari ostruiscono le corsie preferenziali, il traffico in tal caso snellirebbe parecchio.

    87. Mmm non si può. Bellavista (presidente dell’amat) a questa precisa domanda, nella trasmissione di Minutella, ha risposto che il controllo con telecamera delle corsie preferenziali per legge spetta alla polizia municipale/di stato, non all’amat. Quindi loro telecamere non ne possono usare.

    88. Ragazzi ma qua abbiamo toccato il fondo!!!…ma voi sapete ke la ztl verrà estesa a praticamente tutta la città o no?…fino a ieri tutta la borgata di vergine maria è stata a manifestare per i seguenti motivi:
      1. Pieno di Immondizia;
      2. Strada del lungo mare non illuminata;
      3. Strade che nemmeno nel terzo mondo si trovano(venite a controllare);
      3. ragazzi chi in pratica ha una macchina per 3 giorni si può anche sparare perchè non vedo come possa uscire di casa e per favore non mi dite gli autobus perchè non so se avete letto, ma ridurranno anche il numero di questi….
      vi voglio invitare a riflettere alle PORCATE!!! che fanno questa è gente indegna

    89. la carne di porco alla gente piace!

    90. Salve a tutti.
      Ho letto un po’ tutti gli interventi, ma temo che si rimane fuori dal problema.
      L’Unione Europea fa bene a limitare gli “sforamenti”. E le amministrazioni comunali sono chiamate a “vigilare” affinché ciò non avvenga con qualunque mezzo “lecito”. E sono d’accordo.
      Non lo sono affatto se la “vigilanza” si limita a limitare la libertà dei cittadini, che deve essere l’ultima ratio di altri povvedimenti che l’amministrazione si è ben guardata ed evita di esperire.
      Quanto affermo, purtroppo, è sotto gli occhi di tutti! Soprattutto di quelli che abitiamo le periferie della città.
      Ma occorre che ci domandiamo perché a Palermo “sforiamo”. Sembrerebbe che sia tutto colpa degli scarichi dei motori, e teoricamente è così, ma perché? Per il numero delle auto che circolano? No!!! Per il numero delle auto col motore in moto che sono bloccate nel “traffico”? Sì!!!
      Traffico blocccato per il numero delle auto? No!!!
      Traffico bloccato per la mancanza di “vigilanza” che costringa tutti ad osservare il Codice della Strada.
      Ma questo è un problema di “civiltà”. Qualcuno diceva di andare a piedi. Bene, ma non nella nostra città dove, oltre agli abusi continui, sono sempre presenti, scippi, pesteggi, atti di vandalismo,… e tutti “senza una vera “ragione”… Basta leggere i giornali.

      Mio figlio è stato ad Oslo e lì tutti i cittadini dai bambini agli anziani, liberamente accedevano alle metropolitane ad ogni ora del giorno e della notte dandoci lezione di civiltà. Questo è quanto è presente nella nostra città?

      Da noi invece, la mancanza di rispetto civile, a tutti i livelli, regna sovrana incontrastata.
      Tutti si sentono in diritto di fare ciò che vogliono e dove vogliono, e nella fattispece del traffico fermarsi a chiaccherare col conoscente fermando il proprio mezzo in mezzo alla strada e “permettersi” di inveire pure. Ti posteggiano in doppia fila, abbandonando la macchina anche per delle ore, e guai a lamentarti, perché vieni pure accusato che tanto lo fai anche tu.
      Chiunque si sente autorizzato a fermarsi dove vuole, anche se a pochi passi c’è un bellissimo posteggio, ad angolo “come viene” nell’incrocio. Non parliamo poi dove ci sono negozi… dove ci sono scuole elementari (ho letto una risposta dei vigili urbani sul Giornale di sicilia dove si giustificava l’assembramento di autio in prossimità delle scuole, “per ragioni di sicurezza”…. di chi?
      Per quanto concerne andare a piedi, intanto devo poterlo scegliere “liberamente”, da me, senza che qualcuno mi obblighi. Specilmente se in modo che ritengo “abusivo e lesivo dei miei diritti” di libero cittadino.

    91. mi sa’ tanto di essere molto pentita di essere stata una elettrice ke ha votato x D. CAMMARATA,visto ke continuo ha verificare i provvedimenti negativi x la popolazione <>come siamo tanti!non si tiene conto di ki non puo’ permettersi un auto nuova e nemmeno di ki ha BISOGNO dell’auto x motivi di salute o x lavoro.penso allora ke il signor SINDACO si fara’ carico di contattare tutte le agezie di assicurazione x far si ke ci rimborsino meta’ anno,viso ke abbiamo pagato x poter circolare tutto l’anno,e poi dara’ un bonus cittadino a coloro ke non possiedono un auto euro 5,x poter prendere un tax visto ke i servizi bus…sono inefficenti e poi non tutti l’ho possiamo prendere x motivi di salute…GRAZIE SIGNOR SINDACO CAMMARATA &……

    92. @ giannight: non incontro solo disabili “incivili”, ne incontro moltissimi che usufruiscono con senso civico e buona educazione dei loro legittimi “privilegi”.
      Il fatto è, mio caro, che fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce!
      Per cui quando trovo il mio passo carrabile bloccato dalla macchina del disabile che mi guarda e aggiunge, alla frase sulla mia presunta fretta, la ciliegina “ma non l’ha visto che c’è il pass?” in tutta sincerità mi girano…! Così come mi innervosisco alquanto in tutte quelle situazioni di cui ho già detto sopra.
      Ribadisco che non ho nulla contro i contrassegni disabili, ma sarei ben più contenta se ne usufruisse solo chi VERAMENTE ne ha diritto! Se si riuscisse in questa impresa titanica, ne trarrebbero vantaggio anzitutto i disabili stessi!
      Infine, il fatto che non il disabile non guidi, ciò non esime comunque il guidatore non disabile (che presumo sia un familiare o un conoscente intimo del disabile, non il primo tizio incontrato per strada al quale si chiede la cortesia di guidare la macchina del disabile)dal rispetto del codice della strada solo perché ha un disabile a bordo!

    93. un tempo sognavo di lavare ,lucidare ,imbellire ,
      regolarizzare ,rendere piu’ bella la mia auto!!
      oggi sogno di aprire il portabagagli ,con forza infilarci il mio scoter , e mandare tutto a quel paese.

    94. Le targhe alterne non servono a niente! Questa città ha mille problemi, tra cui quello dell’immondizia con la quale ormai siamo costretti a convivere.. Quello che mi sento di dire è siate meno ipocriti soprattutto VOI CHE AVETE VOTATO CAMMARATA! Prima lo votate e poi vi lamentate -.- Cosa vi aspettavate? Che avrebbe trasformato la nostra città in una metropoli pulita ed elegante? Che avrebbe dato un lavoro ai tanti disoccupati che sono in mezzo alla strada? State certi che l’unico segno che ha lasciato di sé è quella questione della barca…Niente più. Io purtroppo ho fatto la scrutatrice alle ultime elezioni amministrative..Dico purtroppo perchè quello a cui ho assistito fa veramente schifo. Se dapprima non volevo credere a certe cose..da quella volta ho capito quanto è corruttibile ed ingenua la gente soprattutto da queste parti..Il voto è importante, dovrebbe eludere da qualsiasi cornice di scambio. Ma vai a spiegarlo a certe persone.

    95. Ma le grandi navi veloci ormeggiate al porto di Palermo, quelle che cacciano fuori un fumo nero come la pece, hanno targa pari o dispari?

    96. Sono pienamente in pieno accordo sull’argomento targhe alterne. Premesso questo……..PAGHIAMO L’ASSICURAZIONE AL 50%…..che ne dite?

    97. è veramente vergognoso che il disabile stia agli arresti a giorni alterni.Io sono invalida del 100%,ho difficoltà a deambulare e la macchina è per me uno strumento necessario per potermi muovere ,comprare un panino,comprare un farmaco.Questo accade solo a Palermo,in qualsiasi città d’italia il disabile viene rispettato a palermo è calpestato.Bisognerebbe che chi sconosce cosa significa disabile si aggiornasse.Grazie dello spazio concessomi

    98. ma questo alternamento e valido tutt’ota??

    99. è possibile che tutti gli innesti portano a favorire i ricchi a favorire le assicurazioni che paghiamo per 365 giorni ma maledetti addetti ai lavori come un cittadino che abita in borgata e deve urgentementre recarsi in citta pagando bollo assicurazione annuale si trova nelle condizione di maledire anche il giorno che è nato ma tu signor sindaco non ti maledici non pensi alle esigenze non penzi in questo senso ci privi della liberta balordiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    100. poveri commercianti …. dico solo questo. si sa che a palermo tutti si muovono solo in macchina , massiiiiiiìììì favoriamo al 100% i centri commerciali. tra crisi e dirottamento di pubblico dal centro…. si può chiudere

    101. Quando si esce dal porto e si prende dritti per via Everico Amari NON VI E’ ALCUN CARTELLO CHE AVVERTE DEL TRAFFICO LIMITATO AI VEICOLI EURO 0123 E AL DISCORSO DELLE TARGHE ALTERNE. RISULTATO: per chi come me sbarca a Palermo proveniente da Civitavecchia ed abitante in Toscana, Raggiunge , non si sa come, piazza Crispi e chiede alla pattuglia dei vigili urbani indicazioni stradali, SI RITROVA MULTATO PERCHè CIRCOLANTE CON VETTURA NON EURO 4 CON TARGA PARI IN GIORNO DISPARI. 164 EURO DI BENVENUTO IN CITTA’! CHE POSSANO ANDARE TUTTI IN MEDICINE AL BRAVO VIGILE URBANO DI STO CAZZO PALERMITANO! E A CHI FA SERVIZIO ALLA SEGNALETICA STRADALE DELLA CITTA’!W LE AUTORITà! W LE INDICAZIONI STRADALI PALERMITANE! E PAGHIAMO TASSE….E SE AVEVO UNA VOLKSWAGEN? ERA EURO 6? O IN REALTà EURO 3?

    Lascia un commento (policy dei commenti)