mercoledì 13 dic
  • Domenica tifosi a piazza Politeama per protestare

    La domenica, in centro a Palermo, il traffico è sempre congestionato, non si riesce a camminare. Auto imbottigliate nel traffico all’ora di punta, automobilisti imbufaliti. Falso. Proprio tra le 13 e le 15 di ogni domenica, in piazza Politeama si vedono le balle di fieno rotolare, trascinate dal vento. I possibili “problemi al traffico veicolare”, a quanto pare hanno spinto la Questura di Palermo a negare il permesso al corteo di tifosi rosanero che avrebbe dovuto sfilare domenica dal centro allo stadio “Barbera”. La protesta pacifica dei tifosi contro gli errori arbitrali ai danni del Palermo però si farà lo stesso. L’appuntamento è alle 11 a piazza Politeama per un sit in autorizzato dalla Digos. Bandiere, sciarpe, maglie e striscioni per mostrare solidarietà al presidente Maurizio Zamparini che in settimana ha deciso di mettere in vendita il club rosanero, esasperato dai presunti favoritismi degli arbitri nei confronti delle grandi del calcio italiano.

    Palermo
  • 90 commenti a “Domenica tifosi a piazza Politeama per protestare”

    1. In una città come Palermo ci sono 1000 ragioni per protestare: lavoro, precarietà, aumento tarsu, aumento bolletta acqua, inquinamento ecc. Ma vi sembra serio una protestare per il calcio?

    2. Quoto MarcoC.

    3. Veramente visto che non ricordi negli ultimi anni si è protestato per: posteggiatori abusivi, aumento tarsu, sindaco cammarata, Lsu, PIP, Ztl, immondizia, barca sindaco cammarata, finanziamenti a teatri palermitani, fondi per anziani e disabili, contro il pizzo e racket . Le proteste ci sono, INFORMATI e PARTECIPA, o ti senti di stare in un’isola felice…

    4. quoto marco.

    5. Se ci sono 1000 problemi è colpa dei palermitani, la maggior parte dei quali sono incivili. Inoltre non posseggono senso civico avendo legittimato negli ultimi 60 anni una classe di pseudo-politici che tutti insieme, galoppini, pseudo-politici, e tutti i complici del mercimonio elettorale, hanno portato Palermo in serie Z, in coda a tutte le classifiche. I palermitani sono i principali responsabili del degrado, e se la possono prendere e protestare solo con loro stessi. Zamparini ha portato la serie A e l’unica entità che funziona a Palermo. Il calcio – e questa è una banalità scontata – non è solo dare calci a un pallone, ma veicola valori sociali (socializzazione e riti connessi), di immagine, commerciali. Chi non lo capisce peggio per lui.
      I palermitani invece di parlare ammuzzu e fare i finti snob avrebbero dovuto emulare l’unico elemento che funziona a Palermo, la società Palermo calcio; ma, come si sa, il torpore secolare impedisce ogni azione virtuosa.

    6. … il computer si può usare anche, o soltanto, per ascoltare musica, vedere film, leggere semplicemente, inviare mail…
      Non è necessario cliccare in un blog…
      Viva l’ignoranza!

    7. sono con Marco e non merita nemmeno spiegare perché.

    8. @MarcoC
      GIGI ti ha già risposto. Io vorrei aggiungere che in questo post si è parlato di una protesta specifica: quella dei tifosi del Palermo. Non capisco l’utilità di un commento come il tuo che sottolinea qualcosa che sappiamo tutti (che ci sono problemi più urgenti per scendere in piazza) e inoltre non porta rispetto verso chi, anche se tu lo ritieni banale, protesta per una causa.
      Visto che parli di “1000 ragioni per protestare: lavoro, precarietà, aumento tarsu, aumento bolletta acqua, inquinamento ecc”, vorrei chiederti se hai mai organizzato o partecipato a proteste per difendere i principi di cui parli e quante persone erano con te.

    9. @Fra
      Io ho già partecipato alle proteste che tu citavi prima (non tutte), in particolare ricordo l’ultimo sit-int a piazza pretoria contro l’aumento del 70% della tarsu, eravamo in 90!

    10. Quoto Marco, facciamo i seri… Zamparini non ha il pensiero di cosa deve calarci nella “pignata”.

    11. Esatto. Giusto! Protestiamo per questa protesta.

    12. Protestiamo o saremo protestati. Anche quella del calcio è una buona ragione per non subire sempre le prepotenze degli altri che NON hanno NULLA più di noi. E’ triste che un popolo, come quello di Sicilia, che non ha nulla di meno ma MOLTO DI PIU’ per storia e cultura, non faccia valere i propri diritti e per lasciar fare agli altri si fa calpestare,

    13. Questo post ed i relativi commenti dimostrano come noi palermitani non siamo “popolo di protestatori”.
      Dalla fesseria alla cosa più seria siamo semplicemente bravi ad aizzare, tanto a sfilare in protesta ci penseranno “gli altri”.
      Poi va a finire che gli altri sono veramente pochi, la mala fiura la fa da padrone e finisce che la metà dei “fessi” si và a prendere il caffè per togliersi di mezzo.

      E TUTTO RIMANE COME PRIMA

    14. quoto Marco.
      saluti

    15. Quoto Marco INVECE Antonio mi pare confuso come un grillo.

    16. @Orazio

      Ecco un altro “invecista”. Avanti il prossimo!

    17. Quindi ora è vietato protestare per qualcosa che qualcuno ritiene di secondaria importanza??
      In un anno ci sono 365 giorni…che uno sia usato per protestare contro delle ingiustizie(seppur calcistiche)non credo sia la fine del mondo!!!
      Avere una squadra di calcio in serie A per Palermo rappresenta motivo di orgoglio per tantissime persone che tengono a questa squadra…
      Vedere la squadra subire tante ingiustizie fa rabbia…trovo giustificata una tale protesta…

    18. ..fa rabbia,fa tanta rabbia.Protestate ,protestate.
      PRotestando (legittimamente) per i falli di mano non fischiati ,protestando per l’indotto dell’economia calcistica (panellari,paninari della domenica,bagarini,venditori di magliette etc etc) (anvedi che immensa ricchezza !),protestando per coloro che guadagnano comunque centinaia di migliaia di euro alla faccia nostra solo per dar calci a un pallone mentre gente comune che si e’ fatto un mazzo cosi’ deve far debito e non riesce a portare a casa la scorta di latte per i propri figlioletti…..dimenticavo , per cortesia non rovinate i cumuli de monnezza per strada,sono patrimonio artistico .Protestate ,protestate pure,E Se alla fine ,dopo la protesta ,faceste anche un post corteo verso Palazzo delle Aquile per protestare per cose molto piu’ vicine a voi,non sarebbe mica male.

    19. Il folklorista ti sei risposto da solo protestare per:
      “l’indotto dell’economia calcistica (panellari,paninari della domenica,bagarini,venditori di magliette etc etc”
      gente che campa le famiglie grazie a questo!
      il calcio in Italia è la seconda azienda del paese!
      certo togliendo i bagarini.

    20. io faro’ da solo faro’ una controprotesta non violenta e “nonpacifista” di disobbedienza civile contro chi protesta, la demenza e l’incultura deve avere un argine !

    21. …c’era un altro rigore per il milan per fallo netto su pato.

    22. nessuno vieta di andare a protestare per cose molto piu’ importanti…caro folklo e tutti gli altri professionisti del sarcasmo.
      anzi il 30 ottobre c’è stata una manifestazione per le vie del centro,per chiedere l’applicazione dello statuto…un migliaio i partecipanti.
      Rosalio non l’ha ritenuta importante,neanche un rigo…perchè?
      ora mi scrive ancora…
      “sei fuori tema usa la mail” 🙂

    23. invece di protestare per dei buffoni che tirano un calcio ad un pallone pagati fior di milioni di euro protestate per le varie emergenze che ha la città di palermo non da ora ma da sempre.

    24. ” Buffoni ” ” Coloro che guadagnano comunque centinaia di migliaia di euro alla faccia nostra solo per dar calci a un pallone “. @Vito e il folklorista e MarcoC, sono persone per bene, gente che vive in pace, una pace relativa, perchè si vede la loro indignazione per le varie emergenze mai risolte, ma è pace, giorni e giorni di pace e di qualche protesta. Marciapiedi lindi perchè i loro piedi vi camminino sopra ed i piedi delle loro donne per bene, tanto per bene da sentirne l’odore per strada. Donne con volti che non sono lupeschi nè rapaci. Per queste è giusto protestare, perchè di questo alla fine hanno bisogno. Io ho bisogno del Palermo, che non è una ragazza per bene, anzi è il contrario, da sempre. Vive in ambienti miserabili, immaginate quei posti frequentati da impasticcati, alcolisti, puttane, pazzi. Ed io sogno per lei quello che voi sognate per le vostre ragazze per bene. Marciapiedi puliti per i suoi piedi e cuscini lindi per il suo capo. Ho bisogno di lei più di quanto abbia bisogno di questo computer, della mia automobile, più di quanto abbia bisogno di Mozart, di De Andrè o Califano o dell’ultimo film di Moretti che tarda ad uscire. E’ per questo che protesto, da solo e da tanto tempo: per bisogno.

    25. Come vedete i tifosi non sono soltanto ignoranti o addirittura dementi. E’ un mondo variegato come dimostra il commento forse un pò confusionario (in questo caso non inteso à la Orazio:P) ma personalmente condivisibile, di manuelo.

    26. Allora perchè non chiedete a Zamparini di candidarsi come sindaco…???
      Le altre proposte non sono un granchè… 🙂

    27. Un uomo non può cambiare il modello di struttura sociale, in tutta evidenza, fallito. Rischierebbe di rimanere invischiato nel becero meccanismo assistenziale dal quale sarebbe costretto a dipendere se volesse sopravvivere come politico. Inoltre, ha quasi settantanni. Spazio ai giovani, please!

    28. Qualcuno mi spieghi per quale motivo non si smuove nessuno contro il lassismo di questa città e dovrei invece scendere in piazza per il Palermo calcio.Grazie

    29. @Antonio. Orazio ? Orazi, semmai: 92/93, Angelo.

    30. @antony977. ” Quello che è triste è che tu non lo sai ” ( Bruno Lauzi )

    31. @gigi ma cosa c’entra il partecipare ad un civile confronto su un blog? chiunque ha il diritto di leggere ed esprimersi e grazie a dio ognuno ha il proprio parere. non mi dilungherò perchè è davvero aberrante sottolineare l’ovvio ma questo tipo di commenti ‘mirati’ a chi non la pensa come noi mi sanno tanto di stadio, ma del peggiore non quello del sano sport. e riquoto marco, peraltro. c’ero anch’io tra i 90 della famigerata protesta tarsu che è paradossale nei numeri considerato il fatto che, a differenza del palermo calcio, la faccenda rigurdava tutti i cittadini. e direttamente.

    32. Sono passato questa mattina tra le 11 e le 12 dal Politeama. Ho visto i tifosi palermitani manifestare. Mi aspettavo più partecipazione, in realtà appena una 50ina e nulla più.
      Tanto chiasso per nulla…

    33. @ laide, e tutti gli altri che nemmeno avete capito di cosa si sta parlando, dite che siamo in democrazia ma vi permettete di criticare chi solidarizza per l’unica cosa che funziona nella città di Palermo, e se funziona è solo perché l’ha portata un forestiero, Zamparini.
      Non capite quali sono i risvolti economici e sociali veicolati dal calcio, e non si tratta solo di dare calci a un pallone, a parte il fatto che se non capite l’estetica di questo sport, il calcio, è solo una vostra carenza.
      Tornando ai diritti “alla parola” invocati da “laide”, e da quei buontemponi che vorrebbero atteggiarsi a snob credendo che il calcio è un’affare per ignoranti, ma gli ignoranti siete voi! ebbene, chi ha causato, per complicità varie, la decadenza della Sicilia, cioè la maggioranza dei siciliani, chi accetta di vivere nella decadenza, nel degrado, siciliano, ultimi in tutte le classifiche, dovrebbe solo stare nascosto dalla vergogna, altro che criticare chi solidarizza per l’unico elemento positivo e che funziona nella città di Palermo, cioè il Palermo calcio.
      Emulate, anzi, questo elemento, invece di vivere nel degrado e andare a votare per un gruppo di pseudo-politici colpevoli come voi del degrado.

    34. @domenico
      vedi ,io potrei dire anche a Te che ” Ti rispondi da solo”.Secondo Te la citta’ di Palermo in indotto cosa guadagna di veramente i mportante dal calcio cittadino ?semmai paga : sky,premium,biglietti,ordine pubblico,….dico io rispetto ai milioni di euro che vanno in circolo per la squadra (diritti tv,ingaggi,pubblicita’ ) Ti sembra giusto che gente onesta e lavoratrice debba aspettare un solo giorno alla settimana come la manna dal cielo per lavorare a Palermo vendendo magliette del Palermo fabbricate a Taiwan e nei restanti giorni cercare altro lavoro col lumicino aspettando la domenica successiva per respirare di nuovo ? Forse Tu sei contento di questo?.Io no.E cioe’ chiederei molto ma molto di piu’.Una soluzione perche’ quelle persone che si occupano (ad esempio ) della ristorazione occasionale o della vendita di gadget siano impegnate invece in altri circuiti cittadini di sana economia e vera economia locale che noi non abbiamo mai saputo preservare (vedi la chiusura della fiera del Mediterraneo:quante fiere durante l’anno in quegli spazi ? quanto lavoro potremmo incrementare ?).Invece no,preferiamo la solita pappa della domenica ,il rito della partita ,per gridare un po’ e sperare con la nostra fede rosanero.Ma badate che alla fine rimarra’ solo quella .La citta’ non cambia.Dove sono gli ipermercati di Zamparini ? dov’e’ il lavoro e la ricchezza portata da questo imprenditore ?(che adesso vuol vendere e far plusvalenza ..anche giustamente ,chi puo’ criticarlo ? Forsesi guadagna solo in alcuni studi ed emittenti televisive,piene tra l’altro di politici -commentatori (piu’capaci da commentatori che da politici )

    35. @…whe’ Gigi !
      spiegami per favore in cifre l’indotto Zampariniano (anche cosi’ forfaitariamente ) se ci riesci ti daro’ ragione !
      Ciao

    36. ps.mio caro Gigi,mio caro “ALTER NEGO” ,nessun ha detto che i tifosi siano ignoranti,solo che ci sono cose ben piu’ importanti per cui adesso scendere in piazza a Palermo.Tu da Paris non sentirai certo,ma la puzza della monnezza per strada ,civilmente da tanti diligenti cittadini depositata presso i contenitori e li’ residente da piu’ giorni e’ di nuovo preponderante a Palermo.

    37. @manuelo
      Mi riferivo al commento dell’utente Orazio.

    38. io credo che Zamparini concretizza quello che per molti rimane un sogno,e cioe’ scoprire nuovi talenti,motivarli,valorizzarli e poi cederli
      realizzando notevoli plusvalenze.
      Molti ci provano a fare questo giochetto,
      che non e’ da tutti,
      tanto che molti sono riusciti a dissipare
      interi patrimoni in questo campo.
      Stare in serie A e tra i primi in classifica
      e’ la base per questo tipo di affari.
      Cosi’ Palermo ospita “le grandi” e soddisfa
      le velleita’ di una certa tifoseria.
      .
      Il Centro Commerciale e’ in progress,anche se
      non capisco perche’ questo imprenditore del
      mondo del calcio
      abbia intrapreso questa avventura in un settore
      tanto diverso,ed oggi tanto affollato.
      Grazie a Internet ormai le proposte di sconto arrivano direttamente ai clienti tesserati che si cerca di fidelizzare.Ed i margini si assottigliano.
      .
      Proporlo come Sindaco in una citta’ stritolata da parassiti e delinquenti,
      che razza di ragionamento segue?

    39. ridicolo protestare per gli errori arbitrali ( presunti ) a sfavore del palermo. ma andate a fare una bella gita, una visita al museo, volontariato, se proprio non vi garba come va la vostra suqadra di calcio, dovreste capire che è solo un gioco.

    40. @ federico II. Un gioco, solo un gioco ? E’ proprio questo che non posso sentire, perche è prima di tutto una forma di disprezzo verso i sentimenti degli altri. Vacci tu ai musei o a fare una gita e venga con te @il folklorista, che ripete sempre le stesse cose, qualunque sia l’argomento. Andateci voi, ma sarà inutile. Perchè nulla vi tocca e nulla può toccarvi.

    41. Ribadisco che chi accetta di vivere nel degrado palermitano e va a votare per una classe di pseudo-politici dilettanti e da essi si fa amministrare deve vergognarsi, e non si può permettere di criticare l’unico elemento positivo della città di Palermo e non solo per l’immagine.
      Ricordo anche ai buontemponi che vorrebbero spacciarsi per snob che allo stadio ci vanno persone che lavorano onestamente e producono (al contrario dei tampasiatori del web), liberi professionisti, gente che nei musei, nei cinema, nei teatri, ci entra non solo come spettatore ma anche come autore.

    42. Protestare per il calcio: prova lampante di come anni di televisione abbiano comprato perfino la nostra attenzione e le nostre tensioni morali, distogliendoci da ciò che veramente è importante.
      Se la contrapposizione non si gioca più sul campo della cittadinanza e dei diritti, ma dentro le pareti di un sistema di business che è marcio fino all’osso (e in cui qualcuno si ostina a immaginare un ideale di purezza da salvaguardare), è veramente la fine.
      VERGOGNATEVI!!!

    43. Folklorista, la tua domanda che ha la presunzione di essere “trabocchetto” è solo “stupidina”.
      Ti risponderei dettagliatamente solo in privato, via mail, dopo avere risposto tu a una mia domanda. Ti autorizzo a chiedere il mio indirizzo mail a Rosalio.
      Ora lo faccio solo in linee generali. Seguendo il tuo ragionamento non dovresti più consumare, o consumare quei pochi prodotti made in Sicily. Immagina quante cose non avresti, saresti nudo e non passeresti molto tempo, grazie al computer, nel web a contraddire ammatula chiunque.
      Se tu sei un esperto come vuoi lasciare intendere, sai quanti sono i soldi che partono altrove, quanti ne restano in loco, quanti ne rientrano, quanti ne circolano che non lo farebbero (non sarebbero spesi) senza il calcio, o partirebbero per altri consumi, come dovresti sapere che c’è un’economia che ruota intorno al calcio (e non è limitata solo ai bagarini o alle magliette come dici tu ingenuamente) che non esisterebbe senza il Palermo, la quale a sua volta da vita al famoso moltiplicatore. E tutti coloro che lavorano grazie al Palermo, impiegati della società Palermo calcio, giornali, tv, siti internet, radio, addetti ai lavori in genere; i quali sono a loro volta consumatori e non disoccupati squattrinati.
      Il Palermo è tra i maggiori contribuenti palermitani. Il servizio d’ordine è un diritto per le tasse pagate dai centomila palermitani che vedono la partita (allo stadio e nei media), servizio del quale usufruiscono due volte al mese ma forse pagano le tasse pure per i servizi dei quali benefici tu, come me che pago ma non ne usufruisco (o meglio tre mesi l’anno ne usufruisco) al contrario tuo che ne benefici tutto l’anno.
      PER LE CIFRE DETTAGLIATE TE LE SCRIVO IN PRIVATO VIA MAIL solo se risponderai alla mia domanda che non formulo qui perché riguarda la sfera privata.

    44. @manuelo
      meno male che ci sei tu,il Garcia Lorca del Palermo.
      Io non ho mai pronunciato la parola disprezzo e ancora non ricevo risposte nel merito..forse e’ diventato troppo faticoso pensare ?..certo per molti meglio dare un calcio al pallone..

    45. ..l’unico elemento positivo per la citta’ di Palermo ? temo dovrete rivedere i vostri poco documentati giudizi.Una volta tanto vi consiglio io un linK da Mafia Zero -tratto da Repubblica articolo del 30 settembre 2008 .Leggete e rispondete,se opportuno.

    46. ..titolo “Anche il Palermo calcio”

    47. fabio, lo snob del c…zo che vive in una fogna a cielo aperto, e non si vergogna. Ma critica chi ama lo sport che è l’unica cosa che funziona in una città di serie Z.
      E non capisce un c…zo lo snob fabio, altrimenti capirebbe che gli anni della televisione non c’entrano un tubo con la passione calcistica nata, nella maggior parte dei casi, da bambini in mezzo la strada e ascoltando alla radio suoni e… immagini.
      Palermo da quello che si legge è piena di gente che è consapevole di cosa è realmente importante, intanto è gente che produce una classe politica dilettante desolante e dannosa, e produce soprattutto una città fogna a cielo aperto. E meno male che conoscono le cose realmente importanti. ITIVI a ammucciari sotto la sabbia, snob del c…zo, nelle città civilizzate v’assicutanu, altro che snob!

    48. Vi invito a utilizzare un linguaggio consono e a essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori. Grazie.

    49. hai fatto una domanda folklorista, ho risposto, ora hai eluso la mia risposta. Forse sei solo un buontempone perditempo, forse disoccupato, forse mantenuto. Ti ho autorizzato a chiedere il mio indirizzo mail.
      Palermo è piena di gente come te, che non vale la pena lottare, tranne essere masochisti. Io aspetto solo di cambiare definitivamente residenza e andare a spendere i miei soldi sulla costa azzurra invece di pagare per i buontemponi come te e gli altri assistiti pubblici.

    50. @ Fabio. Non poteva mancare un altro luogo comune, quello relativo alla televisione. ” La televisione ha comprato perfino la nostra attenzione ” Scusa, ma parla per te. Secondo me la televisione è una delle più grandi invenzioni dell’uomo. Consente di diffondere il sapere, di far conoscere a chi, per esempio, è in un grattacielo di città o in una casa sperduta in cima ad una montagna innevata, le cose che accadono, le immagini dei fatti. Anche di una partita se di questa hai bisogno. E’ come un pullman insomma, per fare quelle gite a cui accennava ‘federico II’. Internet in fondo è una specie di evoluzione della tv. Questi mezzi però hanno un limite. Queste compagne della solitudine possono farsi insopportabilmente rumorose, volgari, intrusive. Come un amico che hai in casa e che dopo un po’ di tempo comincia a fare cose strane, a parlare a voce alta, a rompere i piatti, a dire parolacce o addirittura ad offenderti. Il tuo ultimo commento ne è un esempio. Concludi urlando “Vergogna !!!”, ma io non capisco neanche con chi ce l’hai.

    51. Mi limito solo a sottolineare che GIGI apostrofa gli altri come “tampasiatori del web”, quando tutti i blog di Palermo sono pieni dei suoi messaggi.

    52. @Il Folklorista :
      “quoto Marco.
      saluti”
      Questo è disprezzo. Due volte.

    53. @gigi
      seguo il tuo ragionamento,ma l’inciampo e’ proprio in questo:quanto del circolo economico prodotto da una squadra come il Palermo,rimane in effetti nei gangli importanti dell’economia locale (LOCALE=non italiana in genere) ? il cenno alle emittenti e ai giornalisti lo avevo gia’ fatto,inutile ripetersi,quindi la vera mia domanda davvero stupidina alla quale dubito si possa dare una risposta davvero intelligentina e fondata e’ proprio:ma a noi , a parte il fenomeno d a baraccone ,cosa ne cale del PAlermo ? e’ davvero utile ed efficace proporre di fondare una economia veramente sociale sul calcio o e’ solo una fandonia creata ad arte per consentire a presunti giornalisti e commentatori di campare riempiendo tre quarti dei giornali del lunedi’ e non solo ( trasmissioni televisive varie ..etc etc),?e’ una economia UMANA ? o e’ uno dei non pochi esempi icona dello sfegatato consumismo vera iattura del contemporaneo?
      Ps : Ti ringrazio per l’invito ma devo cortesemente declinare,preferisco che Tu rimanga il mio gentile “ALTER NEGO “

    54. @manuelo
      ma no,come vedi non disprezzo il dialogo,li’ era solo desiderio di concisione ed efficacia,perche’ ripetere quanto detto efficacemente e bene da Marco ?

    55. Tampasiare sul web significa anche creare connessioni e incontrare modi di pensare.Non e’ cosi’ sterile.Se poi uno lo fa mentre studia.legge ,lavora ( da privato), questo poco importa.
      L’importante e’ alla sera riuscire a comprare una mafalda con mortadella.

    56. Nissa puoi utilizzare l’e-mail per proporre argomenti per i post. Spero di non dover tornare sull’argomento.
      Pablo ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare).
      Grazie.

    57. @il folklorista. Allora cerco di spiegarmi meglio. MarcoC, nel suo commento iniziale, ha detto in sostanza ” Con tutti i problemi che ha Palermo, vi sembra serio protestare per il calcio ?” ( Penso che non abbia neanche letto l’intero post, si sarà fermato alla parola “Stadio”). E’ generico insomma ed anche superficiale, altro che conciso ed efficace. Ma a te tanto basta ed avanza. Niente tempo da perdere, per queste buffonate. Ed infatti saluti (frettolosamente) e te ne vai. Poi ritorni, dopo aver pensato che anche qui si poteva forse tirar fuori qualcosa a proposito dell'”indotto” e delle tue altre solite cose.

    58. Antonio INVECE perchè non molli la bottiglia?

    59. Orazio, Orazio……e chi ti dice che io sia ubriaco?! La tue risposte a mo di sfottò, tra l’altro senza argomentare almeno un minimo la tua tesi, si commentano da sole. Dovrò ricambiarti con la stessa moneta: Orazio, vai a fare il troll in altre piazze virtuali!

    60. Tanto per citare uno dei benefici: è l’unico aggregatore sociale in una città nemica della socialità.
      P.S. per il folklorista sterile, io i posti li ho elencati, Palermo è piena di presuntuosi ammatula per i quali non dovrebbe essere difficile tradurli in cifre, basta sapere quanta gente si muove e spende; non ci sono solo bagarini, venditori di magliette, o presunti giornalisti, che sono comunque, come detto, anche loro consumatori a loro volta, e tutto l’indotto che ruota intorno al calcio da vita, ripeto, al famoso moltiplicatore.
      Usando gli stessi parametri del folklorista sterile non si dovrebbe mettere piedi nei centri commerciali, dato che la Sicilia importa per circa 20 miliardi l’anno a fronte di infime esportazioni (pochi miliardi).
      Non quantifico il valore dell’immagine, e l’altro valore, ancora più importante, della socializzazione.
      N.B. Ora, folklorista, spero che non mi interpelli più, per i motivi che ho scritto sopra.

    61. hihihihihihihihihihihihi

    62. La chat si chiude qui. Rimuoverò ulteriori commenti fuori tema. Saluti.

    63. Esempio di altissima socializzazione da stadio :”catanese pezzo di m….” coro udito oggi all’inizio e alla fine .
      Tra questo e gli argomenti di Gigi certamente la prossima volta anch’io protestero’ a Bruxelles UE e Washington ONU per falli di mano non fischiati.Mentre Shakine e qualche altro attendono i guardalinee.

    64. strastrastrastraquoto gigi
      l’unica cosa che funziona (ed è tristissimo dirlo)
      è una squadra di calcio
      ed ecco che i radicalchic “buonisti” dei miei zebedei cominciano ad ergersi a paladini della morale
      zamparini sindaco ? MAGARI!!!!
      @fabio :Per quanto riguarda le proteste… io ho già visto quelle dei dannati lsu essemme etc che hanno messo a ferro e fuoco la città neanche tanto tempo addietro per il “lavoro” ( ahahahah)

    65. @capitan zebY (
      preferirei vedere cento volte la citta’ in fiamme per i legittimi diritti dei disoccupati

    66. ed io preferirei vedere in fiamme cento lsu essemme eet similia per i legittimi diritti della cittadinanza… punti di vista

    67. ..benissimo,esponi pure il tuo pensiero alla loro prossima manifestazione…

    68. A posto u paliemmu vinciù…allora il campionato è regolare, tutt’apposto! però se perdevamo sicuramente la colpa era dell’arbitro,c’era un rigore,era fallo,insomma è un complotto!!!

    69. @folklorista: fai anche tu lo stesso alla popolazione in ostaggio durante la prossima manifestazione…

    70. lo ripeto per l’ultima volta: chi accetta di vivere in una città degradata che disconosce le regole civilizzate, dove si legittimano finti politici dilettanti per inciuci clientelari (la maggioranza dei palermitani, anche quelli che negano) che tutti insieme avete affossato la Sicilia che è agli ultimi posti in tutti i campi, chi accetta di vivere nella città più sudicia d’Europa, etc. non ha diritto alla contestazione, ancor meno a fare lo snob; può solo nascondere la testa sotto la sabbia. A parte il fatto che dell’estetica sportiva non ne capiscono un tubo.
      P.S. scrivo qualche post (ho calcolato nel 2% dei post pubblicati da Rosalio) nei momenti di pausa da lavoro, scrivo solo qui ed ho scritto una decina di post in un altro blog, pause che mi pago da libero professionista, non assistito, ma, purtroppo, anche in un blog di qualità come Rosalio entra gente pettegola e retrograde solo al fine di denigrare. Chi mi ha visto ovunque, vuol dire che è lui ovunque?
      N.B. ribadisco la mia richiesta a folklorista: ti chiedo di non interpellarmi più, dato che di te ho una pessima impressione, che sarebbe eventualmente dissipata solo se tu rispondessi in maniera adeguata ad una domanda che ti farei via mail essendo essa di carattere privato.

    71. Vi invito a limitarvi al tema del post nell’intero commento che postate. Rimuoverò ulteriori commenti anche soltanto in parte fuori tema. Grazie.

    72. @manuelo, io ci vado a fare le gite e ai musei, e ripropongo l’invito per coloro i quali sono delusi dalla propria squadra. in secondo luogo non credo di aver disprezzato i sentimenti di qualcuno. gioco, si ! si parla di federazione giuoco calcio, di giochi olimpici, regole del gioco. mi di spiace ma si tratta, e deve essere trattato come tale, di gioco!

    73. Antonio ma quale troll e troll, ti ho solo fatto capire che Grillo mi sta sui marroni, che tu sei azzerbinato sul suo eloquio, e che in nome e per conto dell’US Città di Palermo (il Palermo è fallito ricordalo – INVECE non c’è più) perdi di vista cose importanti.

      Te l’ho detto con un pò di umorismo, quello che tu e lo sbavante Grillo non sapete nemmeno cosa sia.

      E ora INVECE ciao e scinni di supra a cartedda.

    74. “Caro” Orazio, ti invito ad argomentare la tua tesi senza portare la discussione sul piano personale e scevra, SE TI E’ POSSIBILE, da semplificazioni e preconcetti. Se non vuoi farlo, azzerbinandoti piuttosto TU su uno pseudo umorismo di basso livello, non posso che lasciarti sul tuo piedistallo. Perdo di vista cose importanti?! Credi che io viva a New York o in questa vituperata città? Credi che non mi renda conto della drammatica condizione nella quale ci troviamo? Sai come vivo la città? Mi conosci? Conosci il mio impegno quotidiano allo scopo di rendere vivibile almeno la mia vita in questo inferno? E tu, cosa fai? Fai forse parte di un ceto privilegiato oppure sei un signor nessuno che tenta ogni giorno di vivere in maniera civile la propria quotidianità in questo inferno apatico? Sai come si vive in “particolari” quartieri di Palermo?
      Quello che non accetto è liquidare con superficialità la passione per il calcio. Una passione che, ve lo ricordo, coinvolge milioni di persone nel mondo. Pensi, pensate, che questa enorme massa sia composta da stolti? Certo, il calcio è divenuto marcio, drogato dall’esorbitante giro di soldi e di conseguenza foriero di inevitabili corrutele ma:
      per quanto mi riguarda vale la pena lottare e manifestare per non sentirsi con la coscienza sporca di fronte alla malandrinate subite da tifosi di una squadra snobbata, trattata come uno zerbino dal sistema calcio italiota (banche e petrolieri!), rappresentante una città da sempre considerata l’ultimo avamposto di un paese FINORA esistito solo nelle cartine geografiche; vale la pena lottare e manifestare contro l’attuale calcio tanto quanto farlo contro tutti quei cialtroni (complici me e te e le migliaia di palermitani!!!) che hanno permesso lo sfacelo di una città nel corso di un decennio ed anche nei decenni addietro.

      Senza rancore.
      Antonio.

    75. Mi correggo: “giro di soldi e per tale causa foriero…”; “di fronte alle malandrinate….”.

    76. Gentile Antonio
      abbiamo tutti rispetto per gli hobbies,le passioni,i passatempi,gli sport che tutti hanno valore sociale ed educativo,ma per quale motivo secondo te l’unico sport da attenzionare e’ diventato il calcio,la formula uno ,il tennis..perche’ non la pallamano,la pallavolo, la scherma,le bocce ,etc etc .Non ti pare esagerato questo spirito di rivalsa in un qualcosa che allora con lo sport non ha piu’ niente a che fare ma e’ diventata una sorta di droga nazionale?

    77. @il folklorista

      Si tratta di passione e come tale difficilmente spiegabile, in modo esaustivo, con l’individuazione in un solo elemento. Gigi ha già elencato le svariate motivazioni che possono indurre chiunque, senza distinzione di sesso, religione, di classe sociale etc., a seguire con costanza e talvolta eccessivo trasporto uno sport del genere.
      Ma non è questo il punto. Quello che io contesto è il metodo: avete dato l’impressione di, permettetemi la rude espressione, “sparare a zero” su coloro i quali protestano per il calcio solo per il fatto di seguire questo sport. Se questo non è pregiudizio mi si spieghi allora cos’è!
      Tu scrivi, tra l’altro, “in un qualcosa che allora con lo sport non ha più niente a che fare….”. Sapessi in questo periodo la tribolazione di tanti tifosi rosanero che si domandano: vale ancora la pena seguire il calcio? Ebbene, la passione sopra menzionata sgombera qualsiasi indugio e porta una cinquantina di tifosi (non oso pensare cosa aveste detto qualora fossero stati più dei 90 manifestanti contro l’aumento della tarsu!) protestare contro il sistema calcio MAFIOSO, gestito da banchieri, petrolieri, psico-nano, e chi più ne ha più ne metta!

    78. Antonio potrei dire le stesse cose di me.

      Ma nonostante la mia passione divorante per il calcio (e tutto il resto) mi sembra stupido protestare per convincere un mecenate a continuare a foraggiare una squadra di calcio.

      Il tizio se ne andrà o no a prescindere dalla protesta, quando avrà finito il siuo ciclo e lasciato pure la sua zampa (fetida) sul già martoriato tessuto urbano comunale. Fondo Raffo? Bene per lui. Lo stadio nuovo? Bene per lui. Solo bene per lui perchè Palermo poteva fare a meno dell’ennesimo mostro edilizio e può fare a meno del nuovo stadio visto che quello che ha è perfetto e bellissimo. Non bene per Palermo. In tutto ciò il calcio è solo uno specchietto per le allodole. Di solito concetti come questi appaiono elementari.

      E chiudo qui, quanto a polemiche personali: sei stato tu con il tirar fuori la polemica sugli invecisti ad innescare una battaglia sul nulla. Tipico di Grillo. Ma qui siamo fuori tema.

    79. non avevo dubbi che i palermitani avessere molto a cuore la causa della propria squadra del cuore!!!E ciò conferma ciò che immaginavo: non è affatto un caso che la città sia piena di rifiuti ( per inciviltà e per inadempienza) e che attorno a tali cumuli regni l’indifferenza.Il palermitano ci vive bene tra la spazzatura e non sente neanche il bisogno di protestare!!!

    80. @Orazio

      Il punto sul quale insisto è condensato nella risposta che ho fornito a “il folklorista”. Ossia, come sospettavo, la tua risposta denota ignoranza sul tema e preconcetti infondati su quanti seguono questo sport. Poi se i tifosi-manifestanti hanno inscenato quella protesta per timore di fuga dell’attuale proprietario o perchè indirizzavano il loro malcontento contro l’attuale mondo calcistico, questo francamente non lo so e non me ne può fregar di meno!
      Tu scrivi, tra le altre cose inesatte, che il signor Zamparini abbia messo “la sua (zampa) fetida sul già martoriato tessuto urbano comunale.Fondo Raffo? Bene per lui. Lo stadio nuovo? Bene per lui. Solo bene per lui perchè Palermo poteva fare a meno dell’ennesimo mostro edilizio e può fare a meno del nuovo stadio visto che quello che ha è perfetto e bellissimo.”
      Sposti il focus del tuo intervento su un’altra faccenda sulla quale si può discutere: se non erro l’area del velodromo è edificabile secondo il P.R.G.; ciò è escluso per quei terreni pieni di alberi d’agrumi e alberi di ulivo che circondano viale P.V.46 e nei confronti dei quali mi auguro non venga torto nemmeno un ramo. Su questo punto condivido i tuoi timori.
      Quanto alla funzionalità dello stadio Barbera, anche qui la tua risposta risulta deficitaria in termini di diretta conoscenza delle condizioni dell’impianto di viale del Fante. Al di là dei pur lodevoli interventi della società calcio Palermo volti al miglioramento infrastrutturale dell’impianto medesimo, interventi che spettavano al comune(sic!), ti assicuro la sua anacronisticità se messo a confronto con svariati stadi dell’Europa occidentale e non solo, credimi!
      Zamparini resta o va via? Chissenefrega! Anch’io individuo ben altre priorità per questa pseudo-città.
      Il punto su cui verte la mia critica ai vostri interventi superficiali è, ribadisco, il chiaro tono pregiudiziale degli stessi. Voglio dire: se mi trovo di fronte ad un post di architettura o arte in generale, mi tengo ben alla larga dall’esprimere opinioni poichè rischierei di esprimere giudizi superficiali e, forse, magre figure. Il vostro metodo è sbagliato. Poi, per carità, fate come caspita vi pare!

    81. “Se 50 anni di malgoverno potessero essere cancellati con un colpo di spugna dagli eredi naturali di questa politica scellerata, allora chi invece ha sempre lavorato e programmato coscienziosamente il proprio futuro, è un perfetto idiota.”
      Il condizionale è quantomeno d’obbligo e la risposta in fondo è scontata: no che non si può.
      Non si possono cancellare con un colpo di spugna 300.000 dipendenti di enti locali assunti negli anni soltanto in base al mercato dei voti e non in base alle reali necessità dell’ente pubblico di turno, né ancor meno in base alle caratteristiche o alle capacità del candidato.
      Non si possono cancellare con un colpo di spugna 30.000 dirigenti di enti locali (tra regione, province, comuni, ASL, Società di servizi a capitale pubblico, enti di promozione, formazione, diffusione, commercializzazione, degustazione e certamente anche pittura e bricolage, tanti sono gli enti e le organizzazioni creati unicamente per costituire un serbatoio di voti, naturalmente utilizzando i soldi di tutti e tutti dotati di Presidente, Vicepresidente, Direttore Generale, Amministratore Delegato, Consiglieri, Sindaci ed una moltitudine di dirigenti tanto numerosi quanto improbabili).
      Non si possono cancellare con un colpo di spugna gli innumerevoli finanziamenti destinati alla Sicilia, dai tempi della Cassa del Mezzogiorno, passando per la successiva “Agenzia” ed i più recenti progetti finanziati dalla famosa legge “488” per finire, praticamente ai nostri giorni con il fallimento dei progetti finanziati dalla Comunità europea ed alla debacle di Agenda 2000. Fiumi di denaro sperperato, la cui elencazione e dettaglio farebbe impallidire il più scialacquatore tra gli sceicchi sauditi.
      Una quantità tale di denaro che, in ultima analisi, avrebbe dovuto fruttare dei risultati comunque visibili anche dato in mano all’ultimo dei disabili mentali di pindemontana memoria… E invece niente! Dato che con tutti quei soldi, sperperati soltanto negli ultimi 30 anni, anche un idiota avrebbe realizzato qualcosa, la spiegazione è una sola: chi ci ha governato non è solo idiota. Ma anche ladro.
      Sono sicuro che questa osservazione non sorprende nessuno, vero?
      Chissà quanti di voi si diranno: beh, dove sta la novità?
      Ma, amici miei, non c’è nessuna novità. Mi fa piacere che stiamo cominciando a rendercene conto. Non c’è nessuna novità perché non ci potrebbe essere.
      Men che meno attraverso i nuovi-vecchi partiti, nuove coalizioni, altri voltafaccia politici e ideologici. La solita roba, insomma… E’ sempre stato così e così sempre sarà. A meno che…
      A meno che non arrivi qualcuno, sostenuto dal popolo, che faccia la rivoluzione.
      Ripartendo, per una volta, da zero. E non dalla spugna. E soprattutto da Palermo e da tutti i palermitani, nessuno escluso.
      Perché solo chi ama davvero Palermo e ha già dimostrato che non bisogna mai darsi per vinti, saprà parlare al cuore della città e dirle, molto semplicemente: Palermo, svegliati! Andiamo in serie A…
      Ecco perché propongo Maurizio Zamparini candidato a sindaco di Palermo.
      Francesco Caputo
      imprenditore palermitano

    82. I Gestori dei FONDI FAS
      hanno un nome e cognome.

    83. @ Antonio

      io sono talmente ignorante e ricco di preconcetti in materia calcistica da essere abbonato ad una squadra di calcio di serie A da 7 anni di fila, da seguirla allo stadio da 33 anni, da frequentare gli stadi che la ospitano in trasferta non meno di 5 volte l’anno.

      Da conoscere tutti gli stadi d’Italia al punto da poter dire che Palermo è tra i primi 5/10.

      Fai tu. Pazienza. Sei il tipo che da un pelo ricavi un trave…

    84. Sarò pure il tipo che ricava un pelo dalla trave ma almeno non mi contraddico (da quel che hai scritto si deduce che tu sia un appassionato di calcio o forse sarebbe meglio dire tifoso) aderendo, come d’altra parte hai fatto, ad un commento superficiale qual’è quello di MarcoC e di tutti quelli che l’hanno seguito a ruota! Se mi è permesso ti sei contraddetto. Perchè? Se sei tifoso, e dalla tua descrizione ti considero tale, avresti dovuto aver rispetto, nè più nè meno, per il senso di quella protesta. Avresti dovuto comprendere i sentimenti che la sottintendevano.

      Saluti nuovamente non rancorosi 😉

    85. Errata corrige: “che ricava una trave da un pelo…”; “Se mi è permesso, ti dico che ti sei…”.

    Lascia un commento (policy dei commenti)