lunedì 20 nov
  • Lombardo e Lumia all’attacco della Borsellino

    Rita Borsellino

    Continuano le tensioni tra Partito Democratico e Terzo polo per la candidatura annunciata di Rita Borsellino che non si è mostrata favorevole a un’alleanza elettorale che ricalchi lo schema regionale, almeno in una prima fase.

    Ieri il presidente della Regione Raffaele Lombardo (Movimento per le Autonomie) ha accomunato Borsellino e Leoluca Orlando (Italia dei Valori): «Il Pd che ha creduto nella candidatura della Borsellino prenda atto che la Borsellino è sulla stessa posizione della candidatura di Orlando, la sinistra estrema, l’isolamento. Penso che siano la stessa cosa, entrambi propongono la stessa formula e proposta».

    È intervenuto sul tema anche Giuseppe Lumia (Pd), il cui nome circola in questi giorni come ulteriore ipotetico candidato: «A Palermo si può vincere, per questo è necessario un confronto politico serio e costruttivo. […] Sulle prossime comunali a Palermo rimango dell’idea che bisogna continuare a parlare con Rita Borsellino affinché si convinca della necessità di una coalizione larga tra le forze progressiste e moderate, per vincere le elezioni e risanare una delle città più difficili d’Italia. È questa l’alleanza per le amministrative votata a larghissima maggioranza nell’ultima assemblea dal partito. Diversamentedovremo individuare un’altra personalità di alto profilo in grado di guidare una grande alleanza e governare la città di Palermo con un sapere e una capacità di governo all’altezza della sfida. Per cui credo che il Pd debba proporre, insieme a quanti vogliono aprire una nuova e concreta stagione di cambiamento, un progetto di ampio respiro per la città e un candidato rappresentativo, a meno che non si voglia fare carta straccia delle decisioni prese dagli organismi dirigenti, come vorrebbe fare qualche nostalgico: il PdL sempre al governo e noi sempre all’opposizione».

    Speciale elezioni sindaco di Palermo.

    Palermo
  • 4 commenti a “Lombardo e Lumia all’attacco della Borsellino”

    1. io toglierei “almeno in una prima fase”, si rifiuta e basta, da battitrice libera , prendendo però la candidatura e i voti del PD.

      Poi renderei congiunzione e non verbo la e tra Borsellino e Orlando. Con simpatia….

    2. Giuseppe Lumia quando dice che o si va con chi non c’entra niente con la cultura del centro-sinistra o si perde dimostra di essere espressione di niente altro che di una “cultura della sconfitta”. Che poi, è vero, l’onorevole Lumia è da decenni nella dirigenza di un partito che non sa fare altro se perdere. Se ne vadano, lui, Cracolici, Orlando, e torneremo a vincere

    3. Lumia dovrebbe anche chiarire i suoi rapporti con il mondo delle coop dopo che il suo nome è uscito nell’inchiesta Penati associato a tale Francesco Agnello intermediario di quel mondo di grandi affari.

    Lascia un commento (policy dei commenti)