lunedì 19 feb
  • I commissari Amia: “Il sindaco non continui a tergiversare”

    I commissari straordinari dell’Amia si sono nuovamente rivolti al sindaco Leoluca Orlando: «Il sindaco continua a tergiversare, la lettera in questione che ha voluto rendere nota a mezzo stampa nel suo contenuto è stata già valutata e non è stata ritenuta risolutiva dal Tribunale di Palermo il quale, nella motivazione di rigetto della proposta di concordato presentata dal liquidatore in nome e per conto del Comune l’ha così definita: “Anzi, nonostante le ripetute sollecitazioni dei Commissari straordinari … alla nota del Sindaco del 28 febbraio u.s., non può riconoscersi valore decisivo, trattandosi di una, sia pur apprezzabile manifestazione di intenti, non supportata da nessun atto giuridico, anzi, contraddetta dalle precedenti condotte del Comune”. Piuttosto che rilasciare dichiarazioni – proclami, se veramente il sindaco vuole assicurare un futuro ad Amia ed ai suoi lavoratori e rendere un dovuto servizio alla città, si decida a prendere concretamente impegni che siano risolutivi, condivisibili evitando inutili perdite di tempo su strategie già valutate negativamente e “contrabbandate” per buone soluzione. I Commissari straordinari, e non solo loro, aspettano risposte e ribadiscono il loro impegno alle immediate dimissioni non appena queste potranno assicurare una seria e concreta soluzione della problematica».

    Intanto proseguono le operazioni di recupero: oggi toccherà a via dei Nebrodi, via Monte Iblei, via Merenda, via Furitano, via Villagrazia (da ultimare), via Guido Rossa (da ultimare), via Orsa Maggiore e Minore (da ultimare), via Vincenzo de Paoli, Piazza Tonnara, via Florio, via Carta, viale del Fante, via Brunelleschi, via Scaglione, via Bernini, corso dei Mille ( da Piazza Torrelunga verso Messina), via Pomara e via Galletti.

    Palermo
  • 8 commenti a “I commissari Amia: “Il sindaco non continui a tergiversare””

    1. Intanto, sotto la direzione dei Commissari la situazione, spesso magari non palesamente, è peggiorata, andando poi a confluire nel disastro attuale. Mi chiedo quali siano stati gli effetti positivi della loro gestione.
      Intanto, il Sindaco Orlando sta facendo di tutto, nelle disponibilità del Comune, facendo intervenire i mezzi delle altre aziende comunali.

    2. …Prendere concretamente impegni che siano risolutivi…
      Mi pare pura filosofia.
      Di sicuro ci sono gli introiti della Tarsu,il cui “ammontare certo ”
      non è dato da sapere.
      L’unica cosa che so e’ che la Tarsu e’ stata aumentata del 75% in un colpo solo.
      Ma non è’ chiaro se questa provvista e’ sufficiente a gestire una azienda come Amia.
      C ‘e’ qualcuno che sa
      Fare 4 conti?
      Vogliamo esporli questi conti?

    3. Non è’ che dietro questi impegni ci sarebbe un ulteriore aumento della Tarsu?

    4. Ho visto che Il link non si apre.
      Comunque parla di una eventuale inchiesta che
      la procura starebbe valutando per interruzione di servizio pubblico.

    5. Può sembrare strano, ma io penso che forse si sta portando avanti una vero e proprio accanimento terapeutico. L’Amia è ormai un fallimento, forse farla tornare operativa e non solo cumulatrice di problemi e debiti è una chimera.

    6. La quantità di immondizia per le strade è direttamente proporzionale al benessere della società ed è inversamente proporzionale al suo grado di civiltà.

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.