giovedì 22 feb
  • “OutsideBox – nella rete degli outsider”

    Esiste una Sicilia nascosta, una Sicilia che per una volta dimentica la storia arabo-normanna e i puttini svolazzanti di Giacomo Serpotta.

    Una Sicilia più amara, in cui la povertà, la solitudine e la follia si uniscono per creare un’apertura attraverso la quale è possibile entrare e, magari, non tornare indietro.

    L’outsider art è l’arte dei folli, l’arte degli emarginati, l’arte di coloro che non avendo un’educazione “ufficiale” si avvalgono delle proprie conoscenze ed esperienze, dando voce alle pulsioni che scaturiscono dal più profondo. Storie intense che una volta ascoltate toccano il cuore, la mente e lo sguardo che smette di osservare le opere con gli occhi della compassione, verso lo strambo risultato frutto di un “mischino”.

    Le opere dei creatori outsider non necessitano di compatimento. L’eleganza e l’intensità raggiunta nulla ha da temere rispetto quella degl artisti “ufficiali”. Così, dal desiderio di fare conoscere al pubblico la creazione di questi visionari, l’Osservatorio dell’Outsider Art, Sicilworld Creative Farm e Tourismondo, hanno dato vita ad un pacchetto turistico che propone ai viaggiatori un percorso diverso, anzi, una rete, la rete degli outsider.

    Un viaggio che nasce dalla volontà di fare riscoprire il territorio chiamando in causa i suoi interpreti, in questo caso le imprese di ricezione turistica che agiscono in prossimità dei beni coinvolti e gli artisti outsider oggi più famosi all’estero che in casa nostra.

    Le tappe di questo viaggio sono al momento, il Castello incantato di Filippo Bentivegna a Sciacca, il Museo delle trame mediterranee di Gibellina e il museo a cielo aperto di Giovanni Bosco. Sono tre tappe fondamentali per la scoperta dell’outsider art in Sicilia che rispetto al resto dell’Italia ha una carica espressiva ed emotiva diversa, più profonda e drammatica.

    Le teste scolpite del castello incantato, i coloratissimi cuori di Giovanni Bosco e gli intrecci del museo di Gibellina, sono esempi davvero alti della produzione artistica di alcuni creatori il cui sguardo ha oltrepassato la normale soglia del vedere comune per spingersi oltre, verso mondi lontani, attraverso tecniche artistiche di grande raffinatezza ed efficacia stilistica.

    Per chi volesse intraprendere il viaggio è già possibile acquistare un pacchetto che comprende un pernottamento e un pasto in una delle strutture selezionate e suddivise in “adventure” e “deluxe”, per andare incontro alle esigenze di ogni viaggiatore. Il pacchetto prevede una proposta di itinerario che si sviluppa nelle mete sopracitate ed è da svolgere autonomamente. Verranno comunque fornite tutte le indicazioni necessarie attraverso la pagina face book dell’Osservatorio Outsider Art, e il sito, da cui è possibile scaricare gratuitamente la rivista dell’osservatorio. Il pacchetto può essere acquistato direttamente dalla pagina face book o contattando Tourismondo, tour operator e partner commerciale del progetto.

    L’obiettivo finale del progetto è quello di creare una macro rete turistica estesa in tutta la Sicilia per fare conoscere e tutelare i siti outisder della regione.

    OutsideBox è il primo viaggio dedicato all’outsider art, alla scoperta, più che di siti culturali, di universi paralleli.

    “OutsideBox”

    Riferimenti:
    Su Facebook – Osservatorio Outsider Art
    Osservatorio Outsider Art
    Su Twitter – O_Outsider_Art.

    Ospiti
  • Un commento a ““OutsideBox – nella rete degli outsider””

    1. Outside box è l’esperienza di viaggio in scatola più nuova e smart che c’è sul mercato e credo sia lo strumento giusto per scoprire l’altra faccia dell’arte siciliana. Per Tourismondo è un privilegio far parte della rete!

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.