27°C
domenica 19 set

Archivio del 14 Luglio 2007

  • Passeggiando con la Santuzza

    Il Festino. Il buio e la luce. La morte e l’amore. Che altro c’è di vero? Stasera si può solo camminare piano piano verso il mare che pare una cartapesta azzurra ondulata, laggiù, in fondo. Rammenta il cielo del presepe di casa, pieghettato alla stessa maniera. Santa Rosalia come Babbo Natale? Stasera si può solo camminare, con un coppino di semenza nella mano sinistra. E un pizzico di friabilissima anima santa dall’altra. L’essenziale è invisibile agli occhi. La morte scorre nelle tenebre non ancora sanate dal chiarore dei fuochi. È la peste, bellezza. L’amore è un riflesso di luna, allungato sulla riva contrapposta.
    Stasera si può solo camminare, per capire se Palermo è uguale a se stessa. Il Festino è uno specchio magico. Anche la miseria che rimanda indietro reca una sua consolante meschinità.
    Il commerciante di babbaluci, all’angolo di Vicolo del pallone, con la botteguccia limitrofa al cuore più profondo della Kalsa, non ha più tasche dove mettere i bigliettini. Numerini minuziosamente vergati a penna per ordinare le lumachine che i palermitani ortodossi succhiano fino al midollo, almeno in questa occasione. I veraci continueranno. I praticanti moderati si astengono per il resto dell’anno. Continua »

    Quello che resta nel taccuino
  • La notte del 383° “Festino”

    Le prove, l’allestimento e le chiusure al traffico sono state completate e tutto è pronto per la tradizionale sfilata del Carro e lo spettacolo del 383° Festino di Santa Rosalia. TGS e Trm seguiranno la manifestazione.

    L’edizione 2007 Rosalia rosa lucente, lucente rosa è in memoria di «quanti hanno sacrificato la loro vita per la giustizia in questa città».

    383° “Festino di Santa Rosalia”

    Pagina del Festino sul sito del Comune di Palermo.
    Presentato il 383esimo Festino.
    Un Festino sotto il segno della luce di Alfio Scuderi (ideatore e regista).
    Dichiarazione di Diego Cammarata, sindaco di Palermo.

    Palermo
  • Consigli sul “Festino di Santa Rosalia”

    Cari palermitani, amanti del Festino di Santa Rosalia, mi piacerebbe avere consigli da voi in merito a questo evento.
    Da quando mi sono scelta come seconda città Palermo, ho assistito due volte e in modo diverso al Festino.
    La prima volta, grazie agli amici col gommone, ho visto lo spettacolo dei fuochi d’artificio accompagnati al ritmo di musica classica proprio davanti al foro italico. Me lo ricordo come se fosse ieri. Non so quante imbarcazioni c’erano in quel pezzettino di mare. Prima dell’inizio c’era chi ballava, chi da mezz’ora era già con gli occhi puntati al cielo, chi si mangiava con gusto una fetta di cocomero o chi si preparava a guardare lo spettacolo accucciata vicino al proprio amore. Era un sabato sera e tutti, grandi e piccoli si erano dati appuntamento come ogni anno nello stesso posto. Poi il segnale, e il vociare tutto d’un tratto si erano spenti. Si udiva solo il fragore dei fuochi e un “wow” pronunciato all’unisono da mille persone. Sensazione indimenticabile.
    L’anno scorso ho optato per il percorso a terra. Mi sono seguita la rappresentazione teatrale che ho trovato meravigliosa. Dai costumi alla scenografia alla recitazione. E poi ho seguito un po’ di processione anche se dopo mezzora mi sono ritrovata imbottigliata in un fiume di gente, con passeggini e non al seguito. Ammetto di averne seguito solo un piccolo tratto per motivi di logistica.
    Quest anno è la mia terza volta del Festino e vi chiedo consigli sulle varie possibilità di viverlo in maniera diversa dalle precedenti.
    Ringrazio anticipatamente tutti coloro che vorranno darmi consigli e suggerimenti a tal proposito.

    Palermo
  • Via libera all’insediamento produttivo Roccella

    Lo Sportello unico per le attività produttive ha dato il via libera ai lavori per la realizzazione dell’Insediamento produttivo Roccella, che sorgerà sul terreno compreso fra la zona industriale di Brancaccio e il futuro capolinea del tram. Il progetto prevede la costruzione di un centro commerciale al dettaglio, la realizzazione di una grande struttura di vendita al dettaglio, la ristrutturazione edilizia del baglio “Villa”, da destinare ad attività polifunzionale (punti ristoro, spazi espositivi e tempo libero), e il recupero del baglio “Sant’Anna”, da destinare ad attività di ristorazione e ricettività alberghiera. Comprenderà punti vendita, servizi e spazi pubblici attrezzati, per un’area commerciale integrata di oltre 200 mila metri quadrati che darà lavoro a quasi 700 persone.

    Agli 80 mila metri quadrati di parcheggi pertinenziali, che saranno al servizio delle attività commerciali, si aggiungeranno 35 mila metri quadrati di parcheggi pubblici, che verranno realizzati a spese del concessionario e ceduti, poi, al Comune. Il privato dovrà realizzare a proprie spese anche altre opere da cedere poi all’Amministrazione unitamente ai due parcheggi pubblici. Si tratta, in particolare, di alcuni raccordi stradali (33 mila metri quadrati) e di un’area a verde di 20 mila metri quadrati.

    L’investimento complessivo a carico dei privati proponenti è di circa 57 milioni di euro. La ditta titolare del progetto avrà 12 mesi di tempo per aprire il cantiere e, da quel momento, altri tre anni per eseguire i lavori.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram