26°C
venerdì 25 set

Archivio del 19 Luglio 2007

  • Il sopravvissuto

    Chi è un sopravvissuto? Uno che crede di essere scampato all’inferno e se lo ritrova ogni giorno, negli occhi e nel cuore. A mordere. È uno che ha pensato di farcela. E poi ha scoperto di avere prolungato in eterno la sua agonia. Non so dove si annidi esattemente il dolore, nel corpo di Antonio Vullo. All’apparenza sembra soltanto quello che è: un signore cortese e gentile, che dimostra un po’ di più dei suoi quaranta e passa anni. Insomma, a guardarlo non si direbbe di trovarsi davanti a uno che c’era. In via D’Amelio, intendo. Il respiro è tranquillo. Il battito cardiaco è regolare. Le pupille riflettono la normale dolcezza di una persona normalmente soddisfatta della vita. Poi, Antonio comincia a raccontare: «Sa, il dottore Borsellino era un tipo simpatico e spiritoso. Gli piacevano le battute, il gioco di parole. Una volta in ascensore, lesse il cartello: “Capienza, duecento chili”. Mi guardò col suo mezzo sorriso e mormorò: “Ma siamo sicuri che Enza ci capi?”. Noi gli volevamo bene. E io volevo bene ai ragazzi della scorta. Erano persone semplici. Lo Stato poteva fare di più per loro. Per tutti». Non è facile per Antonio Vullo – autista delle macchine speciali – diventare cronista del suo stesso strazio. Continua »

    Quello che resta nel taccuino
  • Luglio 1992

    Palermo aveva l’aria intrisa di sangue.
    Sul cadavere del figlio era
    il lutto della madre in ginocchio
    il vetro che si frantuma in troppe schegge
    l’albero che si ritrova all’improvviso orfano di tutte le sue foglie

    Cinque minuti prima, era sempre il 1992, era sempre luglio e io avevo: diciotto anni, gli esami di maturità, i familiari in montagna, la casa tutta per me. Stavo parlando al telefono con Simona Boscolo Bragadin, una mia compagna di classe. Continua »

    Palermo
  • “L’uomo di vetro” all’Arena “La Favorita”

    La Presidenza della Regione Siciliana ha organizzato per questa sera alle ore 21:15 la proiezione gratuita del film L’uomo di vetro presso l’Arena “La Favorita” (via della Resurrezione, 10) nel ricordo della strage di via D´Amelio che costò la vita al giudice Borsellino e agli agenti della scorta.

    La pellicola, che racconta la toccante vicenda del pentito di mafia Leonardo Vitale, ha ottenuto unanime consenso di critica in Italia, ricevendo il Premio speciale della giuria internazionale del Festival di Taormina ed è stata inoltre selezionata dagli organizzatori del Festival di Montreal e dell´Efebo d´oro di Agrigento.

    Dopo la proiezione il Presidente della Regione consegnerà dei riconoscimenti sia al regista Incerti che al co-sceneggiatore nonché autore dell’omonimo libro da cui il film è stato tratto Salvatore Parlagreco. Saranno premiati anche gli interpreti principali David Coco e Tony Sperandeo che per la circostanza saranno presenti.

    Palermo
  • Partiti i lavori per lo svincolo Perpignano

    Sono iniziati in viale Regione Siciliana, all’incrocio con via Perpignano, i lavori per la realizzazione del nuovo sottopasso che eliminerà l’attuale incrocio semaforico lungo la circonvallazione. L’opera ha un costo complessivo di 23,8 milioni di euro.

    Le maestranze della ditta appaltatrice hanno delimitato la prima parte dell’area di cantiere accanto alla corsia secondaria lato mare, in uno spazio che si trova all’esterno della sede stradale. Le prime settimane d’attività saranno dedicate ai sondaggi necessari per lo spostamento delle reti di sottosuolo, con scavi che riguarderanno soltanto brevi tratti di semicarreggiata nelle corsie laterali. Limitazioni al traffico di maggiore entità entreranno in vigore, invece, dopo l’estate.

    L’allestimento del cantiere è stato preceduto dai vari rilievi metrici preliminari, effettuati in loco, e da un ciclo di incontri tecnici per pianificare la regolamentazione del traffico da adottare durante i 730 giorni di lavori previsti.

    Palermo
  • Com’è bella l’Università

    L’altro giorno ero in spiaggia, intento a spolparmi l’ennesimo libro ironicochefapensare tipico di noi trentenni abbuttati, quando a un certo punto ti arrivano ragazzetto e ragazzetta in odore di maturità appena raggiunta, tutti priati e sorridenti.
    Da buon partannese quale io sono ho mandato al diavolo il libro ironicounpo’asinistra e ho iniziato ad ascoltare la conversazione che aveva come soggetto: dove mi iscrivo all’uni?
    Lui aveva le idee chiare: giurisprudenza. Il ragazzetto coi capelli “rasta ma non troppo” se la vedrà coi tomi di Diritto privato, tra scalinate antiche e aule reverenziali. La ragazzetta, abile disegnatrice di pupini giapponesi sul diario era più incerta. Diciamo che avrebbe racchiuso volentieri tutte le facoltà di Palermo in venti esami. Le sue passioni spaziavano dalla storia dell’arte alla botanica, dall’informatica alle lingue straniere, senza dimenticare l’immancabile passione per la veterinaria, che però a ‘sto punto scusa è come fare medicina tanto vale fare medicina a ‘sto punto no? Disse. Continua »

    Palermo
  • Quindici anni dopo, Palermo e Borsellino

    Paolo Borsellino

    Quindici anni fa un’autobomba in via D’Amelio uccise il giudice Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cusina e Claudio Traina.

    È in corso e proseguirà fino alle 6:00 la veglia in via D’Amelio aperta da Rita Borsellino, scandita ogni ora da una testimonianza.

    Durante le ore mattutine e pomeridiane la via D’Amelio sarà aperta alla visita della cittadinanza, con momenti di incontro e di commemorazione.

    L’Associazione Nazionale Magistrati di Palermo commemorerà le vittime alle 11:00 nell’aula magna del Palazzo di giustizia alla presenza del presidente del Senato Franco Marini.

    Alle 19:15 si svolgerà la messa presso la Chiesa del Don Orione (via Ammiraglio Rizzo).

    Alle 20:30 partirà da piazza Vittorio Veneto la fiaccolata di Azione Giovani e Azione Universitaria che si concluderà in via D’Amelio. Saranno presenti il presidente di Alleanza Nazionale Gianfranco Fini e il vicepresidente della Camera e presidente di Azione Giovani Giorgia Meloni.

    Alle 21:00 si svolgerà alla Biblioteca comunale (piazza Casa Professa, 1) l’incontro Legami di memoria tra ragione e sentimento.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram