27°C
martedì 23 lug

Archivio del 4 Maggio 2012

  • Immagino una Palermo VIVA

    Il valore aggiunto della mia candidatura è il carattere civico. Sono un cittadino senza tessere di partito che si candida ad essere sindaco, lontano da logiche che hanno, sino ad oggi, mortificato la gestione della cosa pubblica. Il fallimento della vecchia politica lo si ritrova nei conti in rosso del Comune, nello sperpero di denaro pubblico, nella gestione clientelare delle assunzioni. Quanto accaduto a livello nazionale deve essere guardato da tutti come monito e indirizzo: il governo Monti si muove seguendo il criterio della competenza. Nessuna recriminazione politica nelle nomine dei ministri ma prioritario è solo il principio della competenza. Così noi vogliamo fare per la nostra Palermo. Superare le divisioni partitiche e lavorare ad un progetto che guardi unicamente al bene comune. Siamo stati chiamati a risolvere problemi e non a creare aspettative.
    Una lista civica, Lista Costa, e i partiti Udc, Grande Sud, Pdl e La Destra hanno deciso di appoggiare il progetto. C’è stato il massimo della lealtà e della chiarezza nei confronti di queste forze politiche. Abbiamo parlato di un progetto inclusivo come anche di nomine sganciate da logiche di partito. Aderendo a questo progetto Pdl, Grande Sud, Udc e La Destra hanno dimostrato grande maturità e consapevolezza. Continua »

    Palermo
  • Tante piccole rivoluzioni

    Tante piccole rivoluzioni, tanti piccoli cambiamenti che uno dopo l’altro possano fare rinascere la nostra città. È questa la mia idea per Palermo. Nessuna bacchetta magica, nessun libro dei sogni, nessun salto nel vuoto, ma un progetto concreto nato dall’amore per la mia città.

    Chi diventerà sindaco avrà un compito difficile e una lunga strada davanti a sé, io metto a disposizione la mia esperienza e la conoscenza della macchina amministrativa per avviare un percorso di rinascita.

    È vero, ho ricoperto l’incarico di vicesindaco nella passata amministrazione, ma proprio per questo ho imparato cosa non fare, come non agire. Ho rimesso l’incarico quando ho visto che, per i giochi della politica, non mi era più concesso di realizzare progetti concreti per la città. Continua »

    Ospiti
  • Palermo sarà bellissima

    Nei miei primi cento giorni da sindaco mi toccherà risollevare Palermo dal disastro lasciato dalla precedente amministrazione targata Pdl. Sarà un compito difficile, ma assieme alla squadra di assessori che ho già designato metteremo le basi per un progetto di rinascita che conta sui cinque anni di amministrazione, anche se sarà importante partire bene fin da subito. I primi cento giorni di sindacatura saranno dunque importantissimi in vista del riassetto della macchina comunale. Ho già chiaro in mente il piano d’azione da mettere in pratica una volta entrato a Palazzo delle Aquile con la coalizione che mi sostiene: bisogna affrontare il nodo delle società Partecipate del Comune, dare una soluzione all’annosa emergenza rifiuti istituendo anche un assessorato al Decoro urbano, agire sulla viabilità urbana iniziando ad abolire le “zone blu” per il parcheggio, dare una spinta alla ricerca e allo sviluppo affidando un assessorato direttamente all’Università. Continua »

    Ospiti
  • Amunì Palermo…

    Cari amici miei, so bene di scrivervi mentre siete stanchi. So che c’è chi è in ansia per il rischio di perdere il lavoro, per un figlio disoccupato, per la cattiva assistenza a un familiare ammalato, per una rata del mutuo che sta per scadere e si avvicina come un treno in corsa. So com’è. E so anche che in molti di voi cresce un senso di resa come di chi non ce la fa più perché ogni notizia, ogni tg, tolgono un pezzetto della sicurezza con la quale vorreste proteggere la vostra famiglia. So che questo vi fa insofferenti e refrattari alle “solite cose”, ai “soliti discorsi”.
    Naturalmente non posso che essere d’accordo con voi.

    Ma una città, la nostra città, non può essere presa per stanchezza. Non può precipitare nel futuro.
    Meno che mai con un passato prestigioso come il nostro, quello che, tradizionalmente, ci fa orgogliosi di essere palermitani, forse più propensi a dire Forza Palermo che Viva l’Italia. Continua »

    Ospiti
  • Giù le mani da Palermo!

    Ho scelto di mettere a servizio la mia esperienza e la mia passione perché ancora una volta dobbiamo affermare il nostro diritto ad essere protagonisti della nostra vita, per fare e vivere insieme scelte fondamentali per il presente e per il futuro. Giù le mani da Palermo!

    Il Comune deve essere il luogo in cui esperienza, competenza, amore per la città, professionalità e relazioni internazionali si incontrano per unire visione del futuro e azione nel presente, per cambiare Palermo e migliorare la vita di tutti i suoi cittadini, proprio tutti, di tutti coloro che a Palermo vivono.

    La nuova Amministrazione comunale si muoverà su alcuni punti cardine in tutti i settori: promuovere sviluppo e lavoro, tagliare gli sprechi e riorganizzare la macchina comunale, premiare i meriti sanzionando il clientelismo, garantire efficienza nei servizi offrendo pari opportunità e pari accesso a tutti, agire secondo piani strategici e con Patti che favoriscano la partecipazione di tutti. Da Sindaco, stipulerò un Patto con la Palermo produttiva, colta e solidale.

    La città vive una crisi profonda, ma dobbiamo avere fiducia nel futuro. Continua »

    Ospiti
  • Maggio: ci sono le elezioni!

    Si vota per il nuovo Sindaco di Palermo e il nuovo Mayor of London, il Consiglio Comunale e la London-Wide Assembly, i Rappresentanti di Circoscrizione e i membri della Constituency London Assembly. La poll card per le elezioni inglesi mi arriva con un mese di anticipo, la cartolina elettorale che mi consente di avere lo sconto per andare a votare a Palermo solo con due settimane di anticipo, quando i biglietti per l’aereo sono ormai quadruplicati. Ma magari la colpa è delle poste, non del comune. Pazienza.

    Palermo: cartelloni sei per tre con faccioni sorridenti ad ogni angolo. “Scandalo” per poster appesi senza permesso. “Santini” nella buca delle lettere, scambiati fra persone che si incontrano al bar come se fossero biglietti da visita. Qualcuno li colleziona per vedere quanti dei suoi diretti conoscenti, o amici di amici, si sono candidati (ciao mamma).
    Londra: non ci sono cartelloni affissi da partiti o candidati. Forse costano troppo, forse non sono efficaci. In compenso fuori dalla metro ti cercano di distribuire oggettini più o meno utili che promuovono un candidato o un altro: la bustina porta abbonamento, il segnalibro. Non si vedono volantini, né a dimensione santino, né più grandi. Ma ci sono “fanatici” che urlano perché devi votare tizio o caio, e sono fastidiosi. Continua »

    Ospiti
  • Teniamo aperte le tendine ai seggi

    Per chi ha problemi per arrivare a fine mese, tutti i mesi, il voto può essere considerato un bene di lusso da cedere al miglior offerente. A Palermo è sempre stato così e molte carriere politiche sono state costruite su questo voto a perdere. «Ad una cattiva raccolta di voti corrisponde una cattiva democrazia» diceva Libero Grassi.

    Come si potrebbe allora, in modo semplice ed efficace, contribuire a migliorare la qualità del consenso? Il Movimento 5 Stelle ha appena proposto al Prefetto, al Questore e al Commissario Straordinario al Comune di Palermo il rimedio più semplice: tenere aperte le tendine ai seggi. Continua »

    Palermo
  • A luglio tornerà il “Sole Luna Festival”

    Anche quest’anno Palermo è lo scenario dell’incontro tra diverse culture del mondo che si ritroveranno in città, ogni sera, dal 6 al 13 luglio, in occasione della settima edizione del Sole Luna Festival, festival internazionale di documentari.

    Realizzato dall’Associazione “Sole Luna un ponte tra le culture” l’evento ha il patrocinio, tra gli altri, del Ministero degli Affari Esteri, dell’Università di Palermo, della Presidenza della Regione Siciliana e dell’Ars.

    Il festival prevede un primo premio per il miglior film in concorso pari a tremila euro. Continua »

    Palermo, Rosalio
  • Cracolici attacca Orlando: “A cena con i pm che indagano sui brogli”

    Durante una manifestazione elettorale a sostegno di Fabrizio Ferrandelli ieri il capogruppo del Partito Democratico all’Ars Antonello Cracolici ha attaccato il candidato a sindaco Leoluca Orlando. Cracolici ha detto che Orlando e i pm che si occupano dei presunti brogli alle primarie del centrosinistra dello scorso marzo erano insieme a una cena a Mondello sabato scorso.

    Il procuratore aggiunto di Palermo Maurizio Scalia ha precisato la natura privata e non elettorale della cena.

    Palermo
  • Chiesta riapertura delle indagini sull’aereo di Montagna Longa

    È stata chiesta la riapertura delle indagini per il disastro aereo del 5 maggio 1972 in cui un DC-8 dell’Alitalia si schiantò contro Montagna Longa (Carini) provocando 115 morti.

    Alcuni elementi non sarebbero stati approfonditi e in alcune foto scattate all’indomani della sciagura si vedono dei fori sulle ali compatibili con proiettili.

    La richiesta è stata avanzata da uno dei parenti delle vittime, Antonio Borzì che nel disastro perse il fratello Rosario.

    Blog sul disastro aereo di Montagna Longa.

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram