15°C
mercoledì 29 gen
  • arancine

    I Soldi Spicci realizzano un’inchiesta sull’arancina

    Il duo comico de I Soldi Spicci ha realizzato un’inchiesta sulla corretta denominazione dell’arancina.

    L'inchiesta Arancino/Arancina – iSoldiSpicci

    Tutta la verità sull'eterna lotta tra Arancino e Arancina

    Posted by I Soldi Spicci on Thursday, December 12, 2019

    Palermo
  • 5 commenti a “I Soldi Spicci realizzano un’inchiesta sull’arancina”

    1. AAArancinAAA e bastaa ! Aranciana è piu da Macho..ArancinA perchè la fai TuA..ArancinAmmhmmh quando la porti ai denti…..mi deludono questi Catanesi non tanto perchè la chiamano ArancinOO ma perchè forse incosciamente la fanno pure a punta appunto come il Fallo…

    2. Non ne farei una questione linguistica – perlomeno non solamente – quanto di origine. Se l’arancina è stata inventata a Palermo, quindi dai cuochi di corte di Federico II che a loro volta hanno ripreso l’usanza araba accennata all’inizio di questo video, la forma lessicale corretta è arancina, picchì m’Paliemmu arancia piccola in dialetto si dice arancina. Se l’arancina nasce a Palermo. Se l’arancina nasce a Catania il discorso cambia ma se l’arancina nasce a Palermo, l’arancino si può chiamare benissimo supplì ché tanto è la stessa cosa.

    3. ArancinOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

    4. chi ha deciso che l’arancino/a e’ nato a Palermo?

      FONTI?

    5. Misericordia.
      ArancinA e ArancinO sono due cose DIFFERENTI.
      Hanno si la stessa base ma, per tradizioni, influenze diverse etc, presentano una diversità sostanziale.
      Ragion per cui, a chi scassa il membro sull’eterna diatriba, ho sempre risposto che è inutile e sterile in quanto quella che fanno a Palermo è ARANCINA, quella che fanno a Catania è ARANCINO.

      È la stessa cosa del famoso e buonissimo arrosto alla palermitana. Non è che siccome esiste, in altre varianti e in altre regioni una fetta di carne arrostita con panatura, allora non possa esistere anche la variante, che ne so, alla barese. Come la cotoletta. C’è la milanese, la viennese, che hanno procedimenti simili ma differiscono in qualche ingrediente e modalità di panatura e cottura.
      Perciò, considerateli come due alimenti DISTINTI.
      Perché distinti sono. E buoni entrambi.

      Ite, Missa est.

  • Lascia un commento (policy dei commenti)

x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram