19°C
sabato 24 ott
  • Lo scandalo dei Rotoli, cinquecento bare in attesa di sepoltura

    Tangenti ai Rotoli, arrestato l’ex direttore

    L’ex direttore del cimitero dei Rotoli Cosimo De Roberto è stato arrestato con l’accusa di corruzione e concussione. Gli inquirenti ipotizzano che venissero pagate delle somme (anche 800 euro) per alterare la lista delle priorità delle sepolture.

    Nei mesi scorsi erano stati presentati più esposti in Procura. Nel cimitero giacciono da mesi più di 500 bare insepolte.

    AGGIORNAMENTO: il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha rilasciato una dichiarazione.
    «Proprio ieri su mia richiesta è stato revocato l’incarico di direttore del Cimitero al funzionario che aveva preso il posto del dipendente posto oggi agli arresti domiciliari. Lo stesso direttore è stato trasferito ad altra Area dell’amministrazione per il ripetuto ostacolo frapposto alla piena esecuzione delle mie ordinanze, non ultimo il mancato avvio delle attività di esumazione dai campi più vecchi del cimitero, operazione che renderebbe disponibili centinaia di sepolture. È evidente che la situazione di emergenza al cimitero è stata alimentata da interessi e comportamenti certamente in conflitto con l’interesse della comunità, oltre che contro le disposizioni dell’amministrazione comunale. Anche per questo, oltre che del direttore, ho disposto la massiccia rotazione del personale. Non possiamo quindi che esprimere il più vivo apprezzamento a tutte le attività di indagine rivolte ad accertare responsabilità di chiunque e cui ovviamente l’amministrazione collabora e collaborerà».

    Palermo
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.

x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram