mercoledì 22 nov
  • Tanta nostalgia degli anni ’90

    • Di “Harry ti presento Sally”
    • Del “Liberty pub”
    • Del mondo senza Google
    • Della partecipazione politica
    • Della partecipazione politica contro la mafia
    • Di Nick Cave che mangia le cose siciliane nelle taverne dei nostri vicoli e “nessuno lo sa
    • Delle giostre del foro italico
    • Della bolla del Nasdaq
    • Dell’apertura e del multiculturalismo
    • Di un bel piatto di pasta con le patate “aggrassate” dal bersagliere
    • Delle “Cattive”
    • Di Pinter che litiga con gli spettatori del Biondo “perché non capiscono un ca..o
    • Di “passaggio dei poeti”
    • Del rumore dei modem 56k
    • Di quando dallo zio Caliddo uscivi sazio
    • Delle gif animate
    • Delle Edizioni della Battaglia
    • Di Friends
    • Di quando tutti volevano fare i “web content manager”
    • Del capello unto di Orlando
    • Di Scienze della Comunicazione
    • Delle tabelle delle strade della nostra città in arabo ed ebraico
    • Di Camp David
    • Della nostra ingenuità
    • Di Antonino Caponnetto
    • Della Magione senza prato
    • Di quel tale che cantava Mina “preciso” (di sicuro sfonderà)
    • Di IRC
    • Di Alex Langer
    • Di Simona, che adesso chissà dov’è
    • Della “specialità” di Palermo che essendo speciale voleva diventare “normale” e forse c’è pure riuscita
    • Di Generazione X (la prima edizione, quella Interno Giallo)
    • Della tariffa rossa (che se ti scappava una telefonata durante il giorno erano due mila lire al minuto)
    • Dei “Figli del Papa”
    • Di “Proxima Estación: Esperanza” che tutto sommato era un bellissimo titolo
    • Del mondo così com’era fino al 10 Settembre 2001 a cui possiamo persino perdonare di essere passato.

    Ps: (In questo post non ci sono link, perché negli anni novanta, no, non li avremmo proprio messi).

    Palermo
  • 68 commenti a “Tanta nostalgia degli anni ’90”

    1. 35. Del mondo così com’era fino al 10 Settembre 2002 a cui possiamo persino perdonare di essere passato.

      … perché, ciccio, che ci fu?

    2. Cacchio, 2001!

    3. Ciccio ma io e tu alla fine siamo dei web content manager no? 😛

    4. La categoria dei web content manager funziona come l’IRA, una volta arruolati non se ne può più uscire 😉

    5. anche….dei primi cellulari che sembravano “mattoni”, il mio primo motorola costò unmilioneduecentomilalire!!!!!!!!!!!;-)

    6. …del bar fly e dei teatranti che abitavano a Mondello, delle panchine di villa sperlinga che hanno cresciuto generazioni di impasticcati e border line e del quinto mondo perchè la favorita non sembrava poi così lontana, del mercato dei morti alla kalsa dove ci compravamo i cappotti a mille lire.

    7. “Robinson” quando era ancora una bettola malfamata. Del “fuso orario” con ancora il nulla intorno. Della lancia delta integrale e dei motori aprilia 125 che andavano come razzi.
      Bello questo post nostalgico.

    8. E di “Cuore”. Mamma mia, lacrimuccia.

    9. bello no, ca**o…mi fa sentire vecchio. già avere festeggiato i 10 anni di mio nipote e avere realizzato che l’anno prossimo andrà in prima media mi ha fatto venire i brividi. non vi rischiate più a mettere post del genere. e a nominare cuore. qualcuno mi uccida. ADESSO!

    10. …dei miei diciotto anni e non aggiungo altro! 🙂

    11. Di Twin Peaks, Star Trek: TNG, e Star Trek: DS9! 😛

    12. Dei lenti che non ballavo mai

    13. Delle lezioni di Matematica Generale, matricola pari, alle otto del mattino ad Economia. Si arrivava tardi anche con la vespa special bianca di antonio

    14. Delle partite a carte durante l’occupazione al Cannizzaro, del sabato pomeriggio al Cerchio o al Paramatta, delle prevendite vendute durante la ricreazione, delle prime uscite il sabato sera alla panineria Paprika, dei concerti di Massimo con i Blind Pigs e le cover dei Nirvana..

    15. ah, come gli anni ottanta, allora…

    16. I POST 90ntini
      ..le stragi di Falcone e Borsellino
      ..le lenzuola stese ai balconi
      …i cortei fiume
      ..Salvo Lima steso a Mondello e la Primavera di Palermo
      …tangentopoli
      sembrava una città che si risvegliava dopo un lungo letargo.
      e invece mi sbagliavo a leggere i vostri post…
      L’AMBULANTE

    17. Lo sconforto per Falcone e Borsellino ed il sostegno morale ricevuto dai colleghi e dagli amici milanesi. La primavera di Palermo vissuta sui giornali, chissà com’era! Le tante valli alpine e il Bloom di Mezzago. Battiato finalmente senza barba che canta l’Animale nei giardini della Villa Reale di Monza. Lo shamanesimo e l’angoscia post-moderna. Le amabili discussioni d’estetica estatica con Ma Anand Tea, una tecnologia per l’anima. Giuni Russo dopo tanti anni ritorna a cantare in pubblico, chiesa di Villasanta (commozione).

    18. Le riunioni in via Pascoli, i fucili dell’esercito davanti l’albero Falcone pianta. L’albero Falcone associazione, la fiat Croma, Il Teatro Massimo lurido di smog, Lo spasimo, Via Roma a doppio senso, il mac donalds in piazza castelnuovo
      Il gelato al caffè in via Libertà, il caffè all’extrabar, Il mercoledì all’axis. la musica unz unz

    19. le ultime materie, la laurea, il lavoro, la morte di papà, il matrimonio, i pannolini…

    20. – Del Palermo in serie C.
      – Di un unico “Ganci & Figli”.
      – Di quando in giro c’erano i “si” ed i “pegiottini”.
      – Di quando Pippo Baudo presentava tutto.
      – Di quando con la confezione della sorpresa degli ovetti kinder ci potevi “sparare”
      – Della Fine della D.C.,del P.C.I.,del M.S.I. (ma com’è che i politici ci sono tutti ancora?).

    21. – di Leoluca Orlando

    22. …del cornettaro dietro il palazzo di giustizia…
      ..di giurisprudenza occupata…
      dei mondiali “Italia 90”.. quando si andava a festeggiare sotto casa Schillaci…
      …della mia partenza per il servizio militare, pochi giornio dopo l’inizio della guerra in Irak…

    23. – Mediterraneo di Gabriele Salvatores
      – Massimo Troisi
      – La vita è bella di Roberto Benigni

    24. la nostalgia per il tempo passato mai sarà maggiore della voglia di vivere il presente e costruire il mio futuro.

      poi secondo me gli aspiranti web content erano tutti dei cretini che non facevano altro che stare 24 ore su 24 a navigare su internet chattando con irc… che si erano costruiti l’aspirazione di un lavoro che si svolgesse stando seduti al pc.
      e tutto intorno non era niente, non era valido, non era interessante.

      chi non condivideva l’allucinazione per internet era un poveretto che non capiva niente.

    25. … dell’Avenida in Via Venezia quando c’era anche ancora il chiosco all’angolo di Via Roma dove, con i pochi soldi che avevi, compravi le bibite a 1000-2000 lire per metterti poi davanti all’Avenida e divertirti in mezzo alla folla!
      … del Cassarò che diventò zona pedonale ogni sabato sera con Egimar e tanti altri che suonavano & ballavano su & giù per il Corso!

    26. Brumbrum hai appena dato dei cretini a me e a Ciccio. 😛
      Giusto per precisare: partendo da quelle aspirazioni noi ci stiamo anche vivendo dei proventi di quello che sono diventate.

    27. delle cassette dei Queen, del cartoccio fritto con la ricotta a 800 lire, della ricreazione a Villa Bonanno, del film al Nazionale il sabato pomeriggio.

    28. – Di quando con la confezione della sorpresa degli ovetti kinder ci potevi “sparare”

      parliamone

    29. Seconda metà anni ’90, sul Newsgroup di Musicoterapia i musiclassici litigavano con i musishamani e gli psicologi con i pedagogisti, passavano le ore e i giorni e i mesi online. Gente si innamorava e gente si odiava: un’allucinazione collettiva stando alle tue parole. Alcuni di loro, sparsi nel CentroNord Italia, trovano delle speciali affinità e creano un sito per scambire campioni sonori generati via software. Uno di loro, un musicista e matematico che vive isolato in cima all’Appennino Emiliano, decide di imparare il linguaggio C++ e in qualche anno diventa noto in tutto il mondo per la qualità e l’originalità dei suoi strumenti musicali virtuali. Per non dire della chat, grazie alla quale ho vissuto esperienze magnifiche e stupefacenti e ti assicuro che la parte reale della mia vita non è stata e non è noiosa ed insignificante, per così dire, oltre ad essere uno strumento di lavoro insieme ai forum. L’allucinazione mi ha aiutato ad acquisire una posizione di rilievo nel mio lavoro precedente e poi a riciclarmi in un nuovo lavoro. Naufraghi del net è una cosa, in cerca di serendipity è altra cosa.

    30. di quando, finita l’ondata anni ’80 “il mondo è una giungla”, cominciava il fuzzy-pensiero e, a seguire, la moda “il mondo è tuo”.
      dei sogni che giacevano tra i libri che apri ancora oggi per ritrovarli integri (… i sogni)
      delle passeggiate mattiniere domenico-primaverili in cui riscoprivi il centro
      delle serate passate al vecchio masnada dove si faceva musica dal vivo
      della prima volta che corso vittorio emanuele divenne a senso unico
      dell’albero di natale sospeso tra i quattro canti

    31. L’Avenida!

    32. Di “Titanic” e delle lettere che si spedivano ancora per posta.

    33. Delle prime canne, quando ancora facevano effetto…

    34. in poche parole: siamo tutti dei vecchiacci?!?!?

    35. no, siete tutti dei bambini… ah, gli anni 70 e 80… quelli sì! 😛

    36. i power rangers, le tartarughe ninja, i tamagotchi, lo yo-yo, i pog, e poi il paramatta, i tre quarti, i felponi extra large, gli oakley, il game boy, il 486 con 8 Mhz di ram…

    37. Io…ancora in Sicilia… senza la rabbia per essermene andata…

    38. C…zo!! quando avrete 60 anni come me allora vi piangerete addosso per tutti i ricordi!!
      cercate di vivere per il domani è solo quello che conta.

    39. ..gonzaga e ancelle…il mister che faceva il pane e panelle…cofea in via libertà con la cassiera più mostruosa del mondo…le crepes alla nutella di masetto al maracanà…Antonio Albanese e Aldo Giovanni e Giacomo a Mai dire Gol..gli Sketch di Sergio Friscia e Cassarà su trm…gli uni posca e lo zaino invicta blu e arancione….

    40. Prima la forma del contenitore della sorpresa dell’ovetto kinder era differente e potevi pressare da una parte per “sparare” il tappo lontanto… ora non più… han detto che era pericoloso… come hanno cambiato anche la foto del bambino che faceva il testimonial per loro http://www.bambinokinder.splinder.com/

    41. E come non ricordare…”quattro pacchi di sale mille lire”?

    42. l’amiga 1200 e l’abbonamento ad internet a pagamento (oltre le telefonate!!)
      e pomeriggi all’axys e il sabato in “via principe”
      i primi telefoni cordless
      lo zebrino da benny, quando faceva anche i dolci (oggi solo ottime pizzette)
      la maturità e l’università

      ah gli anni 90! e gli 80?

    43. Ma al nord si mangia?

      Non sono mai passato da Milano o Torino.
      Conto di farlo entro il 2007 a dir la verità… però un dubbio ultimamente mi assale.
      Ogni volta che mia sorella e il suo ragazzo tornano da Milano, il primo posto che visitano (ormai è praticamente un ri…

    44. le gif animate non sono anni 90 :S

    45. meglio gli 80!!!

    46. i cartocci con salsa rosa dello Skorpio, il ballo del cammello, la fenie della scuola e l’inizio della fiera del mediterraneo, i waffel della creperia porticello, gli anelloni di plastica colorati, i maglioni a rete e i jeans a zampa d’elefante, Notti Magiche, pizza taxi, il rossetto debby, cioè ( prima di Terry Maloscia), lo zio tibia…

    47. Non aggiungo. ma cito: il Barfly, Robinson, Mediterraneo, Troisi…
      E Nick Cave, che sapevamo che era Nick Cave, ma proprio perchè sapevamo che era Nick Cave, facevamo finta che non fosse Nick Cave, ma uno sfacciallitto come noi, che ci sentivamo tutti un pò Nick Cave.

    48. a proposito di comici…chi si ricorda quel tappetto con il parrucchino?

      quello che si sentiva superman e che sparava cazz++++, quella specie di gangster che diceva meno tasse, meno stato (meno stato per rubare più facilmente)?

    49. Il palermo raid organizzato da radio time……

    50. ehm….io ho ancora la tariffa rossa!

    51. di napster e mIRC

    52. DELLE CABINE TELEFONICHE SIP e DELLE RELATIVE SCHEDE PREPAGATE

    53. Lo sanno tutti che si stava meglio quando si stava peggio… io non so che darei per rivivere gli anni ’90, le prime uscite con gli amici, il mio zip fast rider giallo che mi portava ovunque con qualunque condizione climatica, la spensieratezza degli anni della scuola, le estati che duravano veramente 3 mesi e non un paio di settimane di ferie, e tante, tante altre cose…

      @peppe: il 486 probabilmente aveva 8Mb di Ram, non Mhz… 🙂 – Negli anni ’90 li ho avuti tuttii processori, a partire dall’8086 con 512Kb di Ram. Ricordo ancora quasi tutti i comandi del dos e le lotte con il file config.sys per avere piu` memoria disponibile per far girare i giochi…

    54. ciao francesco mangiapane, quelo che imitava mina era per caso il tizio delle “mine vaganti”?

    55. Gheddafi ti invito a non utilizzare così il maiuscolo (equivale a urlare). Grazie.

    56. tanta nostalgia forse perchè eravamo più giovani di 20 anni, magari tra 20 anni diremo ‘ti ricordi il 2012………..’

    57. e come dimenticare le mitiche adidas torsion, io ne avevo un paio fantastiche e mie fratello se le fece fottere in campeggio…

    58. …del Dolomite smanicato dai colori anni 90
      ….dell’underground made in PA dei TIPICAL
      …e della LIRA, solo a pronunciarla mi viene un senso di nostalgia, che le 50milalire in tasca il sabato sera non finivano mai

    59. Rosalio ma quanto sei pignolo!
      Nostalgia del Commodore 64, quando si scriveva solo MAIUSCOLO!!

    60. Del fronte della gioventu’ con sede a piazza politeama e dell impegno antimafia

    61. …poi sfociato nel voto a Dell’Utri, Berlusconi & co.

    62. Le cadute con la bicicletta e i lividi alle ginocchia. L’amiga 500 con Clown Mania, Pang e Golden Axe. Guardare i film “DI SPAVENTARE” con i cugini più grandi. I calci al supertele che mi facevano sentire fortissima. Tutti e 4 seduti a tavola per ogni pranzo e ogni cena…

    63. maa qualche dettaglio in più su sta cosa di nick cave?

    64. fateci caso: l’operazione nostalgia abbraccia i venti anni precedenti. negli anni 80 sono tornati di moda i vari sapore di mare, gino paoli e i ’60; negli anni 90 con “anima mia” sono tornati in voga i ’70; negli anni 2000 si ritorna agli ’80; adesso, nel 2012, si riparla dei ’90.
      p.s. anch’io sono curioso su nick cave

    65. Quando via Candelai era ancora decente; il vecchio PUB 88; le retate della polizia al Malox; il Blumix in via Venezia accanto l’Avenida; il Malaluna; il Cimitero PUB; l’occupazione al Vittorio Emanuele III; il Booster MBK; le scarpe CULT con la punta di ferro; la cassetta Hit Mania Dance ’95 (The Color Inside dei TIPICAL era la mia preferita); la taverna azzurra della vucciria che chiudeva alle 21:30/22 e il sabato sera la gente lì si contava; L’Ora d’Aria in via libertà; Radio Italia Network Mastermix; il motel agip senza il sottopassaggio; la strada davanti il tribunale;

    66. ..quando il Montevergini era centro sociale con i suoi concerti metal e punk..

    67. raga’,via arimondi con l’alibi,e l’art pub 100 metri piu’ avanti.un tappeto di gente

    Lascia un commento (policy dei commenti)