sabato 29 nov

Archivio del 4 giugno 2007

  • 50 is burning, l’audio

    Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

    Scarica 50 is burning.

    Palermo
  • La memoria e la retorica

    Il 23 maggio scorso ho visto la sincerità ingenua di molti bambini, all’albero “Falcone”, e la furbizia di troppi grandi. Aveva ragione Giorgio Bocca: “Gli italiani preferiscono l’eroe morto”. Perché quando è vivo rischia di essere additato come un rompiballe o un comunista, dipende dal vento e dalle circostanze. Ho messo fortunatamente le mani su un libro di un grande cronista – si chiama Giommaria Monti – che parla di Giovanni Falcone (soprattutto) e Paolo Borsellino. Lo trovate in edicola a poco più di sei euro (Falcone e Borsellino, la tragedia e le calunnie). È una raccolta preziosa di documenti. Si trova l’esposto al Csm di Orlando, il resoconto esatto della dichiarazione sui cassetti della Procura. Ci sono gli articoli dei fondisti che criticarono Falcone, quando a sinistra videro non certo di buon occhio la sua contiguità col ministro Martelli. Ci sono commenti di giornali di destra e di centro, in cui si imputa a Falcone e De Gennaro il fallimento dell’antimafia. C’è un pezzo in cui il giudice viene accusato di presenzialismo. Ci sono riconoscimenti “doverosi” alla sagacia del giudice Carnevale. E ci sono i verbali del Csm: leggere per credere e registrare i livelli di opposizione contro chi cercava di fare il suo dovere. Probabilmente, Giovanni Falcone non era infallibile e qualcosa l’avrà sbagliata pure lui: sarebbe un torto postumo al suo carisma, al suo impegno e alla sua intelligenza dichiararlo santo. Tuttavia, non è questo il punto. Continua »

    Ospiti
  • Al via la XIX^ “Targa Florio”

    Parte oggi la diciannovesima edizione del Giro di Sicilia – Targa Florio, organizzato dal Veteran Car Club Panormus. La competizione si concluderà l’11 giugno.

    Ieri sono arrivati gli equipaggi; stamattina dalle 10:00 si svolgerà il prologo con la Scalata del Monte Pellegrino (lato Valdesi) e alle 20:30 ci sarà il via ufficiale a piazza Massimo. Sette tappe porteranno all’attraversamento dei principali centri dell’Isola, lungo un percorso di circa 1100 chilometri.

    Debutta su strada la Ferrari P4/5 dell’americano James Glickenhaus, una vettura moderna che richiama i prototipi della degli anni ’60, disegnata e realizzata in un unico esemplare da Pininfarina.

    Palermo
  • Casting per “C’era una volta in Sicilia”

    Da oggi e fino al 10 giugno al Nuovo Montevergini (piazza Montevergini) dalle 15:00 alle 20:00 si svolgerà il casting per il nuovo film di Marco Amenta C’era una volta in Sicilia che verrà girato a Palermo il prossimo autunno. Il casting è rivolto a giovani dai 7 ai 18 anni.

    Il film parlerà di Rita Atria, la ragazza di Partanna che nel novembre 1991 si presentò ai giudici per denunciare i mafiosi assassini del padre e del fratello. La Atria, che collaborò con Paolo Borsellino, si suicidò a Roma nel luglio 1992, a una settimana di distanza dalla strage di via D’Amelio.

    Palermo
  • Lavori a Mondello: chiuso un tratto di lungomare

    Da oggi a venerdì 8 giugno il cantiere per la rete fognaria di Mondello si sposterà nel tratto di lungomare che va da piazza Valdesi (esclusa) a via principessa Giovanna. L’area verrà transennata e interdetta al passaggio dei veicoli.

    Il progetto complessivo riguarda una trentina di strade e prevede, in totale, 630 rami secondari che consentiranno l’immissione nella rete fognaria delle acque nere provenienti dalle abitazioni.

    È stata riaperta al transito tutta la semicarreggiata di via Margherita di Savoia nel tratto da viale Venere a via Mater Dolorosa, in direzione centro città, dove è stato rifatto il manto stradale in seguito agli scavi per l’ampliamento della rete idrica. In questi giorni verrà ripristinato l’asfalto nel tratto di via Margherita di Savoia vicino a piazza Valdesi, attualmente regolamentato con riduzione di carreggiata, e anche nella parte terminale di via Mater Dolorosa, dove sono rimasti da pavimentare gli ultimi cento metri di strada su mezza carreggiata (circolazione a senso unico alternato).

    I lavori riguardano la realizzazione di oltre 7000 metri di condutture per potenziare la rete idrica di Mondello e Partanna Mondello.

    Palermo