martedì 21 nov
  • 8 commenti a “‘U simenzaru”

    1. 19 Agosto ’07…Ore 16:30…auto incolonnata nel tratto autostradale tra Arezzo e Firenze, di rientro dalla mia splendida Palermo…Seduto dietro spizzico il mio “Coppo” di misto: Simenza, Calia e Nuciddi…
      Le persone delle auto vicine guardano curiose, per capire cosa faccia esattamente, mentre con una mano avvicino il semino, lo schiaccio con i denti e ne assoporo il gusto leggermente salato…
      E sorridono, ma soprattutto mi invidiano questo piccolo passatempo assetante!
      E sfido chiunque a mangiarsi un pacco intero durante il viaggio PA-MI senza bere neanche un goccio d’acqua!
      Ma che bontà…
      Ah, i sapori di Sicilia…

    2. Gran bella foto! Mi è venuta voglia di simenza…

    3. ..ringrazio Rosalio per la pubblicazione del mio scatto! I nostri sapori non si apprezzano fin quando non li si assaggia…spero di invogliare i non palermitani a visitare la nostra città che tra munnizza e traffico caotico qualcosa di buono riesce a produrlo nell’arte culinaria! un saluto a tutti i visitatori di Rosalio.it!

      Alberto!

    4. 🙂
      e ancora ancora convincere qualcuno ad assaggiare la simenza può essere facile: porgi il coppo ed è fatta. Il problema reale arriva volendo far assaggiare pane con la milza, quarume, stigghiola (conserva il plurale neutro in -a dal latino), musso e carcagnola (sempre neutro plurale)…più arte culinaria da munnizza e traffico di così… il problema successivo è poi separare l’amico turista dalla bancarella…

    5. se parliamo di amico. l’amica, magari perennemente a dieta, vivrà il conflitto interiore, soprattutto con la milza, tra cotta con lo strutto vs papille gustative che fanno la ola

    6. Una volta, qualcuno provò a farmi passare la voglia di mangiare semenza portandomi a vedere dove la preparassero…
      Ma io non demordo, la adoro: basta semplicemente non pensarci! 🙂

    7. mha, guarda maria luisa, in teoria, senza andare troppo alle origini, per smettere di mangiare milza, stigghiola, quarume & c. basterebbe andare a vedere dove le cucinano…
      socie onorarie del club dello “zitto e mangia!”

    8. Superlativa… Un sogno…

    Lascia un commento (policy dei commenti)