lunedì 21 ago
  • “Palermo aperta a tutti”

    Inizia oggi Palermo aperta a tutti, un’iniziativa patrocinata dell’assessorato Attività sociali e dell’assessorato Politiche giovanili del Comune di Palermo per aprire monumenti e percorsi della città ai diversamente abili. L’incontro è alle ore 16:00 a piazza Sant’Onofrio (davanti alla chiesa di Sant’Onofrio).

    Sono previsti sei itinerari guidati nel centro storico di Palermo. I percorsi sono stati dotati di scivoli e pedane, così come i monumenti. Saranno accessibili in particolare le chiese di San Giuseppe dei Teatini ai Quattro Canti, San Marco al Capo, Madonna del Ponticello, Santa Maria la Nova e del Carmine a Ballarò.

    “Palermo aperta a tutti”

    L’iniziativa terminerà il 27 ottobre e le visite si svolgeranno il mercoledì mattina e il sabato pomeriggio per una durata di circa 90 minuti. Il biglietto simbolico costa un euro per i diversamente abili, sulla sedia a rotelle, ed è gratuito per i loro accompagnatori. Il ricavato verrà devoluto alla missione di Biagio Conte.

    Durante le visite guidate sarà realizzato un reportage fotografico sulle barriere architettoniche e al termine dell’iniziativa sarà pubblicato e consegnato al Comune un “diario di bordo” affinché adotti i provvedimenti utili a favorire l’autonomia dei disabili.

    L’iniziativa è stata ideata da Igor Gelarda e realizzata in collaborazione con Claudia Bardi e Giovanni Callea.

    Palermo
  • 24 commenti a ““Palermo aperta a tutti””

    1. il cognome dell’organizzatore ( che fra parentesi sono io)è Gelarda e non Gelardi….potreste corregerlo. Grazie

    2. Penso che iniziative di questo tipo siano importantissime per società che si definiscono civili. Complimenti agli organizzatori e a coloro che li hanno sostenuti.

    3. Qual’è il nome dell’organizzazione che organizza questo evento???

    4. Ci scusiamo e abbiamo corretto il nome.
      I primi due commenti a questo post sono stati postati dallo stesso computer.

    5. Spero, mi auguro che questa iniziativa non si limiti ad assicurare l’accessibilità in questi itinerari e solamente per un breve periodo. Palermo nella sua interezza è off-limits per i disabili e perfino per le mamme che portano i bambini in carrozzella. I marciapiedi occupati dagli incivili sono sotto gli occhi di tutti.

    6. l’iniziativa è lodevole per il resto concordo con Zelig: in questa città ogni metro quadro raggiungibile da mezzi a due e/o quattro ruote è letteralmente sotto sequestro.
      Viviamo una costante dicotomia: da un lato buoni spunti che ci fanno confidare in una società più civile, dall’altro la quotidiana “via crucis” tra comportamenti e strutture da terzo mondo.

    7. Il commento dopo il mio è stato postato da uno dei ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa che ha scritto dal mio computer!! Molte delle pedane che stiamo facendo montare resteranno fisse e quindi non sarà una cosa usa e getta valida solo per il mese della nostra iniziativa. In altri casi non è possibile tenere perennemente montate le pedane che però resteranno a disposizione di eventuali utenti disabili. L’associazione che organizza questo evento si chiama “palermo aperta a tutti” e potete contattarci alla nostra email palermoapertaatutti@yahoo.it. Aiutateci a fare un censimento delle barriere architettoniche sparse per la città!

    8. all’organizzatore: non sarebbe state interessante coinvolgere anche associazioni che da anni vivono il problema in maniera diretta offrendo servizi anche ai disabili. Il censimento, oltre a essere fatto dai normodotati, deve essere fatto, secondo me, anche dai disabili e quindi da tutte quelle associazioni che hanno come mission “il supporto” ai disabili. Ne vedo tante impegnate nel sociale.D’altronde il fine è integrare i disabili, no???

    9. A luigi
      Le associazioni sono state coinvolte quasi tutte, attraverso email, ma anche attraverso contatti diretti con i vari presidenti o segretari.Ne ho contattate oltre 20 a Palermo. Quello che dici del loro coinvolgimento è fondamentale, e la mia richiesta di aiuto a fare il censimento è rivolta a tutti: cittadini, associazioni di categoria ma anche pubblica amministrazione

    10. girando per la citta uno si rende conto dei problemi enormi che un diversamente abile deve affrontare nella vita normale,alle volte basterebbe poco per risolvere alcuni problemi, spendono migliaia di euro per una facciata e si confondono per pche centinaia per uno scivolo per disabili!!!!!!!!
      quindi bisogna educare prima le coscienze delle persone, un saluto a tutti.

    11. «Quando con la mia carrozzina vado nei locali percepisco che la gente mi vede come “diverso”, mi pensa come un “impiccio”. Ma io non sono così. Spesso, quando sono a casa, mi metto in mezzo alla stanza da solo. È il mio modo di urlare che ci sono anch’io»

      Mi sono permessa di copiare questa frase perchè rappresenta il disagio che continuamente e per svariati motivi, le persone diversamente abili sono costrette a vivere…
      Sono d’accordo con Zelig, spero anch’io che l’iniziativa non si fermi a questo, è importante fare qualcosa per non far sentire loro un “impiccio”.

    12. Penso proprio che questa iniziativa, siamo una cosa molto interessante per la nostra città piena di problemi, come quello delle persone che stanno in carozzina, è non possono visitare i NOSTRI bellissimi monumenti!!!!!

      In bocca al lupo!!!!

    13. Palermo aperta a tutti è una splendida inziativa, portiamola avanti insieme e sosteniamola NUMEROSI!!!!!
      Abbattiamo le barriere che esistono nella nostra amata Palermo.

      Speriamo!!!!!
      Giusy LIS.

    14. penso che citta’come palermo,dalle origini antichissime sia inaccessibile alle persone portatrici di handicap.iniziative come questa sono veramente degne di lode.
      complimenti…gaetano canciglia

    15. Ho passeggiato per le vie della mia Palermo, alzando gli occhi per ammirare i bei palazzi. Avrei voluto infilarmi nelle viuzze, dove ti gocciolano sulla testa i panni stesi. Ma la mia carrozzina non arriva ovunque e quindi neanche io.
      E torno indietro.
      Grazie a chi sosterrà quest’iniziativa, grazie a chi ci apre nuove strade…

    16. Salve a tutti,
      finalmente un’iniziativa che rende accessibili i luoghi della memoria storica di Palermo!!!
      Ben vengano queste iniziative che aiutano a migliorare la fruizione collettiva di questi beni così preziosi e inaccessibili per taluni…

    17. Io sono nata in questa splendida città ma nn ci vivo … ogni volta che ci ritorno mi da sempre grandi emozioni … ha un’identità forte che si legge nelle strade, nei palazzi, negli occhi della gente. Però nn vi nascondo che nnstante le grandi opere pubbliche di queste ultime amministrazioni, la sua immagine è quella di una città aristocratica in decadenza dove i giovani sono apatici e scontenti ed ho notato che la massa nn l’apprezza come dovrebbe, credo perchè in verità nn conosce realmente la sua storia, la sua importanza e le prospettive a cui potrebbe aprirsi e la vive per inerzia … vedo PALERMO APERTA A TUTTI come il trait d’union tra la città e i sui abitanti … per imparare a viverla ed ad amarla, per aumentare l’orgoglio cittadino iniziando proprio dalla formazione culturale.
      Complimenti ragazzi … i vostri sforzi sono esemplari degni di chi ha voglia di cambiare … per migliorarsi.

      In bocca al lupo
      G.F.

    18. qualcuno ci ha pensato,finalmente!
      grazie ai nostri sostenitori i disabili palermitani possono ammirare le origini e le tradizioni della nostra palermo!
      Dunque basta solo 1 euro per sostenere i nostri amici disabili!
      forza e coraggio

    19. coraggio , il lavoro da fare è tanto ma continuate così,perchè Palermo ne ha proprio bisogno

    20. palermo aperta a tutti, spero ke ci siano altre iniziative come questa
      grazie

    21. Oggi ho partecipato alla passeggiata della Kalsa insieme ai ragazzi di questa associazione ed è stata un sperienza molto bella e non ci hanno fatto neanche pagare! LA guida pare un ammaestratore di serpenti ed incanta tutti quando spiega, anche a me che la storia non mi piace. Alla chiesa di S.Mattia non ero mai neanche entrato e non sapevo che esisteva ed invece ha una scala a chiocciola bellissima. Speriamo che continuano anche la prossima primavera.

    22. Anch’io ho partecipato al giro, ma veramente la mia impressione è stata che più che incantatore di serpenti, sei tu il serpente. Sicuramente non lo pubblicherai, perchè ho trovato solo elogi. Comunque ricorda che anch’io faccio volontariato e non l’ho mai detto a nessuno.Aspetto una tua risposta sul blog.

    23. grazie Igor per la passeggiata di sabato sera e per il tuo modo gentile ma soprattutto preparatissimo,per averci raccontato la mia cara palermo…a presto
      Natalia (una delle tre signore)

    Lascia un commento (policy dei commenti)