sabato 18 nov
  • Targhe alterne, si cambia da lunedì 14

    Da lunedì 14 il provvedimento sulle targhe alterne verrà modificato. Le auto che potranno circolare avranno la cifra finale legata alla data (pari se pari e dispari se dispari) e non al giorno della settimana. Domenica e festivi restano esclusi.

    Il sindaco Diego Cammarata ha dichiarato: «È in effetti un modo per rendere più logico e meno penalizzante il provvedimento alternando i giorni e dando a turno a tutti le stesse possibilità e gli stessi diritti».

    Le rilevazioni sulle polveri sottili sono negative: nei primi 17 giorni con targhe alterne ci sono stati 25 sforamenti del limite previsto dalla legge, mentre nei primi 13 giorni di dicembre, senza targhe alterne, gli sforamenti furono tre e concentrati in due giorni.

    Palermo
  • 27 commenti a “Targhe alterne, si cambia da lunedì 14”

    1. a me pare solo na minchiata in più!

    2. “Forti dei risultati ottenuti, i simpatici inquilini di Palazzo delle Aquile hanno deciso di attuare il piano delle targhe alterne per tutto il mese di Gennaio, mischiando i criteri di rotazione delle targhe alterne, dai giorni settimanali ai giorni del mese.

      Accertato che il piano serve solo a dare i numeri, buone giocate a tutti.”

    3. Ho appreso attraverso gli organi d’informazione del cambiamento da parte del comune di Palermo delle targhe alterne dai giorni della settimana a quelli dell’intero mese,io sono d’accordo a questa ennesima proposta per il bene della salute di noi cittadini e per tutto l’ambiente di questa città,però vorrei proporre al signor Sindaco Cammarata prima della data(14/01/2008)in cui partirà questa nuova delibera di poter usufruire solamente di questa norma che vada da Lunedi’al Venerdi’lasciando liberi noi cittadini di poter usare l’auto oltre che alla Domenica e nei giorni festivi anche il Sabato, perchè il Sabato ci sono molti uffici e scuole chiuse e quindi è un giorno che si respira aria di festa e cosi’si può uscire per fare shopping,passeggiare in centro e godersi la città senza molta confusione.Spero che questa mia proposta sia accettata dalle autorità locali e dai cittadini di questa città.

    4. Bè sì, effettivamente così è più equo,…”peccato” che la formula è partita da un comune cittadino, così facendo i megasuperconsulenti del sindaco soffriranno di frustrazione e dovranno ricorrere al psicologo spendendo i passa e passa euri che NON si sudano.
      Cattivi! cittadini cattivi!

    5. un amico mi fa notare….ma gennaio è di 31 e quindi ci saranno due giorni di seguito dedicati ai “dispari”!!!

    6. bene quindi i giorni con esuberi di polveri sottili aumenteranno così come caos e macchine. non hanno capito che le targhe alterne concentrano il traffico su tutta la città meno il suo centro, provocando così un aumento spaventoso delle emissioni proprio nella cintura percorribile a tutti.. ridicolo

    7. @Maria Letizia: e febbraio di 29, pure bisesto e molesto (per noi con targhe pari, almeno) 🙂

    8. insomma a palermo non ci si annoia mai..
      non fai in tempo ad abituarti ad un “provvedimento” che cambia..
      allora potremmo fare così tanto per cambiare che da marzo si considera la somma algebrica dei numeri riportati sulla targa, o magari l’età del conducente+ 3.14 …senza parole
      il provvedimento è davvero UNICO l’altro giorno ho lasciato la mia auto euro 4 perchè dipari e circolavo in pieno centro con una vecchia 126 ma con targa pari…vuoi mettere di certo inquina meno…
      tante cose a tutti
      Gianni

    9. trenta dì conta settembre, con april, giugno e novembre. Di ventotto ce n’è uno, tutti gli altri ne han trentuno…

    10. vergogna … continua vergogna di un amministrazione inetta ed inadeguata!

    11. «…più logico e meno penalizzante il provvedimento alternando i giorni e dando a turno a tutti le stesse possibilità e gli stessi diritti».
      Quante altre modifiche dovremo attenderci prima di raggiungere la perfezione! Ma il sig. sindaco si è mai aggiornati prendendo visione dei provvedimenti adottati da altre amministrazioni comunali?
      Niente da dire : genio & sgregolatezza.

    12. Forse mi è sfuggito qualcosa, ma il divieto di circolazione non vige per tutto il territorio comunale?

    13. Effettivamente il problema numerico sussiste.
      Ci sono 7 mesi di 31 Giorni (aggiungiamoci quest’anno Febbraio che ne ha 29 per cui dispari anche quello e sono 8) per cui, posto che statisticamente domeniche e festivi sono equilibratamente suddivisi, ci sono 8 giorni in più di circolazione per le targhe dispari ed in quei giorni, seguendo ai 31 i giorni 1, ci sono 2 giorni consecutivi in cui i targa pari rimangono appiedati.
      Le targhe alterne così si fanno solo a Palermo.
      Ci sarà un motivo se nel resto del mondo si suddivide in giorni della settimana o i lettori del GDS (da cui parte la proposta) sono dei geni incompresi?

      Aggiungo che le targhe alterne sono inutili se limitate a singole zone della città invece di essere estese a tutto il territorio comunale e se non lasciano spazi per far entrare ed uscire i residenti dalle zone.
      Inoltre si ingorgano le vie limitrofe alle zone interessate al provvedimento (da qui i maggiori sforamenti rispetto a quelli in periodo di targhe non alterne) di gente che cerca di parcheggiare in posti dove gli stalli sono dimezzati, visto che i residenti nelle zone ZTL che hanno targa dispari o pari in giorni in cui non possono circolare lasciano l’auto ferma, in parte volontariamente ed in parte magari perchè prigionieri delle zone proibite perchè fermati sulla soglia da una colica alle 8:58…..
      Per tutti questi motivi sarebbe preferibile chiudere il centro (salvo che ai residenti) ed accellerare gli iter per la creazione dei nuovi parcheggi già appaltati e per metterne a bando di nuovi.

      Atreju

    14. P.S.

      Visto che si accettano consigli, sarebbe almeno il caso di istituire una finestra 13-16, esattamente come per le zone blu, almeno per i residenti che in questo modo potrebbero andare a prendere i figli a scuola e magari, se lavorano fuori dal centro, tornare a mangiare con la famiglia (o il family day vale solo come vetrina?).

    15. cavolo! ho una targa pari! ma per fortuna un tenace motorino!!! 🙂

    16. contro l’inquinamento non va bene nè le targhe alterne nè il pagamento dell’ingresso in centro (vedi milano)

      che aumentino e migliorino i servizi pubblici ( e li facciano meno inquinanti!!) che finanzino l’acquisto di auto “ecologiche” ….ce ci sono tante altre cose da fare ma ….ovviamente le alternative valide non gli fanno avere tornaconto a …LORO

    17. Ciao a tutti, mi permetto una considerazione sul tema:

      la formula ” inibisco l’ingresso al centro cittadino permettendovi l’accesso a targhe e/o a giorni alterni, così su cinquecento mila auto ne faccio circolare solo la metà ” si è rivelata solo un flop, per stessa ammissione degli organi comunali competenti.
      A circa 20 giorni dall’attuazione di questo piano si è potuto osservare che vero è che all’interno dell’ area controllata circolerebbero solo la metà delle auto e quindi si sarebbe apportato un apparente beneficio, ma è vero pure che l’altra metà va ad intasare e inquinare le zone che stanno ai margini di essa (vedi i risultati delle analisi dell’aria in quelle zone:
      piazza Unità d’Italia 53 microgrammi, via Torrelunga 52, via Belgio 71 e via Di Blasi 59, quando il limite fissato per legge è di 50 microgrammi).
      Se ne deduce, prove alla mano, che così non si è risolto il problema, ma semplicemente lo si è spostato da un’altra parte e siccome la salute pubblica va tutelata in tutto il territorio comunale e non solo al centro storico, ne consegue l’ovvio fallimento dell’operazione targhe alterne.
      Il buon intento dei nostri amministratori, per legge responsabili della nostra salute e costretti a far qualcosa per tutelarla putroppo va a scontrarsi con il diritto di noi tutti a circolare liberamente nel territorio, soprattutto dopo che ci è stato ingiunto di pagare una tassa sulla circolazione (oggi tassa di possesso) per l’auto che usiamo.
      In tutte le grandi città si è già smesso da tempo di discutere sulla provata inutilità delle targhe alterne quale rimedio contro l’inquinamento, ma i nostri amministratori ce ne impongono ancora l’uso, facendocele passare come una reale soluzione al male, solo perchè così avrebbero assolto il loro obbligo di provvedere per la nostra salute.
      Evidentemente la stessa legge che obbliga i comuni a fare qualcosa a tutela della salute pubblica non precisa che questo “qualcosa” debba necessariamente funzionare, quindi si prospettano buone probabilità che si andrà avanti così per sempre… o almeno fino a quando un afficace rimedio all’inquinamento verrà trovato
      Auguriamoci tutti un buon 2008… o meglio… un buon futuro!

    18. P.S.:

      targhe alterne… giorni alterni… vista l’inutilità del provvedimento in se, cosa cambia????

    19. Io ,modestamente, non ho capito un ca**o di niente.
      Appello :il comune organizzi una campagna di sostegno per i cittadini come me meno dotati di ingegno!Nell’attesa, lascio la macchina in garage e vado a piedi.
      Resto comunque del parere che i soldi si potrebbero raggranellare diversamente.

    20. Beh, come dire, si stanno incartando da soli. La vaccata dei giorni della settimana, dispari consecutivi (31-1) di certo non l’avevano messa in conto ma ora che figura ci fanno, se ci ripensano?
      Nel mentre, purtroppo per loro, le centraline impietose dimostrano che la trovata non è affatto risolutiva come pensavano (solo loro) e quindi non rimane che dichiarare guaste le centraline…

      Oppure, potrebbero davvero dimezzare il traffico con le targhe alterne. A gennaio circolano i dispari, a febbraio i pari, a marzo i dispari, e così via. Ogni mese obbligatoriamente in circolazione solo la metà delle auto. Poi, visto che i mesi non sono tutti di 30 giorni, per non fare torti si decide che a Palermo i mesi sono tutti di 30 giorni, poi che la lingua ufficiale è lo svedese e che la biancheria intima andrà cambiata ogni trenta minuti ed andrà indossata sopra i vestiti, per poter controllare.

    21. Isaia, questa è di Woody Allen… beccato !
      :-))

    22. ma non è lo stesso?
      ma sta soluzione dove la trovo’? nella patatine?

    23. I nostri amministratori ci sono o ci fanno? Con i loro provvedimenti circolano lo stesso le macchine inquinanti. Io ad es.con le targhe alterne circolo ogni giorno perchè ho due auto con targhe: una dispari e
      l’ altra pari con la differenza che la pari inquina perchè è euro 1 e la dispari no perchè è euro 4, non sarebbe più utile per l’ ambiente farmi circolare tutti i giorni solo con
      l’ auto euro 4 non inquinando? A Milano le euro 4 circolano liberamente (se hanno precise caratteristiche)e per scoraggiarne la circolazionele altre pagano il pedaggio , purtroppo viviamo in Sicilia e bisogna dare il contentino a tutti facendo dei provvedimenti che non portano a nulla di positivo gettando del fumo negli occhi a coloro che tengono all’ ambiente facendo credere che la giunta è sensibile al problema. Per la soluzione del problema il fatto del calendario è secondario è
      l’ ennesimo contentino che visto che la settimana è di sette giorni succede ad es. che un sabato circolano le targhe pari e l’altro le dispari.

    24. ma lo avete notato che il parcheggio di via ernesto basile è sempre vuoto. ma il Comune visto che ha a cuore la salute dei cittadini perche non fa il parcheggio gratuito ed il pulman che porta in centro. anche i commercianti possono fare la loro parte (pagando il parcheggio a loro carico fino ai loro esercizi) io sarei il primo a posare la macchina ed andare in centro con il pulman cittadino. siccome a breve dovremo uscire 15 euro per salvare palermo dall’inquinamento perchè questi 15 euro non li impiaegano per dare parcheggi gratuiti ai palermitani che vanno in centro o a quelli della provincia?

    25. Io penso seriamente che il mondo stia girando al contrario!
      I provvedimenti antismog e antitraffico vanno solo a beneficio delle casse comunali.
      Qualche anno fa, ci hanno fatto bere la storia delle auto Euro 4 come unico mezzo per non inquinare e quindi circolare liberamente anche in caso di Stop al traffico.
      Mi piace sottolineare quest’ultimo passo: “CIRCOLARE LIBERAMENTE ANCHE IN CASO DI STOP AL TRAFFICO”.
      Nel 2006 ho speso più di 14000 euro per acquistare una C3 1.4 HDI Euro 4 e adesso mi vengono a raccontare che:
      1- devo tenerla parcheggiata per metà settimana;
      2- quando entreranno in vigore le ZTL dovrò pagare il pass per circolare (Per la serie mettiamo 50 euro al posto del catalizzatore!!);
      3- devo pagare il “Pizzo” per il parcheggio (Quando riesco a trovarlo).

      No dico….
      …Ma stiamo diventando veramente matti!!!

      Per adesso, io ho risolto il problema delle targhe alterne semplicemente riesumando una vecchia 500 che però ha il pregio di avere la targa dispari!!!
      Così in questi giorni lascerò posteggiata la ecologissima C3 per circolare con la mitica anche se inquinantissima 500!!!

      Se il problema è veramente quello dell’inquinamento, penso non ci voglia un genio per capire che l’unica strada da percorrere è la chiusura totale del centro storico ad eccezione dei residenti.
      A questo provvedimento occorrerà ovviamente pensare seriamente ai mezzi pubblici attualmente inesistenti ad eccezione del 101.
      I fatti però mi portano a dedurre che il problema è solo un altro…
      FARE CASSA A TUTTI I COSTI!

      Che dire…
      Siamo veramente alla frutta…
      BANANA REPUBLIC!

    26. sempre più deluso e meravigliato delle prese in giro per il cittadino. oggi giorno 27/02/2008 circolavo con la mia auto “eco 5 corredata di filtro antiparticolato ( costosissimo)” in via emerico amari a Palermo, mi trovo davanti due vigili a barrare la strada che mi bloccano. al controllo faccio notare che la mia auto e una eco 5 con filtro antiparticolato, e quindi mi risulta possa circolare a prescindere dalla targa. gli stessi non sentono ragione e mi fanno un bel verbale di €. 74,00. mi chiedo a questo punto che senso abbia aver comprato una auto con caratteristiche del genere se poi può circolare come qualunque altra auto. Mi pare di ricordare che molte aziende di auto pubblicizzano che le auto eco5 con filtro antiparticolato ( sempre carissimo), possano circolare nelle zone con traffico limitato senza problema alcuno. Mi auguro che tutte queste caratteristiche non siano l’ennesima bufala tra stato ( che ti invita a comprare auto sempre meno inquinanti )e cittadino.

    Lascia un commento (policy dei commenti)