domenica 22 gen
  • Le occasioni perdute

    Due pareggi e una sconfitta. Che dire, un bilancio poco lusinghiero per i nostri eroi rosanero nel periodo in cui, preso da impegni di lavoro e un briciolo di vacanze, ho abbandonato temporaneamente questi schermi per il tradizionale cazzeggio post pedatorio. Buono il pari a Reggio (avete visto Brienza? E avete visto Miccoli? Mi rassi pugni in tiesta…), così così quello con l’Udinese (ma il Palermo meritava di vincere), normale la sconfitta di San Siro con l’Inter dei miracoli (?).
    Già, questo punto interrogativo tra parentesi significa che negli ultimi tempi l’Inter non è più la squadra schiacciasassi dei tempi andati. E dunque si doveva affrontare con più convinzione, con lo spirito di chi va a cercare l’impresa, quella della quale per giorni avrebbero parlato tutti i giornali. Alla vigilia della partita, un paio di radio mi avevano chiamato per chiedermi un pronostico. Avevo risposto pressappoco così: “Se perdi a Milano non c’è niente di male, tanto vale giocarsela alla pari e magari perdere 4-0. Tanto, 2-1 o 4-0 cosa cambia?”. Invece Guidolin ha preparato la solita gara di contenimento, ha rispolverato un inguardabile Miccoli e ha fatto dichiarazione di voto prima del fischio iniziale. È come se avesse detto a Mancini: “Ok, ti dò i tre punti, ma tu fammi stare in partita fino all’ultimo così in conferenza stampa posso dire che ce la siamo giocata fino al novantesimo”.
    Io a Guidolin l’ho difeso tante volte. Per me resta ancora uno dei cinque migliori allenatori italiani in circolazione. Però stavolta faccio fatica a capire. Siamo d’accordo che la salvezza è l’unico obiettivo di questa stagione? Sì, siamo d’accordo, io stesso l’ho scritto qui su Rosalio una marea di volte. E allora? Visto che ormai siamo salvi (4-5 punti in 10 partite dovremmo pur farli, che diamine) e hai gli occhi di tutta Italia addosso perché giochi con l’Inter all’indomani dell’eliminazione in Champions e della telenovela Mancini, metti in campo undici assatanati e come finisce si cunta. No? No, non è potuto essere.
    “Il coraggio uno non se lo può dare”, scrisse uno famoso a proposito di un prete di campagna particolarmente scantulino. A me ricorda un “parrino” che da tempo bazzica dalle parti dello stadio Barbera. E a voi?

    Ghiaccioli...online!
  • 36 commenti a “Le occasioni perdute”

    1. ho visto la partita del palermo dal pareggio al 2-1. Ne ho tratto tre informazioni:
      -l’Inter è devastante se stuzzicata
      -il Palermo ha una difesa ed un portiere da serie C
      -i cronistti di sky andrebbero censurati x quento sn faziosi!!!

    2. E a scrivere è????

    3. Occasionissima perduta e praticamente irripetibile…ho giocato alla snai 10 €uro e ne avrei preso (…) 3.500 tonde tonde se solo il Palermo avesse pareggiato.
      Ho azzeccato tutti i pronostici e mi ha tradito proprio la mia squadraaaaaaaaa!!!
      Sono incavolato di bestia…potevamo pareggiare tranquillamente e invece non solo non abbiamo preso punti, ma io ho anche perso una grandissima occasione…!!!

    4. Mai giocarsi la propria squadra… il post è mio, aspetto che Tony ci metta la mia bella faccia (si fa per dire)

    5. Uno dei primi 5 allenatori italianiiiii????
      Vediamo: io davanti metto Capello, Lippi, Ancelotti, Spalletti, Prandelli. Poi ci sarebbero Mancini (che è pur sempre duevolte campione d’italia) e Ranieri (che è pur sempre l’allenatore della juve). Rosà, forse hai esagerato….

    6. Mettere in campo 11 assatanati? Secondo me, a stuzzicarli bene non se ne accucchiano 5 o 6 con questo atteggiamento ora come ora. Se c’è è vero che c’è un parrino in panchina, ci sono 20 chirichetti in campo..

    7. l’inter é la squadra piu’ forte d’Europa, disse Guidolin.
      Allora, perchè l’inter fa sempre brutte figure in Europa ed é sistematicamente eliminata?
      E’ vero, ieri non c’era il pubblico della Favorita, nemico del Palermo contro il quale scagliarsi.
      Niente alibi? Stiamo scherzando?
      C’era l’inter, la piu’ forte squadra d’Europa che nel secondo tempo sembrava una squadra di bassa classifica, che è stata messa sotto dalla Reggina, che per vincere contro contro Reggina, Empoli e Parma si è servita della complicità degli arbitri.
      Guido-linesssss 5° allenatore italiano? guido-lines è stato portato in serie A dal Palermo, impossibile fallire con quella squadra, eppure lui ci ha tentato. Papadopulo e Baldini con squadre incomplete o alla deriva ha fatto medie punti migliori, Colantuono senza gioco ha fatto 18 punti in 13 partite, guido-lines 18 punti in 15 partite. Ciccio Brienza? l’anno scorso guido-lines si era pentito del trattamento nei confronti di Brienza, quest’anno ha fatto peggio. Per la fortuna di Brienza, paradossalmente, perchè i giocatori di qualità con guido-lines sono penalizzati, l’aveva già fatto pure con Signori, dopo Brienza è il turno di Miccoli. Pero’ è l’unico allenatore al mondo che puo’ schierare titolare in serie A Raimondi e Parravicini.

    8. …hanno fatto…

    9. Dubito però che se si fosse fatta all’epoca una graduatoria dei parrini, Don Abbondio sarebbe stato inserito tra i primi cinque.
      I conti non tornano.

    10. Io Ancelotti e Mancini non li metto fra i primi cinque… punti di vista. Facile vincere con gli squadroni. Voglio vedere Ancelotti e Mancini con Raimondi e Parravicini. Ricordo a tutti che con Raimondi e Parravicini il Palermo è andato in Uefa. E ci va da tre anni anche se a pochi la cosa importa. Vabbè, detto questo, con l’Inter l’atteggiamento del Palermo è stato completamente sbagliato. E Guidolin ha le sue colpe. Su questo, mi pare, siamo tutti d’accordo

    11. Beh, vincere la coppa campioni col milan l’anno scorso nn è proprio cosa di tutti i giorni. e co,mimque il parrino nn mi sembra certo superiore a mancini… su…

    12. Intanto mi fa piacere leggere la critica di Lucio a Guidolin, cosa rara a dire il vero 😉

      -Aspetto che finisca il campionato.
      -Aspetto di sapere quale sia il progetto Palermo (a costo di ripartire da zero e farsi due, tre anni di lotta salvezza per costruire qualcosa di serio come fanno alcune società invidiabili).
      -Aspetto di non vedere più a Palermo alcune facce (non una come si potrebbe pensare, ma diverse, tutte deleterie ormai in quest’ambiente).
      -Aspetto la fine del campionato per provare ad emozionarmi ancora il prossimo anno per questa maglia, ci stanno togliendo la passione; non voglio scudetti, non voglio coppe, voglio ritornare a sognare e ad appassionarmi per una squadra che giochi a calcio.
      Scusate se è troppo.

    13. vicè, magari ci fosse un progetto. C’era anche quest’anno: tecnico nuovo, giovane e bravo. Tredici giornate, cacciato. Malgrado fosse sesto in classifica. Il progetto l’ha fatto Della Valle con Prandelli. Solo che noi abbiamo Zamparini. Prendere o lasciare. Le critiche a Guidolin le ho sempre fatte vicè, solo che non ho mai dimenticato i risultati che ha ottenuto con il Palermo (e con quel presidente destabilizzatore che si ritrova). Non è un caso che altri allenatori i risultati del parrino non li hanno ottenuti. Lavorare a Palermo è più difficile che altrove con i condizionamenti societari che qualsiasi tecnico si trova ad affrontare. A proposito: Prandelli e Spalletti il nostro presidente li ha già cacciati una volta. E certo scarsissimi non mi sembrano. Ancelotti? Tanto di cappello. Solo che se hai Kakà, Seedorf, Ronaldo (quando c’era), Pato, Gilardino etc… non puoi stare a 30 punti dall’Inter e fuori (forse) dalla prossima Champions. L’anno scorso ha centrato tre o quattro partite e ha salvato la stagione. Quest’anno ha vinto una ridicola coppa del mondo (ex intercontinentale), alla Juve ha completamente fallita. Insisto: vada ad allenare una squadra con Raimondi e Parravicini e vediamo se si salva. Il nostro amico Guidolin è andato in Uefa…

    14. cioè per Lucio colantuono era bravo?
      Dico ti sei convinto che il parrino è un chianciannanni avvolto da pampers con mentalità di calcio vecchio anzi anticalcio?
      ti sei reso conto quanto sia ridicolo?

    15. Ma non eri tra quelli che dopo “solo”tredici giornate auspicavano un ritorno di Don Camillo e la cacciata del Cola?

    16. no diffidato, non mi sono convinto, ho appena scritto che per me Guidolin è uno dei 5 allenatori più bravi d’Italia. Colantuono per me non doveva essere cacciato. L’ho sempre detto e scritto. Non mi piaceva il suo modo di giocare, ma se affidi le chiavi di un progetto a un allenatore, devi dargli il tempo e non cacciarlo dopo 13 giornate. Per me un allenatore non dovrebbe mai essere cacciato. Nissa, prova a rileggerti i miei post se hai tempo e voglia. Non troverai mai una frase in cui dicevo che bisognava cacciare Colantuono. Se la trovi, pronto a scusarmi pubblicamente. Ho sempre detto che Guidolin, per tutto quello che aveva fatto, non andava sostituito a giugno. Ma visto che era stato sostituito, il suo successore doveva avere tutto il tempo necessario: cioè almeno un anno completo.

    17. Tutto quello che aveva fatto? è stato portato in serie A da uno squadrone: il Palermo. Lui ci ha provato a farsi raggiungere. Pero’ c’è riuscito l’anno dopo, ha fatto fallire il 4° posto a forza di piangere, come aveva già fatto a Bologna. Le statistiche sulle medie punti le ho scritte prima: peggio di Baldini, Papadopulo e Colantuono. L’anno scorso ha depresso una città intera oltre ai giocatori, gli stessi giocatori che devono subire i suoi ritiri pre partita da suicidio collettivo. Volevo dire che solo lui ha il CORAGGIO di far giocare titolari in serie A Raimondi e Parravicini sacrificando buoni giocatori.

    18. Ciao Lucio,

      non sei l’unico che fa fatica a capire!

      Ciò che mi lascia davvero basita è la Società.

      Non era bastato il girone di ritorno più che deprimente di un anno fa?

      Perchè il bis anche quest’anno?

      L’amore per la mia squadra è indelebile, ma è davvero difficile, in questo momento, ritrovare entusiasmo.

      Ho sempre stimato Guidolin ma certe sue affermazioni spesso sfiorano il patetico e il ridicolo.

      E il dubbio che ci fa è forte assai!

      Esonerare Colantuono, senza risolvere quelli che rimangono i reali problemi di questa squadra, è stato un errore madornale, ma richiamare per la 4° volta un allenatore demotivato e privo di entusiasmo come lo è Guidolin è stata pura follia!

    19. Se vi va ho inserito una vignetta su guidolin sul mio blog…

      http://vadelfio.splinder.com/

      Vi aspetto!!

      Vadelfio

    20. Gigi, una promozione in A dopo 32 anni (era terzo quando prese la squadra da Baldini, finì primo) e due qualificazioni consecutive in Uefa (la terza è opera di Papadopulo e di Calciopoli) secondo me non sono un brutto palmares per un allenatore del Palermo. Detto ciò, ha commesso tanti errori, magari non ha più le motivazioni come dice palermitana, ma il passato mica si può cancellare. Adesso speriamo che l’anno prossimo arrivi un allenatore che riesca a finire l’intera stagione. Solo così si può programmare., Se prende Gasperini, Giampaolo o chissà chi, e alla decima giornata riprende Guidolin ancora sotto contratto, mica è colpa di Guidolin, è colpa di chi lo riprende. Questo volevo dire.

    21. – Avere fatto fatto passare a parecchi la voglia – che a volte era anche frenesia – di veder giocare la propria squadra;
      – Conseguire spesso il risultato di fare uscire da eventuali crisi le squadre che incontriamo;
      – Svilire e demotivare più di un giocatore, impiegandolo fuori ruolo e sfiancandolo senza costrutto;
      – Inalberarsi per i fischi (quando ci sono stati ), civilissima manifestazione di dissenso per l’obbrobrioso spettacolo fornitoci.

      Avesse anche vinto uno scudetto nel passato, quest’uomo ha stancato!

    22. Ripeto: aveva una squadra -che lo ha portato in serie A, non è vero il contrario- da 4°-6° posto in serie A.
      Solo lui avrebbe potuto fallire e ci stava riuscendo. Baldini era primo in classifica prima che Zamparini rompesse le scatole per costringerlo a farsi esonerare, e Baldini aveva MEZZA SQUADRA e Toni che prima di cominciare a segnare e diventare grande centravanti sembrava Charlot ogni volta che toccava il pallone. Guido-lines il primo anno e l’anno delle penalizzazioni ha perso indegnamente la champions per colpa dei suoi piagnistei, del suo continuo esaltare ogni avversario, e per colpa del suo non gioco soporifero che paralizzerebbe anche Pelé e Ma

    23. Ripeto: aveva una squadra -che lo ha portato in serie A, non è vero il contrario- che non era da serie B ma da 4°-6° posto in serie A.
      Solo lui avrebbe potuto fallire e ci stava riuscendo. Baldini era primo in classifica prima che Zamparini rompesse le scatole per costringerlo a farsi esonerare, e Baldini aveva MEZZA SQUADRA e Toni che prima di cominciare a segnare e diventare grande centravanti sembrava Charlot ogni volta che toccava il pallone. Guido-lines il primo anno e l’anno delle penalizzazioni ha perso indegnamente la champions per colpa dei suoi piagnistei, del suo continuo esaltare ogni avversario, e per colpa del suo non gioco soporifero che paralizzerebbe anche Pelé e Maradona messi insieme.
      Le sue medie punti sono inferiori a quelle di Baldini, Papadopulo e Colantuono, è questo che conta, gli altri avevano squadre incomplete o alla deriva, lui aveva Brienza Toni Zauli Corini Grosso Mutarelli all’apice.

    24. Tony, il commento valido è il secondo, non so cosa è successo, misteri…

    25. Gigi per problemi con i commenti dovresti rivolgerti a me e non a Tony. Per essere precisi il canale più appropriato sarebbe l’e-mail.

    26. Continuo a considerare esagerate e per certi versi INGIUSTE le critiche al Palermo.
      La squadra è in piena lotta per la zona Uefa (sinceramente di più non poteva fare dato che juve, Inter, Roma, Milan e forse Fiorentina sono nettamente superiori). Contro l’Inter, che ha dominato il campionato, ha perso 2-1 in trasferta.
      Forse molti tifosi dopo la promozione in A hanno cominciato a SOGNARE un po’ troppo: il Palermo è il Palermo. Ci possono essere annate di piccolo cabotaggio, ma spesso si parla come se i rosanero fossero in piena zona retrocessione.

    27. Mi scuso Rosalio, mi sono rivolto a Tony per abitudine, credevo che tu fossi solo un’entità virtuale che si manifesta solo per le correzioni.

    28. E’ la stessa entità virtuale che ogni volta che posto un commento mi dice “il tuo commento è in attesa di essere approvato”? Non credevo di essere cosi cattivo! I’m jocking.

    29. Gigi ripeto, per queste comunicazioni va utilizzata l’e-mail.

    30. Lucio, sono d’accordo con il tuo commento alla partita.
      Purtroppo Tremolin ( l’ho letto in un blog e mi piace chiamarlo così) per l’ennesima volta ha dimostrato che non sa leggere le partite.Ancora una volta Amauri è stato abbandonato davanti, ancora una volta il fantasma di Simplicio si è aggirato a centrocampo.Biava e Rinaudo hanno concesso due ingenuità che con l’inter si pagano.
      La cosa più preoccupante, a mio parere, è che la squadra non reagisce più. Sembra quasi che non vedano l’ora di andare in vacanza. Sono svogliati, senza coraggio. Quasi fossero stati contagiati da una Tremolinite acuta.
      Per quanto riguarda Zamparini, ripeto quello che ho detto altre volte : venisse più spesso a Palermo a vedere le partie, invece di pontificare a risultato acquisito.
      La gestione tecnica fallimnetare del Palermo è anche colpa sua : se gli uomini di fiducia, anzi l’uomo di fiducia Foschi, ne ha combinate più di Carlo in Francia, la responsabilità è di chi lo ha messo a quel posto.
      Comunque questo è il Palermo più scarso dalla promozione in seri A.
      Abbiamo lasciato andare via ottimi giocatori, senza assicurarci di avere i ricambi adatti.
      La stagione dell’anno scorso? Mi veniva da pensare alla partita a San Siro dell’anno scorso: vincevamo due a zero alla fine del primo tempo e l’Inter si scopriva per un eventuale contropiede. Cosa ha fatto Guidolin? Si è coperto a centrocampo e in difesa, lasciando in panchina Di Michele, non per scelta tecnica, ma per polemiche di spogliatoio.
      Non siamo andati in Champions per soli quattro punti…

    31. Un paio di cose: l’ho detto dopo la partita con il Siena e lo continuo a ripetere, quest’anno il Palermo oltre l’ottavo posto non può andare e neanche più in basso dell’undicesimo quindi da qui a fine stagione non dico di fare esperimenti rivoluzionando l’assetto però fare giocare sempre Agliardi, Jankovic, Cavani e qualche volta, magari entrando dalla panchina, Di Matteo, Cossentino, Velardi e Cani si può fare cosi almeno sappiamo su chi possiamo o non possiamo contare per la prossima stagione.
      Seconda cosa sul progetto Palermo…è vero che con la (im)pazienza di Zamparini fare un progetto tecnico degno di tale nome è difficile però non si può paragonare Colantuono a Prandelli, il primo ha cambiato schema 20 volte in 13 partite e per il gioco prodotto la squadra doveva avere 8 punti (3 con il Livorno, 1 col Napoli, 1 con l’Inter,3 con la Reggina)mentre il secondo non solo ha dato sin da subito un gioco e una forma fisica costante nel tempo alla Fiorentina ma dopo le prime 13 giornate era 3°o 4° con merito e non per fortuna. Mi dispiace per il tecnico di Anzio però vi invito a trovare un presidente di serie A che dopo quelle 13 giornate(+ la UEFA) non l’avrebbe esonerato!

    32. Vedo che qualcuno già parla dell’allenatore per la prossima stagione…..per me Guidolin lo si può anche confermare perché comunque non solo ha ottenuto grandi risultati ma con la sua guida tecnica il Palermo anche nei momenti peggiori un gioco e un’identità l’ha sempre avuta (in realtà per la squadra a disposizione il migliore per me è stato Delneri, ma questo è un altro discorso).
      A chi lo chiama Piagnolin o Tremolin voglio solo dire che è vero che quando non vede la squadra tonica o come la vuole lui preferisce puntare a fare il punticino invece che rischiare però non si può negare che quando la squadra gli risponde è uno che non ha esitato a schierare Amauri, Di Michele, Bresciano e Diana tutti insieme in trasferta a Milano o a Firenze oppure a mettere insieme Zauli e Brienza che forse manco per gli angoli scendono più in giù del centrocampo.
      Quindi a patto sottolineo a patto che gli sia dia i giocatori che vuole lui (una prima punta e un regista) Guidolin può dimostrare di essere uno dei migliori allenatori in circolazione e il migliore che il Palermo possa permettersi

    33. @Jimmi Reptile
      purtroppo l’atteggiamento di Guidolin è cambiato rispetto al girone d’andata della stagione scorsa.
      si è assistito ad un ‘involuzione del gioco.E non credo sia solo un problema di tonicità della squadra.
      Guidolin oggi ha paura. Non so se dipende dai giocatori o dal presidente o dalla tifoseria, ma ritengo che affrontare l’Inter con altro atteggiamento, visto che la sconfitta era scontata, non sarebbe stato male.Oggi gli stessi giocatori parlano di una buona partita, ma in realtà nel secondo tempo soltanto una volta ci siamo avvicinati alla porta di Julio Cesar.
      Rispetto il tuo parere, ma non sono d’accordo…

    34. certo che ormai siamo alla frutta!! anche io voglio aspettare che finisca il campionato per fare una più completa analisi del giuoco del Palermo…è vero anche che però ora come ora (e sottolineo ORA COME ORA)vedo una squadra senza grinta e senza idee, molto prevedibile e facilmente affondabile….e dire che i nuovi giocatori presi quando erano nelle squadre di provenienza erano discreti (ovviamente parlo delle squdre italiane: tipo guana, caserta, migliaccio…) arrivati nel palermo è come se gli avessero tirato il freno a mano, sempre lenti nel ripartire….non ho mai visto un contropiede (tranne la prodezza di Amaurì a Torino) degno di questo nome, appena se ne accena uno già l’avversario si è riposizionato costringendo alla manovra avvolgente e macchinosa, infatti si perde puntualmente palla sulla trequarti e gli avversari sono sempre dei treni in corsa e dobbiamo sempre sperare in un miracolo di Jimmy che meno male che li fa! c’è sempre troppo distacco tra centrocampo e attacco, che schifo vedere quei continui lanci lunghi che troppo spesso si perdono sul fondo o tra le mani del portiere avversario…che poi di torre là davanti solo una ce n’è (Amaurì) e non è che può arrivare ovunque! ma questo vale anche nelle partite vinte, ma sono state vinte solo perchè il Palermo ci ha creduto un po’ più del solito! quand’è che vedremo un bel risultato tondo come un bel 3-0 o 4-0? manco col Cagliari ci siamo riusciti, abbiamo ottenuto una vittoria di misura! mah…io non me lo ricordo più quel Palermo lì che stravinceva, dov’è finito?

    35. mai che guidolin dichiarasse
      andiamo per vincere!!!!
      Troppo quaquaraquà per diciarare una cosa del genere
      lui è l’anticalcio,ma daltronde uno che tiene janco in panchina cosa si pretende?
      Ma poi ste prese per il cu….. dice che è un grande giocatore e lo tiene in panchina sempre,ha pure la pretesa di essere rispettato
      dignità zero
      finalmene scendo a Palermo e chi fa pi strata un le ncucciari? cinne diri 4

    36. delle tre partite che hai citato la più scandalosa è il pareggio con la reggina. andare a giocare contro quattro pellegrini che fanno sembrare Brienza un piccolo maradona e chiudersi in difesa, fa arrizzare le carni.
      con l’inter secondo me hai poche speranze anche se fai una partita perfetta. e noi non l’abbiamo fatta neanche sufficiente. però per la prima volta ho visto guidolin cambiare atteggiamento durante la partita.. che sia un segno che il parrino stia provando qualcosa di nuovo? non ci spero ma mi piacerebbe essere smentito.
      a me comunque questa formazione con i tre centrali e zaccardo balzaretti a muoversi tra difesa e centrocampo, mi convince. in attesa del ritorno del desaparecido miccoli consente più gioco nelle fasce e più cross e inserimenti.
      purtroppo però in questo modo Jankovich sarà sempre sacrificato.
      cca siemu..

    Lascia un commento (policy dei commenti)