domenica 20 ago
  • Prova costume

    Appena un primo, tiepidissimo raggio di sole spunta attraverso le nuvolette primaverili, quelli dei tg, Studio aperto capofila, indossano i loro bermudini e approdano a Mondello.
    Vogliono assolutamente testimoniare a tutti i costi che il palermitano medio appena sente che il caldo avanza, fa fagotto, si licenzia e si accampa in spiaggia, da aprile a settembre.
    Quindi noi per l’Italia siamo una popolazione di animali da spiaggia, bene che vada.
    La cosa peggiore è la parte dell’intervista al bagnante.
    L’omino palermitano di fronte al microfono viene colpito da un raptus e, siccome si sa, noi dobbiamo apparire sempre i migliori, si esibisce nel solito show a favore della proloco, in cui la nostra è la città del sole, Mondello è il miglior mare del mondo, e soprattutto non abbiamo un cazzo da fare se non, e cito, “approfittare del sole per fare il primo bagno”.
    Ora dico io…APPROFITTARE?????? A Palermo il periodo in cui è possibile fare il bagno dura 5 mesi se siamo fortunati, e quello deve approfittare??? Ma perchè il mare dove va?!?!? Se non facciamo il bagno a fine marzo il mare s’offende e indietreggia di qualche metro???
    Adesso ogni weekend sarà un fiorire di servizi del su bikini, donne smutandate dalle tronfie cosce fresche fresche di linfodrenaggio, topless a iosa e soprattutto risposte farcite di una furbizia inaudita, degne di diplomi acquistati online.
    A questo punto la donna, opportunamente stimolata da cotanti servizi, tenta l’ultima carta prima dell’ imminente prova costume (odio questa frase, mi sento a carnevale).
    Va al centro benessere. Lì la attende chi la analizzerà tipo cavia da laboratorio, e deve essere pronta al fatto che uno che non l’ ha mai vista, le prenderà le misure con una sorta di chiave a pappagallo e la misurerà mentre lei sfoggia l’intimo che nessuno dovrebbe mai vedere, sicuramente spattato, facciamo mutanda ecrù merlettata modello nonna Enza con elastico slabbrato e reggiseno nero con pelucchi d’usura sulla spallina. Poco dopo l’atteso momento dell’esito. La situazione, chissà come mai, è sempre recuperabile, anche se non si possono prevedere risultati, e certo bisogna considerare braccia molli, pancia gonfia, ritenzione idrica, smagliature, cellulite, adipe localizzato e buccia d’arancia. E siccome il tipo è anche super esperto di peli, le dirà che ha tutta la superficie corporea distrutta dal rasoio.
    «Ma io faccio la ceretta», dice lei.
    È uguale. Tutto ti distrugge, ma a tutto c’è rimedio, uno di questi lo propone lui a soli 999,99 euro per eliminare tutti i peli per tutta la vita. Per tutti gli altri problemi sopraelencati, basteranno solo 3 mesi di sedute e duemila euro in meno. Non metto in dubbio la validità delle tecniche, ma forse dopo il trauma che ha creato nella sua testa e che la indurrà ad uscire di casa solo con lo scafandro, deciderà comunque di non andare a mare. Mai più.

    Ospiti
  • 33 commenti a “Prova costume”

    1. esagerazione !!!

      eheheheh!

    2. beh la cosa che mi piace molto è la “zona bikini” che sembra il titolo di un attacco USA contro delle isolette.
      poi le isolette ci sono in effetti e sono i floreali puntini rossi nella suddetta…. eehehehhe
      Ho una notizia terribile la cellulite non se ne va! non ci potete fare nulla… ci piacete anche così.
      ma la cosa più bella è che il mare a giugno prima era il massimo della democrazia. eravamo tutti bianchi. adesso si dice ma che ci vado così bianco in spiaggia? e allora giù di lampade. e così si vedono tanti “geni della lampada” sfoggiare quell’orripilante slippino nautico.
      aiutooooo. stanno tutti unti e bisunti. e anche gli sguardi furtivi e sessuali al mare ormai sono un ricordo visto che ognuno guarda l’abbronzatura il pareo e….
      ARGH dimenticavo il terribile “PAREO PARTY” aiutooooooooooo

    3. Ehhh già noi donne maniache della perfezione e schiave di noi stesse !!!!Io quest’anno seguo il consiglio del mio medico curante che con nonchalance dall’alto dei sui 100 Kg mi disse: “lei Sig.ra cara deve accettare che dopo una certa età il corpo cambia…” ed io perplessa dal basso sei miei 60 Kg: “se lo dice lei…”
      Voi che ne pensate è inutile combattere cellulite ritenzione idrica, svenarsi e svenire con sedute di linfodrenaggio creme e diete drastiche dell’ultimo mese?
      Panormite/i amanti delle ns. spettacolari spiaggie e della pasta al forno a voi la parola 😀

    4. L’illusione di sistemare i danni fatti in niente è vera!
      Me ne rendo conto ogni anno in palestra, quando dopo la pasqua devo cominciare a lottare per avere un armadietto.
      Io inizio a settembre ogni anno, a nuotare, ma solo perchè mi piace perchè credo possa risultare molto noioso se non trovi affinità con una disciplina.
      Solo che se lo fai da aprile a giugno…rimani per come sei.

    5. Simona mi fai sognare! Degna discepola mia ti stai rivelando. e non so se è una fortuna!Cmq io la crema anticellulite nel bagno ce l’ho. Non si sa mai mi venisse il raptus di usarla prima o poi.;-)

    6. cara Simona…
      siamo appena tornate da 30 minuti di corsa allo stadio…soddisfatte e orgogliose di noi stesse!! Ci attendono 50 g di pasta,insalata e tonno al naturale!!
      ovviamente il nostro programma salute,finalizzato al bikini ,è incominciato con uno spaventoso ritardo… riusciremo ,da qui a fine giugno ,a mettere in mostra un fisico quantomeno dignitoso?? mah!!! Lo “Sfozzo” è grosso… ma ma noi siamo più forti dello “sfozzo”!!!
      Ciiaaoo 😉

    7. Cara maestra, mi rallegra darle piacere!!!!

      Vale & Vivi, vengo ora ora da quattro ore di sedia ergonomica, tutte riusciremo ad andare a mare, tanto dopo le prime 45 volte ti passa l’ansia da prestazione!!Male che vada vi stendete vicino le gestanti per apparire più magra!

    8. Esagerata! Non credo che chi va al Centro benessere sia così stupida da presentarsi con la biancheria logorata o “spattata”. Tradizione della nonna sta nell’avere sempre la biancheria a posto, perchè quando si esce da casa non si sa mai cosa ti può capitare, e se finisci all’ospedale che vuoi fare brutta figura col dottore? 😀

    9. No jolanda!! la tradizione la vuole pulita, ma che nonna è con l’intimo accoppiato???

    10. FATICA DONNE!! FATICA!!! 🙂

      Cmq è vero…..pure noi maschietti siamo assillati…. (( inutile fare i machi ) e quindi appena arriva maggio giù con corse chilometriche e dieto ipoipoipoipoipoipoipocaloriche!!!

      Inutile..ormai u danno u ficimo durante l’ inverno con birra, wurstel e patatine!!!

    11. …scrivi CHE con la K (KE) e parli male di chi “approfitta del primo sole per godersi il mare”

    12. ke dirà che ha tutta la superficie corporea distrutta dal rasoio = LE dirà

      Danielo, non avrebbe nemmeno senso usare il che!!!
      E’ solo un errore! E poi non parlo male di nessuno, se non delle NOSTRE ansie comuni !

    13. Ma daiiii…eppoi un uomo senza “panza” è come un cielo senza stelle!!! E poi vorresti mettere la “panza” e “presenza” tipica della nostra città?

    14. Saaaaimon ma quale prova costume, qua è inverno la vostra Estate è solo un’illusione! Qui ancora pensiamo a come coordinare sciarpa e stivali e se siamo brave anche l’ombrello.. il trench che fa tanto London style è il must di questa Estate milanese, ma noi ci illudiamo di essere a Londra per giustificare questo cielo grigio sbiadito. Vogliamo mettere le infradito e i sandali.. beh noi approfitteremmo volentieri del mare per fare un bagno.. Un bacio, sei sempre “la meglio” (se lo dici qua ti espatriano)

    15. ogni anno, davvero, spero di incontrare l’inviato di studioaperto a mondello per buttarlo a mare e dirgli di finirla con i soliti stupidi servizi 😀
      “si, qui a palermo (!!!) ci sono 35 gradi e come vedete sono tutti in acqua, a voi studio”

    16. Tutto sto casino per scrivere che a marzo andiamo a amre a mondello!!!? ma che “intervento” è?! Fatti un bagno e non pensare a scrivere ste cose…

    17. Giovanni è lecito che tu esprima la tua disapprovazione, però ti faccio presente che non sei stato obbligato a leggere. 🙂

    18. Non avevo null’altro da leggere…lo so..sono caduto in basso…

    19. Premesso che spero di aver letto solo tanta ironia e toni di enfasi, ci tengo cmq a precisare che :
      1) Al nord quando guardiamo voi che sguazzate a Mondello proviamo solo tanta invidia.
      2) L’idea del siciliano fannullone è un mito sfatato in quanto la situazione lavorativa in Sicilia la conoscono tutti.
      3) I siciliani che sopravvivono qui in genere vengono a farsi il culo e sono ammirati e rispettati per questo. Spesso a capo di grosse aziende non trovi il signor Rossi ma personaggi con cognomi poco Nordici e molto terroni.
      4) Nei centri estetici non ci entra il popolino perchè costano un botto, ci va la creme della creme ed in genere non sfoggiano certo intimo spattato.
      Forse dovresti provare ad andarci tu a Mondello invece di scrivere baggianate.
      Chiedo venia ma commenti atti a svilire una città come Palermo mi danno proprio noia.
      E’ d’obbligo dire che cmq è carino il modo in cui scrivi e la battuta sul mare che indietreggia mi è piaciuta!

    20. PROVA COSTUME . Sottotitolo : come nutritre un rancore annuale nei confronti dell’inviato del tg e concincersi che provare l’umiliazione di essere misurate con l’arnese – pappagallo e spendere euro a palate ci dia la speranza di non apparire come un frigidaire anni ’50 alla prima comparsata in spiaggia.Perchè la donna vale. Categoria : baggianate. Spero sia sparito ogni dubbio su presunti svilimenti della città palermitana.

    21. Purtroppo quando si scrive sulla rete bisogna sempre tener presente che si può esser letti in ogni parte del mondo.
      L’ironia del palermitano la comprende solo il palermitano. Non critico le tue buone intenzioni ma solo il modo in cui le hai espresse. Aggiungo inoltre che quando ci si espone si è sempre soggetti a critiche e bisogna assumersene le responsabilità.
      Personalmente mi indignava vedere che tra una spiaggia gremita di studenti, il solito inviato del tg4 sceglieva sempre il Palermitano colorito. Un pò come mi indignava guardare il tizio al Grande fratello di cui nemmeno ricordo il nome. La verità sai qual’è? Che in ognuno di noi Palermitani c’è una componente che li ricorda. Questa è tradizione, questa è cultura!

    22. Monica siamo d’accordo su alcune cose. Non lamento le critiche, assolutamente. Ho solo puntualizzato che l’intenzione di sminuire il popolo o la città non c’è. Non credo poi che l’ironia sia capita solo dai palermitani, per fortuna. Scrivo di panze e braccia molli, dove si legge una critica ai siciliani che lavorano al nord?????

    23. ahahah…Simona i tuoi post sono sempre GENIALI!!
      Cmq in effetti è un po’ vero quello che tu dici scherzando (mamma mia come suana male)…l’effetto “licenziamento da maggio a settembre” è una cosa REALE! Stando a Mondello vedo OGNI giorno persone grannuzze (non ragazzini/e festanti, magri, belli, atletici, spensierati con pizze da 700 g in mano e senza un filo di ciccia…dio quanto li detesto) che si prendono “il primo sole” o “approfittano per farsi “il primo bagno”…ogni giorno…”90 volte il primo bagno”…potremmo farci un film!!

    24. Cara Simona, forse non te ne sei accorta ma hai asserito all’inizio del tuo post che “Quindi noi per l’Italia siamo una popolazione di animali da spiaggia, bene che vada”.
      E ciò non è assolutamente vero.Tu, perdonami, non hai ben compreso la mia di critica. Visto che di luoghi comuni sul nord e il sud ce ne sono anche troppi, ci tenevo solo a precisare che ciò che pensi non corrisponde a verità.
      E fidato di una palermitanazza verace che al nord ci vive, il nostro humor piace ma è poco compreso 😀
      Cmq la mia critica era costruttiva e ti ho anche detto che mi hai fatto sorridere, quindi non parliamone più:)

    25. Io, na vota ci ivu o centro benessere. Miii chi fùù bbellooo!!! M’avia misu i mutanni e u reggipiettu nuovi, sulu ca na signorina ri ddà mi taliava mali, iu allura ci spiavu: ma chi c’avi i taliari? ah?? Idda m’arrispunniu ca si bbulieva mi livava i pila sutt’asciddi e chiddi ntè ncinagghi. Miii appena rissi accussì mi vistivu e minni ivu. Mi vuleva strazzari i pila cu sparatraaappuuu!!!
      Ma com’è fuaaaddiii??
      Iu a mmari ci vaiu chi pila, e a cu un ci piaci si gira a facci!
      Chista sugnu.

    26. Monica guarda che non c’è problema! Non mi sarò espressa bene nel post , ma di fondo veniamo da “esperienze nordiche” diverse, mi sa. Il continente non è solo Milano ( con più meridionali che lombardi doc ) . Sono contenta comunque che la baggianata un po’ ti abbia fatto sorridere!

    27. Tutto è bene quel che finisce bene.

    28. Il continente non è Milano ma quando si tratta di lavoro, non è che il panorama italiano offra chissà quali prospettive 🙂
      Cmq beati voi che vi preparate alla prova costume!
      Ma davanti ad un’arancinA come si fa a pensare al problema cellulite?
      Buona giornata

    29. Meglio lasciare l’ultima parola a Monica 😀

    30. ahahah un circolo vizioso.
      Mora non replicare che l’ultima parola è mia.. OH! 😉

    31. w l’arancina abburro

    32. Grande Simona…ma dai su è tutto vero quello ke ha scritto, sembra quasi ke ki non fa il bagno il 30 marzo è un povero deficente e ke dire di tutte le ragazze e donne in genere ke si mettono a dieta o si deforestano le gambe (visto ke i peli d’inverno le hanno tenute calde) x andare a farsi il primo bagno!!!!E’ una dura battaglia la nostra, ma “approfittandone” del primo bagno ci dimentikiamo di tutto il resto…:) Mi auguro di leggerti al più presto, a presto Claudia

    Lascia un commento (policy dei commenti)