sabato 25 nov
  • L’estate

    Da bambini l’estate è vacanza. Niente compiti e giocare tutto il giorno, andare a mare con la famiglia e, per chi è stato più fortunato, tornare a casa sudati dopo un intero giorno ‘nmenzo a strata a ghiucare o’ palluni. È aiutare la mamma e la nonna a fare ‘i buttigghie r’a sarsa o liccarisi l’astrattu stinnutu cu’ to’ ma’ ca ti va assicutannu cu’ ‘a cucchiara ri ligno.

    Da adolescenti l’estate vuol dire libertà, ozio, lagnusia, sdivacarisi ‘nterra ‘ncapu ‘u scalune o’ frisco, buttaniari ‘ddi cicala ca zirrichiano, attintari li gridde ‘nta la notti e fari ‘i filosofi boffa ‘nt’a minchia. È far finta di aiutare la mamma e la nonna a fare ‘i buttigghie picchì l’amica tua r’u vicinanzu ora ca è fatta chiù granne, sempre ca ‘un’avi ‘u marchise, aiuta a to matre a scafazzare ‘u pumaroro e tu ti ci va mette ri ‘nfaccio pi’ virire quarche cosa rintra ‘a canuttera scullata.

    Da giovani l’estate è studio serrato e speranza di giorni liberi e sereni. È delusione: picchì ‘a serenità si ‘nniu cu’ l’urtima pumpiata r’acqua chi dasti ‘nterra pi’ puliziare dopu ca finistivu ri fare ‘i buttigghie; cà buttigghie ‘un si nni fannu cchiù ormae e si comprano le buatte.

    Da adulti l’estate è cosa buona. Si lavora con ritmo più lento e forse qualche giorno si salta per ferie. Ma è puru ‘na camurria: to’ mugghiere si cumincia a lamintare ca ‘un la porte mae a mare, ‘i picciridde sentunu cavuro, a notte ‘i zanzara ‘un ti fannu rormire e, s’iddu macare una notte ‘un voe proprio rormere, to’ mugghiere ti risce ca poe sura. E tu comu un fissa c’aiutaste a fare i buttigghie!

    Da vecchi l’estate è terrore, malanno, sventura, comu un annata bisesta (beatu cu arresta!). I telegiornali già dopo le vacanze di Natale cominciano a dare consigli, statistiche, rimedi e numero preciso dei morti. Ah questi poveri vecchi: ‘un c’abbasta ca già campanu cu’ ‘nmerno ‘nto core, ca macare ‘a ‘state c’a facemu malirire? L’estate, per loro, non è più fare le bottiglie: picchì p’u enniro ‘a soggira è troppo ‘ngrasciata e p’a nora ‘u soggiru piscia e ‘un si lava i manu. Mischine ci finiu propriu ‘a ‘state.

    Ospiti
  • 22 commenti a “L’estate”

    1. detesto l’estate…. troppo caldo…. troppo sudore… troppa fatica x far qualsiasi cosa.
      E poi, come si vede dall’ora, passo le notti senza riuscire a dormire…. grrrrrrrrrr

    2. Idem… confermo paro paro ciò che scrive Nalya…

    3. che cosa orrenda svegliarsi di notte sudati! ma spaete qual’è la beffa maggiore (nel mio caso umano): che pur essendo armato di pompe di calore tipo “cella frigorifera” non posso tenerle accese perchè la mia compagna, bontà sua, ha un paio di fisime:

      a- “Benedè…sento troppo freddo…etciù etciù” e la ritrovo coperta con un plaid…nella stanza ci sono 24 GAUDENTI gradi mica 12!
      b- “Benedè ma ‘sto condizionatore lo hai messo al minimo? No perchè con tutti i tappi nelle orecchie lo sento” (N.B. con i suddetti tappi se le faccio esplodere un petardo accanto non lo sente…però sente il fruscio del condizionatore Daikin di ultima generazione!!!)

    4. ps: ah…l’amore!

    5. E’ vero, l’estate è un tormento, troppo caldo, troppa lagnusia, troppa incapacità di lavorare, troppo lunga… quando arriverà ottobre? Le prime serate fresche, i primi temporali che lasciano l’aria profumata… saluti a tutti e buona estate!

    6. sono l’unico che ama l’estate….mare studio (poco) caldo (se troppo, aria condizionata) donne più scollate uscite serali più frequenti….il siciliano doc nn può odiare il caldo o l’estate, siamo nati per questo….ahah scherzo dai che è bella l’estate

    7. Pure a me piace tanto l’estate! Divento un’altra…d’inverno sono sempre scurusa, come il tempo!
      Certo caldo fa caldo,ma da qui ad odiarla l’estate!

    8. E ancora, un paradosso estivo: la stiratura della biancheria!
      In inverno, quando ci farebbe piacere godere un po’ del calduccio del ferro a vapore, di roba da stirare ce n’è poca (i maglioni di lana, si sa, non hanno poi troppo bisogno del ferro da stiro).
      Ma d’estate: tutta roba da stirare (t-shirt, camicie di lino, pantaloni di cotone non jeans…), indossata una volta e finita inesorabilmente nella cesta della biancheria sudata (in estate è quello l’unico tipo di sporco che sembra depositarsi sulla biancheria) e che, dopo un giro in lavatrice, langue in attesa che arrivi un po’ di frescura!

    9. Parliamoci chiaro , l’estate è bella se sei vacanza e non fai un cavolo dalla mattina alla sera.
      Se invece rimani nelle nostre città infernali piene di cemento e smog allora può trasformarsi in qualcosa di mostruoso.
      Io sono ancora in città e sto soffrendo come un cane ( anche se ho il condizionatore ).
      Sono nato in autunno , viva l’autunno !!

    10. @ Cagliostro: hai colto nel segno!
      Io amavo l’estate quando da ragazzina me ne stavo x settimane in campeggio al mare, a godermi mare – sole – spiaggia… tutto è finito con l’università, c’era sempre qualche esame da preparare e a mare ci si distrae troppo e io avevo fretta di finire tutti gli esami.
      Poi iniziò il lavoro (grazie al cielo) e vacanze solo in agosto. Una settimana di vacanza vera (se si riesce) e poi a casa. Giusto x sfatare il miti che il palermitano medio sta al mare, in spiaggia, da aprile fino a fine settembre.
      Il fine settimana a mare: provare x credere!
      Evviva settembre, ottobre e novembre, i mesi più belli dell’anno!

    11. ma non esagerate vi prego…
      l’Estate a tanti Pro e Contro esattamente come ne ha l’inverno…
      ma ci fate caso:
      …che fa buio + tardi?
      …che ci sono milioni di cose da fare?
      …che nei locali ed al supermercato per pagare non devi fare a gara “A CHI è + CATTIVO”?
      …che la frutta è + simpatica e colorata?
      …che per uscire non devi accoppiare SCARPE, CALZE, PANTALONI/GONNE, MAGLIA SOTTOGIACCA O SOTTO PULLOVER, PULLOVER O GIACCA, CAPPOTTO, SCIARPA, GUANTI e BORSA (Praticamente un TRAVAGGHIU)?
      …che tanto x quanto ancora lavori c’è la speranza di una imminente vacanza?
      etc.etc.etc
      Wiwa Palermo e… L’ESTATE…

    12. A me mi piace l’estate perchè mi piace l’odore pungente della mia ascella sinistra tutta belle sudata.
      Mi piace, Che ci posso fare? M’inebria, diciamo così. E in estate….mi faccio di quelle sniffate……

    13. Sono nata in inverno ma AMO L’ESTATE. Il mare, la spiaggia, le giornte più lunghe, i vestiti leggeri, il gelato, l’anguria, le serate con gli amici, la pelle abbronzata, la voglia di ridere e ballare, i tramonti in spiaggia, e soprattutto le ferie!
      🙂

    14. sottoscrivo in pieno dici72 e maria m.

      viva l’estate

    15. W L’ESTATE PERCHE’ NON C’E’ SCUOLA,NON CI SONO COMPITI,
      PERCHE’ SI VA AL MARE E FINO ALLE 20 C’E’ UNA LUCE CHE E’ VITA… PERCHE ESCI DALL’UFFICIO E ANCHE SE SONO LE 19 HAI LA SENSAZIONE CHE LA GIORNATA ANCORA NON SIA FINITA E C’E’ TEMPO PER TANTE COSE….

    16. EVVIVA L’ESTATE!
      Come si può non amare le giornate di luce lunghissima, i bidet a mollo a mare tutto il giorno, u muluni friscu, il gelato al pistacchio, le canottierine leggere, le infradito (che finalmente i piedi ringraziano perchè non ne possono più di squarare dentro una converse o una gazella!), le nottate fuori…? Quante altre cose potrei dire!
      L’inverno mette tristezza!

    17. ..ho sempre odiato l’estate perchè facendo il compleanno il 31 luglio non riuscivo a festeggiarlo mai…. adesso col tempo e ultra 40 i compleanni non li festeggio più ugualmente :(. Lavorando nel turismo non dico di odiare l’estate perchè è il mio pane, la gente parte, s’addiverte ed io ho lo stipendio cautelato. Però l’estate, cari amici, non esiste più (almeno qua); forse siamo in Amazzonia, ai Tropici, ai Caraibi…..non ci sono le stagioni intermedie e si passa dal freddo al caldo con una semplicità estrema. Ecco perchè malanni per tutti ed ashimè cibi pessimi (frutta e verdura senza sapori). Ecco mi manca l’Estate di qualche tempo fa, quella che cominciava davvero il 21 giugno (:

    18. Il mio modo di vedere l’estate è singolare.
      Tutto, dico PROPRIO tutto, mi piace e mi stimola in estate: il mare, le serate, il tempo libero (che ci piaccia o no ne abbiamo di più in estate che in inverno) e tutte le cose stupende che avete già detto voi…
      Ma la cosa che mi piace ancora di più è il ricordo, d’infanzia s’intende, che verso fine agosto fa capolino dentro me. La fine dell’estate mi riporta sempre a quando ero poco più che quindicenne, con l’avanzare dell’autunno e l’inevitabile inizio scuola. Ai tempi una tragedia, adesso un immensa nostalgia mai sopita. Ed è sempre così, l’autunno…
      Mai ricordi recenti legati alla fine dell’estate, ma sempre riguardanti la mia infanzia. Sarà un mio problema, non so, ma è così.
      Il meglio dell’estate quindi per me coincide, paradossalmente, con la sua fine. Evidente poi che anche il suo svolgersi mi aggradi. Ma da adulto.
      Solo questo.
      Volevo rendervi partecipi di un mio sano modo di “utilizzare” la nostalgia.

    19. Che malinconia! Era davvero bello trascorrere da bambino le giornte a giocare nna strata o pallune puru quannu avia a freve!
      E che dire dell’adolescenza, SPETTACOLARE, trascorrere le serate, o meglio nottate con gli amici, spensierati a ridere per minchiate, ritornare a casa nne matinate e come PP trovare mio padre alzato ca mi ricia “ma chi ti pare n’albergo sta casa? Ri rumane ti nni vae a travagghiare”, ma iu minnifuttia e continuava a fare a bella vita!
      Già la bella vita!
      Ora ho quasi 30anni, lavoro, sono zito e discurru ri maritarimi (ma cu l’avissi mai pinsatu), certo non posso lamentarmi della vita che conduco, ma tutto diverso dagli anni d’oro trascorsi, ora ci sunnu li camurrie ca prima mancu faciano mpressione.
      Forse caro Ancilino il futuro sarà e deve essere come lo descrivi tu, ma chi sicci pò fare! Chista è a vita! Un si pò turnare nnarrè!!!

    20. maurizio scusa se mi faccio i fatti tuoi, ma leggendo il tuo commento capisco poco di quello che hai scritto. Ma chi è stu PP (…e come PP….), e poi Chi è Ancilino (….caro Ancilino…), ma hai sbagliato post per caso?

    21. mimmo è un grande, la rinascita ru paise, passa da lui!

    22. Domenico ma in ineverno niente ti accade?

    Lascia un commento (policy dei commenti)