venerdì 20 ott
  • ExKarcere: pochi manifestanti e una nuova occupazione

    Si è svolta ieri la manifestazione nazionale contro lo sgombero dell’ExKarcere, centro sociale occupato in via Mongitore. I manifestanti erano poche centinaia, apriva il corteo uno striscione con la frase «Peppe e Pasquale sempre nei nostri cuori» (un riferimento a due ragazzi dell’Albergheria morti pochi giorni fa in un inseguimento perché non si erano fermati a un posto di blocco), non ci sono stati incidenti e sono state scandite frasi contro la Polizia.

    Alla fine della manifestazione è stato occupato un altro edificio di proprietà della Regione.

    Palermo
  • 203 commenti a “ExKarcere: pochi manifestanti e una nuova occupazione”

    1. (poi quando li prendono a colpi di manganello la colpa è della polizia…)

    2. perchè non vanno ad occupare le loro case e si tolgono dai c++++++i ???

    3. Ecco cosa è Palermo! questi buffoni dell’ex carcere che hanno anche più di 30 anni si divertono a trasformare due delinquentelli di borgata in “EROI PER SEMPRE” !! E un parroco dice timidamente “ma era proprio necessario l’inseguimento ?” e poi si corregge affermando che mai si mette contro le forze dell’ordine o le condanna!
      E nessuno pensa al poveraccio in ospedale massacrato e con la macchina distrutta contro la quale si sono scagliati i due ragazzi, senza che la Polizia aprisse il fuoco, li ha semplicemente inseguiti! D’ora in avanti nessuno si deve più fermare, perchè non dobbiamo fare anche noi i furbi ?? hai capito come finiscono “martiri” due teppistelli ??
      che città schifosa! deve annegare nella sua stessa mafia!

    4. Se i due “EROI PER SEMPRE” alle due di notte si fossero trovati a casa propria a dormire perchè il giorno seguente sarebbero dovuti andare a scuola, anzicchè andare gironzolando a bordo di uno scooter privo di assicurazione, tutto questo forse non sarebbe mai successo. Ma i genitori dove sono? Cosa fanno? Comunque la colpa è della Polizia perchè li ha inseguiti, la prossima volta quando qualcuno non si ferma all’alt lo si fa tranquillamente andare via.
      Che schifo! non cambierà mai nulla in questa città…

    5. E’ imbarazzante soprattutto la strumentalizzazione dell’incidente per accattivarsi il favore della gente del quartiere e trovare un appoggio al loro parassitismo… E’ sempre una disgrazia la morte, soprattutto se si tratta di ragazzi, ma inutile ribadire che gli agenti stavano soltanto facendo il loro dovere. Massima solidarietà per quell’uomo che ha rischiato la vita, suo malgrado. Poteva essere chiunque di noi ed è l’unica vera vittima di tutta questa triste storia. Il parroco, bè, ogni commento è superfluo..Ma aveva un’ottima occasione per sensibilizzare la gente di quel quartiere difficile ad intraprendere la via della legalità, invece ha sparato una tonnellata di aria fritta per codardia e perchè evidentemente non ha nè lo spessore nè l’utilità di ricoprire il ruolo assegnatogli. Altro che padre Puglisi..

    6. Rosalio, organizziamo una petizione contro l’ex-karcere e i suoi metodi. VIAAAAA

    7. E’ nata la necessità di costituire un Comitato o un’Associazione contro queste persone. La Cittadinanza onesta deve dargli una risposta. Bisogna dimostrare solidarietà alle Forze dell’Ordine e lanciare il messaggio chiaro e preciso di lotta alla mentalità criminale. Sono stufa di questa gente, per me non meritano di esser definiti palermitani, dovrebbero togliergli la cittadinanza.

    8. Da Milano la storia di questo tragico incidente è giunta chiara solo in parte.
      Certamente, però, se qualcuno tracciasse una linea per terra dicendo: “o di qua o di là”, io sicuramente starei dalla parte delle forze dell’ordine.
      In definitiva mi dispiace per il tragico incidente, ma nessuna giustificazione può essere trovata per chi percorre contromano un’autostrada per sfuggire ad un posto di blocco.

    9. Brava Jolanda. Questa risposta deve arrivare. Al di là del comitato, starebbe cmq bene un corteo di tutta la gente che la pensa in questo modo.

    10. Prevaricatori e strumentalizzatori, ecco cosa sono questi tipi! Inaccetabile il loro modo di fare…

    11. Ci vuole veramente poco cervello a far diventare eroi due che scappavano in controsenso dalla polizia, durante un controllo, e che si sono schiantati contro un povero tizio che viaggiava tranquillamente nella sua auto. Si trovano sempre pretesti per scaricare odio contro le forze dell’ordine.

    12. scusate..per quanto non ritengo responsabili le forze dell’ordine per la morte dei ragazzi considero i vostri commenti osceni..sono sempre due persone morte e vanno rispettate,hanno sbagliato e sono stati sfortunati,l’ex carcere si batte per il diritto alla casa per i piu bisognosi,penso sia una nobile causa o no?ma tanto a voi che ve ne frega..noi tanto abbiamo una casa..un pc per commentare anzi a quanto leggo per giudicare e pregiudicare azioni altrui e se mi dite che mai nessuno di voi è salito su una moto non in regola vi rido in faccia..

    13. l’altra faccia dei centri sociali, spesso dalla parte dei più deboli…
      http://www.youtube.com/watch?v=ZYrtI9I8_9U

    14. quoto domo

    15. quoto domo

    16. si, anche perchè ora pare che il problema di palermo sia l’ex carcere, che qualcuno vuole addirittura “organizzare una petizione contro”; ma finiamola per cortesia. e per quanto sia dell’idea che in una città dominata dalla mafia sia controproducente attaccare le forze dell’ordine (proprio per una questione di: con chi stare, almeno per ora), non dimentichiamo che queste ultime non di rado abusano del proprio potere; ma soprattutto non dimentichiamo che due ragazzini sono morti, e non ci deve interessare altro.

    17. quoto domo

    18. L’ex carcere è uno dei pochi spazi d’aggregazione liberi ed aperti a tutti. Io l’ho utilizzato per 5 mesi come set cinematografico per un cortometraggio, senza che nessuno mi chiedesse niente in cambio. Sono andato spesso a vedere concerti di gente che non riesce ad ottenere spazi dove espirimersi. Vorrei proprio capire quale fastidio da a certuni l’esistenza di una realtà simile. In realtà vorrei anche sapere se gli stessi sanno almeno dove si trova e saprebbero raggiungerlo senza chiedere informazioni ai passanti. Ho l’impressione che ancora una volta si giudica senza conoscere.

    19. Calpurnio quell’edificio è occupato illegalmente. Punto.

    20. a palermo c’è un concetto alquanto “particolare” di legalità.

    21. in sicilia è legale essere condannati a 5 anni di carcere e candidarsi come primo ministro dell’udc ma è illegale fare dei centri sociali d’aggregazione??

    22. Tony Siino, quell’edificio era abbandonato da decenni e in disfacimento. Per renderlo fruibile è stato parzialmente restaurato con gli scarsi mezzi a disposizione degli occupanti. Qual’è la vera illegalità? Lasciare marcire e crollare edifici di proprietà pubblica o occuparlo rendendolo vivibile e fruibile dalla comunità?
      Per curiosità, Tony, ma ci hai mai messo piede?

    23. Non capisco che fastidio da uno spazio che seppur occupato “illegalmente” diventa uno spazio fruibile per svariate attività.
      A me da cittadino non può fare altro che piacere se uno spazio _abbandonato_ venga _sfruttato_, semmai posso non essere d’accordo sulle attività svolte.

      Purtroppo ho notato da parecchio tempo che molta della gente che visita questo sito è vincolata dalle solite barriere che l’informazione alza sulle nostre menti, e l’articolo fazioso scritto oggi ne è la prova.
      Anche io in passato avevo un’idea negativa sui centri sociali, fino a quando varie occasioni mi hanno permesso di visitarli e di ricredermi.

      PS : Non sono d’accordo nemmeno io sulla strumentalizzazione dei due ragazzi morti, ma non deve essere usata come pretesto contro centri che spesso svolgono attività sociali utili alla nostra città.

    24. AVANTI ULTRAS !!!

      AVANTI PALERMO !!!

    25. Calpurnio non ho nulla da aggiungere.

    26. Strumentalizzazione dei due fuggitivi senza assicurazione? Ad inserirli nel contesto del “centro sociale occupato” non siamo stati noi lettori del blog, bensì gli occupanti! Sono sempre stata a favore dell’occupazione di luoghi abbandonati dall’Amministrazione e trasformati in luoghi di aggregazione. Mi ricordo “ai miei tempi” del Montevergini o di Palazzo Jung. Se gli occupanti non avessero usato parole criminali contro le Forze dell’Ordine oggi si troverebbero tante persone al loro fianco a darli la propria solidarietà. Ma così non ci siamo! Cosa c’entra la voglia di gestire autonomamente un luogo abbandonato per produrre un centro di aggregazione, con il manifestare un’ideologia pseudo criminale? Se i due ragazzi non fossero morti, oggi ci ritroveremmo qui a parlare di una persona che si ritrova all’ospedale a causa di due incoscienti che hanno imboccato una strada contromano e per giunta senza assicurazione. Credo che abbiano sbagliato di grosso gli occupanti dell’Ex Carcere ad unire le due vicende. Hanno dimostrato poco senso civico. Si parla tanto di Legalità a Palermo, dimostriamolo noi Cittadini indignati reagendo attivamente a queste manifestazioni di mentalità pseudo mafiosa.
      Massima Solidarietà alle Forze dell’Ordine.

    27. iPepito se l’articolo è fazioso (non credo) puoi benissimo dire la tua nei commenti.

    28. # Tony Siino ha scritto il 12 Ottobre 2008 alle 15:14

      Calpurnio non ho nulla da aggiungere.

      Tipica risposta di chi rimane a corto d’argomenti.

    29. Piccola parentesi. credo che se qualcuno di noi è salito in una moto non in regola, di sicuro non è scappato all’alt della polizia.

      C’è il dispiacere per la morte dei due ragazzi, ovviamente, ma il post tratta di altro.
      Non mi sembra vi siano stati commenti osceni, si commentava, la stupidaggine, di fare diventare eroi questi due giovani. Devono diventare due martiri? perchè mai?. Certe volte bisognerebbe guardare la realtà per quella che è. Non farsi prendere dalla solita ideologia anarco-comunista (o non so che cosa) contro le forze dell’ordine, che abusano del potere. Chi non sta con le forze dell’ordine a Palermo, con chi sta (o con chi potrebbe stare)secondo voi? Se l’ex karcere, mettiamo caso, si occupa dei bisognosi, accoglie poveri, o chennesò pulisce le strade fa benissimo. Ma se poi, due ragazzi che hanno fatto quella fine, vengono usati come pretesto per scaricare odio contro la polizia… hanno tutta la mia disistima!

    30. Ok, l’exkarcere scolge funizioni sociali. Ma la luce chi la paga? l’acqua chi la paga? la tarsu chi la paga?E’ risaputo che i giovani dell’Albergheria escono pazzi per la tecno e non per la musica napoletana infatti loro fanno tutti concerti con Preziosi e simili), è risaputo che questo centro sociale si è schierato apertamente per le forze dell’ordine condannando il gesto dei due ragazzi e non che ha stampato volantini contro la polizia ed aizzato la popolazione locale. E’ risaputo che quelli dell’exkarcere sono contro la violenza e non che 15 giorni fa hanno spaccato la testa ad un quindicenne. Però fanno girare i cortometraggi senza chiedere nulla e sono per la pace e la musica alternativa( con qualche spinello in formato gratuito made in Albergheria)

    31. @picchio: è risaputo che questo centro sociale si è schierato apertamente per le forze dell’ordine condannando il gesto dei due ragazzi e non che ha stampato volantini contro la polizia ed aizzato la popolazione locale.
      Una domanda: lo striscione con su scritto “Peppe e Pasquale sempre nei nostri cuori” chi lo ha realizzato? e le frasi contro la Polizia chi le ha scandite?
      Mi sa che sei confuso!

    32. certo che dopo i fatti della Diaz di Genova, e le ridicole sentenze del potere che difende se stesso, io ci andrei piano a solidarizzare sempre e comunque con le forze dell’ordine.

    33. Domo mi disgusta il tuo modo di pensare, è a causa delle persone che la pensano come te che la Sicilia non cambierà mai. Se vivi in una Nazione devi rispettare le regole e le norme che lì vigono. Le Forze dell’ordine, lo dice la stessa parola, tutelano l’ordine e fanno rispettare la Legge! La mentalità mafiosa è quella di voler costituire un AntiStato o ControStato, ovvero uno stato parallelo a quello Ufficiale. La mentalità mafiosa sta nelle tue affermazioni disgustose. Per ottenere una casa, basta manifestare pacificamente, come stanno facendo le persone che dormono in questi giorni in Cattedrale, non c’è bisogno di scagliarsi contro le Forze dell’Ordine per far valere i propri diritti.

    34. Jolanda, scherzi o dici sul serio? Non mi risulta affatto che il centro sociale si è schierato con la polizia; gli slogan nel corteo chi li ha lanciati? Questa è strumentalizzazione del disagio e ti dirò di più: sono fortemente convinto che gli incidenti avvenuti di notte all’albergheria hanno avuto la supervisione di questi giovanotti, rivoluzionari a modo proprio. No Jolanda, questi sono teppisti allo stato puro tinti di rosso e pronti a sctenare l’inferno quando ne avranno la possibilità (spero mai). Ricordati le devastazioni di Genova e Napoli

    35. @stalker: se in un chilo di mele ce ne sta una marcia, questo non significa che tutte le mele vanno buttate! O forse dovrei usare la metafora del bambino e dell’acqua sporca per spiegarmi meglio. Bisogna stare attenti a fare certe affermazioni, sono pseudo terroristiche e noi non viviamo più negli anni settanta, ma nel 2008!

    36. @picchio: “è risaputo che questo centro sociale si è schierato apertamente per le forze dell’ordine condannando il gesto dei due ragazzi e non che ha stampato volantini contro la polizia ed aizzato la popolazione locale”. Queste sono le tue parole!!! Non le ho scritte ioooo!!! Rileggiti! Ti ripeto quindi la domanda: Una domanda: lo striscione con su scritto “Peppe e Pasquale sempre nei nostri cuori” chi lo ha realizzato? e le frasi contro la Polizia chi le ha scandite?
      Mi sa che sei confuso! Si, sei proprio confuso!

    37. jolanda, io non butto tutto il cesto di mele, ma non me le compro neanche ad occhi chiusi solo perchè su c’è il bollino “certificate del ministero dell’interno”!!!

    38. Con gente avente simili idee, non c’è di discussione.
      Cosa c’entra la musica alternativa, techno o napoletana.
      qualcuno ha anche scritto: <>
      con simili frasi c’è solo da piangere. A titolo informativo, sono uno che vota a sinistra da sempre.

    39. qualcuno ha anche scritto che la mentalità poliziesca è legata a quella mafiosa…
      con simili frasi c’è solo da piangere. A titolo informativo, sono uno che vota a sinistra da sempre.

    40. @stalker: ma perchè citate VOI DI SINISTRA sempre la Diaz di Genova e non citate mai la città chre è stata messa a ferro e fuoco? centinaia di negozi distrutti, banche assaltate, decine di polizziotti in ospedale. L’ipocrisia la fa da padrona e poi mi chiedo com’è che un criminale con il passamontagna in testa ucciso con un estintore in mano mentre tenta di colpire un carabiniere inerme diventa un eroe. Leggo le tue cazzate e lo capisco

    41. gianniz, a me invece sembrava una discussione molto interessante, discutere lo trovo sempre positivo.
      purtroppo vi devo lasciare. buon proseguimento…

    42. JOLANDA ERA UNA FRASE IRONICA, DICIAMO LA STESSA COSA

    43. I casi di Napoli e Genova non si possono assolutamente paragonare con quanto è accaduto con i manifestani dell’ex carcere. Qui bisogna analizzare bene quanto è stato scritto sullo striscione, si sono apertamente schierati a favore di due persone che non hanno rispettato la legge, due persone che non si sono fermati all’alt e che, nonostante sia obbligatorio, non avevano l’assicurazione, quindi andavano in giro pericolosamente. Potevano investire chiunque e non avrebbero risarcito nessuno! Bisogna distinguere i fatti politici da quelli criminali. Bisogna saper distinguere le notizie. Massima solidarietà alle Forze dell’Ordine sempre, perchè se oggi i Lo Piccolo, Provenzano e Riina sono in galera a marcire, lo si deve grazie a loro!!! E’ facile allora andare a presenziare sotto l’albero Falcone e poi scrivere cose come quelle scritte da domo. Vergognoso!

    44. @stalker: la strumentalizzazione comincia da qui, non facciamo confusione. nessuno è dalla parte di nessuno, si parla di fatti.

    45. picchio, noto con piacere che siamo passati agli insulti!
      ora devo scappare, poi se ti interessa ti dico quello che penso di come siano andate le cose a genova e chi le abbia pilotate…insomma chi c’era in cabina di regia.
      saluti

    46. quiqueg: mi sa che non sai che confondi il significato della parola Legalità con la parola Politica. Qui non si sta parlando della “malapolitica”, si sta invece discutendo del fatto che alcune persone si sono schierate contro la Polizia che svolge il proprio lavoro, e cioè quello di tutelare l’ordine e di far rispettare la legge. Qui non c’entra nè la destra nè la sinistra, queste sono sommosse anarco-terroristiche-criminali. Potrei anche essere d’accordo (e lo sono stata) con l’occupazione di luoghi abbandonati per creare “centri sociali” anche se servono solo per aggregare gruppi di giovani, ma non mi troveranno mai d’accordo con l’aggressione verbale nei confronti della Polizia che cerca tutti i giorni di portare un messaggio di Legalità (la stessa che volevano Falcone e Borsellino) in questa Città in mano alla mentalità mafiosa. La mafia la si combatte rispettando le leggi e le forze dell’ordine!!!

    47. Ma in un quartiere come l’albergheria, secondo voi è un bene inneggiare la gente ad andare contro le forze dell’ordine?
      Non viviamo solo pensando al presente, perfavore.

      stalker non parlavo di te, in particolare…

      Non credo che ci sia discussione, con chi ha delle idee simil-terroristiche. Persone che auspicano l’illegalità diffusa. Questo è un discorso che ci porta su un piano psicologico (mancanza di padri?) e quindi evito.

    48. Si dimmelo Stalker perchè sicuramente eri là. Sicuramente mi dirai che è stata la Polizia, la CIA, i massoni, Cammarata e Cuffaro a distruggere la città, incendiare macchien, demolire 13 banche e 89 attività commerciali mentre i bravi ragazzi no global e dei centri sociali erano in chiesa a pregare e recitare il rosario. Dimmelo perchè mi fa sempre piacere ed è molto istruttivo capire come riuscite a deformare la verità e come si fa diventare un teppista da due soldi in eroe (con tanto di mamma al senato). Che schifo

    49. Vi invito a essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori. Grazie.

    50. Scusa Siino, hai ragione, ma ogni tanto si perde il lume

    51. E’ assolutamente inutile voler fare un paragone tra i casi di Napoli e di Genova e la manifestazione degli occupani dell’Ex Carcere. Il paragone stride parecchio! A Napoli e Genova si manifestava per motivi politici, qui hanno manifestato per una logica e visione distorta della Giustizia e dello Stato. Basterebbe studiare un pò di Educazione Civica e capire cosa significa aver rispetto per le Istituzioni e saper denunciare, all’occorrenza, chi all’interno di esse è marcio.

    52. Hai ragione, grande quiqued, occorre fare la rivoluzione. Va bene così?

    53. quiqueg, argomenta…

    54. Vorrei ricordare a tutti che viviamo nel 2008, in una Repubblica Democratica, e che l’epoca dei Borboni è finita da un pezzo.

    55. Jolanda, io non sono contro i centri sociali per presa di posizione: ben vengano quando svolgono le loro funzioni sociali e quando sono rispettosi della legge. Non posso essere d’accordo con chi si dichiara centro sociale e fa solo proselitismo politico che specie più becera, quella pseudo rivoluzionaria. Allora apriamoli questi centri sociali che siano di assistenza per le persone svantaggiate, di punto di aggregazione sociale per i giovani, senza però parlare di bandiere rosse, di polizia assassina e di cortei antigovernativi.

    56. Ma infatti, lo striscione è la prova che i manifestanti dell’Ex Carcere non sono un gruppo politico. Hanno dimostrato di essere un gruppo di persone che gioca a fare l’anarco-pseudoterrorista-punk. Nulla a che vedere con le lotte comuniste degli anni sessanta/settanta. Sono un gruppo di persone che ha solo voglia di vivere senza rispettare le leggi, che si trincera sotto una bandiera che non gli appartiene (quella rossa), inneggiando però a due simboli dell’illegalità. E’ per questo che bisogna essere solidali con le forze dell’ordine, perchè bisogna tamponare questo pericoloso fenomeno che inneggia alla criminalità organizzata e che fa un pò l’occhiolino ai delinquenti delle borgate, autorizzandoli a scagliarsi contro la Polizia ed a reclutare nuovi “soldati”. Bisogna contrastare detti fenomeni di “solidarizzazione” tra manifestanti pseudoanarchici e delinquenti di borgata, per lottare la mafia.

    57. Ragazzi. Perchè complicate inutilmente il discorso?
      Quei due ragazzi hanno sbagliato. Non avrebbero dovuto sfuggire al posto di blocco. Dispiace che abbiano pagato con la morte il loro errore, ma: 1)nessuno può permettersi di dire che le forze dell’ordine avessero esagerato. I due poliziotti stavano facendo il loro dovere, inseguendo i fuggitivi. 2)Non può passare l’idea che quei due ragazzini siano dei martiri e, soprattutto, nessuno può fare guerriglia urbana con il pretesto dell’incidente.
      Chi ha scritto che la polizia è mafia legalizzata, che idea di comunità ha in testa?? Che cretinata è mai questa?? Secondo lui chi deve essere preposto a garantire sicurezza e ordine? Ci pensiamo noi stessi? Ci compriamo le armi e facciamo da noi?

    58. Picchio, la tua incapacità al dialogo mi fa pensare che saresti il primo a fare le sassoiole per difendere le tue idee, certo idee di chi si sente nel giusto e nella VERITA’, io le sassaiole non le ho mai fatte e a genova non c’ero, ma ti posso assicurare che c’erano tantissime persone, anche famiglie, lì per manifestare pacificamente, poi è andata com’è andata…
      non perdo tempo a cercar di far aprire l’orizzonte a chi probabilmente preferisce averne uno limitato e rassicurante, però se ti vuoi informare su come sono andate veramente le cose, o almeno a sentire altre campane per poter elaborare una TUA idea, c’è tantissimo materiale da leggere e guardare.
      da come parli penso che di campana tu ne abbia sentita una sola, quella che ci indrottina ogni giorno e ci dice chi sono i buoni e chi i cattivi!
      per la cronaca il mio senso di legalità consiste ANCHE nel non mandare una persona come Cuffaro in senato dopo la pesante condanna di primo grado…a certo…nessuno di voi l’ha votato!!!
      tutta brava gente…

    59. quoto Jolanda sù tutta la linea.
      poi se si riuscisse a capire meglio chi ci sta dietro o davanti sarebbe anche meglio per capirci di più.
      SI ai centri sociali, NO alle strumentalizzazioni!
      pequod

    60. Giovanni P.: scusa eh, ma credo che qui nessuno abbia complicato il discorso INUTILMENTE.
      _

      Questa che sembra una notizia di cronaca, è un fenomeno grave che va tamponato ed a tamponarlo dobbiamo essere noi Cittadini dotati di Senso Civico, iniziando per esempio a rispondere per le righe a chi definisce “mafia legalizzata” la Polizia. Propongo un sit-in contro chi inneggia all’illegalità.

    61. trovo il commento di calpurnio, in cui spiega il suo utilizzo dell’ex-carcere, uno spunto interessante di discussione sul tema. il moderatore, ideatore di questo spazio, si limita invece a rispondere “Calpurnio quell’edificio è occupato illegalmente. Punto.” ed un laconico “non ho nulla da aggiungere”.
      Personalmente credo che un moderatore di un blog debba argomentare e controbbattere i commenti civili ed educati dei partecipanti e non limitarsi a sostenere un non ho nulla da aggiungere.
      Il signor moderatore non saprà dell’esistenza a milano di uno spazio occupato di nome casa morigi http://www.casamorigi.org/ dove dagli anni 70 tale luogo cittadino, restituito ai milanesi, è tetaro di eventi sociali e culturali. un certo bechis ci ha vissuto per diversi anni. però d’altronde non è legale. punto.
      per concludere limitarsi a sostere – non è legale punto – è assai riduttivo per moderatore di un blog di tale portata quale è il qui presente rosalio.

    62. Invito tutti a leggere con attenzione la policy dei commenti. Diversi commenti sono stati rimossi da questo post per violazioni. Grazie.
      Marco temo che tu stia facendo confusione tra Tony Siino e Rosalio e tra i rispettivi ruoli e compiti in questo blog.

    63. Marco se qualcosa non è legale non è che avendo dei risvolti virtuosi (tutti da verificare nei singoli casi) diventa legale. Ripunto.

    64. Jolanda, guarda che non è che, siccome ho scritto dopo di te, mi riferissi a te in qualità di “complicatrice”. Eheh. Anzi, dal momento che condivido ogni lettera del tuo messaggio, cercavo di dare forza al ragionamento che ti anima.

    65. @stalker: non bisogna confondere le Istituzioni ed il rispetto per esse, con la “malapolitica” ed il fatto che esiste un sistema malato. I “cattivi” vanno contrastati, e per fare ciò servono le forze dell’ordine. Metti per esempio il caso di Ciuro o Riolo, nel processo Ajello-Cuffaro, erano due mele marcie che, grazie al lavoro serio e professionale di tanti agenti e carabinieri, sono stati bloccati ed arrestati! Ecco perchè bisogna continuare ad aver fiducia nelle Istituzioni e nelle Forze dell’Ordine. Perchè se c’è qualcuno che porta la divisa indegnamente, questo va punito, anche grazie al contributo delle denuncie esposte da comuni Cittadini. Scagliarsi contro la Polizia, durante la manifestazione per un “centro sociale abusivo” non è un buon messaggio di lotta alla criminalità. I Cittadini onesti per far valere i propri diritti, manifestano e si rivolgono alle Alte Cariche dello Stato, se le Istituzioni locali non li ascoltano. Ecco perchè non bisogna far passare il messaggio, ai delinquenti di borgata, che i palermitani sono stanchi della Polizia. I palermitani sono stanchi della mafia e vogliono più legalità, anche nei piccoli gesti quotidiani. Ecco il vero messaggio che deve passare.

    66. @Giovanni P.: non parlavo per me, ma per tutti quelli che abbiamo commentato finora. La parola “inutilmente” la trovo scortese. Parliamo tanto di rispetto per gli altri e poi si etichetta come “inutile” (equivale a dire superfluo) il commento di chi magari la pensa diversamnte da noi? Non siamo in un’aula di tribunale, per fortuna, siamo in un blog e quindi (se ci si riesce) si discute scambiandosi opinioni. Ciao.

    67. “Inutilmente” io non lo tradurrei con “superfluo”, ma con “fuorviante” SI. Se si arriva a parlare di Genova o della legittimità dei centri sociali, secondo me, si va fuori tema.
      Se analizzassimo, invece, in modo lucido i fatti e ci attenessimo ai soli fatti, senza argomentazioni ideologiche, secondo me potremmo tutti più rapidamente trovare un punto di accordo.
      E da ciò tutti potremmo trarre un maggior beneficio.

    68. Quindi, non leggere nel mio messaggio alcun tono di non rispettosità, ma comprendine il desiderio di far chiarezza.

    69. Le argomentazioni ideologiche devono per forza esistere, visto che stiamo parlando della manifestazione indetta dai rappresentanti dell’Ex Carcere, un movimento che si dichiara politico e antifascista. E’ una grande delusione per me che abbiano deciso di schierarsi contro le Forze dell’Ordine, come se stessero vivendo una loro “piccola guerra” contro lo Stato. E’ contro i delinqueti di borgata e l’illegalità che dovrebbero schierarsi. Contro la mentalità del “mi faccio giustizia da solo”, quella mentalità che ha le sue radici nell’omertà e nel menefreghismo. Manifestare per un motivo serio come quello della mancanza di casa, mettendo però uno striscione dedicato a due simboli di una società malata, che crede più all’apparire che al rispetto delle leggi (pagare l’assicurazione è obbligatoria), è ambiguo! O si sta dalla parte dei proletari indicandogli la strada del raggiungimento dei proprio diritti attraverso la Legalità, o ci si dichiara anarco-terroristici. Non ci si può nascondere dietro una bandiera. Mi deludono quelli dell’Ex Carcere, credevo che avessero a cuore il ripristino della Legalità nelle borgate “in odore di mafia” e invece dovrò ricredermi. Con il loro striscione hanno prestato il fianco all’illegalità.

    70. no ragazzi..la maggior parte dei polizziotti o carabinieri non vanno certo lungo la stessa linea di falcone o borsellino, vi pongo un caso successo dove vivo io
      qualche mese fa c’era un ordinanza del sindaco che vietava l’apertura mattiniera di molte attività commerciali(non ricordo per quale motivo)bene
      i vigili passavano entravano in negozio e ti dicevano”allora o tra 15 minuti chiudi,oppure ci dai 150 euro e resti aperto”
      questi 150€ li spacciavano come multa ma non scrivevano alcun verbale… se non è mafia questa…

    71. @domo: è dovere di ogni cittadino denunciare casi come quelli da te descritti!!! Se c’è una mela marcia va condannata e questo grazie all’intervendo delle Forze dell’Ordine.

    72. non credo invece, se un carabiniere ti picchia e poi vuoi denunciarlo alla caserma dei carabinieri non penso sia cosi facile..

    73. Domo. Sono d’accordo con te, ma la soluzione non è denigare la polizia. la soluzione è, invece, denunciare, denunciare e ancora denunciare. Lo stato di diritto, quando manca, dobbiamo pretenderlo. Questa è l’unica strada. Non possiamo, invece, disfarcene del tutto perchè abbiamo gli esempi che esso sia ancora incompleto o mal funzionante.

    74. certo denunciare denunciare denunciare ma oltre a denunciare il singolo caso, denunciare il fatto che queste illegalità sono spesso aiutate da una divisa, io ho visto anche polizziotti che spacciavano fumo a dei ragazzi.le illegalità sono dappertutto sia per le strade che nello stato che nelle forze dell’ordine sappiatelo

    75. per questo non ho fiducia nelle istituzioni

    76. @domo: mi chiedo per quale motivo chi ha subito ciò che racconti non ha prontamente denunciato il fatto. smettiamola con questo vittimismo da 2 lire

    77. ma di che vittimismo parli

    78. L’italia è diventata una democrazia?Non lo sapevo…
      In quanto alla tanta decantata “legalita’” o meno della struttura,in un paese dove il condono è stato usato da “cani e porci” e l’abuso edilizio,senza nominare il degrado del litorale, mi sembra eseere un “poco” fuori luogo.
      Ps uno striscione inneggiando ai nomi dei ragazzi morti,che fastidio puo’ dare?bho

    79. @nissa: lo striscione da adito a chi vive nella perenne illegalità di continuare a far come gli pare!!! Ecco forse ora è più chiaro e riuscirai ad arrivare al nocciolo della questione.

    80. @ Marco
      Poco tempo addietro (ma cmq anche oggi) per tante persone della periferia, la MAFIA era (è) una cosa buona in quanto dava lavoro, manteneva l’ordine in un determinato territorio ecc… Non mi sembra che possiamo accettare la la mafia solo xchè per qualcuno fa “del bene”.

    81. da quello che c’è scritto non mi sembra un’inno alla illegalita’…

    82. Mirko pensavo esattamente a quello che hai scritto tu.

    83. ci sono agenti corrotti, siam d’accordo. ma NON in questo caso, NON in questa circostanza.mi concederai che non ha alcun senso due ragazzi che vanno al lavoro+ad ottemperare al loro dovere debbano far le spese di diatribe politiche e responsabilità che non gli competono. questa demonizzazione delle forze dell’ordine è davvero fuori luogo in questo frangente.

    84. questo è sicuro non in questa circostanza, l’ho solo detto perchè qualcuno insisteva dicendo di dare solidarietà alle forze dell’ordine tutto qui

    85. GRAZIE PER AVER RIMOSSO IL MIO COMMENTO.. ma ricordate: la feccia -anche se non lo si sottolinea con le parole- rimane sempre feccia. traducendo: “u fangu siempri fangu arriesta”.

    86. Gomesio il tuo commento mi sembra fuori luogo.

    87. tornando allo striscione mi piacerebbe spostare leggermente il punto di vista.
      ci sono situazioni di degrado e ignoranza sotto gli occhi di tutti. gente che non ha casa e lavoro e politici con scarpe da duemila€ che abitava a due lire di affitto in case degli enti. poi ci sono furbetti e lestofanti e mafiosi (spesso le tre cose si intrecciano) con processi in corso che ci dovrebbero amministrare e molto gente invece di indignarsi li vota, magari per 50€ ed un pacco di pasta e li ammira, vorrebbe essere come loro, in furbaccione pieno di soldi e ville che però si è fatto da solo e nello stesso tempo li odia, perchè ce l’hanno fatta e loro no!
      queste sacche di povertà e ignoranza credo che a molti faccia comodo tenerle così, sono degli immensi bacini elettorali. non conviene migliorare le scuola, i servizi sociali, le politiche sociali, per migliorare la qualità della vita di tutti, se poi le gente comincia a ragionare perchè gli si sono dati gli strumenti per farlo questi chi li vota più?
      per questo credo che molte delle “forze” in causa siano vitali e strutturali per tenere in piedi tutto questo sistema. basta saperlo controllare fino a quando qualcosa non scappa di mano. non mi meraviglia che molta gente sia incazzata e non si riconosca in tutto questo.
      crediamo di vivere in una democrazia ma ne siamo ben lontani…
      cara Jolanda, se vivessimo in un paese normale sarei d’accordo con te su tutta la linea, ma per come siamo combinati oggi, in sicilia specialmente, credo che ci siano molte sfumature da prendere in considerazione…
      mi piacerebbe se si cercasse di istruire il più possibile la gente invece di reprimerla e tenerla nell’ignoranza. utopia lo so, crollerebbe tutto il sistema!
      ps per questo mi inorridisce sentire che se fossero stati a casa perché l’indomani dovevano andare a lavorare sarebbero ancora vivi
      pps la mafia che da lavoro in periferia è la stessa che ti chiede il voto, non mi sembrano tanto distanti stato ed antistato

    88. se la mafia tempo fa era un parassita dello stato ora lo stato è parassita alla mafia
      quoto stalker

    89. ROSALIO, a me invece non sembra fuori luogo, visto che evidentemente per questa volta per esprimermi posso solo buttare frasi senza specificare eccessivamente. quindi fingo il qualunquismo, così chi vuole capire può capire, mentre gli altri mi prendono per cretino (cosa che comunque farebbero, quindi tanto vale..) e allo stesso tempo il mio messaggio non viene rimosso

    90. ma poi che senso ha rimuovere i commenti se non sono pericolosamente offensivi..

    91. Domo. Sono d’accordo con te, ma la soluzione non è denigare la polizia. La soluzione è, invece, denunciare, denunciare e ancora denunciare. Lo stato di diritto, quando manca, dobbiamo pretenderlo. Questa è l’unica strada. Non possiamo, invece, disfarcene del tutto perchè abbiamo gli esempi che esso sia ancora incompleto o mal funzionante.

      LO RISCRIVO perchè resta tutto. Stalker non ha scritto cose sbagliate, ma alla fine non ne comprendo pienamente la conclusione.
      Quei due ragazzi, mi dispiace davvero, ma erano in torto, torto marcio. Non meritavano di morire, ma SICURAMENTE non potrei dire una sola parola contro i poliziotti che li inseguivano, perchè loro stavano facendo il loro santo dovere. E SICURAMENTE non giustificherei neppure per un istante il corteo di chi, con il pretesto dell’incidente, inneggiava contro la polizia.

    92. Trovo veramente assurdo il comportamento dei, chiamiamoli cosi, “rappresentanti” degli occupanti ex carcere. In poche mosse sono stati capaci di strumentalizzare un fatto di cronaca decisamente grave.
      Successivamente smentiscono la cosa sulle pagine dei quotidiani, poi alla manifestazione espongono striscioni di solidarietà ai ragazzi dell’ albergheria e scandiscono slogan contro la polizia.
      la cosa più grave, e che fra questi “giovani”, vi sono ragazzi di davvero 40 anni, che dovrebbero forse essere un modello di legalità e rispetto degli spazi altrui per i più giovani, ma che infine probabilmente neppure hanno proprio il vero significato della parola legalità stessa.
      Io ammetto di essere piuttosto sinistrorso come sentimento politico, ma in questo caso non riesco a sentirmi assolutamente parte della loro causa. Trvo assurdo e incivile il loro comportamente. A prescindere dal fatto che la vendita dell’ ex carcere sia o no una speculazione edilizia come dicono loro, ( se ne sono convinti che facciano allora una causa civile, e manifestino usando questo coe puto di forza ), trovo davvero assurdo e vergognoso, questo tentativo di rivoltare l’intera citttadinanza di un intero quartiere di palermo, contro le forze di polizia, strumentalizzando la morte di due giovani, che vuoi o non vuoi danno sempre amarezza con la loro morte, soprattutto in un clima di tentativo di grande come cambiamento come quello di questo periodo.
      Non dico che tutti i poliziotti siano belli e bravi, come non tutti gli appartenenti ai centri sociali sono cattive persone, sarebbe stupido dire questo, ma bisogna analizzare bene i fatti, è questo è assolutamente esule da ogni appartenenza e convinzione politica.
      Ci sono stati dei ragazzi che abitutati a vivere in un clima di illegalità hanno pensato fosse normale viaggiare a bordo di uno scooter senza assicurazione, ( nelle migliori delle ipotesi gli stessi che tamponandovi e arrrecandovi un danno all’ auto vi avrebbero riso in faccia e vi avrebbero detto che non gleien fotteva nulla).
      Questi stessi ragazzi per sfuggire ad un posto di controllo della polizia ( cosa assolutamente normale mi sembra, non mi pare facessero chissà quale atto i poliziotti ), hanno pensato bene di immettersi in uno scorrimento veloce contro senso, con la chira intenzione, non prendimamoci in giro, di creare scompigli, disagio, problemi e possibilmwnte seminare la polizia, ceh ricordiamocelo, staca semplicemente facedno il loro dvoere.
      Allora che dovevano fare i poliziotti, lascuarli andare? No inseguirli? dire, “ma si…viva l’ illegalità, lasciamoli stare, sono ragazzi!”, magari quesgli stessi ragazzi che qalche anno più avanti avrebbero fatto una rapina nella migliore delle ipotesi.
      Padre Scordato, a mio parere è un’ottima persona, nononsatnte io non approvi in pioeno la politica della chiesa, ma io ammiro l’uomo, non l’ istituzione. Ma stavolta, se lui ha veramente detto che non era il caso di inseguirli, beh, ha toppato.
      Proprio lui, che dovrebbe fomentare la legalità, non può dire uan cosa del genere. ovvio che la morte di due ragazzi non opuò lasciare indifferenti, ma è assurdo dare la colpa alla polizia.
      Posso capire l’ ira dei genitori. Un genitori perde la lucidità, la ragione di fronte al dolore della morte di un figlio. Purtroppo lo so bene.
      Capisco molto meno la solidarietà del quartiere, e le urla come “polizia assassina”.
      Sinceramente mi viene da pesnare che sia solo l’ eennesima scusa per rinvigorire un odio atavico e infondato per le forze di polizia che proprio a palermo, si comportano a volte meglio che in altri posti.

    93. è arrivato il Giudice Supremo….Dove li fanno i concorsi per questa carica?

    94. Calpurnio se è legale smentiscimi. 😉

    95. Calpurnio mi illumini meglio per favore?
      Purtroppo non riesco a comprendere cosa vuoi dirmi dato che io ho solo esposto il mio pensiero, e non dato un giudizio inappellabile.
      Forse non si capiva ed allora te ne chiedo scusa.

      Rosalio per favore potresti aggiungere sopra il mio commento che si tratta solo della mia opinione e non di una giudizio? Grazie

    96. Gomesio la tua visione della moderazione dei commenti è distorta. Se non violassi la policy non verrebbero rimossi.
      Alessandro Panno mi spiace ma non intervengo sul testo dei commenti.

    97. Questa non l’ho capita….Non mi riferivo a te, per il ruolo di Giudice Supremo, ma piuttosto a quel tale che, senza neanche firmare il commento, latra: “VERGOGNA A TUTTI I PALERMITANI!!” come se ci conoscesse tutti personalmente uno per uno. Sarebbe divertente trovarci faccia a faccia….
      Quanto a te, Tony Siino, non avevi nulla da aggiungere, mi pare. Figurati se aggiungo qualcosa io con chi rifiuta il dialogo argomentato.

    98. Giovanni P. la mia conclusione è che forse sia i due ragazzi che i due poliziotti sono pedine dello stesso sistema. nessuna delle parti in causa conta niente, o non più di tanto se non quello che “rappresentano”. io me la prendo con i “manovratori”, dello stato e dell’antistato. scusate l’eufemismo, ma non avendo ancora capito la politicy di rosalio non vorrei dover riscrivere!

    99. Alessandro Panno, i nostri due post sono finiti soltanto casualmente in sequenza. Non eri tu il destinatario.

    100. @ Siino, Mirko, Marco:
      è pur vero che ci sono anche azioni valide nn confrontabili con la mafia e centri sociali che iniziano la loro attività a fin di bene sfruttando inizialmente azioni illegali. Vedi addio Pizzo con il mettere di volantini su tanti muri in modo abusivo ed attualmente violando diverse leggi di cui una penale.

    101. per il tizio che di parte difende solo la sua evitando di dire i risvolti dei fatti che gli hanno dato fastidio: sarebbe davvero “Interessante” trovarti davanti, lo spero sai…

    102. Calma, il commento è stato rimosso.

    103. Giorgio spero che tu non stia facendo un parallelismo tra Addiopizzo e…l’ExKarcere???

    104. Chiedo scusa a Calpurnio

    105. In versione “Rosalio” sei molto più obiettivo. In quanto alle provocazioni da squadrista, non ti preoccupare, è una vita che mantengo la calma…

    106. Di niente, Alessandro. Normali incomprensioni da tastiera .

    107. Calpurnio ti prego di non ingenerare confusione. Rosalio e Tony Siino non coincidono.

    108. Vabbè, sì…questa è una storia vecchia….Allora diciamo che Rosalio è più obiettivo di Tony Siino che rifiuta il dibattito basato su argomenti concreti.

    109. Calpurnio è una storia:
      – vecchia (si fa confusione da tempo, a volte causalmente);
      – vera (dietro questo pseudonimo e per questo ruolo non c’è sempre Tony, mettetevelo in testa);
      – fuori tema per questo post (quindi ti invito a non proseguire).
      Grazie.

    110. Calpurnio l’obiettività per me consiste nel notare l’evidenza: illegale.

    111. calpurnio, forse è il caso tu scriva direttamente a siino tramite mail,non mi sembra questo possa fungere da parterre privato per eventuali dissapori extra topic

    112. Tony, potremmo ricominciare da capo con altri 100 commenti su cosa è legale e cosa non lo è e su quanto il concetto di legalità in questa città sia sfumato e applicabile a seconda delle convienenze del momento. Ma, francamente, m’abbuttò.
      In generale, resto convinto che è sempre meglio giudicare solo se si è informati sui fatti.
      Adesso vado ad innaffiare le piante. A la prochaine.

    113. diaciamo, che tra commenti rimossi e commenti in attesa di approvazione non è facile seguire il filo dei discorsi.
      ma chi gentilmente ci ospita pensa che questo sia il modo per portare aventi discussioni partecipate e sentite, seppur non pensandola alla stessa maniera.
      ci possiamo solo adeguare, non abbiamo alternativa.
      non mi dire di scrivere per mail. penso che quello che sto dicendo sia parte integrante del discorso che stiamo cercando di portare avanti!

    114. Calpurnio ecco il problema: in Italia e soprattutto a Palermo ciascuno ha la SUA legalità. E ciò per me è un male.

    115. quoto, una volta tanto, rosalio.

    116. Stalker i commenti non vengono MAI rimossi casualmente. Non mi sembra che sia una buona idea passare del tempo in tribunale dopo essere stati querelati per un commento lasciato qui, quindi io penso a un modo che secondo me dovrebbe essere ragionevole pensare. Scrivete quello che volete ma seguendo un insieme di regole minime. Ribadisco che siete invitati a rimanere in tema e il tema del post è la manifestazione, non la gestione dei commenti. Grazie.

    117. un attimo fa…

    118. esageriamo con la solita storia? forse ha senso. nella germania dopo il ’33 era perfettamente legale perseguire gli ebrei, i comunisti, gli zingari. legalità e giustizia non vanno di pari passo. dovrebbe essere un concetto scontato, oggigiorno.
      chi rivendica uno spazio abbandonato dalle istituzioni per farci qualcosa farà forse qualcosa di illegale, ma non è che faccia propriamente qualcosa di sbagliatissimo (a mio parere).

    119. Un suffragio di inutili commenti,quasi tutti con lo stesso tono “contro” qualcuno.
      Io detesto le strumentalizazioni sia quelle di ex carcere,sia quelle dei briganti del quartiere che hanno utilizzato l’episodio per coltivare il seme dell’antistato nelle menti fragili dei givani dell’albergheria.Menti fragili erano i due morti,figli di quel quartiere e figli di quei genitori che chiedono gustizia senza averne il diritto.Io rispetto il dolore di questi genitori,menti fargili dell’albergheria,e rispetto anche il dolore degli amici dei due giovani deceduti.Ma dato per scontato che di disgrazia e destino si è trattato io credo che gli unici responsabili di questa disgrazia siano i genitori che adesso chiedono giustizia e provvedimenti nei confronti della polizia.A loro vorrei chiedere:cosa ci facevano in giro alle 2 di notte i figli MINORENNI in una strada distante dalla loro abitazione?come mai erano senza assicurazione?come mai erano senza casco?come mai non avete insegnato loro che non si scappa per nessun motivo ad uno stop della polizia?Questo qualcuno ha mai avuto in questi giorni il coraggio di dirglielo o bisogna aspettare una denuncia per abbandono di minori.Bisogna avere il coraggio di dirala la verità,come non ha fatto quel prete,mente fragile,di un quartiere mente fragile,che approfitta del dolore per rafforzare l’odio nei confronti della polizia.I genitori
      in questa vicenda hanno delle responsabilità gravissime,io spero che siano denunciati e che da questo episodio possa partire un piano di rinascita del quartiere.

    120. Latitante gradirei un tono diverso nei confronti di chi ha speso il suo tempo qui a commentare il post. Grazie.

    121. …a volte la morte di qualcuno serve a chi rimane vivo…

    122. @Stalker : a proposito dei video su Youtube, esprimo il mio pensiero: 1)è facile fare una canzoncina su Dio x fare ascolto, quelle cose le abbiamo dette tutti.
      Dio esiste, ma si fa cercare.C’è una risposta x tutto, se la si cerca, anche nelle cose più atroci.Non è Dio che istiga l’uomo contro l’uomo. Poi tutto segue il suo corso. A noi rimane il compito di combattere x le cose giuste, poi Dio mantiene un equilibrio generale e interviene anche se noi non lo vediamo.
      2)Non è il lavoro che uccide, ma l’avidità degli uomini
      che per risparmiare costringono altri esseri a lavorare in condizioni di sfruttamento.Infatti, non vedete che sta rinascendo la schiavitù?

    123. Io ho letto tutti i commenti ma quello di latitante mi sembra il più saggio,abche se deve esserci il massimo rispetto per il dolore dei genitori.
      Condivido il suo parere di avere il coraggio di dire che anche i genitori hanno sbagliato ma reputo che a loro scusante và l’ambiente in cui sono cresciuti che li porta a ragionare in modo diverso,loro pensano di essere nel giusto, perchè cosi sono cresciuti, di questo a ogni essere umano non può essere fatta una colpa.
      Per quel quartiere è una diffidenza cresciuta negli anni,forse iniziata con l’assurdo eccidio della “Strage del pane”, continuata con l’abbandono dei luoghi , privi di servizi e di ogni cosa che potesse fare sviluppare il senso civico di un cittadino.
      Quindi resto sempre più convinto che i problemi di oggi nascono da errori collettivi, e sono pessimista, resto sempre più convinto però di una cosa: noi cittadini di Palermo siamo ” abitanti” della città e dai commenti di questo post si vede tranquillamente che non siamo una “comunità di cittadini”.

    124. @ Tony Siino
      Giorgio spero che tu non stia facendo un parallelismo tra Addiopizzo e…l’ExKarcere???

      Avevo espresso il mio preferire Addio Pizzo ad ExKarcere. È però giusto segnalare che, a volte, l’utilizzo di uno strumento illegale ha permesso di realizzare un movimento di pensiero e azione di tale importanza come Addiopizzo. Non credo che sia niente di male ricordare che anche belle iniziative fondono il loro grande interesse su azioni illegali.

    125. valentina, ti sei risposta da sola.
      la canzoncina non ha bestemmiato contro dio, semplicemente non lo trova nella vita di tutti i giorni, nei chioschi maiolicati, nelle ingiustizie, e in certi preti, che il nostro attuale papa ha difeso e nascosto quando era vescovo, parlo del documentario della BBC che forse ti è capitato di vedere, altrimenti ti consiglio di cercarlo. forse lo cercano o lo troveno certi padri comboniani o altri che se la rischiano in zone disagiate e disperate, spesso teatro di guerra. da non religiosa queste persone hanno tutto il mio appoggio.
      poi se hai visto il video fino in fondo è ovvio, ahimè direi lapalissiano, che non è il lavoro che uccide, è un diritto sancito calla nostra costituzione, quanto lo sfruttamento della forza lavoro.

    126. valentina, dimenticavo, non sarà dio che istiga uomo contro uomo, ma guarda caso molte guerre, perfino recenti, le fanno uomini che brandiscono il nome di dio come una scimitarra. lasciamo stare dio, ma non riesco a lasciare stare uomini che parlano a suo nome!

    127. tony siino, mi allargo e non voglio riferirmi a questo singolo caso e alle discussioni che ne stanno scaturendo, però ricorda che la nostra repubblica nasce da azioni sicuramente illegali per le “leggi” allora vigenti: L’ANTIFASCISMO.
      se avessi certezze solide e radicate come le tue sicuramente vivrei molto meglio….ma non farei a cambio comunque!

    128. Capo e Stalker ma che diavolo c’entrano le leggi promulgate da due regimi totalitari di quasi cento anni fa con le leggi di una repubblica democratica basate su una costituzione scritta dai rappresentanti del popolo democraticamente eletti? Mi sembra molto eversivo il vostro ragionamento.
      Se la mettiamo su legalità e giustizia, invece, io ritengo che non sia solamente legale ma anche giusto che un edificio altrui non possa venire occupato arbitrariamente.

    129. a me sembra molto reazionario il tuo, tony siino.

    130. e poi quella costituzione è stata scritta da molti che hanno combattuto “illegalmente”

    131. @ stalker
      Se proprio insisti scrivi il tuo indirizzo e qualche giorno un gruppo di anarchici, comunisti, oppure senza tetto, zingari o quant’altro andranno ad occuparla perché anche loro hanno diritto ad una casa e poi vorremmo sentire che ne pensi sino ad allora: abbiamo capito il tuo punto di vista e se non hai altre novità risparmiaci. . .

    132. Non ho letto i 131 commenti ma una cosa voglio dirla: in danimarca hannoprovato piùvolte a sgomberare il più grande centro sociale d’europa. quelle cose inutili che lo occupavano (drogati & co.) regolarmente se lo riprendevano! Sapete cosa hanno fatto? Hanno portato tutti fuori e IN UNA NOTTE lo hanno DEMOLITO! Questa è civiltà!
      Conosco una persona che ha la sfiga di abitare sopra quella porcata dello Z-LAB. Ha scritto più d’una volta, insieme ai condomini esasperati, al prefetto, al gds e a “dioelamadonna” lamentando schimazzi, musica metal fino a tarda notte, gente ubriaca che pisciava sui muri di casa, bottiglie di vetro in ogni dove! La risposta è stata che NON POSSONO MANDARLI VIA!

      EVVIVA L’ITALIA!!

    133. all’ex carcere i bambini del quartiere vanno a fare doposcuola, i ragazzi a fare palestra, teatro, vedersi le partite del palermo, io passarmi una serata fuori con i miei amici spendendo meno di 5 euro. tony, pensi che l’umidità e la munnizza siano più importanti delle attività sopracitate?

      penso di essere abbastanza intelligente da capire con la mia testa, cosa è giusto e cosa sbagliato, senza consultare il codice penale.

    134. giorgio, altri argomenti più propositivi? oppure risparmiami le tue invettive senza costrutto.
      non c’è bisogno di dare il mio indirizzo. di gente ne ho già ospitata e continuerò a farlo. uno tra tanti, per sei mesi un ragazzo del gana preso per il culo dalle farse dei “flussi”…ovviamente gratis, parola fuori moda, altra ne capiterà.
      gente come te mi fa cadere le braccia, sei proprio di quella razza con cui ogni confronto è inutile.

    135. Vi invito nuovamente a essere rispettosi nei confronti degli altri commentatori. Grazie.

    136. Mimmo ti scrivo una frase che potrebbe benissimo pronunciare Salvatore Lo Piccolo: «Penso di essere abbastanza intelligente da capire con la mia testa, cosa è giusto e cosa sbagliato, senza consultare il codice penale». Non penso ovviamente che tu sia come lui ma io ci penserei bene prima di affermare una cosa del genere, perché nella testa di un maligno diventa l’ABC della mafiosità.

    137. dunque, tony, preferisci l’abbandono a se stesso di un luogo pubblico piuttosto che il suo utilizzo sotto qualche forma di utilità sociale (doposcuola, attività ludiche-culturali-politiche ecc.). Il ragionamento sui regimi di cento anni fa c’entra precisamente rispetto al concetto di “legalità”, rispetto al quale come dice stalker i partigiani erano evidentemente ed orgogliosamente degli eversivi, e si ponevano in contrasto con quella legge. trovo che sarebbe non solo assai giusto ma un grande segno di civiltà se tutti gli edifici pubblici abbandonati di Palermo venissero ripresi in mano dai cittadini e rifatti vivere. Non a caso gli stessi occupanti dell’ex carcere sono quelli che hanno “permesso” in qualche modo il risveglio da parte dell’università e la ristrutturazione dell’ex hotel de france – casa del goliardo di Piazza Marina, che versava in condizioni di abbandono. Riprendersi gli spazi è un modo per sopperire alle mancanze delle amministrazioni pubbliche (e infatti quando queste si svegliano, i luoghi occupati vengono lasciati liberi. se ovviamente non sono logiche di speculazione, ben differenti, a smuovere le amministrazioni). Mi auguro vivamente che un intero popolo di persone si riprenda la città se un giorno ipotetico edifici come lo spasimo, l’ex manicomio, i cantieri culturali, villa filippina, villa trabia e quant’altro venissero abbandonati e lasciati ammuffire. ahinoi non è pura fantascienza, per molti di questi (o per altri di cui non sappiamo perchè semplicemente NON LI ABBIAMO MAI VISTI).

    138. nel primo giorno del V-Day commentai “riprendiamoci la vita!” adesso potrei dire :”riprendiamoci la città!”

    139. E ora? Ora che se nè parlato tra quattro gatti in abbondanza, che si fa? Qualcuno di voi è a conoscenza di dichiarazioni da parte di Politici? Qualcuno di voi è a conoscenza di iniziative da parte di Associazioni o Comitati? Manifestazioni? Cortei? Oppure solo chiacchiere per trascorrere il tempo e poter dire “io sono una persona per bene”? Quante domande che mi pongo, forse sarà più conveniente scendere tra la gente e capirci qualcosa dal vivo. Buona coscienza pulita a tutti.

    140. errata corrige: Ora che se n’è parlato… (“ne è” oppure “n’è”)

    141. dici bene stalker, decidi tu come, quando e a chi aiutare. ecco anche noi vorremo poterlo fare. cioè decidere…

    142. Io trovo solo assurdo, che questa comunità, invece di dialogare con le istituzioni, se ne fotta.
      In questo credo ci sia una precisa volontà oppositiva, apparentemente anarchica, e direi molto infantile.
      Dimostrano di non sapere o non voler sapere, che i luoghi sono distinti da proprietà, pubbliche e/o private; si comportano come se la città fosse una foresta primordiale in cui accamparsi. Combattono contro cosa? poco lo capisco. Contro il concetto di proprietà? Vadano a vivere in una giungla. La società si é organizzata nel tempo stabilendo dele regole che sono utili alla rispettiva sopravvivenza degli uomini che la compongono.
      Nell’occupazione tout court di qualunque luogo non scorgo nessun disegno logico. Perdonatemi , sono ottusa.

    143. Vorrei dire qualsosa anche su i ragazzi di Ex Carcere:
      è probabile che Tony Siino sempre molto preoccupato di tingersi le unghia di smalto,distraendosi non ha mai capito l’importanza di quel luogo per le attività culturali svolte dal centro sociale per quel quartiere e per la città.E’ molto probrabile che a Tony Siino non si sia neanche interessato considerando il Carcere un covo di nemici comunisti molto distanti dal suo momdo e dal suo modo di fare comunicazione.E’ molto probabile che Tony Siino non abbia mai parlato sul sul blog allo “smalto per unghie”delle attività del carcere.
      E’ molto probabile che non sappia neppure che artisti come Emma Dante e il “coccolato” Davide Enia abbiano trovato insieme ad altri spazio per provare progetti e spettacoli.E’ molto probabile che Tony Siino abbia deciso di parlare del Carcere in maniera strumentale e provocare la discussione per tingersi anche le unghie dei piedi.Tutto questo è molto probabile….però cari ragazzi del Centro Sociale questa volta avete sbagliato clamorosamente.Non si guida una protesta per uno sgombero e ci si allea con le menti più bacate di quel quartiere per attaccare la polizia!!!ho visto la scritta ACAB sui muri dell’Albergheria è la stessa scritta che gli ultrà dello stadio usano in tutto il momdo per esprimere l’odio nei confronti delle forze dell’ordine.Non si cercano facili alleanze nel quartiere
      approfittando di un momento tragico per “schifezze”di questo tipo.Passate così dalla ragione al torto.
      E aggiundo:occupate quel posto da almeno 10 anni,a modo vostro avete fatto cultura e cose importanti.Ma c’è un tempo per l’occupazione,un tempo per la rivoluzione e un tempo per la progettazione.Molti di voi sono cresciuti in quello spazio e molti di quelli che avevano 20 anni ne anni adesso 30,e chi ne aveva 30 oggi ne ha 40.E’mai possibile che non abbiate mai pensato a chiederlo legalmente quel posto.Un progetto lineare istituzionale,non vi siete mai posti il problema.Si cresce ragazzi e la rivoluzione e roba da ragazzini.Siete mai stati al LEONCAVALLO negli ultimi anni?Centro Sociale fuori e nell’immaginario collettivo si è trasformato in una specie di azienda dove tutto nel loro disordinato modo funziona perfettamente.
      La rivoluzione non porta da nessuna parte e anche gli attestati di solidarietà del mondo della cultura sono solo parole al vento di gente che ha ormai il sedere coperto.

    144. ONORE A CHI ANCORA SI SCONTRA.

      AVANTI ULTRAS !!!

      AVANTI PALERMO !!!

    145. @ latitante
      ma guarda che 90 % degli intervenuti la pensano come siino

    146. Vedi latitante? concordo con te. Rimanere rivoluzionari a vita, pur potendo crescere, é forma di infantilismo, secondo me.
      Strutturi un associzione, non voglio neanche chiamarlo movimento, preferisco chiamarlo associazione, che cmq, cerca di costruire qualcosa? Bene. Niente da dire.
      Ma, si deve, prima osservazione per forza ideologizzarla?
      Prima domanda. Credo onestamente che l’ideologia sia diventata un limite, non più una risorsa. Ed in questo certe logiche da tradizionale centro sociale ‘occupato’, sono talmente anacronistiche da sembrare surreali.
      Svolgono funzioni sociali? forse adesso. nella mia giovinezza sono anche andata all’ex-centro sociale di Montevergini. si aveva solo interesse a fare feste e fumare spinelli. Mai vista nessuna attività sociale, a quel tempo. Magari i centri sociali sono cresciuti, nel mentre, non so cosa dire.

    147. Latitante non è che se Davide ed Emma hanno provato lì diventa legale. Torniamo qui.
      Condivido il resto del commento a parte la scemenza dello smalto e la presunzione di conoscere cose di me che per fortuna non sai. 🙂

    148. dovrebbero fare santi subito i poliziotti che li hanno inseguiti!! e dovrebbero dare la linceza di uccidere anche! è inammissibile che un poliziotto che spara per difendersi rischia di più rispetto a chi sta dall’altra parte…

    149. Tony Siino non pensa,provoca commenti,lo fa bene e il suo lavoro e non ha la pretesa di essere un pensatore.A lui piace lo “smalto” per unghie,non il cibo per le menti.Tutti gli altri sono in buona fede ed esprimono la loro autentica opinione. Lo sfido ad darmi un link di Rosalio dove si parla di un’attività di Ex Carcere.
      Tutto il resto è smalto per unghia.

    150. Latitante sono costretto a riprenderti nuovamente. Per favore attieniti al tema del post ed evita di inserire nel commento passaggi che possano risultare offensivi nei confronti di altri commentatori. Grazie.

    151. ok me ne vado a letto:-(
      tanto è inutile quel link non esiste

    152. Latitante Tony non ti ha mai scritto che esiste il link e sei irritante ed e’ da maleducati quello che hai scritto su di lui. Smettila e ascolta Rosalio

    153. (/__
      (/ ronf!!ronf!zzzzz

      ho già sonno Rosaria!!

    154. Vi ricordo che questa non è una chat. Grazie.

    155. ho letto solo frasi da benpensanti(tranne qualche eccezione) e da fuori di testa…

      scusate aspiranti magistrati e poliziotti di questa fantastica democrazia italiana, che in sequenza avete sputato le vostre sentenze:

      mi provate a definire cosa e’ legalita’
      e cosa e’ illegalita’?

      grazie.

    156. oh mi raccomando dai giu’ con le etichette che ne manca ancora qualcuna:

      punk-terroristi-pseudo anarchici- comunisti -illegali-criminali- strumentalizzatori di morti- retro’- ideologici -criminali-dovete crescere che i ribelli si fanno a 18 anni poi a 30 si diventa normali e legali-

      evviva il festival delle banalita’…

      dai dai che la vostra legalita’ e’ proprio bella.

      pero’ attenti con le dosi che della vostra legalita’ si muore.

    157. @marco: e con le dosi del vostro modo di vivere cosa si conclude?

    158. Se il centro sociale venisse considerato come un luogo di aggragezione dove svolgere attività culturali o di utilità per i cittadini, gestito da cittadini, non avrei nulla da ridire.ma qui si va oltre..si considera uno spazio franco dove fare e dire ciò che si vuole e se una cosa buona viene fatta subito si scade con gesti e parole come quelle di sabato.
      Si inneggia ai due martiri.contro la polizia…mi spiace che due ragazzini siano all’altro mondo ma non provo pietà per loro, non ne provo perchè ho rischiato io di finire contro di loro, transitando in quel preciso punto un paio di minuti prima dello schianto.
      che gli occupanti dell’ex karcere abbiano creato uno sportello anti sfratto, che abbiano tentato di rendere decente, anche se occupandolo illegalmente, un luogo ormai destinato allo sfacelo comunque mi fa piacere, anche se i metodi sono sbagliati emerge la voglia di fare qualcosa, ma che una manifestazione debba poi tirar fuori astio nei confronti delle forze dell’ordine non lo accetto.

    159. i ragazzi dell’ex karcere qualcosa di buono e di utile la stanno facendo per quella zona ma dovrebbero riflettere un po’ di più.Non è inneggiando contro la polizia che otterranno maggior appoggio dalla gente, magari il quartier li apprezzerà di più ma tutto il resto della cittadinanza vedrà in loro dei teppisti.Le potenzialità ci sono, però mi piacerebbe che capissero che la vera rivoluzione, in una città come palermo, si fa insegnando a rispettare la legalità, combattendo con i mezzi corretti per ottenere qualcosa.

    160. Mai salita su una moto non in regola…E chi se la vuole ridere, se la rida!! Non ci si improvvisa paladini della giustizia: i diritti (massima espressione di legalità e giustizia) si vantano nel rispetto delle regole e della legge, dura lex, sed lex. Prima la rispetti, poi, nel massimo delle regole, ti adoperi per cambiarla. Grandissimo rispetto per due giovani vite che se ne vanno, indubbiamente.

    161. Occupare un edificio è illegale, chiaro. Dal punto di vista giuridico non ci sono grosse discussioni da fare (anche se, in alcune sentenze, è stato riconosciuto dai tribunali il “valore sociale” di alcune occupazioni). Se però uno vuole provare a ragionare in altri termini la questione è più complessa. I centri sociali in Italia sono (forse più nel passato che nel presente) molte altre cose. In città come Milano, Bologna e Roma i centri sociali sono qualcosa di fondamentale per l’aggregazione e per la produzione di cultura nonchè, ovviamente, per l’elaborazione politica (che si può condividere o meno). Per non farla lunga, e per limitarsi all’ambito ad esempio musicale, nei centri sociali italiani ci hanno suonato, tra gli altri, i Sonic Youth, Henry Rollins, I Mano Negra, i Rage Against the Machine, ma anche Michael Franti, i Public Enemy, gli Afeterhours, Roy Paci e Carmen Consoli (qualche anno fa al Leoncavallo). Il tutto a poche lire, o pochi euro. Questo, per me, è sufficiente a difenderne il diritto all’esistenza.

    162. Ridicola la manifestazione Nazionale, c’erano 300 partecipanti con delegazioni da tutta Italia!!

      La polizia era di piu’ dei manifestanti, e questo la dice lunga sulla riuscita della manifestazione.

      Ormai le estreme sinistre sono alla frutta , anzi no, che dico, hanno finito anche la frutta e se ne stanno andando…

    163. Ma come si fa a non capire (o rifiutare di capire) cos’è legale e cosa è illegale? Leggo post sconvolgenti dove si incita ad occupare tutto ciò che è occupabile; dove si giustifica la violenza come arma di giustizia sociale. SVEGLIA: siamo in un paese fortunatamente democratico. Se ciò non fosse, certe affermazioni costerebbero care. Esiste un codice penale ed uno civile e non capisco perchè si devono applicare a convenienza: se due ragazzini scappano sulla moto o se qualcuno occupa case non si deve applicare, se qualcuno in divisa approfitta del suo ruolo allora si deve punire secondo i codici. La legalità è come la verità: non esistono alternative o escamotage. Ma poi vorrei sapere una cosa: voglio l’elenco di tutti i servizi dati alla comunità dall’exkarcere. Voglio sapere questo centro sociale cosa ha di sociale, quante famiglie hanno evitato lo sfratto grazie a loro, quante famiglie hanno risolto problemi, quanti giovani sono stati recuperati, quanti bambini vanno a fare il doposcuola da loro (spero pochissimi, vista la loro indole anarchica ed antistato); voglio sapere quanti abitanti del quartiere hanno assistito agli holliwodiani spettacoli di due tizi che manco sanno chi sono. Non ci pigliamo per i fondelli e non nascondiamo, dietro il termine sociale, quello che effettivamente si nasconde dentro l’ex carcere: vino e birra a pochi soldi, musica alternativa e spinelli alla grande.
      Poi permettetemi una risposta a Marco. Hai scritto “di legalità si muore”: complimenti, in una sola frase demente hai racchiuso tutto il concetto di questo pseudo centro sociale. Siccome di legalità si muore, viva l’illegalità! questo lo vai a dire a gente che come te si sveglia la mattina e vive nel sottobosco della criminalità e della violenza. Hai un emulo: la stessa frase la disse Totò Badalamenti nell’accogliere dei bravi picciotti nella sua famiglia. Vedi che puoi fare, forse ancora c’è spazio per te.

    164. è vergognosa la strumentalizzazione che hanno fatto della tragica fine di quei due ragazzi, altrettanto vergognosi i cori che si sono dovuti ascoltare…mi auguro che le autorità li sgomberino prestissimo…non dimentichiamo la spirale di violenza che si è acuita a palermo proprio ad opera di esponenti di centri sociali (aggressioni e ferimenti di ragazzi di destra).

    165. no ma che dite…i centri sociali sono soltanto fucine di cantanti o presunti tali! Quale violenza? Quale droga? Quale NON RISPETTTO DI NIENTE E DI NESSUNO! Quale MAFIOSA ARROGANZA?? E’ brava gente che, giustamente, si oppone al sistema marcio, schifoso e puzzolente della società aiutando i senza casa, gli immigrati ed i bambini delle scuole!! E non lo fanno perchè sono dei fannulloni buoni soltano a farsi di droghe varie ed a traccanare birra che non riescono (anche se chi se li prenderebbe) ad integrarsi…lo fanno per un nobile scopo…che a noi esseri civili, per fortuna, non è dato sapere!

    166. picchio: premetto di non conoscere nei dettagli la attività dell’Ex Carcere, ma ho visto numerosi centri sociali in mezza Italia. Condivido in generale l’idea che le leggi vadano rispettate, a maggiore ragione in una regione come la Sicilia.

      Descrivi i servizi offerti dall’Ex Carcere come: “quello che effettivamente si nasconde dentro l’ex carcere: vino e birra a pochi soldi, musica alternativa e spinelli alla grande”.

      Tipicamente un centro sociale nasce dall’occupazione di uno stabile abbandonato che, con i lavoro di diverse persone, viene rimesso in condizione di ospitare una certo numero di attività (tante/poche, belle/brutte, interessanti/noiose, ognuno la pensa come vuole)

      Occupare uno stabile è un reato, appunto. Ti sei mai chiesto allora perché qualcuno lo fa? Cioè perché qualcuno dovrebbe rischiare la galera per, in fondo, offrire solo “vino e birra a pochi soldi, musica alternativa e spinelli”, partendo dal presupposto che da ciò non derivana, ad esempio, guadagni monetari rilevanti? La mia risposta è che queste attività, che a te possono benissimo sembrare inutili e/o marginali, in realtà sono importanti per chi le mette in piedi (potremmo dilungarci ad esempio sul proibizionismo, ma non è la sede) e, apparentemente, per un numero non trascurabile di persone. Il fatto che i centri sociali siano stati e siano frequentati in Italia da migliaia di persone, è chiaramente idicatore che per i “servizi” che offrono esiste una domanda latente, evidentemente non soddisfatta dalle istituzioni “legali”. Questo non vuole dire che qualsiasi domanda debba essere soddisfatta, magari nell’illegalità (potremmo tranquillamente parlare di una “domanda di protezione” alla mafia), ma che nella nostra discussione dovremmo considerare qualche elemento in più.

      Ad ogni modo, per come ho inteso si sia sviluppata la tragedia dei due ragazzi, mi sembra un po’ assurdo che un centro sociale inneggi a loro nei modi che si sono visti.

    167. Mr Right, l’evoluzione dei centri sociali intesi come quelli, per esempio, di Palermo, nasce da uno scopo ben preciso che è alla base della dottrina marxista e cioè l’indottrinamento delle masse partendo dal disagio sociale. in pratica colpire lo Stato capitalista sfruttando la necessità ed il bisogno della massa. Non dimenticare che la storia insegna: la rivoluzione di ottobre in Russia nacque proprio dalla sollevazione dei contadini ridotti alla fame dal potere centralista ed assolutista dello zar. Se poi sotto il comunismo morirono 60 milioni di russi vittime della repressione poliziesca e di regime quello è un fattore, per loro, assolutamente trascurabile.
      Quindi l’obiettivo di questi elementi non è il sollievo da disagi popolari ma il sollevamento del popolo scaturito dai disagi. Ne è dimostrazione la presenza massiccia di falci e martello, la strumentalizzazione di eventi antipopolari (la morte dei due ragazzi) e il continuo parlare di violenza come risposta al potere costituito. Quando vedono la carta di malapigliata (vedi l’assoluto flop del loro corteo causato dalla mancanza di risposta da parte del popolo a cui non gliene frega niente della rivoluzione) giocano le solite carte ormai risapute e quasi istituzionalizzate: l’antifascismo, la guerra partigiana, il popolo oppresso e via dicendo. Frasi che ormai sanno di stantio e che, dopo 60 anni di libertà e democrazia, sembrano provenire dagli abissi dell’incoerenza. La loro voglia di lotta armata ormai l’hanno nel DNA se è vero, com’è vero, che i loro idoli si chiamano Scalzone, Caruso o similari. Noi palermitani gli abbiamo dimostrato che la libertà è un bene assoluto e la libertà si basa sul concetto di giustizia e di legalità, senza ma e senza se. Se vogliono fare la rivoluzione abbiano il coraggio di dire dove vogliono arrivare: la storia è piena di governi con la falce e martello e la stessa storia, fortunatamente, ci racconta ancora oggi in che cosa consiste il loro concetto di libertà e democrazia.

    168. @Mr. Right: lo fa perchè ha la certezza che tanto in Italia non va in galera nessuno! Se rubi uno scooter e ti riprendono con una CCTV ti danno 9 mesi con la condizionale…figurati se occupi uno stabile in disuso

    169. p.s. ribadisco la mia assoluta certezza dell’utilità dei centri sociali intesi come vera aggregazione ed aiuto alle fasce più disagiate. Ma qui a Palermo non hanno la benchè minima idea di cosa significhi stare accanto alla gente. I loro concertini di musica high pop o metal mi fanno solamente ridere se penso alla realtà sociale in cui vegetano.

    170. Pichhio, tu scrivi “voglio, voglio, voglio, voglio….” A parte la dubbia eleganza dell’uso dell’imperativo, perchè non ti fai un giro in via mongitore e ti fai dare tutte le informazioni che “vuoi”. Stiamo parlando di gente in carne ed ossa, di edifici in pietra e cemento, tutto concreto, che esiste nella realtà. A volte mi sembra che a forza di stare davanti ad uno schermo, si dimentica che gli argomenti di cui si tratta esistono nella realtà. Basta mettere il naso fuori di casa, avere la curiosità di conoscere il mondo oltre il proprio giardinetto all’interno del quale ci si sente sicuri e protetti.
      Questo post ha richiamato più di 160 commenti, ma analizzandoli con un pò di attenzione si scopre che all’Ex-Carcere siamo stati soltanto in 3 o 4 persone. Tutti gli altri non sanno nenache dov’è ubicato di preciso. Ed emettono sentenze! Come sempre….

    171. Calpurnio, quando uno dice: noi facciamo questo, noi creiamo questo e via di seguito, mi pare ovvio che io dica: dimostramelo, dammi dati certi, comunicami numeri e fatti perchè sulle parole siamo tutti bravi.
      Io mi rifaccio anche a quello che hanno dichiarato i difensori di questo covo: musica alternativa e birra a poco prezzo. tutto qua?
      Io ci passo tutti i giorni da Piazza Mongitore e la struttura la vedo quasi sempre chiusa: l’unica certezza della loro presenza sono le bandiere rosse alle finestre e le scritte inneggianti alla rivoluzione comunista ed a Raciti che era un pezzo di m.. Non aggiungo altro!

    172. picchio, (e altri)se seguissi i tuoi schemi mentali, dopo ever dato un occhio al blog di neracomelapece, le dovrei dare della fascista, con tanto di citazioni agli arditi ti triste memoria, e un linguaggio a tratti inquietante, dopo 60 anni di libertà (?).
      del resto ieri mi sono presa più volte del VOI COMUNISTI senza neanche avere un blog con falce e mertello, solo perchè non la pemso come te, quindi: sono COMUNISTA e stop. la legalita e stop. o si è allineati o stop. gli ALTRI sono quattro comunistelli drogati pieni di birra che fanno quattro canzoncine. STOP
      pensi che così sia più facile portare avanti le proprie idee? io credo di no. diventa un muro contro muro secondo me sterile.
      mi piacerebbero idee e non slogan. mi piacerebbe che ci si sforzasse di capire chi non la pensa allo stesso modo.

    173. Stalker, allora rispondimi senza criticare: dammi, se li hai, numeri, cifre, dati certi sull’attività di questo centro sociale. Tu sei brava, pensi, a rivoltare la panella attacando e criticando l’altrui dire. Ma ogni tanto, invece di fare l’anticonformista sterotipata, sii costruttiva e rispondi una volta per tutte. La verità è che la tua è una difesa a spada tratta di tutto ciò che è antistato. Certe volte non ti rendi conto neanche tu di quello che dici (ho letto i tuoi post sulla finction della Rai- incredibili). Io ho scritto cosa ne penso di questo centro sociale con relativa spiegazione storica, politica e sociale: tu attacchi e accusi di essere fascista chi non la pensa come te. E allora tira fuori gli attributi che non hai (perchè donna):dimmi cosa ne pensi delle scritte anti raciti, dimmi cosa ne pensi delle bandiere rosse alle finestre del excarcere, dimmi cosa ne pensi della strumentalizzazione politica della morte dei due ragazzi, dimmi chi era in torto tra chi scappava contromano in Via R. Siciliana e chi cercava di svolgere il proprio lavoro, dimmi che avresti fatto tu se in quel momento eri in strada e due contromano ti venivano di sopra. E non mi venire a dire che ti danno della comunista in maniera impropria: tutto quello che dici e scrivi puzza di rosso.

    174. E infatti. Se ci vai, sono sicuro che potresti avere tutte i dati e le cifre che t’interessano. E comunque, se ti rifai a quello che hanno scritto i difensori del covo, si è parlato di doposcuola, palestra, prove teatrali di autori osannati dalla critica internazionale, set cinematografico, sala tv per le partite di calcio. Non mi pare che ci sia limitati a citare musica e birre. Forse non hai letto tutti i commenti. Oppure sei in mala fede.
      T’informo inoltre che, per sua natura, un luogo occupato non può tenere i portoni aperti. Quando io e i miei amici lo usavamo per girarci un corto, eravamo costretti a chiuderci dentro, onde evitare improvvise visite indesiderate….Dall’esterno sembrava un edificio deserto, all’interno si provava ad essere creativi, nel nostro piccolo….
      Siamo sempre ad un punto: ci vuole la curiosità di andare a scoprire cosa si nasconde dietro la facciata, senza preconcetti e pregiudizi. Ma questo, lo riconosco, non è da tutti.

    175. mi chiedo come si possa autodefinirsi comunista. Il comunismo, quello vero non quello dei libri, ha fatto più vittime del fascimo e tante quante il nazismo!

    176. @picchio,
      “tu attacchi e accusi di essere fascista chi non la pensa come te.”
      evidentemente leggi tutti i post ma con scarsa attenzione, forse ti sfugge l’uso e il significato del condizionale
      “tutto quello che dici e scrivi puzza di rosso.”
      a questo punto mi sembra inutile che ti risponda ancora, fatti la domanda e datti la risposta. tanto comunque è quello che continui a fare.
      ti saluto

    177. La vita è là fuori, non qui sul blog dove ci stanno 4 gatti che battibeccano tra di loro da due giorni. BUONGIORNO PALERMO!

    178. Stalker, non avevo dubbi sulla tua non risposta. Ammiro Calpurnio con il quale si riesce ad avere un contraddittorio che è sempre utile e conoscitivo delle proprie idee (che vanno comunque rispettate). Tu no, hai dei paraocchi talmente potenti che non ti fanno vedere ad un centimetro da te. Giochi con il condizionale per tacciare neracomelapece di essere fascista solo perchè non la pensa come te. Ragazza mia, datti una regolata perchè, come dice Mora, la vita è là fuori ed è bella perchè la mattina uno si alza, guarda fuori dalla finesta e può dire: sono un uomo libero (senza preconcetti e senza scuse peirfrasi banali e ridicole).
      Ciao a tutti passo e chiudo

    179. picchio, spero che tu sia un ragazzino, ti darei delle attenuanti. io “la fuori” consuno molte paia di scarpe, a volte mi incazzo e a volte condivido e gioisco, a volte mi guardo semplicemente intorno, poi lavoro…quelle cose normali che fanno parte delle vita. frequento gente di tutti i tipi meno gli ottusi, la vita non è abbastanza lunga per potermi permettere anche questa perdita di tempo, sarebbe veramente un gran lusso!
      ho girato il mondo in lungo e in largo, via terra e via mare e ho avuto la fortuna di mettermi in discussione più di una volta. ti auguro di fare altrettanto.
      con te penso di aver perso fin troppo tempo.
      auguri testolina…

    180. Stalker e Picchio potreste litigare altrove? Grazie.
      Stalker spero in particolare di aver capito male la tua ultima parola.

    181. Rosalio, hai ragione, scusami, quelli dell’ex carcare sono dei drogati che vivono nell’illegalità ed inneggiano contro le forze dell’ordine. stop.
      a saperlo bastavano due post e non centinaia.
      sono costernata.

    182. Stalker temo che il mio richiamo di prima sia servito a poco…

    183. rosalio, il tuo richiamo è solo servito a ricordarmi la scuola, quella dei preti però….
      per fortuna ne ho frequentate di diverse con professori più illuminati, che bene o male ce l’hanno messa tutta per far ragionare la mia testolina…
      testolina=piccola testa…non è un complimento ma se ne sono dette di peggio.

    184. Stalker qui ci sono delle regole e qualcuno che le fa rispettare. Però hai anche la libertà di non farlo (non commentando). Scegli tu che cosa fare. Se rispetti le regole e chi le fa rispettare sei la benvenuta.

    185. Ma adesso è diventato reato essere comunista?

    186. dopo tutti i palazzi che i politici di centrodestra hanno indebitamente occupato con la parentopoli siciliana non credo che un palazzo occupato da qualche decina di comunistazzi possa rappresentare un problema… 🙂

    187. Beh i gulag non li ho certo inventati io 🙂

    188. Una cosa è certa, che l’accanimento che c’è contro il debole o emarginato che SBAGLIA, questo accanimento feroce non c’è verso i grossi delinquenti potenti che si sono mangiati l’Italia, la Sicilia, che ci hanno dati in pasto alla mafia,che si sono fottuti tutti i posti di lavoro esistenti, che continuano ad elargire benefici agli amici, che hanno un’allegra gestione della finanza, che hanno permesso che si buttassero i rifiuti tossici nei mari, che hanno permesso la vivisezione degli animali, che vendono il Viagra, che vanno a puttane, che ce la mettono tutti i giorni in…c…(scusate, di solito non amo la volgarità)ecc,ecc,ecc,ecc,ecc,ecc,ecc,ecc,ecc,eccetera

    189. Rosalio, immagino le ragioni per le quali mi hai cancellato. Faccio notare che, oltre a non aver fatto nomi, ho citato fatti noti a chiunque e pubblicati su tutti i giornali. Questa volta credo si tratti di eccesso di prudenza.
      Reimposto il commento mantenendomi ancora più sul vago:
      Vincenzo, la parte politica avversa alla Sinistra, ha per caso qualcosa a che fare con la parentopoli siciliana?

    190. No Calpurnio, tu hai correlato causalmente persone e fatti in un modo che è suscettibile di querela. Ora va bene.

    191. Rosalio, mi scuso con te e con Vincenzo. Ho letto male il suo commento. Ho confuso destra con sinistra, in genere non mi capita……La mia risposta non ha nessun senso. Chiedo venia.

    192. @Valentina: non è reato essere comunista ma dovrebbere essere dichiarato tale insieme alla stupidità!

    193. Avevo deciso di non entrare più ma evidentemente qualcuno (a) mi tira per la giacca. Stalker, non sono un ragazzino e penso di essere molto più grande di te. Ho fatto il 68, il 72, l’86 ed il 96. Ho vissuto in prima persona tutti gli anni della contestazione e so benissimo cosa significa lottare per un ideale, rosso o nero che sia, rinunciare alla propria vita di diciassettenne per partecipare alle assemblee ed alle riunioni politiche. Io non voglio litigare con te perchè ho sempre rispettato coloro che lottano sino alla morte per qualcosa in cui credono. Ma oggi non è più così (nel senso che non ci sono più ideologie). Sono cambiati i tempi e sono cambiati gli ideali. Oggi sappiamo tutti cosa c’era dietro il muro di Berlino e cosa succedeva nella Casa Rosada di Buenos Aires con Pinochet. E’ finita l’epopea del comunismo liberatorio e rivoluzionario e dei colonnelli forieri di sicurezza e libertà. Definire oggi qualcuno fascista o marxista è anocronistico e fuori dal mondo. Oggi si vive in una società globalizzata, dove con un clic raggiungi il mondo e sai tutto di tutti (tranne dove la censura ancora oggi reprime le più semplici dimostrazioni di libertà – vedi Cina). L’umanità intera ha decretato la morte del comunismo e di tutte quelle ideologie che puntano sulla restrizione della libertà altrui e la violenza sull’uomo la loro forza di potere. Se hai perso molto tempo con me, con una testolina, allora significa che hai spazi limitati, hai una visione della vita fatta a tua immagine e somiglianza (lo dici tu stessa, non frequenti gli ottusi). Io con te mi sono divertito e non ho perso tempo e penso mi divertirò ancora perchè tu sei come me: adotti il tipico proverbio “pu un curnutu, un curnutu e mienzu”
      Senza alcuna offesa ovviamente.
      Au revoir

    194. Nella Casa Rosada di Buenos Aires con Pinochet non succedeva un bel niente, per il semplice motivo che Pinochet era cileno. E quindi stava al Palacio della Moneda di Santiago. In Argentina c’erano quell’altro “galantuomo” di Vileda e i suoi compagni di merende.
      Tutto questo, non per aprire un’altra sterile polemica, ma solo per rispetto della Storia.

    195. A proposito di ALT!!!a tutti quelli che……….

      COLLE DI VAL D’ELSA (SIENA) – Un uomo è rimasto ucciso all’alba a un posto di blocco dei carabinieri a Colle di Val d’Elsa, in provincia di Siena. I militari avevano intercettato due auto che si erano date alla fuga, una terza vettura, una Lancia Y, si è schiantata contro la vettura dei carabinieri. I due occupanti hanno cercato di fuggire nei campi mentre i carabinieri, che avevano udito uno scoppio, hanno esploso alcuni colpi di pistola. Uno ha raggiunto e ucciso un uomo, mentre l’altro è riuscito a far perdere le proprie tracce. L’uomo ucciso è senza documenti, ma potrebbe essere un albanese, segnalato in precedenza in varie parti d’Italia dodici volte. Aveva fornito ben nove identità diverse.

      I carabinieri della compagnia di Poggibonsi e della stazione di Colle di Val d’Elsa avevano predisposto la notte scorsa un’operazione di controllo del territorio dopo una serie di furti in alcune abitazioni della zona. I militari prima di intercettare la vettura, avevano cercato di bloccare altre due auto (un’Astra e un fuoristrada), anche queste risultate rubate dopo alcuni furti nelle abitazioni della zona, ma i loro occupanti erano riusciti a far perdere le tracce. Secondo gli investigatori la pattuglia dei carabinieri potrebbe essere incappata in una banda pronta a compiere altri furti.

    196. X Calpurnio:
      hai ragione scusa per l’errore, ma nella foga di scrivere ho compiuto una grossolana gaffe. Ma, come tu stesso dici, erano due assassini legalizzati. cambia la nazione ma il concetto resta identico.

    197. E’ ovvio e più ke normale ke se la cosa accadeva al contrario, nessuno si sarebbe lamentato xkè le forze dell’ ordine, sono carne da macello…certo ke puntare il dito ad un poliziotto o carabiniere è facile al giorno d’oggi eh!?!? ricordo una frase ke da piccolo sentivo nel telefilm batman: “il crimine non paga”. mi sa ke è vero!!! un giorno arresti un bravo ragazzo ke ha commesso un reato esempio ha rubato una macchina e dopo poki giorni cosa assurda, lo si vede gironzolare x le strade pronto sicuramente a commettere altri furti, (xkè il lupo perde il pelo ma nn il vizio)a discapito di povere persone ke a sudor di sacrifici si alzano la mattina x andare a lavorare x potersi permettere il lusso di una macchina…questa è stata una piccola parentesi di come vanno le cose oggi…passando ad altro proprio ieri sera mi sono imbattuto in una situazione analoga a quella dei 2 poliziotti ma questa volta ad avere la meglio, mi rincresce dirlo l ha avuta il bravo ragazzo ke pur avendolo afferrato, mi ha trascinato x un po di metri dietro al motorino e di conseguenza investito con il posteriore dello stesso per poi scaraventarmi a terra…beh adesso mi ritrovo a letto con una gamba bloccata, le costole ke mi duolono, braccio e caviglia contusi…x compiere il mio dovere purtroppo mi devo tenere i bei dolori, mentre il bravo ragazzo è in giro a farsi i cavoli suoi…mentre se si faceva male il signorino, io passavo i guai, xkè la legge così funziona…a voi i commenti…

    198. Meglio avere le costole che…duolono!, che la coscienza sporca! Coraggio, la prossima volta andrà meglio.

    199. ed in questo caso, (non il mio) ki l avrebbe la coscienza sporca?

    200. chiunque sopraffà il prossimo

    Lascia un commento (policy dei commenti)