venerdì 24 nov
  • Factotum (2)

    Rimando al precedente post la storia dell’idea di promuovere una cooperativa di disoccupati che scambi, con modalità anche “creative”, la risorsa tempo. Come promesso, voglio aggiornare la comunità di Rosalio sui passi successivi. Innanzitutto, si è autocandidato a gestirla a tempo pieno, almeno per i sei mesi dello start up, un valido neolaureato in economia di cui conosco la correttezza, la tenacia nel lavoro e le capacità organizzative. È stata fatta un’indagine di mercato su di un target di una quarantina di professionisti cui è stato posto un semplice quesito a risposta multipla:

    Quanto sarei disposto a pagare un’ora del tempo di una persona affidabile che:

    1. vada per conto mio ad effettuare un pagamento alla Posta o presso altro ufficio oppure cerchi un pezzo di ricambio o altro oggetto per negozi (o mi faccia la spesa)?
    a. Fino a 5 euro: 20.
    b. Da 5 a 10: 17.
    c. Più di 10: 2.

    2. mi faccia da autista o mi accompagni in macchina mentre giro per uffici?
    a. Fino a 5 euro: 3.
    b. Da 5 a 10: 28.
    c. Più di 10: 8.

    3. accompagni e riprenda i figli in palestra, alla danza, ecc. o accompagni una persona anziana?
    a. Fino a 5 euro: 0.
    b. Da 5 a 10: 28.
    c. Più di 10: 11.

    L’indagine ha quindi portato a prezzare i servizi di cui ai punti 1 – 2 – 3, rispettivamente 57,510 euro e a elaborare, conseguentemente, un conto economico che stesse in piedi. È stato individuato il testo di uno statuto che preveda un periodo di prova, prima di consolidare l’ammissione a socio, così come una possibile sede per il call center, l’aggiornamento del sito internet e le riunioni per la selezione, la formazione e la motivazione dei membri della cooperativa. Non si pretende l’infallibilità, ma l’affidabilità, quella sì. Conquistarsi la fiducia dei clienti deve essere la scommessa che queste persone devono vincere per riscattarsi economicamente e socialmente, imparando ad andare ogni giorno a pescare invece di pietire ogni giorno un pesce per sopravvivere, come insegnava qualcuno.

    Palermo
  • 14 commenti a “Factotum (2)”

    1. Ottimo. Complimenti per l’iniziativa e per il lavoro che lei stà facendo. Spero di leggerne di più e meglio.Cristina

    2. Interessante. Spero che il progetto vada avanti. Certo, il Comune dovrebbe anche fare la sua parte per stimolare tali iniziative, innanzitutto snellendo i ranghi degli LSU e dei posteggiatori abusivi, due occupazioni che richiedono meno sforzo e sono piu remunerative. Poi, ma forse qui mi sbaglio, immagino che un altro ostacolo possa essere la stratificazione sociale della citta’, cioe la riluttanza dei palermitani di classe media ad entrare in relazione con gli autoctoni del “popolino”, ragion per cui si preferisce di solito affidare questi servizi agli immigrati.

    3. Sig.Donato,mi piacerebbe fare della pubblicità a questa iniziativa, c’è la possibilità di conoscere i riferimenti che la riguardano (indirizzo,n.tel.,orari,ecc.)in modo da farla conoscere presso il Patronato che io gestisco,inoltre vorrei inserire un riferimento anche nella mia pagina web http://ilpatronatorisponde.blogspot.com …..aspetto sua risposta e complimenti per l’impegno che stà dando a questa bella iniziativa…Rossella

    4. La benzina per gli eventuali spostamenti chi la paga ?

    5. I riferimenti della cooperativa saranno resi pubblici appena verrà costituita (entro fine mese). Il prezzo richiesto sarà all inclusive.

    6. in risposta a numeroprimo:
      e il caffè e le sigarette?

    7. Iniziativa veramente lodevole e realmente innovativa e migliorativa per la nostra città. Speriamo vada avanti.

    8. Largo al factotum della città
      Largo!
      La la la la la la la la la la!
      Tutti mi chiedono,
      tutti mi vogliono,
      tutti mi vogliono,
      tutti mi vogliono,

      Ah, bravo Figaro
      bravo, bravissimo
      Fortunatissimo
      Fortunatissimo
      Fortunatissimo
      per verità !
      A te fortuna
      non mancherà !
      Sono il factotum
      della città
      della città
      della città
      della città !
      della città !

    9. mi pare perfetto… e magari questepersone potrebbnero avere in uso gratuitoda parte del comune di Palermo, tutti i veivoli e gli scooter eltetrici che giacciono impolverati nei garage ,coì si abbatterebbero ulteriormente i costi per chi vuole usufruire dei servizi… sarebbe un bel gesto ECO e LOGICO…

    10. Peppe, questa me la segno!

    11. GARANTISCO (sempre che possa valere qualcosa..) che chi se ne occuperà ,neolaurato etc…è il meglio che Donato potesse trovare…
      buon lavoro.
      pequod

    12. Bisogna “incoraggiare il coraggio” di fare e scommettere.

      Complimenti. Secondo me può funzionare. Richiede però una massiccia attività di management e logistica.
      Bravo!

    13. Il mio cartolaio sotto il mio studio fa già questo servizio.
      Se devi pagare le bollette alle poste le dai a lui, e per una tariffa di 5 euro, te le va a pagare all’Ufficio postale.
      Io vado sempre fra le due e le tre per le cose urgenti alle poste di via Roma. e faccio da sola.
      Ma a chi interessa, il cartolaio fa questo servizio, ed é sito in via dante 115, se non ricordo male, e cmq nel tratto fra via Parlatore e Piazza Lolli, salendo sulla sx.

    14. Sulla dx, pardon a moi.

    Lascia un commento (policy dei commenti)