domenica 19 nov
  • Corsie di preferenza

    È di qualche tempo fa l’inchiesta apparsa su Repubblica sull’uso e abuso delle corsie preferenziali tra ambasciatori (che evidentemente non portavano pena), medici, politici, mogli, cugini, parenti illustri. Risale ad ancora più tempo fa il servizio di Stefania Petyx su questa usanza nostrana di utilizzare le corsie preferenziali come se fossero un prolungamento della carreggiata. Da queste due osservazioni aggiungo la mia terza “via” sull’uso di queste zone d’ombra della viabilità palermitana. Eh sì perché noi palermitani siamo persino capaci di usare una corsia preferenziale anche quando non c’è! Armati di ammortizzatori e di una leggera forza addominale, piccolo saltello e…hop! Il marciapiede diventa una A1 perfettamente utilizzabile. Per fare questo naturalmente il marciapiede si deve prestare ma non perché largo o accogliente (scoprirete che ci sono zone in cui viene usato ugualmente anche se assomiglia di più a una stretta lingua di terra) ma perché situato in una zona in cui il traffico è talmente rallentato da far venire voglia di “acchianare mura lisce”…cosa che poi effettivamente si fa. Una delle più impensabili ma perfettamente sfruttata “corsia di preferenza” per moto e motorini è sicuramente viale Piemonte, per capirci il tratto davanti al cinema Tiffany. Avete mai visto con che maestria, sfruttando una leggera frana del marciapiede i ciclopi della strada sfruttino questa infima, piccola, timida strisciolina di terra per sfrecciare fino al semaforo (che inevitabilmente li fermerà) incuranti di pedoni (“ma che è mala parola?”), carrozzine (“ma sti bambini perché non si stanno a casa a giocare alla PlayStation?”), anziani (“Accura! L’avissimo ‘a pagare pi nnovo!”). Altra via prelibata per svicolare dal traffico è piazza Giachery, all’incrocio con via dei Cantieri. Ma lì cari amici ce la siamo voluta noi. Eh sì, perché prima della realizzazione della bellissima e utilissima (mi aspetto un coro di “buuuuuh!!”) pista ciclabile il marciapiede era troppo alto e neanche i più audaci rischiavano i propri ammortizzatori. Ma adesso, grazie ad un ingegno architettonico, non solo è possibile salire facilmente utilizzando gli scivoli (guai se qualche disabile voglia approfittare di una delle poche barriere architettoniche adatte per muoversi in città!), ma addirittura c’è anche la delimitazione delle corsie tanto che c’è chi ha deciso di passare anche contromano in barba a norme, codice della strada e buona creanza.

    “Corsia di preferenza” in via Matteo Bonello

    Ma fra tutti, il primato della “corsia di preferenza” più amata, apprezzata e utilizzata è senza alcun dubbio Via Matteo Bonello (per capirci la strada che porta dal Papireto a corso Vittorio Emanuele). Di lì passa di tutto: moto, motorini, motoapi (giuro l’ho vista!), moto della polizia, una volta ho anche beccato uno in Segway 😀 . Non si ricorda a memoria d’uomo la presenza di un pedone. O chi ha osato camminare lì sopra pare che oggi non possa raccontarlo. L’unico essere umano che ha calpestato quella “corsia di preferenza” è un ragazzo molto gentile che si inginocchia a terra, più o meno a metà strada, e chiede l’elemosina riparato da uno dei pochi alberi rinsecchiti che si trovano su quella “striscia di Gaza” in salsa palermitana.

    Bacchettata sulle mani: il codice della strada va rispettato da tutti.

    Palermo
  • 43 commenti a “Corsie di preferenza”

    1. Buongiorno Letizia, non per fare il rompiscatole, ma l’ultima non vè via M.Bonello e non è via Papireto.
      E’ Corso Alberto Amedeo che si immette a Piazza Indipendenza.
      Ma a parte la toponomastica … il risultato non cambia.
      😉

    2. Altra “corsia di preferenza”, ma forse sarebbe meglio definirla “corsia della sfacciataggine”, è il marciapiede destro (procedendo verso viale Piemonte) di Principe di Paternò, nel tratto compreso tra via Sciuti e, appunto, viale Piemonte.
      Lì, soprattutto la sera, diversi motociclisti lo utilizzano per “scavalcare” la fila ininterrotta di auto ferme tra i due semafori o, addirittura, lo percorrono in senso inverso (quindi verso via Sciuti) per “bypassare” via delle magnolie.
      Naturalmente, insistendo con il clacson per convincere i riluttanti pedoni a farsi da parte per lasciarli passare.
      Una volta ad uno di questi sciagurati ho dato un’ombrellata sul casco…

    3. Quando in una popolazione manca del tutto il senso civico si vede questo e altro, corsie preferenziali usate come posteggi, auto con 2 ruote sui marciapiedi…e vedendola a 360 gradi lavatrici sul ciglio della strada e “portoghesi” sugli autobus. L’importante è che quando Bossi dice che siamo terroni queste persone siano risentite… 😉

    4. …e poi vengono a dire che i cordoli sulle corsie preferenziali non servono a niente, o addirittura non a norma 🙂 🙂

    5. questa nuova usanza si aggiunge alle tante altre inciviltà del palermitano….una bella multa, e salata, a chi li becca, cosi mi faccio quattro risate….

    6. …. miiii… già ho fatto i primi danni (vedi GdS di ieri)….. che bello che bello… tutti giù per terra!!!

    7. mi che prio!!! speriamo si rompano le corna in tanti!

    8. e ma staiaccura ca aspiettu puri a tia… machina, muturi o a pieri ca sia…. ahahahah !!!!

    9. ma che voi sappiate ne hanno mai multato uno?
      finchè non faranno multe pure i cammelli possiamo vederci!

    10. Cordolo è l’ottavo nano, l’ultimo nato, ma non poteva abortire Biancaneve???

    11. Sono una persona discretamente civile, non santa, non svizzera, mediamente civile.
      non butto cartacce e rifiuti ingombranti, raccolgo le “deiezioni” del mio amato cane, differenzio, raccolgo le pile usate, rispetto le strisce pedonali e ogni tanto pure le odiose strisce blu.
      Ma c’è un limite a tutto!!
      se mi togliete pure la “corsia di preferenza” è la tragedia.
      si, lo ammetto; sono tra quei fenomeni da voi citati.
      non sapevo la metà dei nomi di quelle strade, ma a turno le ho prese tutte e se non l’avessi fatto sarei ancora lì in fila.
      e dire che non ho l’hobby dell’infrazione ma o faccio così o posso morire in fila in quel puzzle perfetto che si forma in tutta la città, negli orari di punta e non!
      e che diamine.
      la verità è che essere civili in questa città più che un dovere è una missione.
      io non butto, ma la città è fetente e sotto casa mia non esistono cestini, io differenzio ma le campane sono poche e sempre piene, ho chiesto la raccolta porta a porta e ancora aspetto.
      insomma vi confesso che la mia civiltà è a rischio…
      la lotta è impari: da un lato la mia civiltà dall’altra i disservizi di questa città.

    12. peste hai mai pensato che quando occupi la corsia preferenziale perchè vuoi saltare la fila rischi di rallentare la corsa delle ambulanze? per uno con un infarto in corso essere soccorso entro 3 minuti è fondamentale…

    13. @cordolo, non mi sembra che l’incidente di sabato mattina sia da attribuire al cordolo.La perizia parla chiaro: quel deficiente al volante era un “automobilista distratto” 🙂
      http://www.mobilitapalermo.org/mobpa/2009/02/09/auto-sul-cordolo-sfonda-una-vetrina/

      Certo che ce ne vuole per sfondare la vetrata di una banca!

    14. @antony977
      capisco la tua ignoranza comprendo la tua malafede , ma passare alle offese senza conoscere la dinamica è molto grave .La perizia dell’infortunistica parla chiaro ?
      Io non la conosco , tu invece dimistri di conoscere i fatti , pertanto ti invito a venire presso il Comando della Polizia Municipale a rilasciare dichiarazioni spontanee in merito all’incidente , così spiegherai anche agli investigatori cosa ci facevi sabato mattina in Viia Maqueda altezza Via Fiume. A dimenticavo per il motociclista che è caduto due gioni prima , ti prego chiedi ad antony977 lui ti saprà dire come sei scivolato.

    15. Secondo me il vero problema è dato dal “parcheggio selvaggio” che regna in città. Mi spiego meglio… grandi strade che si riducono a vicoli poichè le auto sono posteggiate in seconda e terza fila. Risultato… traffico in tilt! Ora, se si reprimesse a dovere questo mal costume, sempre secondo me, si otterrebbero due grandi vantaggi: circolazione più fluida e meno auto… in tanti usano l’auto tanto “mi fermo due minuti in seconda fila” anche per comprare il pane sotto il portone di casa. Vorrei vedere se oltre a pagare un euro tre panini dovessimo pagare anche 50 euro di multa…

    16. ma non si chiamano “corsie preferenziali” perchè se si preferiscono si possono percorrere???
      Io le preferisco!!!

    17. @distratto, c’è già stato un articolo di giornale (di dominio pubblico), in cui vengono riportate le dichiarazioni dei vigili.Anche un collegamento al link dove è riportato l’articolo.Un pò di elasticità mentale non guasta 😛

    18. Per dovere di cronaca:
      http://palermo.repubblica.it/dettaglio/Auto-sul-cordolo-sfonda-una-vetrina/1588226

      Giudicate dalla foto e vi renderete conto a che velocità folle andava quell’automobilista un pò troppo distratto alle 5 del mattino 🙂

    19. Ma si, ceh si rompano le corna…in genere quelli che fanno gli incidenti di notte sono quelli che corrono come i pazzi, se ci lasciano le penne mi dispiace ma se la cercano.

    20. Per coloro che usano i marciapiedi come corsia per le moto: capisco la fretta (che però abbiamo tutti), capisco lo stress dato dallo stare incolonnati pur avendo un mezzo a due ruote. Ma secondo voi la civiltà, la buona educazione e il rispetto sono “gratis”? Io ho sempre pensato che essere civili e rispettosi non lo possiamo pretendere dagli altri, ma da noi stessi. Spero comunque che non vi capiti mai di diventare anziani, avere un problema alle gambe, avere dei bambini che vorrebbero avere il lusso di camminare sui marciapiedi; quanto ai disabili in sedia a rotelle: vi siete mai chiesti perchè ne vedete così pochi? Pensate che Palermo non ne abbia? O stanno a casa per l’impraticabilità di Palermo (non solo a causa vostra, naturalmente…!)? Tutta la mia solidarietà a loro! La libertà inizia rispettando quella degli altri.

    21. Ma su smettiamola con queste cazz..te!! I cordoli servono in questa città, che vi piaccia o no, servono!! Per una volta fanno una cosa giusta e via con le critiche. Possibile che il palermitano medio oltre a pensare ai propri interessi, non sa fare nulla. Io farei dei muri, altro che cordoli. Peraltro ci sono in moltissime città d’Italia. Se uno guida senza cazzeggiare vedrete che incidenti non c’è nè saranno. Se poi non riuscite a guidare seriamente una moto o una macchina, beh attaccatevi al tram, anzì nel caso di Palermo al bus, dato che per il tram dobbiamo aspettare al 2011.

    22. @achille distratto, complimenti ancora per la grammatica 🙂
      Dici bene, l’ignoranza è davvero brutta 😛
      Ma dove sono sti motociclisti caduti????????????

    23. Il limite massimo di velocità nei centri urbani è di 50km/h. Se lo si rispetta non si sciolva in curva, non si “vola” se un automobilista ti taglia la strada imprudentemente e non si cade se si tocca un cordolo.

    24. Secondo me l’unico vero problema della viabilità palermitana sta nel fatto che ci sono sulle strade troppe macchine e troppe moto, a occhio e croce dal triplo a quadruplo di quelle che la città potrebbe civilmente contenere. Lascio a voi la soluzione del problema.

    25. Automobilista distratto e Antony977 mi sembra che possa bastare. Il blog non può diventare il vostro campo di battaglia. Qualora non utilizziate toni più pacati e costruttivi interverrò. Ma non avevo già postato questo commento altrove? Grazie.

    26. …vista l’atmosfera al calor bianco abbastanza inutile (mi auguro solo che non accada nulla di grave con i cordoli, rilevando che diffido dei giudizi estremizzati e dei toni da crociata che possono nascondere poca obiettività e che quindi se del caso potrebbero non trovare dello stesso avviso i C.T.U. di un P.M), dicevo vista l’atmosfera surriscaldata, per sdrammatizzare sull’argomento, volevo spezzare una lancia a favore dei vigili – accusati spesso di ignavia – avendo invece notato un raro esemplare di questi che per settimane – la mattina – regolava il traffico sulla rotonda di via Lazio. Il Vigile di Sordi al confronto era uno strafottente: senza togliersi il casco da motociclista, con occhiale da Topgun, postura da ventennio, incedeva tra le vetture incolonnate come un maestro tra i banchi degli scolaretti. Guai a chi imprudentemente avesse dato un colpo di clacson ritenendo di essere da troppo tempo in attesa! Si sarebbe visto puntare con il braccio sollevato e il dito a ricercare la provenienza del folle trasgressore. Confesso ho avuto la tentazione di filmarlo e/o fotografarlo. Non lo vedo da un po’. Qualcun’altro l’ha notato o sa che fine ha fatto? E’ un mito!

    27. Via aggiorno che sul GDS di stamane 13.02.09, é riportato l’esito di una seduta di Consiglio Comunale in cui si ristabilivano i vecchi privilegi per titti i consiglieri comunali?
      Me l’aspettavo da un momento all’altro. Loro svolgono un servizio pubblico, questa é la pezza giustificativa, come le ambulanze, i Vigili del Fuoco, le forze di sicurezza, vuoi mettere?
      hanno votato la maggioranza sì, non ricordo quale gruppo sia sia astenuto, mentre il gruppo idv ha lasciato l’aula (consapevole che c’erano i numeri per l’approvazione del provvedimento, aggiungo, io).
      Che dire? E’ inutile stare a ribattere che un cittadino eletto da altri cittadini, per svolgere un servizio, non debba avere particolari privilegi, rispetto alla comunanza degli altri cittadini, ma siamo sempre sempre allo stesso punto, fanno la parte, e poi si ricomincia sempre da capo.

    28. Sull’uso-abuso dei normali cittadini, devo dire che i palermitani sono abbastanza saggi. Usano le corsie preferenziali solo per sorpassare qualcuno, mediamente, e poi si rimettono in coda.
      Mettiamo via Maqueda, ci sono sempre macchine o furgoncini parcheggiati sul lato sx, se non c’é un autobus in arrivo li si bypassa e si va avanti. Un cordolo lo impedirebbe, ed istituirebbe una coda infinita che paralizzerebbe Piazza Massimo, l’incrocio di Via Cavour, etc…
      Non vedo i cittadini palermitani così beceri nell’uso-abuso delle corsie preferenziali.
      Molto peggio i parcheggianti abituali doppiofilisti. Non hanno neanche il buon senso di capire, che se c’é uno parcheggiato di fronte in doppia fila, e se vuoi parcheggiarti anche tu in doppia fila, non metterti in paralello, ma vai più avanti, così la corsia da 3 auto non si restringe ad una creando un tappo infernale, almeno si restringe a due.
      Anche nella gestione dell’inciviltà diiffusa e provocata da certa disperazione per mancanza di servizi reali, può esserci un certo grado di autoregolamentazione e buon senso minimo.

    29. che vergogna…..il bello è che pretendono i pass in maniera accanita!!
      Una seduta dedicata per queste fesserie….e io pago!

    30. ha come sono contento anche ieri la maledizione dello iettatore ha colpito ancora ” Via Maqueda ” solito punto n° 4 motociclisti a terra tutti caduti a ridosso del cordolo , sono molto contento di chi ha manifestato pro – cordolo ha ha ha !!!!!!!!!!!

    31. Il palermitano medio non è abituato a rispettare alcuna cosa.E le regole si sa a Palermo sembrano essere fatte per essere violate.Come se fossimo un’eccezione rispetto altre grandi metropoli.
      Cmq i centauri (da quanto riporta la P.M.) sono scivolati a causa della grandine.

      Strano che nessuno parli dei motori che camminano nei marciapiedi di Corso Alberto Amedeo (e non solo) per by-passare il traffico 🙂
      Se se la vanno a cercare, pazienza per loro

    32. @Redazione di Rosalio l’altro ieri hai ammonito qualcuno in merito alle offese che si lanciavano attraverso questo blog , ad oggi continuo a leggere le cazzate di questo antony977 che pur di difendere una cosa impopolare offende tutti i palermitani onesti che quotidianamente lavorano con dignità e serietà . Una cosa è certa questo signore di educazione ne ha da vendere , e per tale motivo lo propongo al Sig. Sindaco come “Nuovo difensore civico”

    33. Quoto in pieno Antony977, il palermitano medio non rispetta niente, e non merita niente. Chi guida scooter in particolare è particolarmente maleducato, sale sulle piste ciclabili e marciapiedi per evitare il traffico, fa zig zag tra le auto, usa le corsie preferenziali,non si ferma sulle strisce pedonali quando un pedone deve attraversare…è risaputo che più a sud si scende più aumenta la maleducazione e la mancanza di senso civico della popolazione, è una cosa che noi Palermitani abbiamo nel dna.

    34. @Aristocratico popolare
      Cosa impopolare? Ma nè sei così sicuro? Io penso che non è Antony977 a offendere “i palermitani onesti”, ma siete voi ad offendere la vostra intelligenza. Se a Palermo, come dice Antony977 non sapete cosa vuol dire guidare civilmente motori e auto, non è colpa dei cordoli. Io penso che a tutte le persone che prendono ogni mattina l’autobus a Palermo fa molto piacere l’installazione dei cordoli.

    35. io ho visto automobilisti salire sul marciapiede che divide in due via e. basile (v.le delle scienze) e cambiare corsia… e finchè lo fanno i motorini… ma pure le automobili.. in effetti c’era un traffico immobile e irritante… CHI PALERMITANAZZI CHI SIEMU!
      E’ vergognoso…

    36. @aristocratico popolare

      Di aristocratico hai ben poco, se pensi che le regole siano impopolari sono fatti tuoi. La verità è che in questa città bisogna usare il pugno di ferro perchè i soliti 4 incivili riescono sempre ad averla vinta a discapito del bene dell’intera città. E’ ora di civilizzare Palermo, che il medioevo è bello che finito!

    37. Il presidente della Federazione Mobilità Sostenibile (che si oppone accanitamente ai cordoli) è fra i fortunati possessori del pass per le corsie preferenziali 🙂 🙂 🙂
      http://palermo.repubblica.it/infografica/1570805/7

    38. Aristocratico popolare ti prego di utilizzare l’e-mail per comunicare con me.
      I commenti che leggo non sono a mio avviso offensivi quindi non ritengo opportuno intervenire. Grazie.

    39. Qualcuno sa spiegarmi come mai il presidente della Federazione Mobilità Sostenibile Antonio Marino(che si oppone accanitamente ai cordoli) è fra i fortunati possessori del pass per le corsie preferenziali??
      E poi la vengono a chiamare mobilità sostenibile 🙂

    40. che bello c’è qualcuno che cambia nome e si manda elogi da solo bravo , bravo , bravo complimenti evviva il paladino dei cordoli “alias antony977 , etc…”

    41. Aristocratico popolare non ti permetto di accusare un altro lettore di comportamenti scorretti (che peraltro non sembrano verificatisi dai dati a mia disposizione). Ti ho già invitato (non esclusivamente) a cambiare toni. Visto che non mi spiego rimuoverò ulteriori commenti che non siano rispettosi nei confronti degli altri commentatori e lontani dalle scaramucce tipiche degli asili infantili. Saluti.

    42. Saltare sui marciapiedi, sfrecciare tra le file di automobili ferme, impennata per il Corso, “sgasata” al semaforo e agli incroci… vige la legge del “più grosso”. Ahah… non sarà un problema di educazione? Io comincerei dalla culla ad insegnare il rispetto per gli prossimo.

    43. Penso abbiate visto tutti le immagini dei cittadini di New Orleans in fuga dall’uragano Katrina: non una macchina nelle corsie preferenziali. Se nella mia città usano le corsie preferenziali normalmente, spero non arrivi un uragano a Palermo.

    Lascia un commento (policy dei commenti)