martedì 21 nov
  • Cuffaro e Romano dai pm di Palermo

    Carlo Vizzini, Salvatore Cuffato, Salvatore Cintola e Saverio Romano

    Salvatore Cuffaro e Saverio Romano sono stati sentiti oggi dai pm di Palermo Antonio Ingroia, Nino Di Matteo e Roberto Scarpinato. Cuffaro, Cintola, Romano e Vizzini sono indagati per presunta corruzione aggravata dall’agevolazione di Cosa nostra in relazione al “tesoro” dell’ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino.

    Cuffaro ha dichiarato: «Sulla richiesta avanzata dal mio difensore di formulare in modo chiaro e preciso, come impone la legge, i fatti o il fatto, le prove o le condotte non mi è stato indicato un solo fatto o una sola condotta e, quindi, non ho potuto rispondere, pur essendomi recato in Procura per contribuire all’accertamento della verità. […] Ho fatto comunque presente di essere disponibile in qualsiasi momento e, nel loro silenzio, avanzeremo richiesta di archiviazione».

    Romano ha dichiarato: «Oggi mi sono state fornite solo le notizie già apprese dai giornali e alla richiesta di conoscere quali fossero i fatti e le condotte che integrerebbero il reato non mi è stato contestato un solo atto o fatto di corruzione. Non ho avvertito alcuna sorpresa perché so di non avere mai posto in essere condotte corruttive. Rimane il rammarico per la martellante campagna di stampa».

    Palermo
  • 19 commenti a “Cuffaro e Romano dai pm di Palermo”

    1. Salve!
      Eccomi di nuovo qui, a commentare le vicende giudiziarie che hanno colpito la regione Sicilia..
      Come spesso accade nel giornalismo, si sa, le accuse sono roboanti e
      le smentite molto sommesse : è facile che resti un
      marchio anche su chi non ha colpe.
      Perciò vorrei aggiornare chi non ha appreso le ultime news e commentarle, perchè sono ciò che chiunque ama la giustizia vorrebbe sentire, poichè è stato liberato da ogni accusa un innocente. Infatti l’on. Romano è stato ascoltato ieri dai pm in procura e non gli è stato contestato alcun comportamento corruttibile. Inoltre lo stesso Ciancimino ha dichiarato che non si tratta dell’on. Saverio Romano, bensì di un Romano, noto imprenditore italiano.
      Proprio come avevo previsto..! Non bisogna accusare come se fosse già condannato chi dev’essere interrogato, perchè si rischia di colpire anche persone del tutto estranee alla mafia!
      Marta

    2. ma tutta questa gente non si vergogna? non si dimettono mai? gente plurinquisita, condannata e ancora sulla cresta dell’ onda….
      scandali in sequenza per tutti questi personaggi ….

      vergogna.

    3. Ascoltando e leggendo le notizie giornalistiche che coinvolgono ed hanno coinvolto (Antinoro) politici soprattutto dell’UDC provo vergogna ad essere siciliana.- Eppure in molti Comuni (Bagheria, S.Flavia, ecc.ecc.) i LORO uomini spadroneggiano nelle Giunte e nei Consigli Comunali come se NULLA accadesse.- VERGOGNA!!!- Anche per coloro che devono sfamare le famiglie con pochi redditi.-

    4. Come ha detto Marta in Italia c’è il brutto vizio di dare ampio risalto quando vengono indagati politici ma invece quando questi vengono giudicati estranei ai fatti se ne dà davvero poco spazio!!! Questo è veramente poco corretto! Anche in questo caso titoli in prima pagina per Saverio Romano ma ora che si è scoperto che il Romano cui si riferiva Ciancimino era un imprenditore romano e non il politico pochissimo spazio!!!

    5. Marianna ti ricordo la presunzione di non colpevolezza.

    6. Rosalio, ti ricordo di togliere le fette di pescespada davanti agli occhi…

    7. Annibale ti consiglio di ripassare la Costituzione.

    8. baciamo le mani alle vittime sacrificali, innocenti capri espiatori di guerre non loro, e sempre sia lodato gesù cristo.
      spero che la stampa si auto moderi perchè non se ne può più di quasta disinformazione mediatica e di questa magistratura eversiva.
      sempre sia lodato gesù cristo e w santa rosalia.
      fiduciosi aspettiamo l’ultimo grado di giudizio affinchè onorabilità sia restituita a chi tanto è stato oltraggiato da tanto accanimento, intanto porgo distinti saluti ed incondizionato e immutato appoggio, vi voterò ancora fino a definitiva sentenza.
      vostra affezionata stalker

    9. Rosalio, ti consiglio di ripassare un pò di storia recente.
      Vizzini:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Vizzini#Procedimenti_Giudiziari
      Cuffaro:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Tot%C3%B2_Cuffaro#I_procedimenti_giudiziari_penali
      Cintola: http://it.wikipedia.org/wiki/Salvatore_Cintola#Procedimenti_giudiziari
      Romano:
      http://it.wikipedia.org/wiki/Saverio_Romano

      Gente che frequenta le diverse camere e ministeri da 20,25,30 e anche 35 anni (di stipendi).
      Siamo in un paese normale?

    10. Non meriti neanche risposta.

    11. Non colgo il nesso con le vicende del post per cui gli imputati rimangono presunti innocenti.

    12. Ok, per questo caso possono anche essere presunti innocenti, non si può mettere in dubbio il diritto di difesa nel dimostrare di non essere coinvolti, ed è molto probabile che il tutto venga archiviato.
      Non credo, però, che sia importante questa vicenda. Quello che intendo è il bisogno di gente nuova, ma qui si aprirebbe un capitolo nuovo e rischierei di andare fuori tema e Rosalio bacchetta 🙂

    13. concordo con annibale

    14. anche il papi è presunto innocente, ma qualche domanda bisognerà pure cominciare a farsela, almeno sullo spessore e le priorità dell’uomo e del politico…o no?
      http://espresso.repubblica.it/dettaglio/estate-da-papi/2102101&ref=hpsp

    15. Stalker ti invito a rimanere in tema. Grazie.

    16. Mi sembra un incubo, quando finirà tutto questo ?

    17. stalker siamo in tanti a pensarla così, ma non credo che qui sia il luogo ideale. Si arrivano a sfiorare certi argomenti, questa è la linea di condotta ed essendo ospiti credo bisogna essere rispettosi di chi modera (anche se è cosa stringente)

    18. @ stalker
      io di tutta questa storia di papi ho solo capito che è ancora sessualmente attivo.

    19. Non mi spiego: rimuoverò ulteriori commenti fuori tema.

    Lascia un commento (policy dei commenti)