lunedì 21 ago
  • Si presenta “Il conto delle minne” a la Feltrinelli

    Oggi alle 18:00 a la Feltrinelli (via Cavour, 133) Giuseppina Torregrossa presenta Il conto delle minne. Interviene Andrea Purgatori.

    Il libro parla di nonna Agata e della nipote Agatina a cui insegna i segreti dei dolci in onore della Santa di cui entrambe portano il nome. Mentre impastano le cassatelle a forma di seno, le minne, la nonna racconta il martirio della Santuzza, cui il crudele console Quinziano, non sopportando di sentirsi respinto, fece tagliare le mammelle. La drammatica vicenda rivela una delle regole del mondo maschile: «… devi sapere che gli uomini, se non ci provi piacere quando ti toccano, si sentono mezzi masculi, ma guai a te se ci provi piacere, perché allora ti collocano tra le buttane». Parte da qui il cuntu, il racconto, della storia di una famiglia siciliana e delle sue donne straordinarie. Per ciascuna di loro, fino alla piccola Agatina che dovrà diventare grande, le minne hanno un significato speciale: grandi o minuscole, aride o feconde, amate senza pudore o trascurate da uomini disattenti, sane o malate, diventano la chiave per svelare i più intimi segreti della femminilità e dell’orgoglio di generazioni di donne e di una in particolare, forse la più coraggiosa.

    Giuseppina Torregrossa è palermitana, è madre di tre figli e vive tra la Sicilia e Roma, dove ha lavorato per più di vent’anni come ginecologa, occupandosi attivamente, tra le altre cose, della prevenzione e cura dei tumori al seno.

    Giuseppina Torregrossa - “Il conto delle minne”

    Palermo
  • 3 commenti a “Si presenta “Il conto delle minne” a la Feltrinelli”

    1. Io lo sto leggendo: è bellissimo!!

    2. che brutto malcostume quello di non rispettare gli orari e soprattutto dare molto piu’ importanza ad una intervista ad una tv locale che ad un pubblico in piedi in attesa dell’inizio della presentazione. che peccato non ho resistito e sono andato via !

    3. L ho letto tutto d’ un fiato..una lettura deliziosa, soprattutto nella parte del racconto in cui si narra la giovinezza della piccola Agata!! E poi mi ha fatto sentire tanto vicina alla mia lontana ma sempre cara e nel cuore Palermo! Brava Giuseppina!!

    Lascia un commento (policy dei commenti)