Archivio del 29 giugno 2009

Si accorse di avere le mani quando fu costretto a contare fino a dieci. Tanto dovette aspettare prima di sapere se il sentiero verso l’orizzonte fosse un’autostrada o un vicolo chiuso. Si guardava attorno smarrito. Urtava sagome di magnaccia e puttanieri. Ma contando si accorse che le mani servivano a tanto altro. Tornò a casa e carezzò a lungo i capelli del suo amore. Poi andò fuori, pronto a colpire gli infami.

Colpire gli infami (illustrazione di Giuseppe Lo Bocchiaro)

Tag: .
In: I racconti di tre righe | 1 commento

Giornale di Sicilia

A dicembre 2008 il condirettore Pepi del Giornale di Sicilia aveva dichiarato:

«Abbiamo chiuso il nostro vecchio sito Internet perché i nostri conti non quadravano. Non è escluso che ne apriremo uno nuovo in futuro».

Sembra che il “futuro” (per molti presente) stia per (ri)arrivare anche nelle polverose stanze di via Lincoln se la succosa indiscrezione raccolta la scorsa settimana sarà confermata: a settembre, complice la Publikompass, il Giornale di Sicilia tornerebbe online. Continua »

In: Palermo, Sicilia | 25 commenti

TransMilenio

Il problema di Palermo? Il traffico!
La soluzione? Un sistema di trasporto pubblico efficiente, of course.

Quando si dice trasporto pubblico efficiente, la prima immagine che viene in mente è quella della metropolitana. Una metropolitana capillare è senza dubbio un’ottima alternativa al trasporto privato basato sulle automobili, ma è davvero l’unica possibile?

In primo luogo bisogna constatare che la metropolitana è sì una soluzione, ma realizzabile solo nel lungo periodo (se i lavori partissero oggi, finirebbero fra cinque anni).

In secondo luogo bisogna tenere conto del fatto che una metropolitana è molto costosa (quella progettata per Palermo costerà 1.085 milioni di euro, ed il Cipe ha messo a disposizione fino ad ora 300 milioni di euro).

Che fare, dunque? Continua »

In: Ospiti | 46 commenti

Vagavo nel web alla ricerca di informazioni circa il coinvolgimento dei cittadini a livello locale sullo sviluppo di progetti per una cosa che tra
qualche anno invaderà il nostro paese e che si chiama EXPO 2015. Come prima cosa ho fatto un giro in casa. L’attenzione è tutta su Milano, si legge di luci e ombre, ne parlano i politici e il Santoro o il Vespa del caso, ma una cosa mi pare essere parecchio tralasciata: l’Expo deve essere un’occasione di rilancio per tutti e se i cittadini non lo sanno finiranno per perdere anche questa opportunità. A Milano tra non poche controversie si stanno organizzando gli Stati Generali dell’Expo 2015 per raccogliere idee e progetti, mi piacerebbe sentir dire che anche in Sicilia qualcosa si stia muovendo in questo senso, non vorrei accontentarmi di trovare su Google un unico sito che mette insieme Sicilia e Expo 2015 e che rimane aggiornato al 18 novembre 2008.

In: Ospiti | 27 commenti

«Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità»

La mattina di cinque anni fa su molte saracinesche delle attività commerciali palermitane appariva un misterioso adesivo con una grafica lugubre con la scritta: «Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità».

La diffusione di questo messaggio forte, in stile guerrilla, ha segnato la nascita di Addiopizzo. Oggi molti commercianti denunciano il pizzo anche grazie alle attività di Addiopizzo e di LiberoFuturo, migliaia di consumatori praticano il consumo critico e alcune inchieste portano il nome del comitato.

Rosalio sostiene da sempre Addiopizzo, oggi gli augura buon compleanno e gli ha dedicato la testata del blog.

In: Palermo, Rosalio | 19 commenti

Da oggi T-Link Lines collega Termini Imerese a Genova (Voltri) con due navi, la T-Rex e la T-Rex Uno. Le navi possono trasportare rispettivamente 350 e 880 passeggeri e fino a 190 auto. La compagnia effettuerà dodici viaggi settimanali e il viaggio dura circa 20 ore.

La formula “camping on board” permetterà ai camperisti di soggiornare a bordo del loro mezzo durante la traversata.

T-Rex

In: Palermo | 40 commenti

In occasione del vertice G8 che si terrà a L’Aquila dall’8 al 10 luglio il Governo italiano ha deciso di sospendere temporaneamente il Trattato di Schengen per la libera circolazione delle persone per motivi di sicurezza.

Da oggi al 15 luglio viene ripristinato il controllo dei documenti d’identità alle frontiere.

In particolare la misura comporta dei controlli per i passeggeri che all’aeroporto di Palermo si imbarcano per altri paesi. È necessario, quindi, portare con sé la carta d’identità valida per l’espatrio o il passaporto in corso di validità e arrivare al check-in in anticipo rispetto ai normali tempi di presentazione.

“G8 Summit 2009”

In: Palermo | 2 commenti