giovedì 23 nov
  • Alcolici vietati ai minori di 16 anni anche a Palermo

    Il sindaco di Palermo Diego Cammarata ha firmato un’ordinanza per vietare per 120 giorni in via sperimentale la vendita di bevande alcoliche ai minori di 16 anni. Palermo segue altri comuni che hanno adottato il medesimo provvedimento.

    Nell’ordinanza è scritto: «Il consumo di alcol fra i giovanissimi sta diventando un fenomeno sempre più diffuso, con evidenti ricadute negative innanzitutto sulla salute dei ragazzi e per la loro incolumità, ma anche nei loro comportamenti, con un evidente peggioramento della qualità della vita della comunità tutta soprattutto laddove si concentrano gruppi di giovanissimi sia nelle zone centrali che in quelle periferiche della città». […] Nel territorio del Comune di Palermo – i pubblici esercizi non possono somministrare né vendere bevande alcoliche di qualunque gradazione ai minori di anni 16 ad esclusione di ristoranti, trattorie e pizzerie per le quali il divieto vale dopo le ore 23.00 e per i quali la vendita dovrà avvenire limitatamente al servizio al tavolo».

    In futuro saranno svolte anche iniziative di sensibilizzazione.

    Palermo
  • 12 commenti a “Alcolici vietati ai minori di 16 anni anche a Palermo”

    1. Secondo me andrebbero vietati anche ai primi cittadini. 😛

    2. Tony ai primi cittadini andrebbe vietato altro 🙂

    3. con evidenti ricadute negative innanzitutto sulla salute dei ragazzi e per la loro incolumità, ma anche nei loro comportamenti, con un evidente peggioramento della qualità della vita della comunità tutta

    4. ai primi cittadini che conosciamo andrebbe vietato di fare i primi cittadini

    5. E vai col proibizionismo time.
      Risultato: x essere trasgressivi berranno di più, tanto questa è la città dei non controlli.

    6. Per attenermi al tema del post: mi pare inutile. Anche la vendita delle sigarette è vietata ai minori di…..ops, non mi ricordo!

    7. ieri alla coop lo scaffale birre e alcolici era pieno di cartelli con su scritto “Vietata la vendita ai minori di anni 18” ma se c’è una legge che vieta ai minorenni che senso ha vietare ai minori di 16 anni?

      non dovrebbero essere compresi?.

      dunque:
      chiamo la polizia dicendo che:

      1) sotto casa mia c’è uno con la panda taroccata e il volume che fa tremare i vetri

      2) c’è un posteggiatore abusivo che chiede un euro dopo aver fatto posteggiare sul marciapiede

      3) c’è uno posteggiato sul marciapiede

      4) dei ragazzi suonano la chitarra per strada e anche le percussioni

      5) c’è gente che si spintona urlando

      6) ci sono ragazzini sul motorino che fumano e bevono birra

      7) ci sono ragazzini sul motorino. contromano. senza casco.

      8) vicino al cassonetto c’è un vecchio divano e una vecchia lavatrice

      9) il cassonetto è stato messo sul marciapiede per fare spazio ad una autovettura

      Mi rispondono che non possono farci nulla!

    8. Una nuova scelta ipocrita del nostro Sindaco. Dichiara guerra all’alcool ai minorenni, quando sa benissimo che non c’è la benché minima possibilità che tale divieto venga fatto rispettare. Un po’ come la “tolleranza zero” alla doppia fila o la “guerra” contro i posteggiatori abusivi, che ogni tanto vengono riesumati dalla nostra polizia municipale. Peccato che questi encomiabili sussulti di legalità durino appena un paio di giorni, per poi essere dimenticati, magari con la scusa di qualche altra emergenza.

    9. D’accordo con marcodisalvo.. aggiungo che tanto andrano nei comuni limitrofi con il motorino e si romperanno “i ligna” contro un inerme cittadino che torna a casa da lavoro rovinandogli la vita per avere ucciso un ragazzino ubriaco.

    10. Lo voglio proprio vedere a Tantillo che domanda la carta d’identità ai suoi clienti… 😀 😀

    11. punizioni corporali per minori e genitori stile talebani/iraniani

    12. Ragazzi.. finiamola con le fissarie. Non controllerà mai nessun. I ragazzi di questo sito http://www.mobilitapalermo.org/mobpa/ hanno provato più volte a chiamare i vigili per traffico o altre cose e un s’arricampamu quasi mai. Ma ce li vedete che vanno n giro per bar a controllare?

    Lascia un commento (policy dei commenti)