giovedì 23 nov
  • Un pensiero…il primo

    Ciao Rosalio,
    sono uno di quelli che la sera prima di andare a letto, passa un po’ di tempo a dare una lettura veloce a tutti i post e a tutti i commenti lasciati sul tuo blog, che, credo sia uno dei più amati e seguiti.
    Troppe volte, tante volte, mi sono ritrovato a leggere post e commenti sulla nostra città, sulle cose che non vanno e sopratutto sulle cose che il Sindaco non fa…
    Da due stagioni conduco ogni giorno il mio “Casa Minutella” invitando spesso chi governa o chi ha cariche di grande responsabilità, o pensieri importanti sulla nostra Palermo, coinvolgendo spesso i tuoi lettori, ho sempre cercato di difendere la mia città, chi ha seguito sa, per certo, quante volte mi sono battuto, davanti le telecamere, perché venisse definitivamente abolita la zona ztl e l’inutile pass, di cui peraltro aspetto ancora rimborso…
    Spero anch’io, come la maggior parte di coloro che scrivono, che Cammarata possa davvero prendere responsabilmente una decisione che permetta ai palermitani di rialzare la testa.
    Ma alcune domande mi vengono spontanee…
    Chi ha votato Cammarata?…
    Cosa ci si aspettava da lui?
    Se si torna a votare per chi voteranno i tanti precari al Comune?
    Chi andrà alle urne con la coscienza di votare senza interessi personali…
    Siamo troppo abituati a dare il voto a chi poi potrà farci il favore di…o darci una mano anche magari solo per non fare la fila…
    Voglio lanciare un paio di sfide ai lettori di Rosalio, e soprattutto a coloro che vi scrivono, fate dei nomi su chi potrebbe ereditare il posto di Cammarata, non lasciamo che scelgano ancora una volta i partiti…scegliamo anche per gioco,
    Proviamo a eleggere il sindaco di Rosalio, un sindaco “ombra” direbbero quelli di opposizione, che vanno sotto Palazzo delle Aquile con il gommone e poi non rappresentano niente se non una minima parte di quella Palermo che loro credono di rappresentare…
    Se domani si dovesse tornare alle urne chi candiderebbe la sinistra palermitana?…uhmm…ecco…ah si perché no..Pippo Baudo, no a lui chiesero di andare alla Presidenza della Regione, bene allora Ficarra e Picone, ma come potrebbero dividere la poltrona…no…boh anche stavolta verrebbe fuori un “non” nome!!!
    La seconda provocazione è, scrivere su Rosalio, la Palermo, che ancora funziona, la Palermo di chi ancora ci crede, basta con questi post tristi e pieni di poca speranza, c’è un sacco di gente che ancora ci crede…non ho mai scritto su Rosalio, mai una sola volta perché non credo di essere bravo a scrivere e di non essere all’altezza di post come quelli di Alajmo o Enia, ma stavolta mi sono davvero scocciato, scriviamo e raccontiamo della Palermo che ancora amiamo e dei palermitani che non hanno mai smesso di lavorare…
    Dio vi benedica.

    Ospiti
  • 82 commenti a “Un pensiero…il primo”

    1. Risposte:
      1°: Tony Siino
      2°: il ripristino della situazione disastrosa preorlandiana.
      3°: un’altro berlusconiano

      Penso che tutti possano prendere il posto di Cammarata. Credo che sia il mestiere più semplice fare il sindaco di Palermo nell’era Silvio.

    2. Virus ti sbagli. Io non l’ho votato.

    3. Se domani si andasse a votare la sinistra avrebbe difficoltà a trovare un candidato (va bè, c’è sempre orlando…). Non ha organizzato quest’anno la festa dell’unità perchè sono impegnati nel congresso regionale, figurati organizzare una elezione da qui a primavera. Ma questa è la storia.
      Quindi idee non ne ho. Seconda cosa. Io non sono troppo abituato a dare il voto a chi mi può fare un favore. Fino ad ora ho votato con coscienza, magari poi pentendomi. Ma non voto per saltare una fila. Evitiamo generalizzazioni, dunque.
      Siamo troppo abituati a dare il voto a chi poi potrà farci il favore di…o darci una mano anche magari solo per non fare la fila… No, proprio no.
      Una volta incamerata questa piccola regola di democrazia allora potremmo raccontare un’altra palermo. Civile, che funziona etc etc. Tutte cose che esistono anche ora ma che purtroppo sono meno evidenti rispetto a casi eclatanti tipo Amia (le tasche alleggerite ringraziano galioto e co), ztl e barche a noleggio. Fino ad allora dovremo combattere con chi non vuole fare la fila, con chi parcheggia in seconda e terza fila, con chi ha votato l’amico per poi potere fare….

    4. Io sono uno di quelli che ha votato Cammarata al secondo mandato mentre avevo votato Crescimanno al primo. Mi sono pentito ovviamente della scelta, ma ripeto, è stata una scelta. Scelta che è nata dalla non possibilità di avere alcuna alternativa. Crescimanno è uomo onesto, lo conosco e lo stimo. Ma non è un politico. Gli uomini del PD lo chiamarono per candidarlo dicendo: “sappiamo che non hai idea di come si faccia una campagna politica, ma non ti preoccupare facciamo tutto noi!”. Ad un mese dalle elezioni nessuno si era fatto sentire. L’avv. Crescimanno allora fece dei manifesti per pubblicizzarsi: erano timidi e poco consoni (non c’era la foto, ricordate?). Alle seconde elezioni la sinistra ha candidato di nuovo Orlando. Dovevo scegliere tra l’olio fituso e la padella sfondata. Poichè Cammarata aveva lavorato (eh sì, so che griderete allo scandalo ma il primo mandato non è stato così terribile) ho scelto Cammarata. Ripeto ho scelto. Non chiedo favori ai politici (qualcuno lo ha chiesto a me, per via della posizione che ricopro) e quindi il mio voto è libero.
      Chi verrà poi?
      A sinistra si parla della Borsellino. La trovo come al solito una scelta di ripiego.
      Ma possibile mai che la sinistra in Sicilia debba sempre propinarci gente di serie B?
      Chiedo al sig. Minutella (e magari a Davide Enia): ma non è che l’idea del “votano loro perchè si aspettano favori” non cela la triste verità che “votano loro perchè non esiste alternativa” ?
      Insomma, l’altro ieri la sinistra aveva la possibilità di sfiduciare Cammarata, eppure Faraone e soci hanno preferito fare lo Show del gommone che non salire in aula a votare: è serietà? Sono loro “la valida alternativa”? Esiste davvero un’opposizione? Ma perchè in queste pagine, tanto seguite, non facciamo capire alla sinistra che sono anche loro sotto esame?

    5. Stefania Petyx sindaco…il bassotto vicesindaco

    6. Sig. Minutella, con molta cortesia, vorrei rispondere brevemente a quanto da Lei scritto.

      Raccontare le cose che funzionano (ci sono?) non ha molto senso. Quando le cose sono OK dovrebbe essere la NORMALITA’ e non un caso eccezionale da raccontare.
      In questo blog, con i nostri amici, nelle piazze e nelle sue trasmissioni televisive che strizzano l’occhio ai politici (e poco ai veri problemi di palermo) si dovrebbero urlare, gridare, strapparsi la camicia per come TUTTE le classi politiche di questa città, con particolare riferimento ai 10 anni di amministrazione del suddetto sindaco, hanno distrutto Palermo.

      Quindi la prego, smettiamola di dire “raccontiamo le cose belle di Palermo”. E’ un discorso da mediocri, da gente che non vuole osare o che si vuole accontentare del suo orticello, del “suo divano” per fare contento qualche politico di turno e qualche velina improvvisata.
      Ma non il suo caso. Oppure si?

      Una buona giornata da un palermitano che per andare a lavorare e uscire dalla mediocrità della sua città è dovuto emigrare.
      E ogni giorno piange per aver lasciato la sua amata terra.

    7. Caro Massimo, io amo Palermo per il sole, per il mare, per le montagne circostanti, per le belle ragazze del capoluogo, per l’arte, per la storia, per lo sci nautico per le strade di mondello, per la pasta con i ricci, per il traffico, per il sottopassaggio di via perpignano(?), per le strade sporche, per i lampioni sempre funzionanti, per lo zio totò difronte la caserma cascino, per Rosalio che ci tiene aggiornato, per casa minutella, per la barca del sindaco opss dei figli che viene affittata in nero, per il poco lavoro disponibile, per gli operatori di call center (unica forma di lavoro della città), per la cuba e il baretto, ….e tanto altro
      Ragazzi Palermo è una contraddizione continua o si ama o si odi, spero tanto che ora inizia un periodo di risanamento, di certo nn aumentando le tasse o aggioungendo zone blu….m’interessa poco se sale un sindaco di sx o dx l’imporante è che salga un amministratore serio e responsabile..
      RIVOGLIO PALERMO AL SUO ANTICO SPLENDORE
      AUGURI

    8. Signor Minutella, ha ragione. Smettiamola di dire che a Palermo non funziona niente … funziona alla palermitana e pertanto nomi non ne faccio. La maggioranza dei palermitani si è espressa, questo è il loro sindaco quello che hanno vouto desiderato e riconfermato “sono così come mi vedi” 🙂

    9. Mah, dando per scontato che le prossime elezioni le vincerà di nuovo il pdl, nonostante tutto, non credo che abbia importanza chi candiderà la sinistra.
      Più importante è capire chi candiderà il pdl.
      Io spero Marco Zambuto, che ad Agrigento sta facendo i miracoli.
      Ma gli agrigentini non ci daranno mai il loro sindaco, è troppo bravo.

    10. non si risolvono i problemi perche’ si e’ bravi a scrivere(o a parlare),ma se si ha la capacita’ di analizzare ed arrivare al dunque.
      Non e’ la scelta di un nome che puo’ risolvere il problema,se poi l’apparato,cristallizzato da molti decenni,rimane quello che e’,con tutte le sue distorsioni.
      Ci sono troppe cose non chiare,cose che succedono a Palermo.Una per tutte.La stessa indagine sulla barca
      e l’uomo della barca.
      Il fatto di per se’ e’ insignificante,
      se non per l’aspetto etico della questione.
      Io ad un Sindaco darei una serie di benefits,poniamo una decina,tra cui a sua scelta l’uomo per la barca,il maggiordomo,il giardiniere,il cuoco,l’autista,etc.
      Ma vorrei un sindaco efficiente,una citta’ pulita,dove si circola e si trova un lavoro
      e dove la gente non fa le code,etc.
      Ora,non mi e’ chiaro il perche’ arriva su Striscia
      (canale 5 Mediaset)questa vicenda che riguarda un uomo che molti anni fa ci presento’ S.B.
      S.B. non e’ piu’ contento di questo Sindaco?
      Oppure S.B. non si immischia nelle vicende locali e le sue sono TV assolutamente libere dove possono
      arrivare anche questo genere di servizi-denuncia?
      Ma perche’ attaccare il Sindaco,quando di persone che mancano all’appello nei posti cosidetti di lavoro
      (e chissa’ dove stanno)ce ne potrebbero essere
      decine e decine?
      Ecco,in queste cose non so vederci chiaro…

    11. è di oggi la notizia dell’aumento dell’irpef, con un’aliquota che dallo 0,4 passerà allo 0.8 %, arrivando a pagare mediamente 188 euro l’anno.
      Questo per risanare i conti dell’AMIA….NE VOGLIAMO PARLARE ?!?!?

    12. “…scrivere su Rosalio la Palermo che ancora funziona, la Palermo di chi ancora ci crede…”

      Chi è da poco tornato da vacanze all’estero o da un lavoro fuori dalla Sicilia sa molto bene cosa sia oggi Palermo. Quale desolazione lo accolga sotto casa, quale terribile sensazione di impotenza si provi di fronte ai soprusi quotidiani.

      Signor Minutella, cos’è la Libertà?
      Non è forse la certezza di uscire di casa la mattina ed affrontare con serenità il proprio lavoro, dopo aver lasciato i propri figli in una scuola che funziona (e che possibilmente non crolla…) e che li prepara alla loro vita adulta?.

      Non è forse la convinzione che i tuoi meriti saranno riconosciuti ed i tuoi demeriti castigati?

      Non è forse avere la certezza che se ti succede qualcosa sarai certamente aiutato ed all’occorrenza curato con rapidità ed efficacia e tornerai presto dai tuoi cari?

      Non è forse tornare a casa la sera, stanco, ma contento di essere stato in mezzo alla gente, di avere condiviso un progetto, di avere ammirato la propria città e di averla vista sempre più bella e moderna?

      Lei crede veramente che oggi Palermo sia così? Sia una città libera, popolata da persone libere?

      O vuole far finta di non vedere, di non sentire; vuole ingannare se stesso (come molti palermitani fanno da troppo tempo) pur di non farsi troppo male guardando in faccia la realtà?

    13. Minutella, invece di restare nella tua “casa” potresti andare a vivere per DUE anni tra Berlino, Barcellona, Lisbona, Londra, Parigi, Stoccolma … ebbene, non scriveresti, probabilmente, questo post dove descrivi una realtà impregnata di atavismo e sottosviluppo sociale e culturale, perché i metodi che descrivi nelle realtà evolute sono roba che è considerata tra il surreale e il teatro dell’assurdo. I personaggi che citi e che giocano a fare i politici, ma sono altro … che non voglio definire adesso … sicuramente avrebbero grosse difficoltà per amministrare un condominio di dieci appartamenti, sono persone che vivono per inerzia dentro a dei meccanismi che ormai, col tempo, si reggono da soli, sono come i passeggeri di una navicella impazzita che vaga nello spazio; alla luce di questi elementi ogni analisi è inutile. Mare, sole, storia ( si, storia, dove abbiamo fatto sempre – e ancora oggi – le comparse ghettizzate e spesso “schifiate” ) gastronomia … tutte cose che non c’entrano niente con la maggior parte della popolazione, che spesso dimostra di non meritare la natura vantaggiosa ( preciso che tutto il mondo è bello, ma noi con infantile narcisismo, “l’isola mentale”, siamo persuasi di essere “i megghiu” ), soprattutto coloro che hanno l’oscena presunzione di volere dirigere le operazioni, quando non sono altro che pedine della pseudo-politica locale perversa; io quando li sento parlare stento a credere che siano veri e devo distinguere tra il teatro dell’assurdo e quel poco di supposta realtà che resta …

    14. @iocivedochiaro
      Il fatto che tu definisci “insignificante” poi tanto insignificante non è! Se io rubo nella mia sfera privata, figuriamoci quando amministro l’intera città.

      Su Silvio Berlusconi direi che è il padrino di Cammarata. Ricordiamoci i 150milioni regalati a Cammarata in tre anni e il suo descreto ad hoc che permette al sindaco di aumentare l’irpef senza il voto della giunta. (un provvedimento senza precedenti). “Non metterò le mani nelle tasche degli Italiani… bla blah..”, tutte chiacchere.

    15. Siino come non l’hai votato? ce la ricordiamo tutti la tua performance con il live blog ed il pass pro cammarata, ma stai scherzando?

    16. Ah non trovo piu’ le foto in rete, ecco cmq il link sul tuo blog personale

      http://www.deeario.it/2007/05/05/berlusconi-a-palermo-liveblog/

    17. Sti palermitani sempre pronti a lamentarsi…
      Mai capaci di apprezzare le bellezze e le mille opportunità di questa città meravigliosa!
      Piove? sei costretto a rimanere in auto 4 ore per ritornare a casetta tua? e che vuoi che sia!! guarda al lato positivo della faccenda: un fulmine non ti ha ancora colpito in piena fronte!!! sorridi, palermitano, sorridi…

    18. Ciro mi complimento per le “prove” ma tu hai presente il lavoro che faccio io? 🙂
      Sai dove sono residente? 🙂
      Se dico che non l’ho votato non l’ho votato.

    19. MarcoC
      la mia era un’affermazione su 2 righe e tu replichi sulla I riga soltanto.
      Inoltre il termine “rubo” non lo trovo adatto.Semmai
      direi “faccio un uso improprio” di una risorsa.
      Ti ricordo che se tengo in ufficio,o non controllo
      dove stanno, risorse assunte per mansioni ben definite,
      e non le sto utilizzando,
      anche in questo caso “sto facendone un uso improprio”.
      In quanto ai 150 milioni elargiti alla Citta’ di Palermo
      fatto che ha dato una bella boccata di ossigeno
      ad un bel po’ di gente in questa citta’,
      e’ proprio per questi motivi che vorrei avere chiaro
      che cosa e’ oggi cambiato per arrivare ad ospitare
      in una propria TV
      un tale attacco alla onorabilita’ del I Cittadino.
      Ripeto,
      noncivedochiaro….

    20. scusate,
      ma che importanza ha sapere se uno(Siino) ha votato o meno Cammarata?
      piuttosto mi pare interessante quanto scrive Francesco,
      da cui prendo spunto per dire che
      andrebbe presa in considerazione la privatizzazione dei
      Servizi oggi affidati all’Amia.ma non alla maniera gia’ sperimentata ieri(cioe’ l’affidamento ad una unica ditta,quindi dalla padella alla brace),
      ma per dirne una:
      AFFIDARE IL SERVIZIO AD UNA DITTA DIVERSA PER OGNI RIONE

    21. ….SEGUITO
      in tal caso poiche’ e’ impensabile che gli attuali addetti dell’Amia restino senza uno stipendio,
      gli stessi (ed altri)
      finirebbero in queste ditte private.
      Nei contratti dovrebbero essere inseriti adeguati accorgimenti(penali) per i disservizi.

    22. Sento parlare di tempistiche da record, osannare la “parvenza di civiltà” come se fosse un merito, disquisire delle bellezze naturalistiche ed artistiche di Palermo…

      La verità é che i Palermitani fanno schifo! E lo dico con dispiacere, perché sono un Palermitano nato e cresciuto in questa favolosa città, che ha studiato in un ambiente di lecchini e raccomandati come la facoltà di Ingegneria. Ma dico questo perché la colpa é tutta e soltanto dei miei ex-concittadini, un popolo fatto per 3/4 di evasori, gente che paga il pizzo, insensibili all’educazione civica (parliamo delle carte buttate a terra, della merda dei cani, dei frigoriferi abbandonati nella strada o dobbiamo sempre dire che é colpa dell’AMIA?), che cerca sepre di soverchiare gli altri (esiste il concetto di coda a Palermo? esiste il concetto di corsia preferenziale? esiste il concetto di posteggio normale?).

      E quando dico 3/4 é forse diminuitiva come cifra. Quanti di noi abbiamo almeno un cugino, amico, conoscente che lavora perché ha votato blu o rosso? quanti quelli che ne hanno 2 o anche 3 di lavori? quante volte vi siete fatti fare un prezzo più basso “ma senza fattura”? quanto volte di fronte ad un parente disoccupato da tempo si é pensato “quasi quasi parlo con tizio, caio o sempronio ed un bel lavoro statale (leggare AD VITAM) ce l’ho”?

      Quindi prima di riempirsi la bocca con le nostre bellezze (che vengono fra l’altro DETURPATE ogni giorno) e la nostra storia (quanti palermitani sanno di essere Sicano e non Siculi?) bisognerebbe capire che Cammarata non é un fiore che sboccia grazie alla linfa dei Palermitana…ma una muffa che si nutre del marcio che la alimenta.

    23. @ iocivedochiaro
      Grazie per le tue parole e sono daccordo con te. Il problema della pulizia della nostra citta’ deve essere demandato ai rioni, la gente deve andare a protestare con l’ufficio del quartiere se si ritrova sotto casa le lastre di ethernit o il sacchetto di immondizia accanto alla ruota dell’auto lasciato da qualche “civile” cittadino. Si deve uscire da questo garantismo nei confronti di lavoratori che fanno finta di lavorare, e poi insistere sulla raccolta differenziata. Il denaro pubblico deve essere investito in tutte quelle strutture utili alla trasformazione della plastica, del vetro e della carta per generare “utili” e non perdite economiche. I nostri rifiuti devono essere utilizzati come risorse e non come oggetto di ricatto per ricevere uno stipendio che proviene dalle tasche dei cittadini. Per quanto tempo potermmo camparlei questi LSU? Si deve partire dalla soluzione di questi problemi altrimenti il prossimo sindaco se non risolve questi problemi di base di certo l’acqua dai sottopassi non la togliera’ con la sua cannucccia personale. Ragazzi protestiamo si ma con idee che possano portare a delle soluzioni reali.

    24. bravo minutella,un pò di positività!
      Del resto non si erano mai visti così tanti progetti esecutivi finanziati,sarà merito dei padrini,cuffaro prima e berlusconi?
      Ma ben venga!
      Lui è modesto? beh forse si,e lo dimostrano mancanza di stile e scivoloni da neofita,ma ha battuto in regolari elezioni il MAGNIFICO orlando,qualcosa vorrà dire,forse che la gente preferisce gli uomini più simili a loro?
      Certo io gradirei un sindaco con autonomia di parola e di pensiero,un sindaco con carisma e autorevole,ma non possiamo negare che in termini concreti molti soldi sono arrivati a palermo nell’era cammarata,e si vede.
      Certo c’è lo scandalo amia.
      Ma chi ha sponsorizzato con forza ed arroganza galioto?
      E acierno alla federico II,che utilizzava i nostri soldi per giocare a poker online?
      Il miccichè che ora ci fa la morale.
      Per cui attenti ad allinearsi in fila dietro al regista occulto di questo teatrino della barca!
      Il prossimo sindaco?
      il pd probabilmente candiderà il pelo rosso cracolici ingrassato ad arte da lombardo.
      e il centro destra?
      mi augurerei una donna,si una donna forte concreta e magari con una giusta esperienza alle spalle.
      penso a SIMONA VICARI che avrebbe il mio voto e il mio sostegno convinto.
      ottimo e rimpianto sindaco di cefalù per due mandati,esperinza anche al comune di palermo da giovanissima per cui conosce l’ambiente, deputato regionale e ora senatrice,giovane 40enne e soprattutto leale e coerente e con il coraggio e la concretezza che solo le donne sanno avere.
      questa è la mia opinione,vedremo…

    25. @ Minutella
      Visto che grazie alle tue conoscenze lavori in tv ed hai la possibilita’ di discutere con il sindaco che per noi e’ una figura inavvicinabile, prova ad insistere su questo piano. Io al raddoppio dell’IRPEF posso anche starci ma non per pagare a vita gli stipendi dei parassiti. Se il mio irpef serve a realizzare strutture che servono per la trasformazione della plastica, del vetro e della carta con la realizzazione di prodotti finiti e vendibili per ottenere “utili” per il bilnacio del comune allora sono daccordo, con la promessa che al ragggiungimento degli utili poi mi venga riportato allo 0,4 per mille. Ma se il mio raddoppio irpef serve a pagare a vuoto lo stipendio dei dipendenti AMIA che creano solo buchi nel bilancio allora no non ci sto’. In ogni quartiere devono essere aperti centri di raccolta differenziata, il numero dei lavoratori LSU deve essere ridotto sensibilmente anno dopo anno. E i cittadini devono vedere con i propri occhi lavorare gli adddetti alle pulizie delle strade. La tarsu non deve piu’ essere pagata a metro quadro ma a kg. di “umido” prodotta come si fa in Germania e nei paesi civili.

    26. @francesco: bell’elenco. A parte il foro italico, che invece fu opera di Orlando (Diego ha solo fatto rifare il prato).
      Inoltre hai dimenticato le piste ciclabili, le nuove case popolari di via ammiraglio rizzo e la nuova illuminazione della favorita. Così come l’apertura di una manciata di scuole in giro per la città.
      Da fare sarebbe però anche un elenco delle cose negative, in modo da poter soppesare le due liste e tirare le somme sulla sua amministrazione. Hai visto mai che alla fine è in attivo e la cattiva fama di cui gode siano solo frutto di pressione mediatica (non sto scherzando).
      Del resto, con tanti detrattori, non dovrebbe essere troppo difficile fare l’elenco.
      Ad esempio, il posteggio di Via Basile. MAI APERTO al pubblico;
      Le ZTL;
      La mancata accensione, dopo un anno, dei nuovi pali della luce della favorita;
      l’aumento della TARSU;
      Il taglio dei servizi socio-assistenziali;
      L’aumento dell’Irpef;
      Poi?
      chi continua?

    27. SIMONA VICARI??!!??
      Vorrei sapere quando la smetteremo di pensare di mettere a governarci gente straricca che invece di pensare a godersi la vita non fa altro che adoperarsi per arricchirsi sempre di più.
      Simona Vicari.
      Ma dico io…

    28. Caro Francesco,
      ho cercato di estrarre dalla massa di parole del tuo commento i punti principali. Certo, è noioso ripetere sempre le stesse cose, ma dato che è necessario…

      Ho una buona memoria e conservo qualche appunto. Di conseguenza, ti posso certificare che la maggior parte delle opere che tu enumeri sono il frutto dell’impegno e della ricerca di finanziamenti della precedente amministrazione (Orlando). Le uniche opere che si possono interamente attribuire all’amministrazione Cammarata sono i marciapiedi di via Notarbartolo ed il prato di viale del Fante.

      Si deve anche aggiungere il parcheggio di via Basile, ma come puoi constatare tu stesso passando di là a qualsiasi ora ed in qualsiasi giorno, rimane desolatamente vuoto. Dunque, a che serve? Malignamente si potrebbe dire: a chi è servito?

      In alcuni casi, poi, si arriva al paradosso che alcune opere già finanziate rischiavano di non essere realizzate a causa dell’inefficienza dell’attuale amministrazione (con la collaborazione del governo Berlusconi). Mi riferisco al passante ferroviario (finanziamento tolto da Tremonti e ripristinato da Di Pietro) ed alle linee di tram (che, per tua informazione, sono tre e non due; perdita dei finanziamenti europei).

      Riguardo ai rifiuti affidati a “piccole società private”, che dire? Così ce li ritroviamo sepolti nei pressi di una falda acquifera o inabissati di fronte S.Erasmo?

      E’ una scelta piuttosto diffusa quella di puntare il dito contro i pesci piccoli, giustificando gli amministratori. Ma ti faccio notare che, in una società complessa, è proprio l’amministratore che ha la responsbilità del funzionamento della “macchina comunale” (ci sono fior di testi al riguardo). Se non la fa funzionare o è incapace o non ha interesse o convenienza a farlo.

    29. @isaia panduri
      Ai tempi di Orlando c’erano le giostre al foro italico e le baracche dei nomadi lungo via Messina Marine. Infatti io sto’ parlando delle cose fatte e delle cose che anche un altro sindaco dovrebbe continuare a fare con piu’ attivismo, ma non torniamo indetro con Orlando perche’ di danni a questa citta’ ne ha fatti fin troppi sia quando era DC sia successivamente con l’invenzione balorda degli LSU, danni molto piu’ di quelli che tu imputi a Cammarata, Orlando torni a fare il professore all’universita’ insieme agli altri baronetti…o il portaborse di Di Pietro…tanto uno stipendio cospicuo da Onorevole se lo sta’ ciullando comunque.

    30. si’ Francesco
      credo che ci stiamo avvicinando ad una possibile soluzione del problema.
      25 Ditte,tutte diverse,da potere mettere a confronto.
      25 recapiti di quartiere,cui potersi recare per segnalazioni e richieste di miglior servizio.
      Ditte piccole,piu’ facili da sostituire in caso di
      gravi inadempienze.

    31. @Isaia Panduri:
      A parte il disastro delle ZTL credo che il bilancio opere pubbliche sia favorevole a Camamrata (ti posso aggiungere anche il collettore fognario, il sottopasso di via Perpignano, il Sant’Anna, ex-locomotive e ancora altro).
      Il problema grosso dell’amministrazione Cammarata nel suo secondo mandato è il totale abbandono della gestione della città. La città è, come scriveva qualcuno tempo fa, come una balena spiaggiata.

      @Francesco:
      concordo con te sul fatto che il cancro di palermo siano gli LSU ma volevo ricordarti che non sono tutti figli di Orlando. Durante l’amministrazione Cammarata sono aumentati di circa 20mila unità (circa un 30% in più). La verità è che gli LSU sono una fonte di voti eccezionale!

    32. @Francesco:
      hai detto bene: “il sindaco che per noi e’ una figura inavvicinabile”.

      Invece in altri tempi la porta di Palazzo delle Aquile (o di villa Niscemi) era sempre aperta e durante una semplice visita turisctica si poteva scorgere il Primo Cittadino che lavorava.

      Viva Palermo e Santa Rosalia!

    33. @Angelo
      Si e’ sempre merito del precedente governo e non si danno mai meriti agli attuali governatori. Cerchiamo comuqnue di andare avanti e non indietro. Ci vogliono forze giovani per questa citta’, controlli severi per quelli che chiami tu pesci piccoli che non sempre fanno il proprio lavoro e percepiscono uno stipendio senza svolgere il loro lavoro. L’AMIA deve essere deframmentata in singole strutture di quartiere e deve essere diretta verso la raccolta diffferenziata e non verso la semplice raccolta indifferenziata sintomo di quanto questa citta’ sia ancora indietro di decenni. Invece di spingere politici che promettono sistemazioni e posti di lavoro per pochi vediamo di pensare anche al bene comune con proposte utili. Quello che e’ stato fatto di positivo incassiamolo, quello che dovra’ essere fatto in futuro se questo sindaco non riesce piu’ a farlo ormai vittima dei ricatti mafiosi di ex detenuti o posteggiatori abusivi o finti lavoratori, beh cambiamolo e se il rpossimo non risolve nulla, cambiamolo di nuovo….ma andiamo avanti e non facciamo tornare i fantasmi del passato. Orlando ha gia’ dato….vada in pensione….

    34. @Francesco:
      mi dispiace contraddirti: il Foro Italico è stato sistemato con i soldi dell’incontro mondiale contro la criminalità dati dall’Europa. Ed è stato fatto da Orlando. Quando Cammarata è stato eletto ha però provveduto a fare sistemare il prato la cui tipologia scelta non si adattava alle condizioni climatiche di quella zona e per questo richiedeva 1mln di euro ogni anno (!).

    35. @Francesco:
      @KK:
      Sono esterrefatto! Non so come avete perso la memoria o se “ci fate”.
      Le giostre dal foro italico le fece togliere proprio Orlando. Il progetto del prato si deve alla sua amministrazione.
      “il sottopasso di via Perpignano” dove l’hai visto? In qualche ivista patinata edita dal comune? Ti giuro che ci sono passato domenica e non c’era alcun sottopasso.

      Non è che dicendo quattro parole potete stravolgere la realtà dei fatti. Chi vi credete di essere, Berlusconi???

    36. @Francesco: scurdammucci ‘u passato….
      La verità è che i tuoi commenti si basano sull’ignoranza (nel senso che ignori) di storia, fatti e situazioni.

    37. Angelo
      …Riguardo ai rifiuti affidati a “piccole società private”, che dire? Così ce li ritroviamo sepolti nei pressi di una falda acquifera o inabissati di fronte S.Erasmo…
      non capisco perche’ dovrebbe succedere quanto hai scritto.Forse che questo avviene per Ficarazzi,Isola delle Femmine,Capaci,Villabate,etc?
      L’obiettivo e’ avere una Citta’ pulita.
      Il Comune dovrebbe avere soltanto una struttura di CONTROLLO.
      I Privati ,sotto controllo e PENALI,avrebbero meno
      problemi nella gestione di persone poco produttive,
      verso le quali la pubblica amministrazione si trova con le mani legate..

    38. @MarcoC
      La Petix e’ stata informata ad hoc da chi ha altri progetti. Ripeto che il comportamento di Cammarata e’ ingiustificabile e MisterX va licenziato ma e’ solo la punta di un Iceberg. La P.A. e’ tutta corrotta, la magistratura dovrebbe indagare su come vengono assegnati tutti i posti pubblici in questa citta’. Se lecchi il cuxo al sindaco di turno sia a Palermo che nei piccoli paesi della provincia ti ritrovi detro una scrivania. Estendiamo i controlli a tutti gli uffici della P.A. e da questo caso distruggiamo tutto il sitema corrotto. Sapete quante teste cadrebbero? Molti degli impieghi pubblici sono attribuiti senza meritocrazia e senza lo straccio di un concorso, e ne conosco di persone che hanno ottenuto un posto dopo aver “servito” il politico di turno…oggi lavorano con contratti rinnovati di anno in anno….scoperchiamo il vaso o colpiamo solo MisterX? ahi ahi…..

    39. @Angelo:
      1) ho detto che il foro italico è stato di Orlando
      2) il sottopasso di Via Perpignano è stato progettato, messo a gara e poi apporvato. Il problema che l’impresa che si è aggiudicata i lavori poi è fallita. E’ colpa di Cammarata? COsì come il ponte di via Oreto. Sono quindi opere finanziate e portate avanti.
      Mi ricordi per favore le opere di Orlando (anche egli 2 mandati)…a parte il teatro massimo che però lui ha solo aperto visto che i lavori dentro andavano avanti da 20 anni!

    40. KK
      forse volevi scrivere 2000 in piu'(non 20.000)

    41. Onore ai ragazzi di Addiopizzo che hanno sposato una causa coraggiosa in questa citta’ e fanno adesso impresa senza aspettare il posto “sicuro” pagato dai cittadini; a differenza di tanti avvoltoi che non vedono l’ora di salire sul carrozzone del prossimo vincitore invece di rischiare il proprio denaro con la certezza di produrre “utili” e non “passivita’” per la societa’ intera.

    42. @iocivedochiaro
      si scusa. Ho ingigantito la piaga 😉

    43. Francesco,dici
      La Petix e’ stata informata ad hoc da chi ha altri progetti.
      quindi,secondo te,e’ stata “usata”?

    44. MarcoC
      prendendo x buona la tua interpretazione,
      ne dovremmo trarre tristissime conseguenze,
      dato che,se e’ vero quello che si dice,
      e’ prassi comune l’utilizzo di risorse umane pubbliche
      per fini privati.
      Da chi saremmo amministrati?

    45. Ha fatto un ottimo servizio, ma non e’ di certo frutto delle sue indagini. Ho anche apprezzato molto il servizio che ha fatto a Corleone quando e’ andata a cercare la Sig.ra Bagarella. E’ una persona in gamba e spero non si fermi qui con i suoi scoop…andiamo a vedere quanti rimangono seduti al loro posto tra i lavoratori della pubblica amministrazione nella nostra citta’.

    46. Diciamo che Cammarata ha saputo usare i soldi che venivano dall’esterno per finanziare e realizzare opere nella città. Questo va detto.
      Di contro, non ha saputo imprimere alla città la svolta che serviva per prepararla ad affrontare le sfide di questo primo decennio.
      Traffico, inquinamento, rifiuti. Sembra quasi che le cose da portare avanti coi soldi propri non gli siano riuscite, mentre quelle finanziate dagli altri si.
      Non ha saputo far fronte correttamente al problema degli LSU, prima creando la Gesip, da subito un mostro mangiasoldi (che all’inizio succhiava soldi anche ad ItaliaLavoro, la quale poi saggiamente si è defilata), poi altre inutili società che hanno assorbito relativamente poche unità.
      Continuo a ripetere che gli LSU non hanno impattato sul bilancio del comune più di tanto, in quanto finanziati in tutti questi anni da Roma. Di contro i ranghi dell’organico del Comune si sono assottigliati coi pensionamenti e quindi per diversi anni il comune ha speso meno ancora di quanto avrebbe dovuto (visto che gli LSU sostituivano i cessati dal servizio ed erano a carico dello Stato). Certo, in assenza di finanziamenti esterni gli LSU sono diventati improvvisamente un problema economico, ma a mio avviso molto meno grave di quanto non si voglia far credere.
      In generale, Cammarata ha fallito nel prevedere un modello di governance in economia.
      Poi gli errori a mio avviso imposti dalla scuderia, tipo “adesso però devi nominare Galioto all’AMIA” stile Briatore, hanno fatto il resto.
      Infine, ho come la sensazione che il “povero” Diego, terminato il primo mandato, non avesse alcuna intenzione di ripeterlo ma che sia stato in qualche modo convinto da Silvio. E così il secondo lo ha affrontato con entusiasmo zero, più interessato agli affari suoi che a quelli della città.

    47. Certo che so dove sei residente, non l’hai votato ma sostenuto si, è la stessa cosa. Gli hai fatto grande pubblicità nell’anno della rielezione, nonostante ad AN dicevi che non l’avresti mai sostenuto.

    48. Didonna sindaco!

    49. Una cosa è travagghiare e una cosa è sostenere.
      Molto spesso le due cose non coincidono. Quando si toccano di solito, tra i due blocchi, si produce del marcio.
      Tony è un grande nel suo lavoro. Una persona seria. Merce rara e costosissima.

    50. @isaia panduri
      cosa c’entra il 740?
      e allora nenche la rita borsellino brava solo ad amministrare la sua farmacia?
      o un morto di fame fallito ha un curriculum migliore di che nella vita ha avuto successo?
      mi scusi ma è un ragionamento ridicolo e fuorviante

    51. @Minutella: mi vengono in mente alcuni nomi spendibili a sinistra. Antonella Monastra, Nadia Spallitta, Fabrizio Ferrandelli, Rita Borsellino. E’ poco?

    52. Palermo si merita Tony Colombo

    53. @iocivedochiaro
      Esatto le conseguenze sono tristissime!
      Quella sotto i nostri occhi è una realtà oggettiva, che non si presta interpretazioni, per rendersene conto basta guardare dalla finestra o farsi un giro per la città e constatare lo stato di degrado ed abbandono in cui versa questa città.
      Come non accorgersi dell’immondizia, delle strade allagate (per qualche giorno di pioggia eh mica per un’alluvione), dei mezzi di trasporto insufficenti, dell’inquinamento siamo la città più inquinata d’Italia, della mancanza di iniziative culturali, del taglio al sociale, della fiera del mediterraneo che non c’è più e come se non bastasse in questi giorni è venuto a galla un buco di 16 milioni, della pessima reputazione che gode Palermo, del fallimento del piano inceneritori, dei 30 milioni della provincia spariti sotto il naso di Giovanni Avanti (non ne sapeva niente dopo più di un anno di governo) e così via…
      Di tutto questo alla classe dirigente non gliene frega niente, pensano solo ad autoleggittimarsi e conservare il loro potere. Abbiamo assistito al rimpasto della giunta Cammarata, al rimpasto della giunta di Giovanni Avanti, al rimpasto del Governo Lombardo. Ma dopo tutto questo valzer di poltrone i problemi restano sempre sul tavolo irrisolti!
      Anzi fra poco avremo pure l’aumento dell’irpef!

    54. Non vedo nessun candidato fattibile, sono tutti davvero poco interessati alla rinascita di questa città.

    55. @KK:
      se leggi i miei precedenti commenti avrai una parte della risposta. Inoltre:
      1) il Teatro Massimo era chiuso da 23 anni senza che all’interno si svolgessero lavori di restauro; tutto quanto necessario per la riapertura fu fatto durante la sindacatura Orlando. Ricordo perfettamente la sensazione di incredulità quando vi (ri-)entrammo per la prima volta. Dunque, prima di parlare, per favore informati; anche qui :http://www.albaria.it/magazine/4_97/massimo.html

      2) Aggiungo a caso qualche opera: Villa Trabia restituita alla città, lo Stadio Barbera, l’illuminazione pubblica in gran parte del centro storico, il restauro di moltissimi monumenti (Palazzo Bonet e convento S.Anna, ex Convento dei Crociferi, villa Garibaldi, Archivio di Stato, Villa Niscemi, Mura delle cattive ed annessi, Villa Giulia, Edifici monumentali di fronte la Stazione C.le, ecc.ecc), i bandi per il restauro degli edifici privati del centro storico (ancora oggi si fanno restauri con quei soldi), la ristrutturazione di piazza Politeama, ecc. ecc.

      3) Ma in realtà il “valore aggiunto” più importante dell’amministrazione Orlando fu quello di avere una chiara “idea di città”, un orizzonte, una “terra promessa” dove collocare la città. Chi è venuto dopo ha avuto l’unico deprecabile obiettivo di conservare il potere ad ogni costo, infischiandosene di Palermo e dei palermitani (come è sotto gli occhi di tutti, o almeno di tutti quelli che voglion vedere).

    56. @Angelo:Ti sei dimenticato l’immagine positiva che aveva la nostra città a livello mondiale in quel periodo.

    57. Quoto Minutella.
      Ogni volta che si cerca di affrontare il “problema” Palermo il blog diventa una chat di chi (di sinistra) vuole convincere chi (di destra) che “il problema” sia della gestione di dx o sx.
      La colpa della situazione attuale del Comune di Palermo è sia di quelli di dx che quelli di sx oltre che del sindacato, delle forze sociali (cosiddetto terzo settore o “volontariato”) della mafia come di una certa antimafia. Nn parlo della magistratura e le forze dell’ordine xchè nn conosco da dentro la situazione. Nn entro in argomentazioni squisitamente antropologiche o sociologiche ma il “problema” a Palermo deriva da una enorme spesa pubblica e da poche entrate.
      La spesa dipende molto dagli troppi impiegati o presunti tali. Ora, sapiamo tutti che le assunzioni in passato venivano decise per 50% da parte di chi era al governo. L’altra metà veniva divisa tra l’opposizione ed il sindacato. Durante il governo Cammarata le percentuali sono mutate considerevolmente 75% governo altro tra gli altri due contendenti però è diminuito il numero degli assunti. In quei tempi (benedetti) c’erano però tanti finanziamenti esterni soprattutto la Comunità Europea in quanto la Sicilia era uno degli obbiettivi numero uno. Adesso nn è più così.
      Ci sarebbe da discutere ancora delle forze del privato sociale, della mafia e dell’antimafia con degli esempi molto significativi, però il commento diventerebbe così un post e nn sarebbe rispettoso.
      La mia soluzione sarebbe la nomina temporanea di un tecnico con poteri esecutivi che prima dovrebbe analizzare la situazione degli impiegati comunali, licenziare buona parte, quindi ritornare a programmare la vivibilità di questa città.

    58. Rispetto a quello che ha elencato Angelo, mi preme ricordare il rifacimento dell’acquedotto, non un’operazione d’immagine, ma la risoluzione di un annoso problema per moltissimi cittadini. Chi abita in centro, in edifici anteriori al 1960 e senza autoclave condominiale, sa di che cosa parlo perché avrà memoria del problema dei turni e dell’inferno dei “motorini” dell’acqua alle cinque del mattino.

    59. @Humby:
      giusto! Me l’ero dimenticato. Ci sono anche i lavori per la metanizzazione della città, fortemente voluti dall’amministrazione comunale, anche se non di sua esclusiva pertinenza.

      E poi c’è anche la gestione dei servizi. Ti ricordi la sperimentazione del “tempo d’attesa” alle fermate dei bus, con controllo satellitare dei mezzi? Con gli autobus che in via Roma passavano ogni 2 (DUE!) minuti.
      Oggi, pochi sanno che non solo la sperimentazione è stata archiviata (in controtendenza con il resto d’Italia, Sardegna compresa) ma dagli autobus sono state rimosse anche le semplici radiotrasmittenti.

    60. @Angelo
      tutto giusto, ma ometti la vergogna degli lsu, le giostre al foro italico e gli zingari proprietari di una buona parte della via messina marine.

    61. @Bir Hakeim:
      leggi i commenti precedenti prima di scriverne uno nuovo.

    62. @Bir Hakeim:
      sennò giriamo in tondo come cani pazzi.

    63. Bhe…il post di Davide Rizzo deve far riflettere molti di noi….chi ha il coraggio di dargli torto tout court??

    64. A me viene un solo nome come tecnico che possa sostituire Cammarata in questa situazione difficile quella del Procuratore Grasso, per scoperchiare piano piano tutti gli intrallazzi e tutti gli equilibri della Pubblica Amministrazione.

    65. @Francesco,
      In almeno due dei tuoi commenti hai ribadito che Cammarata ha fatto un errore.. A parte che di errori ne sono stati fatti… E poi .. alla faccia dell’errore. Stiamo parlando del primo cittadino, passi il fatto che siamo abituati a leggere anche di peggio a livello nazionale, ma l’obiettività?
      Adesso.. non pensiamo all'”errore” e pregiamoci pure della “produttività” di questa amministrazione(anche se io Palermo in tale stato di degrado non la vedevo da anni).. ma c’è una verità di fondo che non possiamo ignorare e cioè che i cittadini questo NON sindaco, NON LO VOGLIONO PIU’ e pare non sia più una questione di “destra o sinistra” (siamo tremendamente legati a questa distinzione;).
      A che serve a questo punto citare le cose fatte? Dobbiamo dire grazie? G R A Z I E. Gli basta per togliersi dalle balle? (scusate l’espressione poco garbata) Pare di no.
      E soprattutto, perchè parlare degli errori di Orlando?
      Della serie : “Si scusami io ho sbagliato.. ma tu…”
      Belle scuse davvero. Un modo come un altro per perdere l’occasione di restare zitti.

    66. 1. Chi l’ha votato? La maggioranza dei palermitani ed in particolare la gran parte di quei quartieri popolari e borgate (anche con compravendita di voti) che il sindaco ha totalmente dimenticato all’indomani delle elezioni e che ora marciscono nella munnizza e nel fango.
      2. Cosa ci si aspettava? una cosa a caso: la Metropolitana ed un piano di mobilità urbana efficiente ; allora fu uno dei suoi cavalli di battaglia e si contrapponeva all’assurda idea orlandiana del tram: di fatto nulla è stato fatto e la città è ormai ridotta ad una pozza maleodorante di macchine impazzite con il sistema di trasporto pubblico praticamente insesistente.
      3. Sulla 3 domanda ho un po’ di dubbi: credo che alla fine molti precari voterebbero un altro berlusconiano causa voto di scambio, favori etc… in ogni caso penso che Ferrandelli avrebbe un grosso successo!

    67. @Monica
      Ecco ricordiamoci che sono entrambi dei politici, ma vorrei che con la stessa obbiettivita’ sia gli elettori di dx che di sx riconoscessero gli errori dei propri sindaci, anche perchè non ricordo mai di aver sentito dire ad un elettore di sx che l’indulto e’ stata una grande caxxata, o che da quando si sono eseguiti piu’ controlli sull’immigrazione gli episodi di stupro commessi durante l’amministrazione Prodi si sono ridotti notevolmente. Ok non facciamone un discorso di dx o di sx, anche io pero’ mi chiedo spesso l’obbiettivita’ dove sia. Cammarata ripeto ha commesso un errore INGIUSTIFICABILE. Dopo di lui un nome nuovo pero’ non guardiamoci indietro perche’ se no e’ finita…

    68. @Tony Siino: più che dire che non lo hai votato sarebbe meglio che tu dicessi che non hai potuto votarlo.
      Comunque, con questo non voglio darti la colpa dello sfascio della città, perchè sono certo che tu e molti altri che invece lo hanno votato (in quanto residenti) erano in buona fede e senza doppi fini.
      La colpa deve accollarsela il palermitano ancora attaccato al voto di scambio, alla Sicilia gattopardiana, al benessere personale, alla mafia.

    69. Troppi scansafatiche, troppi LSU, questa citta’ e questa provincia ha bisogno di molti investimenti privati, mancano le industrie, si stanno aprendo un po’ di ipermercati e se ne apriranno di nuovi ma sono pochi per la quantita’ di disoccupati che abbiamo. Posti regionali e posti comunali sono ormai al collasso e sono solo posti per “privilegiati” che non sanno nemmeno cosa significa faticare. Usciamo da questa logica, usciamo i soldi dalle banche, investiamoli, rischiamo il nostro, chiediamo piu’ protezione alle forze dell’ordine, chiediamo anche l’esercito se necessario. Questa citta’ ha la necessita’ di essere rieducata, tutta la sicilia ha bisogno di essere rieducata. Le cose non cambieranno nemmeno tra 100 anni se si pensa sempre a difendere i parassiti della societa’. Cammarata con questo garantismo dei fannulloni ha perso tutto il consenso del suo elettorato.

    70. I soldi non possono sempre venire da Roma e dall’Europa per dare da mangiare agli scansafatiche. Venissero utilizzati per opere di interesse comune, per incentivare la raccolta diffferenziata, così molti dei lavoratori AMIA non servirebbero piu’, quanti dei lavoratori Gesip sono utili a questa citta’? Servono a qualche cosa? Producono utilil? O servono solo da “sostegno” per le prossime elezioni? Questi voti chi li paga? Il sistema e’ marcio e questo scandalo della Petix sta’ concentrando l’attenzione sul problema dei NON LAVORATORI oltre che sul nostro sindaco. Controlliamo gli sprechi, lasciamo che sia la magistratura ad indagare su queste realta’ comunali. E chi deve pagare paghi. Chi deve lavorare lavori. Mi sembra che con la stessa logica per cui siamo pieni di posteggiatori abusivi (improduttivi ed evasori) abbiamo tanti altri NON LAVORATORI legalizzati nella pubblica amministrazione. Che capitali portano in Sicilia? Come contribuiscono alla ricchezza di questa terra? Prendono solo soldi nostri e se li spendono magari in viaggi all’estero. La Sicilia così non cambiera’ mai…e prima o poi saremo tutti con le gambe all’aria.

    71. Il paradosso è che paghiamo migliaia di stipendi ma nn abbiamo soldi per materie prime. Ad esempio se una scuola dovesse subire un danno ci sono circa 30 operai specializzati ex articolisti impiegati comunali che nn fanno nulla xchè mancano i soldi x i materiali.

    72. Il paradosso e’ che esistono operai specializzati che invece di avere una propria ditta privata per offrire il loro servizio a terzi sono posteggiati come impiegati comunali a prendere dei soldi solo perche’ conoscono il politico di turno.

    73. e nel frattempo fanno un secondo o terzo lavoro. 😉

    74. @Michele P. del commento di Davide Rizzo, tralasciando l’affermazione da querela sulla locale Facoltà di Ingegneria, si può solo dire che trasuda del solito qualunquismo piagnone, al più autolesionista, gratuitamente offensivo verso chi potrebbe, in tutta coscienza, rispondere in maniera sorprendente per l’autore, nonché assolutorio per chi non rispetta le regole del vivere civile.

    75. @Francesco.
      Concordo sul “nuovo nome” anche se la vedo dura. Probabilmente allora, se era questo che volevi dire da principio, hai solo formulato male il tuo pensiero. Difatto nonostante l’erroe di Cammarata come giustamente affermi sia “ingiustificao e grave”, sembrava quasi lo difendessi.
      In merito all’indulto ti sbagli, ci sono parecchi elettori di sinistra che sono rimasti attoniti e sdegnatia ancor prima che i danni fossero quantificabili. In merito agli episodi di stupri e ad i controlli sull’immigrazione preferisco non rispondere.. e non perchè sono 1 elettrice di sinistra.. Ma semplicemente perchè l’argomento è fin troppo delicato e meriterebbe una discussione a parte.
      Io però ricordo non un elettore, ma un politico di sinistra che anni or sono ammise pubblicamente di averla fatta una cazzata, Bertinotti reo di aver fatto cadere il governo. 🙂

    76. I commenti su Rosalio mi annoiano… al contrario dei post.
      Massimo, non posso che condividere la tua idea.
      Non è Cammarata il problema, non lo è mai stato.

    77. Boniii Bonniiii non litigate
      allora
      Vi faccio io i nomi dei prossimi cadidati

      alla mia Destra :Scoma,Vicari,Musotto,
      alla mia Sinistra : Faraone,Lumia,Borsellino

      Poi ci sono i Mister X quelli che vincono le elezioni e che spuntano come i funghi .. ma quella è un’altra storia il mio amico Tony sa chi sarà candidato.

      Cmq condivido con l’amico Minutella parliamo di cosa possiamo fare e di chi a voglia di fare

      GG

    78. scusate ho dimenticato L’H

    79. Il prossimo sindaco?
      Da segnali che si possono già cogliere e ricordandosi che la Sicilia è sempre stata un “laboratorio politico”, mi viene in mente un solo nome: Ivan Lo Bello.
      Che farà da apripista a Montezemolo a Palazzo Chigi.

    80. Finalmente trovo un attimo per rispondere. Io non l’ho votato ma l’avrei votato perché giudico complessivamente positivo il primo mandato e lo preferivo a Orlando (sarebbe stato meglio lui?). Però io tengo ad affermare il principio che se io lavoro per Cammarata (seppure per interposta agenzia…credo di averlo incontrato un paio di volte) non sono il suo galoppino ma offro dei servizi professionali e poco mi cambia se si tratta di Belzebù (anche se qualche politico non l’ho accettato) o di San Pietro. Se qualcuno mi chiama come web strategist, paga e nulla osta io lavoro. Non a caso ho lavorato anche per Pino Apprendi e per i Socialisti ad esempio.

    81. Tempo fa si fece la proposta di Nando dalla Chiesa candidato a sindaco.
      credo che sia persona trasparente e abbastanza al di sopra delle parti, non solo per il cognome che porta, ma perchè non le manda a dire, e non credo che si faccia intimidire dalle CASTE, dai potentati cittadini.
      (se le ztl non hanno funzionato non è colpa del sindaco, a lui si può imputare scarso coraggio.)

      per il resto conosco molti amici che hanno votato cammarata e soprattutto che ne vanno fieri,perchè palermo è cool (c’è veramente chi ci crede!!).

      a me piace parlare con le persone e allora chiedo ma l’immondizia, l’amat, il disordine, la sporcizia, la mancanza di regole, la raccolta differenziata etc etc etc.. mi rispondono che sta bene così.
      (non sto scherzando..sono colleghi e amici da discussione al bar ma sono commenti molto diffusi)

      il programma di Minutella l’ho visto mezza volta, mi dispiace molto e rispetto il lavoro di tutti e so delle condizioni in cui si deve dare conto a sponsor vari ed eventuali, ma l’ho trovata superficiale e poco incisiva. ho il telecomando e non la guardo!!

      come non guardo il tgs o come non seguo il Palermo, sono scelte da consumatore.
      penso tutti sappiamo quanto il presidente del Palermo investa per la squadra, e quanto pretende in cambio soprattutto in opere collaterali alla sua attività imprenditoriale dal comune (cioè da noi).

      noi qui troppo spesso parliamo di cosa non va, ripetiamo la stessa litania da anni, di cammarata in questi anni in tutta onestà non possiamo salvare niente!!
      per cosa passerà alla storia.
      Per il museo a Sant’anna, per il parco della Zisa o per la rotonda di via Da Vinci??
      o passerà alla storia per il clientelismo diffuso, per le assunzione in alcune partecipate del comune senza pubblico concorso,per la rotonda di via Da vinci sempre trafficata costruita senza tenere conto del tram che ci deve passare sopra, per la crisi delle partecipate del comune, il giardino della zisa con quegli alberelli striminziti e deprimenti, o il posteggio inaugurato in pompa magna ma non ancora aperto, o per la situazione dell’abbandono della favorita, gli autovelox a trappola, gli allagamenti frequenti, la palazzina cinese che forse ci potevamo pensare un pò prima.
      etc etc

      ha avuto 2 mandati, la città è cambiata, di certo non in meglio!!

      dimissioni subito
      Sindaco Dalla chiesa con liste Civiche.
      programma
      Ambiente, salute pubblica, rivalutazione del centro storico, società di utilità pubblica gestite dal Pubblico in maniera davvero trasparente.
      sistemare le scuole, Partendo dalla Falcone dello Zen.
      dare diritti e doveri ai troppi emarginati delle periferie estreme!!
      insomma c’è da lavorare.

      (scusate il post lungo, ma sono tante le cose da dire, una sintesi è impossibile1!!)

    Lascia un commento (policy dei commenti)