mercoledì 22 nov
  • Piove: allagamenti, frane, interruzioni a Palermo

    Da oggi pomeriggio il temporale su Palermo ha provocato danni e disagi come già nelle scorse settimane.

    Decine di strade sono allagate e l’acqua ha intrappolato diverse automobili e un’ambulanza, un’impalcatura è crollata, si sono allagati parzialmente il pronto soccorso dell’Ospedale Buccheri La Ferla e alcuni reparti dell’Ospedale Civico, si sono verificate nuove frane a Belmonte Chiavelli, le linee ferroviarie per Trapani e Messina sono rimaste interrotte per alcune ore e l’aeroporto ha chiuso per circa mezz’ora (cinque aerei dirottati).

    AGGIORNAMENTO: alcuni video segnalati dai lettori.


    (segnalato da Vittorio Mistretta)

    (video di Giovanni Villino)
    Palermo
  • 64 commenti a “Piove: allagamenti, frane, interruzioni a Palermo”

    1. Piove sul bagnato!

    2. 2 video girati dal sottoscritto durante l’allagamento in via m marine. L’immondizia come gondole e Palermo come Venezia…
      Qui i link a YouTube:
      http://j.mp/L45N2
      http://bit.ly/rPlp4

    3. ma qualcuno, cortesemente, saprebbe dirmi se la linea ferroviaria, verso messina, è stata ripristinata?

    4. è stata ripristinata, ma se continua a piovere così… non escludo che sia di nuovo bloccata

    5. Marcuzzu, sulla destra trovi le ultime notizie:
      http://www.fsnews.it/fsnews.html

    6. chi pputissimu affunnari tutti

    7. smashkins, io però avrei titolato “ennesimo allagamento a palermo”, al posto di “ennesimo nubrifaggio”, è diverso.
      è normale che in autunno piova, altro è dover prendere il canotto perchè l’acqua non riesce a defluire.

    8. @ MArco Lombardo: questa è la cosa più grave. Un ricordo silenzioso x queste vittime del maltempo.

    9. CITTà ALLAGATA?…NO PROBLEM
      TUTTI SULLA BARCA DEL SINDACO

    10. @stalker
      si tratta proprio di nubifragi invece (con una g sola).Di intensità mai vista a Palermo, non era mai successo che in poche ore cadesse la pioggia che in genere cade in una settimana. A conferma del fatto che non si tratti di pioggia qualunque (tu dici “è normale che in inverno piova”) c’è sia il rilievo millimetrico delle piogge, che il fatto che linee ferroviarie ed aeroporti rimangano chiusi.

    11. @Lia
      è notizia di oggi di un tavolo tecnico a cui hanno partecipato anche protezione civile e sindaco di belmonte,ne è venuto fuori che sarebbe necessaria la demolizione di alcune abitazioni, presumibilmente abusive.

    12. Bir ha ragione…a mia memoria piogge di questa violenza e con questa frequenza non le ricordo…che poi il sistema si smaltimento delle acque di palermo faccia ridere (o piangere) questo è un altro paio di maniche!!

    13. forse ci vorrebbe un geologo che spiegasse con chiarezza
      che una cosa e’ che cadano 10 o 20 millimetri di acqua
      in 24 ore e ben altra cosa e’ che la stessa quantita’
      di pioggia si verifichi,poniamo,in 10 minuti.
      Perche’ bisogna tenere conto della capacita’ di deflusso della zona.
      Per una citta’ questi sono problemi strutturali che si perdono nella notte dei tempi.
      Avrete visto qualche film che mostra come in certe citta’,tipo Parigi,certi tratti di fognatura sono percorribili stando in piedi.
      Non certo a Palermo.

    14. @ Bir: la notizia già circolava da giorni… ma tanto non demoliranno mai nulla.
      Ieri è crollato un muro di contenimento della strada, lassù in alto, ecco perché la frana è stata più grave delle altre.
      Però questo non viene detto… così come si deve aspettare la nenuncia dei cottadini in ordine alla manutenzione delle strade: detriti meglio del cemento armato.

    15. Ho impiegato 2 ore e 50m. per andare dal Politeama a Bagheria ieri pomeriggio!! sgrunt!! E stamattina 1 ora e venti per fare il percorso inverso! doppio sgrunt!!!
      @bir haikem: se vuoi tirare su il tuo morale dopo notizie come questa vai a leggere gli ultimi miei commenti su quel cantante….

    16. @rob lo snob
      si ho letto i tuoi ultimi commenti, sei cioppo fotte!!!

    17. EMERGENZA SANITARIA
      guardate questo video di stamattina su Repubblica e vedrete con i Vostri occhi che siamo arrivati alla frutta (marcia, fetida e puzzolente)

      http://tv.repubblica.it/copertina/palermo-fiume-di-spazzatura-dopo-il-nubifragio/37516?video

      su rai1,rai2,rete4,canale5,italia1 si vedranno queste immagini?? sicuramente NO

    18. ormai quel tratto di territorio si comporterà alla stessa maniera (o anche peggio) al verificasi delle prossime pioggie di tipo torrenziale.
      Quindi tutti bisogna capire quali azioni ntraprendere al fine di prevenire quanto accaduto negli ultimi giorni (=fiumi di fango).
      E per tutti si intende: abitanti delle case abusive, protezione civile, comune di palermo.
      I corsi d’acqua orginari sono stati deviati e interrati. Non è stata una decisione scaturita da professionisti (ingegneri, geologi), bensì dall’approssimazione degli abitanti locali.
      Se non si realizzeranno quelle opere necessarie di contenimento e incanalamento delle acque piovane non si metterà mai fine al problema di questi giorni.
      E potrebbe darsi che da una commissione tecnica esca fuori la decisione che qualche casa abusiva venga demolita.
      Ma già, a questa eventuale decisione, immagino piagnistei degli abitanti locali e rabbia.
      Ma mi domando: quando questi abitanti locali costruivano le loro case abusivamente e modificavano – irrazionalmente – gli assetti originari dei corsi d’acqua, rabbia non ne provavano nel modificare gli assetti naturali dell’orografia ?
      Quando tratti in maniera sconsiderata la natura, viene un giorno in cui la natura s’incazza di brutto. Peccato che non lo teniamo mai adeguatamente in considerazione.

    19. è tutta propaganda dei comunisti e degli ambientalisti allarmisti che odiano il presidente del consiglio e il nostro sindaco inventandosi storie di prostitute e di false barche. VA TUTTO BENE! VA TUTTO BENE! VA TUTTO BENE … la crisi non esiste e ad andare a puttane è il nostro cervello non berlusconi. la lotta all’abusivismo è priorità del sindaco e solo per colpa dei verdi e dei comunisti non si riesce a fare niente.
      Queste le balle che ci raccontano e noi come tanti pecoroni ci chiniamo e restiamo immobili. sarebbe ora di svegliarci e di iniziare a farci sentire con le buone o con le cattive in questo ultimo caso probabilmente ne avrebbero maggiore rispetto.

    20. @marcodisalvo, concordo su tutta la linea: la natura ci sta presentando il conto.
      mi dispiace per i morti del messinese, ma se delle palazzine crollano come castelli di carta un motivo ci sarà. come e DOVE sono state costruite?

    21. Chi si e’ mai occupato dei rischi a Belmonte Chiavelli?

    22. nessuno si è mai occupato di chiavelli: né gli abitanti “abusivi” né le autorità

    23. Il clima è cambiato. Anche da noi, ogni anno, arriva una specie di “stagione delle pioggie” a carattere torrenziale.
      Sono certo che l’amministrazione comunale guidata dall’ottimo Cammarata saprà far fronte “da par suo” a questa nuova emergenza.
      E’ per questo che vendo la mia casa al primo piano per acquistarne una al quinto! Se qualcuno è interessato, si faccia avanti, possibilmente entro dicembre.
      :-))

    24. @ Bir Hakeim

      Proprio ieri di accumuli eccezionali non se ne sono registrati eccetto che nell’estrema periferia di Palermo dove una nostra stazione ha raccolto 130 mm.
      In centro sono caduti 35 mm e consentimi di dire che non possono giustificare il consueto spettacolo desolante che offre questa città quando piove.

    25. scusate se reintervengo.
      130 mm senza dire in quanto tempo,hanno scarso significato.

    26. @ iocivedochiaro

      Pensavo fosse sottointeso: sono dati giornalieri, i dati pluviometri infatti si misurano nelle 24 ore.
      Nella fattispecie ieri sono caduti 130 mm a Fondo Mattaliano in circa 7 ore.

    27. Miiii ru fango….in Sicilia!

    28. non avete presente quello che c’era stamattina in via mattei a mondello…un fiume in piena che portava con se OGNI genere di monnezza!
      Ovviamente a cose finite i sacchetti sono sparpagliati in ogni dove, aperti e pronti per marcire al primo sole!!
      A Partanna c’è stata una mezza rivolta dei cittadini impazziti, è arrivata la polizia e subito dopo il camion che ha ripulito…ormai siamo a questo…o con la violenza o NULLA!!

    29. beny, non avete presente di quello che c’è nel messinese.
      un disastro!
      provo rabbia e tristezza.

    30. ah non stento a crederlo…

    31. nessuno qui ha messo a fuoco il vero fulcro del problema.
      Come diceva qualcuno qualche post più in alto è difficile ricordare a memoria d’uomo delle piogge torrenziali come sta accadendo in questi giorni a Palermo.
      Ovviamente tutto questo trova facile spiegazione nella mutazione globale del clima , nell’innalzamento globale della temperatura terrestre . I fenomeni che si stanno evidenziando in questi giorni sono di carattere tropicale e non da clima mediterraneo come dovrebbe essere qui da noi .
      Poi ovviamente ci sono a seguire i non meno importanti dissesti idrogeologici posti in essere anch’essi dall’essere umano , che negli anni ha deturpato il territorio con costruzioni discutibili senza il benchè minimo scrupolo del danno che si poteva arrecare geologicamente parlando .
      Ovviamente il tutto messo insieme porta a distruzione , tragedie ma sopratutto a tanta tanta tristezza e preoccupazione, perchè stiamo pagando a caro prezzo il mancato rispetto nei confronti del nostro pianeta .
      Concludo facendo le mie più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime .

    32. ma và…

    33. io abito a san martino delle scale, in una delle pochissime case non abusive della valle, e ogni giorno vedo case spuntare come funghi nelle vallate, e quelle che ci sono allargarsi o crescere in altezza divorando verde e paesaggio.

      case costruite proprio nei fondovalle, di torrenti alluvionali, senza rispetto per i fiumi che magari sono secchi, ma che possono riempirsi molto facilmente.

      al posto dei boschi crescono case e il terreno spoglio come tutti noi è vittima della forza di gravità.

      Ci sono 2 cose su cui troppo spesso siamo pronti a soprassedere
      Peasaggio e Ambiente.
      vedere case costruite a messina sulla foce di un fiume mi fa rabbia!!!

    34. Bene!! cercasi mezzo anfibio per percorrere via ugo la malfa !! si segnala allagamento in corso gia’ oltre altezza ruote auto…
      Ora, mi sta bene il fatto che si tratti di pioggie di rara intensità e frequenza come non si sono mai viste, ma la dove l’allagamento avviene puntualmente apprescidendere dell’evento eccezionale, ormai da anni,e io quella strada la percorro ogni dì, e vi garantisco che sono 5 anni che e’ sempre la stessa storia, come lo si puo’ giustificare? cosa e’ stato fatto oltre che la perforazione inutile del manto stradale? esattamente nulla.Che i preposti non siano in grado? che a Palermo ci sia bisogno di professionisti capaci? io non so! ma che tutto si allaghi ogni volta che piove non e’ ammisibile. buona nuotata a tutti…

      Mi aggrego a Luca.Sentite condoglianze alle famiglie delle vittime.

    35. Ormai dobbiamo considerarci un paese tropicale ,mai viste piogge di tale intensita’ ed in cosi’ breve tempo…

    36. Rosalì..emmenomale che almeno tu dici che c’è il sole!!!

    37. Beny la rilevazione meteo è corretta a Boccadifalco all’ora in cui viene effettuata.

    38. Rob lo snob e Bir Hakeim vi ricordo che questa non è una chat. Grazie.

    39. Nicola
      non so chi ti ha detto che i dati si misurano nelle 24 ore.Forse vuoi dire che “si rilevano” ogni 24 ore,
      in periodi normali.La TV ha detto che il disastro idrogeologico di ieri a Messina e’ avvenuto con 230 mm
      in 3 o 4 ore,diciamo 60 mm ogni ora,1 mm al minuto.
      Riporto questi numeri x farsi un’idea di riferimento.
      Un’idea che significa ancora poco,perche’ se quest’acqua
      viene giu’ su un’area rocciosa e’ un discorso,se viene giu’ su un costone friabile e’ ben altra cosa.
      Inoltre e’ fondamentale che possa venire assicurato il deflusso.
      Nelle aree urbane le stesse fognature NON vengono dimensionate gia’ in fase di progetto
      per gli eventi eccezionali,ma per smaltire eventi normali,quindi che ogni 2 0 3 anni possa succedere
      un intasamento e’ nelle previsioni.
      Gli intasamenti comunque si evitano tenendo pulite le strade.

    40. In quanto ai sottopassi di viale Regione Siciliana
      e’ da ritenere che ci deve essere un problema di pendenze oltre che di dimensionamento degli scarichi.
      Io penso che ci potrebbe essere un riflusso
      dagli stessi canali di gronda.
      Un problema ormai urgente da affrontare.

    41. Non riesco a vedere l’ultimo video, quello di you reporter.
      Si sente solo la musica.

    42. Ok ora lo vedo.

    43. Sì Marco, avevo fatto un errore nell’embedding.

    44. Stalker, la situazione nel messinese è abbastanza grave, ma stavolta dò ragione a Bertolaso, la colpa è della ignoranza e dell’indifferenza , che hanno permesso di costruire sulla sabbia a due passi dal mare e poi ovviamente la GRANDE COLPA è di Mr Berlusconi che, dato ormai le catastrofi che si abbattono sul paese per i cambiamenti climatici e da quando c’è lui al governo, faceva bene a fare opere di tutela del territorio invece di sognare ponti e buttare soldi a mare !

    45. CAMMARATA……………………………….MA VA 800Ati UN PRUNI AU LARGU (possibilmente in acque internazionali)

      VERSIONE RIEDITATA.

    46. Bernoulli gradirei un linguaggio più consono. Grazie.

    47. Ho letto questa notizia stamattina, poi ho letto qualche commento. Dopo sono uscito. E mi son sentito meglio, sotto tutti gli aspetti. Al primo vagabondo che me lo ha chiesto, ho dato venti centesimi. Al secondo ho detto che avevo appena dato venti centesimi ad un altro accattone. Al terzo stessa cosa ecc. C’era un’aria bellissima oggi a Roma, al centro niente smog o cose del genere. Avanzavo con determinazione. Avevo anche deciso cosa mangiare a cena: spaghetti con cozze e polpetti affogati in un ristorante veneziano. I miei piedi avevano un aspetto magnifico, mentre si muovevano lungo il marciapiede.

    48. Risolto il problema dei rifiuti a Palermo: non occorrono più i mezzi dell’amia, i sacchetti della spazzatura se ne scivolano via da soli…

    49. @ iocivedochiaro

      Se mi chiedono: quanto ha raccolto Palermo ieri? Io fornisco il dato delle 24 ore, è evidente.
      Ovvio che poi all’interno di un giorno si possono distinguere varie fasi “cumulative”.
      Nei nostri archivi ordinamo i dati per valori GIORNALIERI. Funziona così, fattene una ragione 😉

    50. bene Nicola
      mi fa piacere che sei un addetto ai lavori e che sei intervenuto.ma voi raccogliete gli indici pluviometrici,per uso statistico,a grandi linee,
      e non certo su tutte le zone del territorio nazionale
      esposte a rischio idrogeologico,che secondo il CNR
      costituiscono il 47% del Territorio.
      Il caso Giampilieri di Messina si e’ verificato a causa di rovesci fortissimi,acqua a catinelle,in pratica una vera bomba d’acqua,concentrati in 3 o 4 ore.
      Per me il fatto che “funziona cosi'” non significa
      che mi devo rassegnare.Se poi arrivano 50 morti si
      vede che i criteri di rilevazione non sono sufficienti.
      Intanto di sicuro possiamo dire che si e’ persa la memoria storica degli eventi naturali e ci si e’
      azzardati a costruire fino al letto di fiumi e torrenti
      ed in aree di consistenza precaria.
      Cioe’ una vera e propria follia urbanistica

    51. @nicola tu che a quanto pare sei addetto ai lavori, ci puoi dare qualche dato statistico sul mese di settembre ed eventuali previsioni per il mese di ottobre.

      ho visto diversi forum di appassionati di meterologia,che parlavano ad esempio di statistiche dei fulmini in zona Arezzo, ed erano molto preoccupati dall’aumento esponenziale delle scariche negli ultimi mesi!!

    52. […] a Milano da Giovedì notte. Ho lasciato Palermo in una situazione incredibile e qui trovo ordine ed […]

    53. @ Tonjo

      Io e la mia Associazione ci occupiamo solo della Provincia di Palermo. Ti posso dire che il Settembre appena concluso è stato il più piovoso di sempre per Palermo città, almeno da quando esiste la più antica stazione cittadina ovvero l’Osservatorio Astronomico, parliamo di 250 anni di dati. Le altre nostre stazioni in Provincia hanno seguito la stessa tendenza, Settembre 2009 è stato eccezionale. Quanto alle previsioni per Ottobre non è possibile in alcun modo dare delle linee previsionali adesso, chi lo fa non si comporta seriamente.

    54. si intendevo se era possibile fare delle statistiche, proprio in base ai dati ultra dececennali.
      ad esempio palermo non subisce alluvioni dal 1931, quindi un bel lasso di tempo e la città non è più quella, ma se adesempio si potesse fare una qualche previsione, volendo si potrebbero organizzare quei sistemi di sicurezza basilari per evitare una situazione come a belmonte chiavelli dove c’è una quasi totale assenza di una macchina dei soccorsi coordinata e funzionante.
      le famose aree di raccolta delle popolazione in caso di terremoti ad esempio.
      o uno studio idrogeografico dei fiumi sotterranei, perchè sotterraneo non è sinonimo di inesistente, ma al massimo di invisibile.

    55. “… se ad esempio si potesse fare una qualche previsione…”
      Previsione : finchè c’è il magna magna Palermo è destinata ad affondare

    56. @ Tonjo

      In verità Palermo ha subito altre alluvioni nelle sue zone pedemontane. Nel 1987 ad esempio nella zona nord-ovest della città, nel 2005 idem, fino ai giorni nostri.

    57. io vi posso dire di avere assistito ad uno strano fenomeno a settembre 2009.Dal 10 settembre e’ cominciato a piovere intensamente ogni pomeriggio
      nella zona Belmonte,e queste piogge arrivavano presso a poco a piazza Politeama,lasciando all’asciutto l’altro
      versante della citta’.Facile immaginare quindi la saturazione delle falde e l’incapacita’ di assorbire ulteriori precipitazioni,in zona Belmonte,dove poi
      e’ successo questo mezzo disastro(solo danni e no vittime)

    58. Veramente l’altro versante della città è stato quello maggiormente colpito, specie nell’ultima settimana.
      Non perdiamoci nella solita disinformazione, le cose succedono anche se non si vedono in prima persona eh 😉

    59. si’,nell’ultima settimana e’ come dici tu.
      Capisco che non ho espresso con completezza il mio pensiero.Intendevo riferirmi alle rilevazioni pluviometriche.Se io ho una stazione di rilevazione a Ciaculli,ed assegno i dati alla citta’ di Palermo,posso
      dare un’idea,ma e’ come la storia del bicchiere mezzo vuoto e mezzo pieno.Piove a Ciaculli ma non a Mondello
      per dieci giorni di fila,poi ,nei successivi dieci giorni,diluvia a Mondello ed in tutta la citta’.
      A proposito,mi puoi dire quante sono le stazioni di rilevazione pluviometrica a Palermo?

    60. Menomale che ci sono gli indici pluviometrici,io guardo altre rilevazioni :
      morti e feriti, dispersi e senza casa , colline franate, fiumi esondati, animali e raccolti persi…
      Gli esperti sanno cosa si deve fare per evitare tutto questo, perchè non lo fanno ???

    61. Valentina
      tu guardi gli effetti.
      Gli esperti,ed i tecnici che firmano le autorizzazioni, conoscono bene i rischi di un territorio.Non ci sono solo i sacri testi,ma anche precise normative.
      Oggi non puoi costruire niente se non hai la
      Relazione Geologica dell’area.
      Ma le normative in caso di abuso sono disattese.
      Poi c’e’ ancora da considerare gli
      antichi insediamenti,quando il maggiore rischio era rappresentato dall’attacco dei pirati,e le costruzioni pietra su pietra nascevano dietro la vista del mare ed abbarbicate al cocuzzolo di qualche collina,
      e non c’era alcuna cultura delle aree a rischio sismico.
      Se percorri la Palermo Catania,ancora oggi puoi vedere certe vecchie costruzioni rurali con le mura aperte a ventaglio a causa delle piogge e delle frane.
      Gli indici pluviometrici sono indicatori importanti per tante attivita’,ma,come si e’ gia’ scritto,vanno su grandi linee .
      Ci sono paesi in Europa dove piove sempre,o nevica,
      ma nelle varie generazioni devono avere affinato la cultura delle costruzioni,dato che queste cose non succedono.
      Oggi chi puo’ dire dove avverra’ la prossima alluvione
      o il prossimo sisma,con le conseguenze ormai tristemente note?

    Lascia un commento (policy dei commenti)