giovedì 14 dic
  • Cammarata: “Non mi dimetto”

    Diego Cammarata

    Il sindaco di Palermo Diego Cammarata è intervenuto sul tema delle sue dimissioni qualora si voti per le politiche: «Quasi regolarmente si parla di mie dimissioni. Oggi più di ieri in vista di presunte elezioni anticipate. Un grande errore perché al momento non ho alcuna intenzione di dimettermi e si dà per morto un governo nazionale che invece sono convinto otterrà la fiducia. Per quanto riguarda me: il mio incarico da sindaco scade nel 2012 e non prima. […] L’unica verità è che sono circondato da “amici” o presunti tali e nemici che desiderano solo le mie dimissioni. È un pollaio con tante galline che schiamazzano. […] Se qualcuno in modo irresponsabile, immotivato e demenziale dice cose non vere, parlando di mie dimissioni, non lo posso impedire. Di certo è grave però che a parlare sia un dirigente del PdL. […] Tutti i discorsi sulla fine anticipato del mio mandato in previsione di elezioni anticipate è solo una fuga in avanti che non si può permettere un uomo del partito».

    Palermo
  • 32 commenti a “Cammarata: “Non mi dimetto””

    1. Disperante….

    2. meno male, tutto chiarito, Berlusconi si salva e lui non ha bisogno di una poltrona sostitutiva..

    3. Che faccia di c@@@

    4. peccato!

    5. APPENA ARRIVATA LA FRENATA DI FINI IL TRASFORMISTA DIEGO CAMBIA VERSIONE: BUFFONEEEEEEEEEEEEEEEE E IL TUMORE RIMANE

    6. Comunque.Al di la’ della giusta satira e ironia..non credo che Cammarata possa continuare ancora .Si tratta di tatticismi inutili.A marzo non lo avremo piu’.Qualunque cosa lui posa dire.

    7. Soldi non c’è più

    8. …e dire che ho litigato con mio cognato che diceva che si era già dimesso!

    9. ecco la soluzione: dimettiti

    10. Diego perdonali perchè non sanno quello che dicono…

    11. Siete su Scherzi a Parte 😀

    12. Diego, speriamo che ci pensi madre natura a dimetterti

    13. IO ODIO QUEST’UOMO

    14. IO ODIO QUEST’ESSERE.

    15. La rovina di Palermo

    16. Con quale coraggio si può restare sindaco di una citta’ quando questa stessa ti odia?
      …e poi sempre questo sorriso del cavolo…

    17. Non c’è mai fine al peggio…

    18. azzarola…mi ero illuso, quindi ci tocca tenercelo ancora sino alla fine? Certo,Per questo dobbiamo dire grazie anche all’opposizione che non è riuscita a sfiduciarlo in alcun modo pur con tutte le schifezze che il caro sindaco ha combinato. In una classifica di demerito di tutti i sindaci questo attuale secondo me si piazzerebbe di gran lunga al primo posto, la citta’ è in ginocchio, invivibile e politicamente allo sbando ma lui, anzi loro, sono sempre li al loro posto! meglio una poltrona oggi….

    19. meno male, altrimenti l’oggetto delle mie imprecazioni (quotidiane) devo cambiare!!!

    20. RIDICOLO!

    21. L’unica cosa che posso diro di questo soggetto è che è la nullità personificata

    22. Intanto questo soggetto ci sta incu…do a tutti.
      Guadagna un sacco di soldi senza lavorare le uniche sue attività sono delegare altri a fare e soprattutto a non fare. A scadenze regolari dopo il tennis si impegna nella sua specialità che è il rimpasto della giunta.. dice tu vai di la tu resti qua a te ti tengo di riserva e poi viene il giorno fatidico della formazione, pare di giocare al fantacalcio!!! Auto blu, scorta, stipendio da favola, agevolazioni, extra, prebende, pensione d’oro dietro l’angolo. Le vere nullità siamo noi!

    23. Si è vero MarcoC le vere nullità siamo noi…il 99% dei frequentatori dei blog cittadini odia Cammarata, ma non si sa come e perchè ha vinto le elezioni…Mistero!

    24. ma quale 99 percento !………….
      Comunque Cammarata II
      e’ risultato diverso da Cammarata I.

    25. @Giorgio
      tu sollevi un problema importantissimo,una domanda a mio avviso cruciale e vitale,la DOMANDA DELLE DOMANDE.Cioe’ : la coscienza critica della citta’ sembra incapace di influire sulle reali scelte dell’amministrazione .Perche’ ? Ebbene ,se cominciassimo ,tutti noi , a rendercene conto e a rendere proficuo il nostro impegno critico,diffondendo le nostre idee nei luoghi dell’impegno quotidiano e soprattutto se ci impegnassimo tutti in un ambito partecipativo politico potremo davvero cambiare il volto di questa citta’ e dell’Italia .Troppo tempo abbiamo delegato a ignoranti,arrivisti,spacconi ,teste di cacio.

    26. Non se ne può più.

    27. Il ” compare ” ha fatto un buon lavoro.

    28. essere figli di cammarata deve essere tremendo!!!

    29. folklorista
      dai blog sono arrivate tante osservazioni,segnalazioni,
      input di ogni specie (cordiali suggerimenti,ma anche minacce ed insulti),
      e Palermo e’ quella che conosciamo tutti.
      .
      Senza questi fermenti cosa sarebbe oggi Palermo?

    30. In altri paesi un elemento del genere sarebbe a casa sua…nel migliore dei casi. I nostri politici purtroppo non hanno valori e rispetto per il cittadino. E’ solo un magna magna. Loro sono i nostri dipendenti, non sono i padroni delle città dei comuni delle regioni dello stato. Se noi non li vogliamo devono andare a casa. Il popolo è…dovrebbe essere sovrano!

    Lascia un commento (policy dei commenti)