lunedì 23 ott
  • Partito Democratico: con l’Imu Palermo perderebbe il 55%

    Secondo uno studio messo a punto dal Partito Democratico relativo alla futura imposta municipale unica prevista dal federalismo fiscale Palermo otterrebbe 154.485.090 euro dall’autonomia impositiva contro i 340.212.421 euro di trasferimenti attuali (-55%).

    Palermo
  • 10 commenti a “Partito Democratico: con l’Imu Palermo perderebbe il 55%”

    1. Ecco. Mi chiedo come faranno a far credere esattamente il contrario quando ci chiederanno di votare il referendum confermativo necessario per la definizione del federalismo…
      Ma non ho dubbi che ci riusciranno e che tutti insieme voteremo compatti e felici quanto suggeritoci dai nostri amici del pdl.

    2. beh, il problema è estramente complesso ed ancora tutto un working progress..
      di certo c’è solo questo
      http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2010-12-10/taglio-trasferimenti-miliardi-soprattutto-063723.shtml?uuid=AYySjQqC

      per quanto riguarda lo studio in questione, a parte che manca qualsiasi riferimento ai costi standard (anche perchè nessuno ha ancora capito cosa sono, btw..) dunque, questa è la situazione sulla base delle rendite fondiarie e basta.. l’idea è che il federalismo, a livello comunale, dovrebbe spingere ad un uso più efficiente delle risorse, perchè più scarse, e alla lotta all’evasione, in questo caso gli affitti in nero. Di per sè, sfido chiunque a pensare che a Palermo ed in Sicilia questi obiettivi non siano meritevoli..

    3. pardon, volevo dire work in progress… scusate 🙂

    4. con meno soldi da “fottere” c’è chi riderà meno questa è l’unica certezza .
      Avremo quello che ci spetta e cercheremo di farcelo bastare , altrimenti pazienza così sarà .

    5. argomento terribile.

      Fossi nordico, voterei SI,
      Fossi del sud, voterei SI se e solo se avessi fiducia nella MIA classe politica.

      siccome ho la residenza a palermo e vivo a milano, non posso votare.

    6. Sì, c’è chi riderà meno: la prenderanno in quel posto senza vaselina quelli che non possono evadere il fisco.

    7. Togliere risorse ai comuni più poveri, a prescindere dai loro bisogni e dalla qualità delle loro amministrazioni è solo un gesto criminale che serve a farli diventare ancora più bisognosi, quindi ancora più disposti a vendere il voto a una banda di delinquenti.
      Come dovrebbero migliorare le cose? E infatti non devono migliorare affatto. I vincitori della guerra di annessione del Sud di 150 anni fa, stravincono ancora di più, qui ci lasciano in balia dei loro ruffiani e dei mafiosi.
      Diverso sarebbe se si desse ai comuni in funzione della qualità dei servizi. Allora sarei disposto a sopportare un taglio a Palermo anche del 90 %. Ma un taglio razzista e genocida no, non è tollerabile, fa solo il gioco di chi vuole tenerci sempre nella me….
      A questo punto facciamo da soli, no? A che serve un’Italia che distribuisce soldi al contrario, dai più poveri ai più ricchi? Almeno ci facciamo bastare quelli che restano in queste macerie e ricominciamo piano piano a risanarci. No?

    8. Chi è causa del male, pianga se stesso!
      Niente piagnistei da coloro che in massa hanno votato PDL e quindi la Lega Nord. Usate il cervello prima di votare. Ormai, avete fatto il danno e pagheremo il dazio!. Non capite che la nostra unica forza è quella del voto. QUALUNQUISTI.
      A majora!

    9. penso e sono più che sicuro che è tutta una speculazione. Quando votate usate il cervello non votate a caso!!! e penso di sicuro che tante persone qui in italia non sa nemmeno che cosa è il caso. da un ragazzo

    Lascia un commento (policy dei commenti)