martedì 21 nov
  • Pulizia e igiene, due parole sconosciute

    I nostri amministratori quanto hanno a cuore l’igiene e la pulizia di questa città ?

    A guardare queste foto penso che l’argomento non li riguarda anzi meno se ne parla e meglio è.

    In una società privata quando l’amministratore non è all’altezza del suo compito lo si licenzia senza persarci un attimo. Perché la stessa cosa non avviene col sindaco e la sua Giunta? Accompagnamoli alla porta del Palazzo se vogliamo salvare questa città, siamo ancora in tempo.

    Pulizia e igiene, due parole sconosciute Pulizia e igiene, due parole sconosciute

    Pulizia e igiene, due parole sconosciute Pulizia e igiene, due parole sconosciute

    Pulizia e igiene, due parole sconosciute Pulizia e igiene, due parole sconosciute

    Ospiti
  • 20 commenti a “Pulizia e igiene, due parole sconosciute”

    1. lo stesso schifo in vle olimpo, in vle margherita di savoia, addaura. chi passa con le auto non ci fa caso ma per noi runner e per i ciclisti lo sfacelo in tutta la sua enormità salta subito agli occhi: non c’è piu di 1 metro libero da cartacce, bottiglie, sacchetti, lattine, pacchi di sigarette e tanto altro schifo. una strafottenza che ha del vergognoso. amia, amia essemme, gesip nonchè chi amministra questa città andrebbero esautorati in tronco

    2. ma non dovrebbe essere cura dei proprietari dei giardini “tenere a bada” le piante?

    3. deve essere cura del proprietario del giardino tenere a bada le siepi che sporgono dal suo fondo sulla pubblica via, ma dovrebbe essere cura del Comune la pulizia dei marciapiedi, dei sedimi stradali e lo sfalcio dell’erba che li cresce, onde evitare di creare l’idea di abbandono che traspare dalle foto sopra.

    4. “I nostri amministratori quanto hanno a cuore l’igiene e la pulizia di questa città ?”…tanto quanto l’hanno a cuore tutti quelli che lordano quotidianamente questa città…onestamente rimango più inorridito per le montagne di frigoriferi..lavatrici…mobili vecchi…gettati accanto ai cassonetti nei diversi punti della città..o nel fiume oreto che un po di siepi trascurate!

    5. i primi ad essere sporchi sono i cittadini palermitani!

    6. Peppe sintetico e preciso.
      Ho visto immondizia nei posti più impensabili, e l’amministrazione pubblica non c’entra niente…
      anche cartoni di imballaggio di prodotti informatici di marche che non comprano i tasci o gli squattrinati disoccupati. Persino materassi di marche per snob.

    7. il palermitano/a, è capace di gustarsi un bel gelato seduti su una panchina lercia, circondati da immondizia di vario genere, carta/pannolini/cicche/lattine etc.. etc, ed essere felici e guardare verso l’orizzonte……..

    8. Pepsi hai detto la VERITA’.

    9. sì è vero, il palermitano ngrasciato non rispetta sè stesso, sono come Attila dove passa lui è una distruzione.Non si meritano vivere in una città ma nei porcili.

    10. Peppe ha ragione. I primi incivili siamo “noi”

    11. e che dire della vucciria/ballarò anche e soprattutto a tarda notte?

    12. E a me che sembravano rarissime foto di strade palermitane avvolte nel verde… 😉

    13. “i primi ad essere sporchi sono i cittadini palermitani” < QUOTO. E PER ME SONO ANCHE I PEGGIO, I PIU SUDICI D'EUROPA.

    14. “I nostri amministratori quanto hanno a cuore l’igiene e la pulizia di questa città ?”
      @moncada, e i cittadini quanto hanno a cuore la pulizia della città?
      l’amministrazione fa schifo, ma i cittadini incivili che li votano e che sporcano e si lamentano ne sono l’interfaccia.

    15. nelle foto vedo – come già detto – piante non tagliate dai privati e munnizza forse frullata fuori dai finestrini delle auto in corsa, e qualche erbaccia e fiorellini tra la strada e il marciapiede.

    16. la raccolta differenziata cosa buona è giusta ma
      molti non sono pronti, e non hanno intenzione di capire cosa significhi. Zona via sammartino è da 2
      settimane che salta la raccolta della carta e significa che rimarra ancora li per un’altra settimana e poi cumuli di spazzatura di ogni genere
      dove prima i cassonetti erano posti.
      Scusate ma questo mi fa schifo e vorrei scappare via in un posto più civile e pulito e più verde e più vivibile dove tutto è più semplice e ….

    17. Sai cos’è basterebbe solo un piccolo gesto…
      Non rispettare l’ambiente significa non rispettare noi stessi!

      “Azioni e idee possono cambiare il mondo”…che bella frase che ho letto oggi
      http://www.mrplanet.it

    18. Il palermitano è un vastaso, appena niasci ra porta ra so casa pare che non gli appartiene più niente. “e chi minchia minni futti a mia” ….così ragionano…

    19. in via regione siciliana allo svincolo della zona industriale dir tommaso natale le erbacce ormai non fanno vedere nemmeno il limite della carreggiata (per dirne una)

    20. Vi invito a essere rispettosi nei vostri commenti. Grazie.

    Lascia un commento (policy dei commenti)