martedì 19 giu
  • 33 Isole

    Qual è la prima cosa che ci viene in mente se pensiamo alle isole minori italiane? Suppongo che praticamente tutti risponderebbero qualcosa del tipo “estate”, o “mare”. Ci deve però essere dell’altro. Sulle isole ci sono pur sempre paesi dove la gente vive per 12 mesi all’anno, dove muiono ma nascono, anche, nuove persone. Ragazzi che prima o poi prenderanno delle scelte di vita che partiranno da una semplice domanda: restare o partire? Quelli che restano, a volte, lo fanno perché sono talmente attaccati alla loro terra – o meglio, alla loro isola – che decidono di scommetterci nonostante le difficoltà dovute alla distanza e all’isolamento, e allora provano a seguire idee e desideri che nulla hanno da invidiare ai continentali che per realizzarle, però, hanno dalla loro una logistica estremamente più semplice.

    Di questa gente vorrei raccontare con il mio progetto 33 Isole, che nasce dalla mia passione ancestrale per il mare Mediterraneo e da un inestinguibile richiamo per l’avventura.

    Si tratta di un viaggio insolito attraverso tutte le isole minori italiane abitate, su una piccola e originale barca a vela, senza cabina e in solitario. Alla scoperta dunque, più che degli stereotipati echi del passato, del futuro di queste isole e di quei giovani ambiziosi, moderni, innovativi che hanno scelto di viverci. La fotografia di un’Italia e di un Mediterraneo apparentemente marginali eppure reali, vivi; importanti.

    La partenza è fissata per il 15 aprile 2018 proprio da Palermo, capoluogo dell’isola più grande del Mediterraneo. L’arrivo a Venezia, l’isola minore certamente più importante. Il periplo durerà quattro mesi, estendendosi su 2300 miglia nautiche attraverso 33 isole.

    La barca merita due parole in più. Maribelle – questo il suo nome – è un ibrido fra barca a vela, gommone e windsurf ed è lunga appena 6,15 metri. Il suo progettista e costruttore, Francesco Belvisi, è di Pantelleria (dunque di un’isola minore!) ma vive a Palermo dove continua a progettare barche avvenieristiche.

    Maribelle Itinerario 33 Isole

    Durante il viaggio, ci saranno delle dirette video sui social media e l’obiettivo è realizzare un documentario lungo o una serie di documentari corti, ciascuno dedicato ad una o poche isole. Il risultato conterrà le interviste oltre alle sequenze che descrivono paesi e paesaggi, anche subacquei.

    Il progetto ha un sito web, un canale YouTube e una pagina di raccolta fondi (crowdfunding) dove chi vuole può contribuire a coprire le spese necessarie ad affrontare il viaggio in cambio di un regalo commisurato all’offerta fatta.

    Sabato 17 febbraio, dalle 19:00 in poi, presenterò il progetto al Palermo Youth Center.

    «Acqua ravanti e ventu d’arreri», si dice dalle nostre parti!

    Palermo, Sicilia
  • Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.