31°C
lunedì 2 ago

Archivio del 6 Febbraio 2007

  • Papà, tu non capisci: io lo amo!!!

    L’antefatto
    Qualche mese fa Burruano con un gesto teatrale e cruento, ha trasformato in realtà quello che qualunque padre in fondo al cuore desidererebbe fare (ma si guarda bene dal farlo veramente) ad un genero non degno della propria figliola: l’ha preso a coltellate. Ok, magari ha esagerato un po’. Bastava una timpulata. Ricordate? Nel bel mezzo di una bella giornata di sole l’attore si fa prendere dal demone di Mario Merola e rende la piazzetta di Mondello palcoscenico di un episodio da sceneggiata napoletana. Purtroppo però non era fiction, ma realtà.

    Atto unico
    Luigi Maria Burruano, protagonista de “I cento passi” e di altri film, nel settembre scorso finisce in galera per tentato omicidio. Ora la sua vicenda giudiziaria è tutta in discesa: alla fine di dicembre il reato contetastato a Burruano era stato derubricato da tentato omicidio in lesioni gravi. Nei giorni scorsi il genero di Burruano, Fabio Guida, aveva già raggiunto un accordo economico con il suocero, che prevede il risarcimento di trentamila euro, da pagare in tre comode rate.

    Epilogo
    La giovane coppia ha fatto pace ed è tornata a vivere sotto lo stesso tetto. È una vicenda surreale, un po’ da tragedia greca, un po’ da Beautiful… I coniugi compreranno i pannolini ai figli con i soldi che il nonno ha dato come risarcimento, dopo aver accoltellato il papà… Poi a Natale tutti insieme. Picchì chi è? L’unità della famiglia non viene forse prima di tutto?

    Palermo
  • Palermo è cool…da sempre!

    Da un po’ di tempo volevo parlarvi di un blog palermitano interessante tenuto da tre dottorandi di pianificazione territoriale (Davide Leone, Giuseppe Lo Bocchiaro e Daniele Panzarella): Parliamo di città. Il blog vuole discutere, riflettere e proporre idee che nascono dalla città e dal territorio. Ho trovato il pretesto giusto perché i tre “diabolici”, non contenti di avere affisso digitalmente i “famosi manifesti” allo Zen 2 (a proposito, la nostra campagna istituzionale prosegue…vedi sopra), si sono messi a fare rigorosissime (…) ricerche di documenti storici nelle biblioteche e hanno scoperto…che Palermo fu coooooool anche nel suo passato!

    Palermo è cool...da sempre!

    Ringrazio Carmelo per avermi ricordato l’esistenza di questo post che presto avrà un seguito.

    Palermo
  • La pubblicità è l’anima della disinformazione

    Per un certo periodo anch’io ho assecondato un’opinione diffusa tra (e da) i pubblicitari secondo cui la pubblicità è servita anche a garantire la libertà di stampa. Oggi ho motivi per ritenere che la pubblicità rappresenti piuttosto un ostacolo ad una informazione veramente libera ed indipendente. E una informazione libera e indipendente, non è mai superfluo ripeterlo, costituisce, in una moderna democrazia, un efficace antidoto contro ogni forma di manipolazione del consenso.

    Quando però si giunge a vendere un quotidiano per il libro, il dvd o il gadget allegato, c’è qualcosa che stride con il senso originario del fare informazione. Ciò che è sotto gli occhi di tutti è che oggi chi volesse cercare opinioni indipendenti oppure giornalismo d’inchiesta privo di timori reverenziali, raramente le troverebbe sui mezzi tradizionali di informazione stampata o televisiva (un’eccezione è Report mentre, sempre più spesso, le rinviene o sulla rete internet (es. il blog di Beppe Grillo) o su programmi “alternativi” di informazione TV (es. Le iene o Striscia la notizia). Continua »

    Ospiti, Rosalio
  • La fortuna di trovare gente onesta

    Voglio raccontarvi una di quelle situazioni per cui si usa la frase “è bene quel che finisce bene” e dove la fortuna gioca un ruolo fondamentale.
    In questo caso la mia fortuna è stata quella di trovare delle persone oneste e professionali…ma ve la racconto perché ha dell’incredibile.
    Giovedì scorso sono venuta a Palermo per qualche giorno. Sono arrivata portando la pioggia; giunta in città ho accompagnato il mio ragazzo a degli appuntamenti rimanendo in macchina poiché come al solito non si trova parcheggio.
    Ad un certo punto mentre lo aspettavo ho visto arrivare un mio amico, gli ho picchiettato sul vetro della portiera e sono scesa a salutarlo. Lì è iniziata quella che si può definire una disavventura, una di quelle di cui ti accorgi quando è ormai tardi. Continua »

    Palermo
  • “Il tempo sospeso” al Goethe-Institut

    Inaugura stasera alle 18:00 al Goethe-Institut Palermo ai Cantieri culturali alla Zisa (via P. Gili, 4) la mostra fotografica Il tempo sospeso – Immagini di danza/Angehaltene zeit – Bilder vom Tanz. La mostra è curata dalla Galleria C/O di Berlino, dal Deutsches Tanzarchiv di Colonia e dal Goethe-Institut. La mostra rimarrà visitabile fino al 27 febbraio dal lunedì al venerdì dalle 9:30 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00. Ingresso libero.

    “Il tempo sospeso - Immagini di danza”

    Continua »

    Palermo
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram