lunedì 19 nov

Archivio del 17 settembre 2007

  • Una lezione di civiltà

    E adesso sarebbe troppo facile dire che c’era chi l’aveva previsto. Che il poker di Livorno non doveva annebbiare le già confuse idee di chi, bel bello, ha cominciato a parlare di squadra dei sogni e possibile scudetto (un illustre giocatore, mica il tifoso della strada). Diciamo che domenica, tutto sommato, è andata bene. Perché nel secondo tempo il Torino avrebbe meritato di vincere e solo la giornata non proprio eccelsa delle sue punte (Recoba a parte) ha salvato il Palermo dalla seconda sconfitta di fila in casa. E il povero Colantuono dalle prime bordate del suo datore di lavoro. Perché i rosa si sono sfaldati dopo aver segnato il gol che poteva mettere la gara in discesa? Io non lo so. C’è chi dice che è stata colpa del caldo (ma non faceva caldo anche per gli avversari?), chi accusa la squadra di non sapere gestire le situazioni favorevoli. Magari l’infortunio di Pisano ha complicato tutto e la sostituzione di un difensore con un quarto attaccante (Bresciano è tutto tranne che un giocatore di copertura) potrebbe non essere stata del tutto azzeccata dal simpatico tecnico romano. Vabbè, comunque ormai è andata così e non sarà certo un pareggio in più o in meno a cambiare le sorti di questo campionato. La sensazione è che la distanza del Palermo dalle grandi sia sensibilmente aumentata, ma la speranza è quella di sbagliarsi e di trovare presto i rosa a stretto contatto con Roma, Inter e compagnia. Continua »

    Palermo
  • Pizzichiamo i bravi

    È l’assoluta mancanza di indifferenza che mi porta spesso ad essere critico con la mia città o, più correttamente, con i suoi abitanti e pubblici amministratori.
    Se si ha a cuore il miglioramento della qualità della vita urbana, la critica, la denuncia è sicuramente utile, talvolta anche efficace e, sempre, moralmente doverosa per non rendersi passivi complici di un determinato stato di cose.
    Ma ugualmente valido ed efficace può essere percorrere la strada opposta: riconoscere chi opera bene, chi sa fare il proprio mestiere in modo professionale, chi dovrebbe essere emulato in una competizione virtuosa.
    Mi limito a qualche esempio per me emblematico, dichiarando, doverosamente, la personale assenza di ogni potenziale conflitto di interesse. Continua »

    Palermo
  • Duo per zero

    Caro Rosalio, il calcolo dovrebbe essere semplice. Duo per zero fa…, fa…, fa… Zero? Forse sì, ma in che senso? Ora te lo dico. Sai che non sono di qui, ma sono venuto a sapere della carta Duo che consente il dimezzamento dei costi di una serie di servizi e locali a Palermo. Lo stipendio è quello che è e se si può risparmiare, ben venga. Allora sono andato sul web, motore di ricerca, ho cercato “carta duo”, ma ogni tentativo è vano: non si accede a niente. Per caso, sempre da un motore di ricerca, ho trovato qualche email, ho inviato ma mi ritornano indietro. Pagine Gialle, niente, Pagine Bianche, niente. Ho iniziato dunque a fare ricerche incrociate, e sai cosa ho trovato? Che esiste un’offerta di Banca Nuova per i propri clienti che si chiama “Conto Forza Palermo”, che fornisce tutta una serie di servizi aggiuntivi tra cui Carta Duo.

    Così recita lo slogan: “CARTA DUO è senza dubbio uno dei vantaggi di punta tra i servizi offerti dal Forza Palermo Club. Basti pensare che solo Carta Duo, che oggi vanta oltre 20.000 titolari, ha un costo annuo di 35 euro. Si tratta di una carta servizi in grado di offrire a chi la possiede reali benefici ed esclusive opportunità d’utilizzo. Essa si è basata su una formula semplice ed efficace, divenuta slogan di una sua famosa campagna pubblicitaria: “Il piacere di pagare la metà”. Continua »

    Palermo