martedì 18 set
  • “Italia-Brasile 3 a 2” di Davide Enia a Parigi in francese

    Alle 18:30 verrà letto al Théâtre de la Ville di Parigi (Place du Châtelet, 2) Italia-Brasile 3 a 2 di Davide Enia tradotto da Olivier Favier e con Jacques Bonnaffé. La lettura fa parte del ciclo Chantiers d’Europe Italie

    La lettura verrà diffusa su france culture il 3 luglio alle 20:00.

    Davide Enia - “Italia-Brasile 3 a 2”

    Palermo
  • 7 commenti a ““Italia-Brasile 3 a 2” di Davide Enia a Parigi in francese”

    1. Salve a tutti, mi piacerebbe sapere di che tratta questo libro e in particolare di cosa tratta il ciclo di letture.

      Grazie a presto!

    2. io ccà sugnu, davide, si bbuoi nni viriemu

    3. davidù è un genio ed è triste e assurdo che ce ne rendiamo conto solo quando i nostri talenti vengono incensati all’estero. Vai davidùùùù, orgoglio terrone 🙂

    4. @ Giuseppe Greco.
      Il libro parla della partita Italia-Brasile giocata a Barcellona il 5 Luglio 1982 e valevole per l’accesso alla semifinale del mondiale di Spagna ’82 e vinta dall’Italia per 3 a 2.
      Inizialmente il progetto era solamente teatrale. Davide Enia ha scritto il testo che ha portato in tour per tutta l’Italia (a Palermo è andato in scena al Montevergini il 19 e 20 Maggio), poi c’è stata la trasposizione cartacea pubblicata da Sellerio.
      Ho avuto la fortuna di vedere lo spettacolo a maggio e mi è piaciuto moltissimo.
      Mi fa piacere che Davide stia riuscendo a portare lo spettacolo anche all’estero.
      E’ bravo e se lo merita.
      Non so come possa rendere la traduzione visto che nel testo ci sono molti termini in dialetto, però sono sicuro che il pubblico parigino si divertirà ugualmente…!
      E poi, viste le disastrose performance degli azzurri a questi mondiali è meglio pensare alle grandi imprese del passato… 🙂

    5. Non ho ancora letto il libro ma posso assicurare che lo spettacolo è straordinario…… non è solo divertente…. è anche drammatico …… un misurato mix dal risultato dirompente!
      Assolutamente consigliato!

      p.S.: per chi non lo avesse ancora visto e non conoscesse Davide Enia, consiglio vivamente anche “Maggio ’43”

    6. viene da chiedersi come sia possibile, di fronte a tali artisti (Enia, Dante) che il festino sia sempre una ricerca ai nomi di fuori, mentre gli artisti che abbiamo in casa, e che vengono osannati ovunque, ecco: di loro i grandi luminari che gestiscono la cultura a Palermo pensano che se ne possa fare a meno. Bravissimo Davide Enia allora che “nonostante” l’essere palermitano, riesce a portare le cose belle di questa città in giro per il mondo. Per tutti noi, invece, il festino della munnizza.

    7. @anna
      Perche’ sono persone “scomode”

    Lascia un commento (policy dei commenti)

    Ricevi un'e-mail se ci sono nuovi commenti o iscriviti.