16°C
lunedì 18 nov
  • Regione Siciliana, sito web e canali social ai primi posti in Italia

    Regione Siciliana, sito web e canali social ai primi posti in Italia

    Il sito web istituzionale e i canali social ufficiali della Regione Siciliana (Facebook, Instagram, LinkedIn e Twitter) sono ai primi posti delle classifiche relative alla comunicazione delle Regioni italiane. Il portale web, secondo le stime di Alexa, società del gruppo Amazon che si occupa di analisi del traffico in Rete, è al secondo posto dietro la Lombardia. Nello scorso mese di settembre, il sito – che da gennaio ha una grafica nuova e una finestra informativa aggiornata più volte al giorno – ha totalizzato più di 243 mila visitatori unici e poco meno di 3,9 milioni di pagine viste a settembre.

    La pagina facebook è attualmente al primo posto tra le Regioni per interazioni (commenti, condivisioni, mi piace e altre) con più di 111 mila azioni e, partendo per ultima, è ormai a poche centinaia di mi piace dalle prime dieci, avendo il maggior rateo di crescita (4,6 per cento).

    Il canale su LinkedIn è secondo per follower (quasi 21 mila) dopo l’Emilia Romagna.

    Il profilo Instagram è seguito da più di dodicimila persone e si trova tra i primi tre per interazioni secondo i dati rilevati da Fanpage Karma della società tedesca uphill Gmbh.

    Il profilo twitter si trova tra i primi dieci per interazioni e cresce con un rateo del 12 per cento, il maggiore nella sua categoria.

    Sicilia
  • Un commento a “Regione Siciliana, sito web e canali social ai primi posti in Italia”

    1. […] Il sito della Regione Siciliana sale al settimo posto superando l’Università di Palermo (che aveva la campagna immatricolazioni attiva) e Il Sicilia. Pur con una piattaforma informatica ormai obsoleta è competitivo anche in Italia (sarebbe secondo), spinto anche dai social. […]

  • Lascia un commento (policy dei commenti)

Regione Siciliana, sito web e canali social ai primi posti in Italia, 4.0 out of 5 based on 4 ratings
x
Segui Rosalio su facebook, Twitter e Instagram