lunedì 21 ago
  • Intimidazioni per due pubblici ministeri

    Nelle ultime ore sono avvenuti due inquietanti episodi che vengono considerati intimidazioni a carico dei pubblici ministeri Domenico Gozzo e Gaetano Paci, titolari di inchieste sui latitanti Salvatore e Sandro Lo Piccolo.

    Due persone si sono presentate alla portineria di Gozzo chiedendo di parlargli a proposito dell’affitto di un appartamento nella borgata di Acquasanta. Il portiere ha chiesto loro di qualificarsi e, al rifiuto, li ha allontanati.

    A casa di Paci sono stati tranciati i cavi elettrici esterni e i comandi dell’ascensore.

    Palermo
  • 3 commenti a “Intimidazioni per due pubblici ministeri”

    1. E poi Miccichè dice che non ci vuole l’esercito!Che tutto è sotto assoluto controllo…bisogna capire di chi!?

    2. certo che c’è una recrudescenza delle intimidazioni preoccupante.
      il controlo chiaramente è della mafia. libera sempre e comunque di agire indisturbata. favorita dalle leggi. mai intaccata nelle sue radici dalla “lotta alla mafia di rappresentanza”.
      dagli a lavavetri e graffitari. la mafia è perfettamente sotto autocontrollo.

    3. Spero che l’attenzione rimanga alta.

    Lascia un commento (policy dei commenti)