giovedì 17 ago
  • Il sindaco parla del 2008 di Palermo

    Ieri pomeriggio si è svolto il tradizionale incontro tra il sindaco e i mezzi di informazione per gli auguri.

    Cammarata ha parlato dell’anno che arriva: «Il 2008 sarà un anno importante per la città, sarà il momento delle grandi sfide. […] Ci troviamo – ha detto il sindaco – al confine tra la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo. Negli anni del primo mandato abbiamo programmato e iniziato a realizzare alcune opere e alcuni interventi, adesso è il momento delle grandi sfide. Proprio per questo motivo, con spirito positivo e propositivo, ho aperto un tavolo di confronto con i sindacati, i commercianti, gli industriali per arrivare a siglare un patto per lo sviluppo della città: con sindacati, commercianti e industriali stiamo ragionando per capire qual è il percorso di cui la città ha bisogno per crescere. Assieme si può fare molto. […] Si apriranno i cantieri del passante e dell’anello ferroviario. Speriamo anche di ottenere la parte rimanente del finanziamento per la metropolitana leggera in modo da mandare in gara il primo stralcio in project financing. Sarà, insomma, una vera svolta per la città anche per la contestuale concretizzazione del piano di sviluppo».

    A seguire il sindaco ha accennato a un progetto per il fronte a mare che coinvolgerà imprenditori europei e investitori degli Emirati Arabi Uniti.

    Cammarata ha parlato anche della sua rielezione: «Il 2007 è stato un anno importante, perché è stato l’anno della mia rielezione, che ha avuto un significato profondo, in quanto i cittadini hanno scelto un metodo di lavoro ed un modello di gestione completamente diverso da quello del mio avversario, confermandone la validità e il gradimento»

    Su Cuffaro ha commentato così: «Credo e mi auguro che questo governo regionale arriverà sino alla fine del suo mandato. Il presidente della Regione ha lavorato bene per la Sicilia e mi è sempre stato istituzionalmente al fianco nell’interesse della città».

    Il sindaco ha annunciato novità per la viabilità: «La mia idea è quella di chiudere tutto il centro della città, da piazza Croci a piazza Massimo, ma questo passa attraverso vari studi e vari step. Stiamo già lavorando, per analizzare le conseguenze sui flussi di traffico e anche sulle necessarie infrastrutture da mettere a disposizione dei cittadini, come il parcheggio di piazza Vittorio Emanuele Orlando e quello di piazza don Sturzo».

    Palermo
  • 22 commenti a “Il sindaco parla del 2008 di Palermo”

    1. ma almeno era all’aperto o c’erano finestre aperte?
      Sapete com’è…può essere pericoloso..

    2. Se dovesse essere reale (voglio sempre sperare-illudermi), la cosa migliore sarebbe chiudere il centro sino ai 4 canti, dando una mano di vernice agli edifici del primo tratto di via maqueda,il tutto con un piano di mobilità che sostenga questo cambiamento. Sono da poco tornato dall’Havana, che per 3/4 è un paese del terzo mondo…ma il centro storico, patrimonio dell’Unesco, è chiuso al traffico!!!! Ed è splendido, soprattutto per questo. Da oriente a occidente lo hanno capito, e noi???

    3. alessio puoi chiudee il centro storico di palermo è molto grande, chiuderlo significa limitare gli spostamenti d’auto, credo che purtroppo queste cose le vedremo quando saranno completati e fatti passante ferroviario, anello ferroviario e metropolitana leggera. Certo qualcosina si potrebbe incominciare a fare…

    4. L’anno delle grandi sfide: “vi sfido a trovare un posteggio in centro”.
      E poi che sarebbe questo tavolo con sindacati commercianti e industriali? Quali industriali? Zamparini?
      Vabbe’, come sempre è bello fare sogni e progetti coi soldi che non hai.
      Avrei apprezzato se avesse detto “nel 2008 faremo una sola cosa: riasfalteremo via Crispi, che è ridotta una trincea” Ma questi soliti voli pindarici di fantomatici cantieri, anelli, posteggi, metropolitane… mi domando se almeno lui ci creda davvero o si limiti a recitare la solita insulsa brodaglia.

    5. So che il centro storico di Palermo è tra i più grandi d’Europa, ma basterebbe chiudere solo alcune vie, come via Ruggero Settimo, parte di via Maqueda e Corso Vittorio,dalla Cattedrale a Piazza Marina. Sono perfettamente conscio del fatto che il traffico, così com’è concepita la mobilità nella nostra città, sarebbe incontrollabile nei pressi della zona. Infatti, quest’idea, sarebbe applicabile, come dicevo prima, se supportata da infrastrutture adeguate, parcheggi, potenziamento quantitativo e qualitiativo del trasporto pubblico e rinnovamento delle abitudini di molti palermitani, che per prendere il pane a 300 metri da casa usano l’automobile.
      Non so quando sarà realizzabile tutto ciò, e alle dichiarazioni e/o manifesti sostituirei i fatti…

    6. Desidero ringraziare il Sindaco per la sensibilità dimostrata nei confronti di coloro che vivono e lavorano nel centro storico;noi,che viviamo in zona Notarbartolo-Sciuti,evidentemente non gli stiamo simpatici:ore 11,50 a.m.
      Il traffico è bestiale, le macchine in seconda e terza fila non si contano più, l’aria è irrespirabile, i clacson fanno dei meravigliosi concerti e…avete visto un solo vigile urbano?????? NO! Fra passanti e bretelle annunciati il palermitano soffoca. Sapete se la class action vale anche nei confronti dei comuni???

    7. Questo blog sembra essere un ripetitore delle idee e delle azioni di Cammarata…strano

    8. Nei programmi dell’amministrazione “neo-entusiasta” c’è anche quello di risolvere i problemi a latere generati dal cantiere del parcheggio di Palazzo di Giustizia? Perchè, per chi non ci avesse fatto ancora caso, da quando sono iniziati i lavori una nuvola immensa di polvere aleggia nel quartiere attorno e in questi giorni di pioggia si trasforma in pochissimo tempo in fanghiglia pericolosissima per la circolazione su Corso Alberto Amedeo (la curva del bastione è già pericolosa di suo…). Io ne sono stato testimone proprio due sere fa ho purtroppo dovuto constatare che i vigili urbani, i vigili del fuoco, i carabienieri (insomma le autorità in genere) pur se avvertite non si sono mosse (!) mentre davanti a me auto e motorini eseguivano tragiche piroette e testa coda…

    9. e se in Via Notarbartolo ci fossero i vigili, cambierebbe qualcosa?……………

    10. La sfida è riuscire a campare fino alla fine del 2008!

    11. Ma fra le sue iniziative anche abolire concerti e spettacoli per il capodanno????

    12. Syko Trevize l’argomento del post non è che cosa sia questo blog. Comunque questo blog ritiene opportuno dare spazio a ciò che dice il “primo cittadino”. Chiunque esso sia e sarà.

    13. Oggi ho ricevuto con molta tristezza da mio figlio Anthony che frequenta la terza media alla scuola Mazzini di Palermo la notizia che questo comune quest’anno non distribuirà il buono libro(o cedola libraia)per l’anno 2007/2008 a causa di risorse finanziarie assegnate al settore della Pubblica Istruzione.Ora vorrei dire a chi di competenza come si fà ad obbligare ai cittadini italiani alla scuola dell’obbligo senza che questo Stato ti aiuta,è vero i soldi dei buoni libri sono spiccioli(per le terze medie si aggira ai 41,00 euro circa)nei confronti delle vere spese che affrontiamo per tutto quello che ci vuole(oltre i libri,quaderni,cancelleria ecc…).Bisogna che i ns politici locali ad incominciare dal sindaco sino ai consiglieri comunali spendessero di meno durante l’anno i soldi per organizzare feste,festicciole e festini ed andrebbero incontro ai veri problemi dei cittadini,quest’anno per esempio non è stato organizzato il concerto del Capodanno ed i soldi andranno a chi a bisogno(giusto esempio),ci voleva che il comune facesse un’ulteriore sforzo abolendo anche le luminarie,l’albero di Natale e la casa di Babbo Natale e queste risorse li raggruppavano per i buoni libri.

    14. …Ah perchè arriva anche a Palermo il 2008? Ma ne siamo sicuri?

    15. Isola81: yes, il 2008 a.C.

    16. Anche Roma ha un centro storico grande,ma il traffico è limitato da almeno 25 anni a residenti e commercianti,perchè non farlo anche a Palermo?

    17. E lo stadio si farà?

    18. al di la’ delle simpatiche battute,
      il Sindaco mi pare voglia aprire un
      Dialogo con i suoi Concittadini,e
      se questo avverra’ sara’ positivo per tutti.
      I problemi sono tanti,forse troppi.
      Le idee servono,ma che partano da persone consapevoli della situazione che e’ quella che e’,e non esiste una bacchetta magica.

    19. caro sindaco mettiamo la legge in atto per la delinguenza a palermo troppe rapine la città va in fumo

    20. Si l’anno nuovo porterà importanti svolte per la città. Il mancato pagamento dei buoni libri per ristrettezze economiche per il Comune. L’immissione dei pass per l’accesso al centro storico di Palermo (un fiume di soldi nelle casse del Comune. Un Pc potatile in dono a tutti gi assessori del Comune (ma se hanno detto che non c’erano soldi). Comunque è sempre la solita storia. Ci riempiono di chiacchiere e basta. Ma purtroppo non vedo un futuro. Sia da una parte che dall’altra fazione politica.

    21. Appoggio ciò che ha detto Rosalio!

    Lascia un commento (policy dei commenti)