sabato 21 ott
  • Il mio superpapà

    Tra tutte le feste comandate quella del papà è quella che mi dà meno fastidio…sarà che me la ricordo da quando sono nata, sarà che il papà è sempre il papà, poi il mio si chiama Giuseppe pure. E allora, almeno per S. Giuseppe, un poco di retorica mi è concessa? Così tanto per mettere insieme i ricordi…prima i miei, poi i vostri.
    Quand’ero piccola il mio papà era il papà più bello del mondo. Mio papà mi metteva il pigiama la sera prima di andare a letto e papà è stata la prima parola che ho detto a 6 mesi. Ehm…si lo so. Un po’ precoce. Cronache familiari raccontano che le persone si scantavano a sentirmi parlare ancora nella culla…praticamente parlo da 36 anni e mezzo ininterrottamente…
    Ad ogni modo, dicevamo il mio papà era per me il più grande il più forte il più intelligente di tutti i papà del mondo. Mi ricordo che quando tornava da un viaggio aveva sempre un regalo per me: una bambola, la tavolozza con i colori per dipingere…una volta mi regalò un asse da stiro giocattolo che schifiai e mi incazzai pure (simpatica fin da piccola sono stata).
    Mio papà mi ha insegnato a guidare la bicicletta e pure la macchina se è per quello, era lui che rispondeva ai miei snervanti perchè e sempre lui quello che mediava con mia madre sull’orario di rientro, quando fui più grande.
    Ovviamente l’avevo idealizzato e guai a chi me lo toccava!
    All’asilo andavo dalle suore (il risultato si vede, la verità…), classe mista però. Una volta fottei letteralmente a legnate e muzzicuni un mio compagno. Mauro si chiamava. Mi sfotteva per il cognome mi chiamava Cuppino e io lo chiamavo caffè Mauro. Una volta però andò oltre, osò dire che mio padre era baffone che, per essere la verità era la verità, pure ora ha i baffi, ma a me, allora, sembrò un’onta da lavare col sangue. Finchè scherziamo scherziamo però lì andavamo sul pesante. Gli spaccai una sedia in testa e mi assuppai una bella bacchettata sulle mani da suor Concetta. Buon’anima ma che incubo ‘ste monache! Già belle allegre c’a matinata! Scuruse e nivure e ‘ncazzate. Tutti i miei compagni mangiavano a colazione bon bon, tricchitracchi e schifezze varie e io l’uovo (non so per quali problemi di anemia) alla coque…ho un ricordo nitido di ‘sto cucchiaio spiaccicato in faccia con l’uovo tutto mollo…bleah. Ebbene, nessuno ebbe mai la bontà di spiegarmi perché a me toccasse l’uovo, sempre cazziatoni e zitta e mangia che ti fa bene…
    Però all’uscita veniva prendermi il mio superpapà e mi comprava il cono gelato al cioccolato. 100 lire costava, me lo ricordo preciso. E ogni giorno quello del chiosco mi faceva l’interrogatorio , apostrofandomi “ah ‘a catanisi c’è. Lo sai che cos’è la pasta c’a suriaca? E ‘a bunaca, e ‘a cichira?” naturalmente, simpaticissima, manco scannata lo degnavo di uno sguardo e stringevo la mano di mio papà tirandola affinchè si spicciasse.
    Mai preso una boffa da mio papà…non c’era bisogno…bastava una taliata.
    Certo crescendo i rapporti sono cambiati il pigiama non me lo mette più lui. Però è su lui che posso contare sempre… se si fulmina una lampadina, se ho la febbre, se mi secca prendere la macchina…lo so, lo so. Sono grande, ma pure il mio papà e, almeno oggi che è la sua festa, retoricamente glielo voglio dire.

    Sicilia
  • 34 commenti a “Il mio superpapà”

    1. Se devo essere onesto, pur essendo giovane, critico spesso mio papà per il suo modo di pensare…ma in fondo lo stimo parecchio per quello che ha fatto per me come figlio finora…però shhhh!!!Non glielo dite che altrimenti u’ priu di irici contro runn’è…
      Grande Maria!Riesci sempre a esprimere grandi sentimenti con parole semplici…Grazie!

    2. Auguri al miò papà!!!!

    3. Il mio papà è ancora il più bello di tutti, il più forte di tutti ed il migliore di tutti!
      E, lungi da ogni melensa retorica, è davvero la persona migliore che io conosca!
      Spero che la genetica ed il DNA abbiano qualche positivo effetto su di me! 😉

    4. Ahi, ahi, questi papà.
      E’ il “mestiere” più difficile del mondo (anche quello della mamma, in verità) e spesso il più criticato, dai figli, almeno in un certo periodo della vita: sembra qussi che ogni cosa che dicano o facciano sia sempre sbagliato.
      Poi per fortuna si cresce, le contestazioni si affievoliscono e il giudizio, complessivamente, cambia.
      Cercate di ricordarvelo, quando a vostra volta diventerete genitori: soprattutto, almeno finchè ce li avete, non lesinate nei loro confronti affetto e anche un pò di indulgenza per gli errori che inevitabilmente avranno commesso.
      Un piccolo gesto di amore chiarisce in un colpo tante incomprensioni.
      Grazie, Maria, brava come sempre.

    5. […] di retorica mi è concessa? Così tanto per mettere insieme i ricordi…prima i miei, poi i vostri. continua[…] Mai preso ‘na moffa da mio papà…non c’era bisogno…bastava ‘na […]

    6. auguri appapà.

    7. Anche per me da piccola il mio papà era il più grande di tutti..mi ricordo che di pomeriggio per farci stare buone a me e a mia sorella, dal letto su cui faceva il suo sonnellino pomeridiano ci diceva “se fate le brave più tardi vi compro una cosa che inizia con la -G e finisce con la -O!!” Grande papà! Augurii!!

    8. Stamattina ho mandato un sms di auguri a mio padre cantilenandolo in maniera vezzosa, esagerando forse con gli “issimo”…mi ha risposto dandomi della “paracula” ad oltranza….”non c’è trippa x gatti” 🙂

    9. Ma si! Auguri pure a mio padre, anche se non è mai stato un superpapà.

    10. eheheh, e brava la cuppino!
      ma la “matre” (detto alla j.stecchino) dove la mettiamo?
      😉

    11. perchè col mio se stiamo accanto più di 5 minuti ni sciarriamo come i cani?

    12. Tutto amore è pure questo! Alessandro…

    13. vorrei poter dire lo stesso anch’io ma mi manca la materia prima. Ciao Papà.

    14. amore?….mmmmmmm…vabbeh ceh deve essere litigarello ma qua esageriamo…. ;-D

    15. Auguri a tutti i superpapà, sono tanti, ma non sono tutti super.
      Io lo sono! :- D
      lo ha detto Alessandro alle 7 stamattina (io gongolo e lui così ha diritto a una bustina di figurine).

    16. Mio figlio è tornato da scuola con uno di quei lavoretti particolari,mi ha commosso ha recitato la poesia…..che sensazione.

    17. Sicuramente devo tanto a mio padre, in pratica si è spaccato in due dal tanto lavoro per Noi figli…….. ma le incomprensioni abbondano.
      La distanza generazionale pesa e e si dilata. Ma è pur sempre nostro padre…….. per cui come tutti i Papà merita di essere festeggiato.
      Ringrazio Maria per avermi dato tale opportunità!!!!!!!!!!

    18. Sono due anni e 4 mesi che sono diventato padre. Sono trentatrè anni e sette mesi che ho un padre.
      Grazie papà, grazie figlia mia.

    19. Penso che si possano giudicare i propri genitori solo quando diventiamo anche noi genitori… Auguri ai papà, ma anche ai vari Giuseppe/Giuseppina!

    20. Sono diventato papà da poco tempo. E da poco tempo mio papà non c’è più. Dire che mi manca è inutile, quasi ovvio. Sto iniziando a capire mio padre, proprio ora che non c’è più, perchè rivedo tutta la sua vita dentro quella mia che sto conducendo ora. Tutto cio’ che mi ha dato spero, se sarò in grado, di poterlo restituire a mia figlia per almeno, se ci riesco, al 70%.
      Auguri a tutti i papà.

    21. Auguri papàchetichiamobabboetiincazzi! 😀

    22. Dovrei scrivere fino a domani, ma farò appello al dono della sintesi che diciamo non è proprio cosa mia…
      Cosa posso dire di un papà che ogni sera mi raccontava le favole fino a quando il sonno non mi zittiva (e ce ne voleva), che mi faceva l’acqua con l’alloro quando prima di andare a scuola avevo mal di pancia e faceva finta che ci credeva, che mi ha insegnato a guidare la moto e, sostenendomi nella mia grande passione, appena ho preso la patente mi ha affidato la sua, quella Ducati che aveva conservato in garage per anni?
      Semplice, che ha fatto e che continua a fare tutto quello che un uomo meraviglioso possa fare!!!!

    23. Ma è vero che le donne cercano nel loro uomo un po’ il loro papà???

    24. isola81@ sms al tuo papa’??? e lo ha saputo leggere??? il mio lo farebbe ammuffire, ha il cellulare ma non è in grado di aprire un sms…
      Provero’ ad essere piu’ esplicita’ comprando delle spincie…

    25. Mi associo a Luigi, sono diventata mamma da due mesi e da due mesi ho perso il mio papà.
      Auguri a mio marito e a tuti i neo papà.

    26. monachella isola…il mio di papa e ipertecnologico!
      palmare, cellulare, computer…..manda gli sms in quinquebanda utilizzando i satelliti segreti russi!!

    27. @ monachella: mio padre è na mezza chiavica in materia tecnologica ..però si impegna…certo non ha un blackberry ma un nokia del 15/18…mizzica pure mio nonno si cimenta con il cellulare daiiii!!! (un c’inserta mai però!!) 😀

    28. Il mio superpapà ha un supercellulare di ultima generazione…ma ci impazzisce. E’ un mese che strumentia con una suoneria che gli piace assai (l’inno d’Italia) e che, misteriosamente, gli scompare. Lui dice da sola…e nni passamu i siritini a giocare cu blutut;-)

    29. Mari è bellissimo sto post…..

      un bacio

    30. Checcarino questo post!! auguri a tutti i superpapààà!
      e al mio papà che da piccola mi vietava di chiamarlo “papi” perchè non siamo a milano..ma che ora chiamo tranquillamente enzino-scemino o enzo-paponzo!:P

    31. Da piccola chiamavo il mio papà(adorato e venerato e mitizzato come quasi tutte le bimbe!),lo chiamavo “Papinchio”..e lui diceva agli amici: ” ma se mi chiama Papinchio..alla mamma come la chiama?? “Mamincxxa”?!? e giù risate!
      😉
      adorabile Marì,sei ‘na grande

    32. il mio non c’è più da tanto, troppo tempo. dopo averlo considerato un superpapà nell’infanzia l’ho odiato nell’adolescenza; ci fu appena il tempo di… riconquistarci a vicenda che morì, lasciandomi un rimpianto sempre più incolmabile, di anno in anno è sempre maggiore la consapevolezza di quanto di prezioso ho perso, e la malinconia mi avvolge, inconsolabile.
      Auguri Papà

    33. POST MEMORABILE…LEGGO I COMMENTI DI MOLTI E MI COMMUOVO ANKE….AUGURI ANKE AL MIO SUPERPAPà….LO ADORO…ANKE QUANDO SN INCAZZATA X I FATTI MIEI E GLI RISPONDO MALE….E ME NE PENTO AMARAMENTE OGNI VOLTA….LUI C’è SEMPRE….DISPONIBILE E UNICO NEL SUO GENERE…ALMENO X ME SI CAPISCE….OGNI PAPà è UNICO PER IL SUO PARGOLO…
      ADORO SEDERMI ANCORA SULLE SUE GINOCCHIA A PARLARE DI COME è ANDATA A LAVORO…DI QUELLO KE SONO LE MIE PASSIONI…MI ASCOLTA SEMPRE CN MOLTA ATTENZIONE…ADORO IL FATTO KE QUANDO PARLA DI ME DICE ANCORA…”A NICA”…
      UN BACIUZZO MARì!!

    34. cara mariuccia bedda,
      grazie per la pennellata; mi hai colorato anche stavolta;
      con il solito stupore
      zau

    Lascia un commento (policy dei commenti)