martedì 17 ott
  • 106 commenti a “È una bella comodità”

    1. Purtroppo non si vedono SOLO alla Tv. Sono reali e sono fra di noi.

    2. Speriamo di non dover vedere in tv anche alla riedizione del “1968”, con Br da una parte e Nazifasci dall’altra.

    3. Magari se disegnassi un po’ più colorato con la luce dentro, quella dai toni caldi, la finiresti di vedere tutto NERO, come le tue vignette. Chiedi a Domenico Cogliandro di presentarti Totò Melita, sicuramente pronto ad introdurti in SOLECALDO.

    4. il fatto è che in televisione a mitizzare qualcosa che di crto nn era bello abbiamo visto brigatisti assassini.
      Non mi piacciono ne brigatisti ne fascisti, non mi piace pero questo apparente il risveglio dei colti che sottolineano cose che fino a ieri manco consideravano.
      Ieri sera a piazza magione ad un concerto che doveva essere il ricordo di Falcone e della scorta, di servitori dello stato, si è assistito a degli squallidi cori partiti anche dal palco contro la polizia e le forze dell’ordine. Il ricordo è stato solo un pretesto, oggi la cosa non è escritta da nessuna, su nessun giornale e figuriamoci se lo dirà la tv. Francamente mentre ciò succedeva non ho potuto fare a meno di guardare i tanti poliziotti li presenti mi sono sentito in colpa per quelle migliaia di persone imbecilli non ho resistito e me ne sono andato.

      Cosi diventa facile con una matita in mano….

    5. http://vadelfio.splinder.com/post/17132904/RAZZISTI+NOI%3F
      In questo link ho detto la mia (mediante una vignetta) sull’aria che si respira ultimamente in Italia…
      ciao

    6. Mahhhh..che dire??
      l’Italia è alla frutta e lo capiscono solo in pochi. Una triste realtà che lascia sgomenti. Io ormai ho raggiunto la consapevolezza che nulla potrà mai cambiare, perchè gli italiani sono geneticamente stupidi (almeno la maggior parte) e i politici che hanno scelto li rappresentano al meglio!!!
      Se è questo che vogliono, che se lo tengano pure..io andrò a vivere all’estero!!!
      troppo comodo anche questo?forse…ma meglio che restare qui a guardare…

    7. scusami lo bocchiaro e chi sarebbero i fascisti ?? no è per capire meglio. io da elettore del centrodestra mi sento offeso da quella vignetta. i fascisti li contrasto e li ripudio prprio come te. quindi la vedo FAZIOSA coem sempre. ditemi voi dove sono i fascisti per favore. cosi se li consoco li evito

    8. Lo sanno tutti che LoBo è un immigrato irregolare da Misilmeri! Je rode per questo. 😉

    9. caro Vincenzo, e le ronde cosa sarebbero? delle tranquille passeggiate serali tra amici? I pestaggi? delle tenere dimostrazioni d’affetto per i più deboli? In ogni caso questo clina, non fa che aumentare estremismi e violenza da entrambe le parti…aiuto!!!

    10. Comincio col dire che non sono un brigatista :D.
      Poi, vorrei sottolineare che il fascismo, come altre forme di pensiero prevarivante e violento (vedi il discorso mafia) è, prima di tutto un modo, allucinante, di pensare.
      Prendersela con le donne (gli attacchi alla 194) con i gay (i diritti sempre più negati) e con gli immigrati (è da un mese che appena accendo la tivvù qualcuno dice Rom=criminale) è un atteggiamento perfettamente riconoscibile. Non lo vogliamo chiamare fascista? D’accordo, riconosco che forse fascista è un pò forte, ma ditemi voi come chiamarlo. In ogni caso si tratta di un modo di pensare e di agire che purtroppo coinvolge ultimamente destra e sinistra.
      Concludo dicendo che fare le vignette con la mia bella matita (anche se non uso più una matita da tempo, ma una tavoletta grafica) non è per niente facile o gratuito ed il fatto di pubblicare su Rosalio e accettare il confronto con chi mi legge parla chiaramente di come mi interessi discutere con la gente e, perchè no, tornare sui miei passi.

    11. Ha ragione Albi troppo nero, comincia a mettere un pò di colore che và di moda, chessò un pò di rosso.
      Rosso comunista?
      NOOOOOOO direi una tonalità più vicina ad Albi, diciamo…..
      rosso sangue schizzato da pestaggi.
      SANGUECALDO , te lo consiglio io, nn sono l’eccellente Cogliandro ma un Geometro non Geometro, se t’accontenti…

    12. E’ molto bello anche il rossosangue dei napoletani picchiati perchè protestano contro le discariche! Le nuance vermiglie prodotte dai vari governi Berlusconi sono incredibili. Come dimenticare, poi, quel bel rossosanguecaldo che scorreva durante il G8 del 2001? 😐

    13. quale rossosangue? quello del teppista che voleva tirare un estintore addosso ad un carabiniere????? ed i napoletani perche protestano? non vogliono le discariche! ok. ed allora i (loro) rifiuti dove li mettiamo??? noi che abbiamo bellolampo siamo fessi e loro sono intelligenti?? ora che viene l’estate non pensi che potrebbe accadere una catastrofe sanitaria?? non pensi che i cassonetti bruciati per strada creino piu diossina di tutti gli inceneritori d’italia ( ovviamente ubicati vicino popolazioni fesse?)
      poi, poveracci indifesi,.. come no! bombe molotov tirate addosso agli agenti, bombe carta, pietrate, autobus incendiati…. Che personcine a modo!
      Io credo che anzi si siano tollerati troppo questi 1000 personaggi che tengono in scacco una regione ed hanno fatto fare una figura di fessi a tuta l’Italia: ora basta! io sto con lo stato!

    14. un’ultima cosa;
      d: a chi conviene questo stato delle cose?
      r: alla camorra!
      risultato:
      Chi difende questi personaggi appoggia la camorra!

    15. sono d’accordo con te Manuel fantoni, è solo che……come dire…….ho l’impressione che si voglia solo saltare un passaggio dispendioso, quello dellla manovalanza… ma poi…così facendo i soldi andranno sempre a quelli che hai detto tu, solo che hanno il doppiopetto e la cravatta…blu!

    16. fantoni parla come se lui conosce bene lo stato delle cose e la realtà della situazione,in tv tutto bello,prova a prenderle tu quelle manganellate,magari fra tutti i mille qualcuno che protesta davvero c’è

    17. manuel fantoni, la tua opinione sul g8 di genova mi lascia basita. un giovane uomo c’ha rimesso la pelle ed i carabinieri erano semplicemente impreparati a compiere il loro dovere….sti bambocci esaltati…hai presente la diaz??ma finiamola. cristina

    18. il “giovane uomo” stava attaccando a colpi di estintore una Land Rover dei Carabinieri e il suo contenuto umano. Credo ciò configuri una serie di reati che vanno dall’aggressione, al tentato omicidio (un colpo di estintore in testa penso possa uccidere), per non parlare eventualmente di insurrezione, associazione a delinquere, banda armata, etc. Siamo abbastanza oltre il “diritto di manifestare”. La legittima difesa ci stava tutta e credo c’entri fino a un certo punto la preparazione delle forze dell’ordine. I fatti della Diaz sono altra cosa obiettivamente abbastanza diversa…

    19. Watterson = Bill Watterson? Calvin e Hobbes?

    20. Concordo pienamente con m. fantoni.Tanti giovani uomini che anziche’ andare al mare sono andati a manifestare con mazze bastoni e incappucciati!!
      Ho manifestato tante volte in piena liberta’, esprimendo liberamente i miei pensieri e nn sono mai stato caricato dalle forze dell ordine. Loro fano il loro sporco lavoro x 4 soldi, i liberi manifestanti nn tirano bombe carte e nn bruciano autobus cara cristina. La verita’ è che stiamo diventando il paese dei balocchi dove se una cosa nn conviene basta fare un po di casino e tutto resta come prima. Sta monnezza di napoli si deve o no portare in qualche sito??

    21. Oh yes, proprio quel Watterson. Naturalmente stiamo parlando di un dio del disegno e di un incontrastao maestro della striscia. Il mio è solo un umilissimo omaggio al suo modo incredibile di disegnare alcune cose come il televisore acceso 🙂

    22. anch’io ho manifestato ma non ho MAI subito cariche, non ho incenddiato autobus o tirato alcunche verso qualcuno! c’è modo e modo! ed inoltre bisogno sapere quando è il momento di fermarsi, di riflettere! quelli sono solo prepotenti.

    23. Stanton e Goku fare demagogia politica, intestando ad un partito, piuttosto che ad un altro, azioni di sangue è un atto meschino soprattutto nei confronti di chi quelle azioni le ha subite e le subisce.
      Non si può ridurre la politica a tifo da stadio, non alle spalle di chi ha subito.
      Un gesto scellerato è un gesto scellerato e non un’azione di partito. Vergogna

    24. E chi ha detto il contrario? Di sicuro che ci fosse Berlusconi al governo, oggi come allora, è soltanto una casualità….

    25. senti stanton quell indecenza di napoli succede solo da noi, perche in italia abbiamo ancora comunisti che la pensano come te. in svizzera, in spagna, in francia, in inghilerra placherebbero la manifestazione ( a maggior ragione quando sono contro lo stesso stato) a suon di manganellate e teste spaccate. perche allo STATO si ubbidisce. punto non ce altro da dire. capisco che per te o lo bocchiaro lo STATO nom esiste ma è cosi !!! dimmi in quale altro paese si è visto un indecenza cosi. i napoletani non vogliono la spazzatura che loro stessi hanno creato e “appoggiato” (con l indifferenza. e noi siciliani ne sappiamo qual cosa)con la camorra. ha senso????? perche guardiamo gli altri paesi con ammirazione quando fanno rispettare le regole (vedi modello inglese negli stadi o svizzera con immigrati) e per invece quando DOVREMMO farle rispettare noi veniamo chiamati FASCISTI ???

      per il discorso lo bocchiaro invece : non mi piaci lo sai. ma a differenza delle altre volte in questa vignetta vedo (e lo dico davvero senza astio) poco intelligenza nell esporre quel concetto (antifascista??). cavalchi una onda di una sinistra che aimè non cè piu per volere di milioni di italiani. una sinistra che oramai grida allo scandolo FASCISTA per destabilizzare il clima politico. non vi basta questo clima di TENSIONI ??? perche gridare al FASCISMO quando voi per primi sapete in realtà non eisste piu da decenni ??

      fiero anzi FIERISSIMO di essere diverso da voi

      vincenzo

    26. Vincenzo quando l’unico modo per “far rispettare la legge” è la violenza un pò mi preoccupo…

    27. stanton evidentemente non sai il significato di NORMA GIURIDICA e di sanzione. vuoi riscrivere la costituzione con lo bocchiaro ?? oppure direttamente vivere in anarchia

    28. Caro Vincenzo, ti prego di moderare i toni.
      Io non ti conosco e l’espressione “non mi piaci” mi fa sul serio impressione.
      Ti ho invitato altre volte, se la vista delle mie vignette ti fa così impressione tanto da non riuscire a evitare l’insulto ad attenzionare altri vignettisti.
      Sono d’accordo con Stanton quando dice che se l’unica possibilità che ci è rimasta è quella della repressione allora abbiamo fallito, ma su tutta la linea.
      E la distinzione destra-sinistra sei tu che l’hai introdotta in questa conversazione, mentre io parlavo dell’inquinamento di un modo di pensare che rischia di diventare ahimè veramente trasversale.

    29. @ glb: io il “non mi piaci” di vincenzo non lo leggo sul piano personale ma su quello artistico. dire che, per es, botero non mi piace, non è lesa maestà, spero.
      si chiama “critica”.
      siccome tu sei vivo e vegeto, e rispondi delle tue opere non vedo e non comprendo perche ti impressioni. o forse sei abbituato solo al consenso? detto cio, spero di non aumentare la tua impressionabilità, ma , nenche a me, soprattutto questa vignetta, mi è piaciuta: oramai il messagio che vorresti far passare è, come dire….., trito, ritrito a tal punto che diventa fastidioso.
      @ stanton: ti giungerà nuovo ma, siccome siamo in una democrazia in cui esistono delle leggi, e ci aspettiamo che tutti le seguano. E la polizia esiste perche ci sono persone che tendono a seguire solo quelle che gli convengono, non tutte.
      e come se i bambini seguissero alcune indicazioni dei genitori, non tutte.
      c’è una regione che, per tutta una seie di motivi, sta annegando nell’immondizia.
      sono stati scelti dei siti dove scaricarla.
      non si possono bloccare le strade, incendiare pulman, tirare molotov perchè non si è d’accordo sulla ubicazione dei siti.
      la repressione come la chiami tu ma giusta reazione, blanda secondo me, nasce da questo comportamento asociale.
      il vero fallimento è che ci sono persone, come voi, che non si sa bene per quale motivo, approvano questa violenza.
      spero che i vs figli non seguano questi esempi…

    30. Čvava sero po tute
      i kerava
      jek sano ot mori
      i taha jek jak kon kašta
      vašu ti baro nebo
      avi ker.

      kon ovla so mutavla
      kon ovla
      ovla kon aščovi
      me ğava palan ladi
      me ğava
      palan bura ot croiuti.

      (Poserò la testa sulla tua spalla
      e farò
      un sogno di mare
      e domani un fuoco di legna
      perché l’aria azzurra
      diventi casa
      chi sarà a raccontare
      chi sarà
      sarà chi rimane
      io seguirò questo migrare
      seguirò
      questa corrente di ali.)

      da Khorakhané (A forza di essere vento) di Fabrizio De André
      Lingue: Italiano, Romanes

    31. @Dinessunpartito.
      Innanzitutto complimenti per il nik, lo condivido così in pieno che guarda la fatalità lo farei quasi mio visto che nn ho mai avuto tessere e non mi sono mai aggregato a gruppi di alcun genere, pensa che non sono manco iscritto al dopolavoro.
      Fattoti un quadro sereno di chi sono, ti ringrazio per avermi dato del demagogo, è quello che pensi e mi stà bene, ma averlo fatto perchè ho connotato la violenza con UN partito politico, mi porta a dirti che hai la coda di paglia.
      Mi chiarisci dove, come, quando lo avrei fatto?
      di che partito avrei parlato?
      Oh siccome sono abituato al “pratichese” e al coraggio (nn sò se avete presente)delle mie azioni, risparmiamo le lungaggini, ebbene sì, identificavo qualcuno in particolare, ma non perchè sono un genio, solo perchè in determinate azioni “stì tipi” ci mettono la firma.
      E’ cambiato il governo, questo governo HA delle caratteristiche, ha in seno taluni personaggi che si sbilanciano in dichiarazioni non certo pacifiste ( credo che all’ UE non siano tutti matti per averci già fatto dei rimbrotti)e subito nel paese si respira “un clima diverso” e si vedono con frequenza stemmi, bandiere, simboli che credo in Italia siano proibiti e che comunque connotano senza dubbio alcuno l’estrazione politica di questi soggetti.
      Se non volete che io sia demagogico, dite a “questi” di andare a picchiare e spaccare portandosi appresso solo bandiere bianche, cosicchè io, Lo Bocchiaro, Stanton e tanti altri parleremo in futuro di ” ANONIMI VIGLIACCHI”, di sconosciute bande di debosciati che nel branco traggono forza scatenando violenza verso i piu deboli.
      Li chiameremo così, ma finchè si presenteranno con svastiche e fasci,….quello sono,…….fascisti!

    32. E che dire di “aquerela” che definisce la maggiorparte degli italiani geneticamente stupidi? Ha parlato l’intelligente, che se ragiona così meglio perderlo. Vai pure, non sentiremo la tua mancanza.

    33. Allo stato si ubbidisce?
      sempre e comunque?
      quindi i partigiani erano terroristi?
      Bene, apprendo da Vincenzo delle nozioni che credo erano chiare qualche anno fà.
      Ha già la Norma và rispettata, a prescindere se giusta o no!
      C’era un tipo….sempre qualche anno fà…che ne aveva una semplice semplice, O STAI CON ME o vengono a picchiarti a sangue.
      Certo era una norma da rispettare, non credo si aveva scelta.
      Sapete che vi dico?
      Quando rientro a casa la sera d’ora in poi “mi quartio”, non vorrei incontrare qualche “Gruppo” di “valorosi applicanorma” che mi volessero fare una lezione “veloce veloce” di Diritto.

    34. 😀

    35. GOKU 😀

    36. @ goku: Quando, parlando di camorra, associ a questa il colore blu evidentemente usi un simbolo calcistico o ti riferisci al blu proprio delle classi blasonate; in nessun caso ad uno schieramento politico: devo aver frainteso.
      Scusa se non edulcoro con faccette sorridenti le mie parole ma il tuo pensiero non posso nè condividerlo nè accettarlo.
      USARE un atto di violenza per attaccare un partito è un gesto vile.
      Chi viola la legge è un malvivente.
      Chi subisce un atto di violenza è una vittima.
      La strumentalizzazione politica riduce l’efferatezza dell’azione ad una bagarre da cabina elettorale.
      Ciò è offensivo ed inaccettabile.
      Io mi sento offeso da chi usa la sofferenza altrui per fare politica.
      Trovo che questo modo di far politica abbia la stessa serietà di quei leaders di partito che scendono in piazza gridando “chi non salta comunista è”.
      Sinceramente non penso che il tuo pensiero e quello di Stanton siano quello della sinistra.
      Nemmeno vi associo ad una compagine politica.
      Ritengo che sia il pensiero di “tifosi” che si servono del dolore altrui come mezzo di propaganda politica fine a se stessa.

    37. vincenzo, temo che tu non abbia capito proprio nulla dei contenuti della vgnetta di Lo Bocchiaro…che è, vedi tutto nero???? I tuoi commenti sul fascismo che non esiste più ( e sono d’accordo) stridono un attimo con il tuo definire “comunisti” quelli che la pensano come te. Se Certe differenziazioni vetuste sono ormai obsolete, ciò deve essere valido per tutti. O non vorrai mica essere paragonato a Berlusconi che in questa campagna elettorale non ha fatto altro che cavalcare l’onda dei comunisti che mangiano i bambini!!!!!!suvvia!!

    38. Stupenda come sempre la vignetta di Peppone, chiara, e rivelatrice di una realtà che tutti fingono di non vedere.
      Cambiano i termini, cambiano gli strumenti, cambiano le persone (i connotati anagrafici), ma la “sostanza” culturale di una certa destra rimane.
      Dovremmo dialogare di più e passare meno tempo davanti alla televisione a lamentarci di alcune scelte infelici di questi neo governanti che vedono “l’altro” o come comunista o come un negro da annientare o educare forzatamente. La vignetta di Peppe non è di destra o di sinistra, semplicemente racconta l’oggi, un oggi molto scomodo, scomodo per tutti, scomodo e fastidioso per molti…purtroppo. Avanti Peppe, continua così…libero!

    39. Comunismo e fascismo sono oggi termini che fanno comodo a chi, sconoscendo la storia, vede streghe dappertutto.
      Qualcuno ci infila le BR addirittura nel 1968, insomma una cosa è parlare di accadimenti storici che sono avvenuti, purtroppo, un’altra è fare dietrologia.
      Oggi occorre vigilare e tenere le coscienze sveglie su certi fenomeni di neofascimo e neonazismo che purtroppo dilagano in certe realtà, italiane ed europee, dove la ragione umana e la razionalità sono diventate un optional.
      Svastiche, croci uncinate, saluti romani vanno combattute ed affrontate nella democrazia pensante, cioè andando a capire perchè quattro più o meno schiffarati giovani ventenni di Verona, a titolo di esempio, massacrano ed uccidono un altro giovane a legnate, per motivi davvero futili.
      Trenta e rotti anni fa, dalle nostri parti, per esempio davanti all’Umberto, qualche scazzottata ce la siamo gestita, dall’ altra parte c’era anche qualche attuale consigliere comunale, ma erano “sciarre” dove ciascuno era nella propria buona fede politica, c’era molto idealismo, molta purtroppo ideologia, da entrambi le parti.
      Oggi tutto questo a livello giovanile è zero assoluto, non esistono tensioni, interessi politici, voglia di impegnarsi a cambiare qualcosa.
      Le assemblee di istituto vengono collocate nei giorni strategici dei ponti scolastici per venire regolarmente disertate dagli studenti.
      Mi spiegate che senso ha oggi ancora discettare su destra e sinistra, su fascismo e comunismo ?
      Parliamo di conservatori e progressisti, cerchiamo di ricondure e riaffascinare le nuove generazioni alla buona politica, smettiamola di citare oggi a convenienza situazioni avvenute 30, 40 , 50 anni fa.
      Giusto è fare della storia, la nostra storia, quella dei nostri padri e dei nostri nonni tesoro per non ripetere gli errori commessi, da entrambe le parti.
      Altrettanto giusto è guardare avanti per costruire nuove politiche, con accordi dove c’è comunanza di intenti, con la democratica opposizione ove ci fosse qualcuno che vorrebbe una sorta di eccellenza del Nord a discapito di un parassitario Sud.
      Ci sarebbe da scrivere e discutere, ma a parte i complimenti a Lo Bòcchiaro, taglio quì.
      Giuanni

    40. Non esiste più il fascismo? Mah! Legge 20 giugno 1952, n. 645, art. 4 apologia del fascismo, art. 5 manifestazioni fasciste. Sarebbe più corretto dire che per troppoo tempo questa legge è stata poco considerata, ma non mancano certo le occasioni per applicarla.

    41. “il vero fallimento è che ci sono persone, come voi, che non si sa bene per quale motivo, approvano questa violenza”
      Caro Fantoni, che fai? Giri la frittata? Veramente è proprio perchè non approvo la violenza che non concepisco quello che è successo a Napoli. Non soltanto non approvo la violenza ma non approvo la violenza che arriva dalle forze dell’ordine quando ad esser caricati sono anziani, ragazzini e giornalisti!

    42. Da non credere ai commenti che generano coloro che hanno perso le elezioni. Perchè si tratta di questo: si va democraticamente al voto, alcuni perdono, altri vincono. E perdendo, e avendo vinto male due anni prima si ha l’impressione che questi alcuni, non solo non abbiano imparato a vincere ma neanche a perdere, continuando ad aggrapparsi a chissà quali pericoli in agguato. Eppure i regimi comunisti sono ancora lì in piedi a far danni da lustri, e quelli si che sono reali. Lasciatelo in pace Aristotele che il sillogismo vi viene male. Per certi stupidi, quelli sì, finite con l’insultare milioni e milioni di persone. Siate seri, che è meglio.

    43. In democrazia vince solo il popolo sovrano. In Italia ha vinto il PDL, eletto dal popolo, che governi il PDL, che faccia meglio che possa e dove ci saranno convergenze di vedute, l’opposizione darà una mano, per il bene dell’Italia.
      Là dove si riterrà che sta marcando male, faremo l’opposizione. Questo è il sale della democrazia, che più e partecipata e meglio è.
      Chi non ne può più, il “bisticcio” di parole è voluto, è inutile che stia alla finestra a sentenziare e dare patenti di stupidità e di serietà.
      Che si impegni quotidianamente in politica, nella buona politica, in qualsiasi schieramento, ma che si ci metta, poco o molto tempo che abbia.
      “Dei regimi comunisti” , e la definizione è degna di chi la scrive, combatterò personalmente la mancanza di libertà, d’espressione e di vivere civile, come d’altronde dei regimi dittatoriali e neofascisti, in egual misura.
      E lasciate riposare in pace Aristotele e isuoi sillogismi, che mi ero pur scordato cosa voleva dire…..
      Giuani

    44. da piccolo abitavo vicino il manicomio. c’era sempre un pazzo che, dietro una finestra con le sbarre, passava il tempo contando. 1,2,3,…100,…. 200,….. 1000, ……
      ed io non capivo ma mi incuriosivo. un giorno finalmente mi chiama e mi fa: “ma questo è il manicomio?” “si”, risposi. “MA QUANTI SIETE LA DENTRO?”
      ….
      stanton, ti rammento che la violenza è iniziata quando una minoranza ha tentato di imporre un suo volere con metodi da guerriglia urbana! quella è la violenza!
      un governo deve governare, non cercare consensi: anche se a chiaiano non sono d’accordo, c’è una emergenza che, per essere superata, presuppone un sacrificio.
      a nessuno piace avere una discarica vicino ma quello che stanno combinando non era mai accaduto in Italia.
      Hanno strade, acquedotti, scuole, ospedali,…. avranno anche una discarica. pazienza.
      oggi pure l’IDV ha approvato, sia pur con riserve, l’operato del governo in campania.
      ergo, oggi, tutti, TUTTI in parlamento sono concordi che l’approccio all’emergenza monnezza è, sostanzialmente, corretto (nel senso che è finita la stagione dei NO e dei ricatti delle minoranze e che ad ogni azione si rispondera con azioni di uguale intensità perche il paese deve andare avanti) e si va nella direzione giusta.
      sono rimasti contrari i gruppi extra parlamentari, di sx e dx, che comunque si guardano bene di dare eventuali ( non ce ne sono.. ) alternative ( la raccolta differenziata non elimina i rifuiti, oggi non c’è ed ha bisogno di tempo per partire quindi non va bene, non cominciare) e cavalcano la tigre per cercare visibilità e consensi ( poi li misuriamo … 3%! ) e la camorra ( perchè le discariche a norma disturbano i loro affari ).
      tu con chi stai?

    45. @ stanton: diementicavo la cosa piu importante: “giro la frittata??” ma li leggi i post o guardi solo le figure? leggilo tutto e poi parla anche delle molotov, delle bombe carta, dei bus incendiati, delle pietrate ai vigili del fuoco,……..

    46. @Goku Fossi in te eviterei di attribuirmi tonalità, quelle tonalità. Non ho mai pestato alcuno, non ho istinti violenti e non ho neanche mai causato lesioni colpose, figuriamoci dolose. Descrivermi come se dovessi esaltarmi di certi episodi offende me come credente in Dio, e in questo caso, ti assicuro, la politica resta davvero fuori.

    47. Fantoni, Posso parlare anche del giornalista del TG3 preso a manganellate? Poi, magari con una figura, mi spieghi quale ‘comportamento asociale’ stesse mettendo in atto! E la sua telecamera cosa stava facendo? Forse stava lanciando una molotov?

    48. @ stanton: guarda guarda è un giornalista del tg3! mediaset, rai1 rai2 TMC, Sky etc etc nessun problema! come mai?
      cmq va bene, hai vinto tu: mi arrendo.
      continua a guardere il dito!

    49. Avrei scommesso sulla tua risposta..è del tg3…e allora??? Merita le manganellate?? Senza parole! 😐

    50. di ipotesi se ne possono far tante: forse il giornalista del tg3 era un guardone e andava sanzionato con qualche colpo ben assestato 🙂

    51. ma che bel dito che hai . . . . . . .

    52. cmq aspetto sempre per le bombe carta, dei bus incendiati, delle pietrate ai vigili del fuoco,……..
      ma so gia che è un’attesa vana.

    53. Ma che vuoi dire??? Io attendo per gli anziani, per i ragazzini, per quelli con le gambe fratturate e per il giornalista! Ma come fai a giustificare certe cose?? Potresti esserci tu per strada un giorno, senza molotov e senza sassi ma picchiato come se fossi un criminale! E adesso basta perchè è davvero un confronto sterile!

    54. chi è causa del suo mal …….
      a 50 anni non mi è mai capiatato: saro fortunato??
      per favore…….

    55. Direi che sia arrivato il momento di calmarci. Credo che la vignetta fosse nata per mettere in luce i rischi di violenza gratuita che oggi esistono in Italia e in Europa, e non vorrei che i vari commenti si surriscaldassero troppo, sfociando in violenza, anche se solo verbale.
      L’attuale Governo è in carica da pochi giorni. Io da elettore di sinistra non credo che le prime mosse siano state così negative, nel senso che una riaffermazione dello Stato e della legge era ormai necessaria. Non è possibile che si protesti contro tutto e tutti, bloccando qualunque iniziativa. Ovviamente lo Stato e il diritto non possono affermarsi con la violenza. E certamente spero che i vari gruppuscoli di naziskin, che si sentono protetti dal nuovo Governo, vengano isolati al più presto proprio dal nuovo Governo.

    56. bravo Josh71: ti quoto!

    57. ‘Ovviamente lo Stato e il diritto non possono affermarsi con la violenza’

      Fantoni, hai le idee un pò confuse se quoti Josh!

    58. Fantoni, esistono tante possibili ragioni per cui non sei mai stato pestato, una delle quali è che non ti sei mai trovato nel mezzo di una carica. Può capitare anche per sbaglio, sono numerose le cronache al riguardo. Lo Stato sembra aver rinunciato da tempo all’educazione dei suoi cittadini (televisioni, scuola, videogames etc) e così quel che resta è la violenza.

    59. stanton: non ciurlare il manico: prima rispondi alle bombe carta, ai bus incendiati, alle pietrate ai vigili del fuoco,……, se sei in grado. poi parliamo d’altro.
      e stai tranquilla che le mie idee non sono confuse, tutt’altro!
      @ settimo: saro fortunato, che ti devo dire. riguardo l’educazione sono d’accordo: non essendoci piu la certezza della pena ognuno fa come gli pare e quindi 1000 persone possono violentare impunemente una regione. favorendo la camorra, ricorda!

    60. Fantoni, la pena appartiene alla categoria “correzioni”, l’educazione la dovrebbero fornire le famiglia (società naturale) sia lo Stato in qualità di ente ordinatore della società. Le famiglie sono in grave crisi, sfaldate se non distrutte: Da quali eventi? Boh! Tiriamo a indovinare? Lo Stato ha rinunciato da decenni al suo impulso educativo, tutt’al più istruisce, neanche tanto: Chissà perché?

    61. Oggi ho trovato questa mail nella mia casella, la inoltro a voi:

      Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento, perché rubacchiavano.
      Poi vennero a prendere gli ebrei
      e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.
      Poi vennero a prendere gli omosessuali,
      e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.
      Poi vennero a prendere i comunisti,
      e io non dissi ninte, perché non ero comunista.
      Un giorno vennero a prendere me,
      e non c’era rimasto nessuno a protestare.
      (Bertolt Brecht)

    62. grazie dell’ e-mail,ma
      io la reinvio al mittente.Non siamo piu’a quei tempi.
      Per gli ebrei oggi c’e’ molto rispetto.
      Forse perche’ sono cambiati.
      I comunisti non esistono piu’.
      Restano i rom e gli omosessuali.
      Oggi ho capito il senso di sx arcobaleno.
      Oggi ho visto sfilare il Gay Pride in Brasile
      sotto i colori dell’arcobaleno.
      Ma ancora oggi un padre,a Palermo,ha accoltellato il figlio di 18 anni,perche’ ha scoperto di avere un figlio gay,che secondo la cultura locale,infanga il buon nome e l’onore della famiglia.
      Sarebbe interessante vivere in un mondo in cui tutti
      vivessimo con la filosofia dei rom.
      sarei proprio curiosa di vedere come andrebbe a finire.

    63. @ Flavia.
      Scrivi “Per gli ebrei oggi c’e’ molto rispetto.
      Forse perche’ sono cambiati”. Cosa vuoi dire? Che ai tempi di Hitler gli ebrei avevano meritato le persecuzioni e l’olocausto? Oggi, invece, hanno imparato la lezione e sono cambiati, si sono adattati?
      In generale, trovo il tuo commento alle frasi di Brecht veramente inquietante. Troppo facile pensare che non siamo più a quei tempi e che quindi certe cose non potrebbero più succedere. Purtroppo basta poco perché accadano e soprattutto ci si abitui, basta poco perché la gente benpensante si giri dall’altra parte mentre portano via i diseredati di turno. L’importante è che non capiti a noi?

    64. Flavia credo che tu non abbia colto il significato delle parole di Brecht.
      Se per te è come una lista della spesa, allora aggiungi gli extracomunitari e togli gli ebrei.
      E spiegami che significa “perchè sono cambiati”.

    65. Agghiacciante! 😐

    66. spiego meglio il mio pensiero.
      Nel dopoguerra e’ nato lo
      “Stato di Israele”,
      che ha dimostrato a tutto il mondo cosa e’ capace di realizzare questo popolo solo avendo
      “una base solida”
      su cui costruire,vedi attivita’ nella
      difesa,energia,banche,agricoltura,commercio,turismo,etc.
      Nessuno oggi puo’ pensare che sia una razza inferiore.
      E’ quindi la loro immagine che e’ cambiata,oggi.
      Io non ho scritto che si sono meritati l’olocausto.
      Posso dire che altri hanno approfittato della loro condizione di debolezza,pertanto nelle mie considerazioni non c’e’ nulla di inquietante,
      Io diffido da tutti quelli che manifestano
      orgoglio di varia natura(sono orgoglioso di essere bianco,di essere cattolico,di essere ariano,
      di essere siciliano,etc).
      In queste manifestazioni di orgoglio si annida il seme della violenza,il desiderio di sopraffazione,il disprezzo per “i diversi”.
      Quindi attenzione a non attribuirmi certe idee,che sono
      e restano vostre.
      Quello degli extracomunitari e’ un fenomeno nuovo.Se si fosse manifestato allora,stai certo che Brecht lo avrebbe inserito.
      I gay oggi sono abbastanza liberi di fare quello che vogliono,mi pare.Appena nel 1860 in Inghilterra,
      venivano impiccati.

    67. Guarda che gli Ebrei se la cavavano benissimo anche molto ma molto prima della seconda guerra mondiale!Anzi, forse anche troppo per qualcuno…. 😐

    68. Peccato che poi è bastato che arrivasse un pazzo al potere in Germani per organizzare l’Olocausto contro di loro.
      La mia idea, che ribadisco, è che non possiamo mai sentirci sicuri e tranquilli per le libertà acquisite. Basta poco per metterle in discussione. Le frasi di Brecht sono quindi sempre attuali, anche se non necessariamente riferite agli ebrei. Le minoranze di varia natura sono sempre a rischio discriminazione. Nell’animo umano purtroppo si annida sempre e comunque il desiderio di uniformare gli altri alla propria idea di normalità. Soprattutto nelle fasi di crisi di una società (come forse oggi in Italia) si cercano capri espiatori tra chi viene ritenuto diverso e non portatore degli stessi nostri valori.

    69. scusate ma che c’entra farne una questione di razze o orientamenti sessuali? il problema oggi è un altro e dovrebbe essere ricondotto a chi delinque e a chi no. Zingaro o principe che sia. Purtroppo è il termine “fascisti” della vignetta ad avere dato la connotazione politica sin dall’inizio a tutta questa discussione. Togliendo dal discorso certi deteriori “risvegli” da parte di alcuni decerebrati, per quanto riguarda invece il problema sicurezza (e quindi le azioni delle Forze dell’ordine) credo che certi passi fossero un po’ obbligati e sarebbero venuti a prescindere dal colore del governo in carica. Con sfumature diverse ma sarebbero venuti ugualmente.

    70. Sono le sfumature che fanno la differenza….

    71. @stanton
      dici? Tengo anch’io molto alle sfumature e alle forme, ma purtroppo nella vita contano e restano di più i fatti di sostanza.

    72. da quello che sento in Tv in questi giorni,molte iniziative di questo governo trovano consenso anche nell’opposizione,perche’ quando sorgono problemi
      che mettono a rischio la salute e la vita dei cittadini
      “i provvedimenti vanno presi”.
      Per me,ribadisco,citare Brecht con le sue riflessioni e’ inopportuno nel 2008,anno in cui i problemi sono rifiuti e sicurezza nelle case degli italiani.
      Mi pare che si sta cercando il modo di combattere chi delinque e non ci porta alcun beneficio.
      Se qualcuno ha idee migliori le presenti.
      Inoltre mi pare che fin’oggi si e’ dimostrata grande solidarieta’ verso gli extracomunitari,da qualunque paese provengano. Ma e’ ovvio che arriva un momento in cui anche l’Italia diviene un paese saturo.

    73. finalmente ci siamo capiti.
      Pero’ percepisco un clima di tensione, in alcuni,che mi pare del tutto ingiustificato.C’e’ gente pronta ad analizzare ogni segnale ed ad amplificarne la portata.
      Non mi pare sia il caso.
      Le dx hanno avuto un consenso solido e devono governare.
      le sx devono ancora analizzare in che cosa hanno sbagliato,e si sono messi l’animo in pace.
      Quindi,all’orizzonte,non vedo nulla di inquietante.

    74. Quindi mi pare di capire che:
      gli ebrei si sono convertiti;
      i gay sono liberi, felici ed hanno tutti i diritti;
      gli extracomunitari vengono accolti con grande solidarietà;
      Viviamo in un mondo meraviglioso e non me ne sono accorto!

    75. Si sta che è una pacchia caro Virus!

    76. E’ un Italia che gira!
      (si prega di googlare su “youtube albanese italia che gira”)

    77. Non ne farei un fatto ideologico. La televisione, ahi noi, ci ha di recente mostrato (comodamente) anche “fascismi di sinistra” reprimere i Tibetani.
      L’elettorato si è di recente espresso tenendo fuori dal Parlamento certe logiche nelle forme più estreme, chiedendo invece risposte a ben altri problemi. Peraltro conto gli ebrei isreaeliani abbiamo spesso visto schierate anche certe sinistre filopalestinesi, contro i gay dementi non solo di destra ma anche semplicemente retrogradi. Verso gli extracomunitari c’è attenzione per il semplice fatto che la statistica dei reati al momento è contro di loro. Penso che negli Stati Uniti c’è ne stata e c’è ne nei confronti dei Siciliani e certe loro famiglie (in altre etnie “clan”) non in quanto tali, ma perchè forieri di un fenomeno criminale. Anche noi qui abbiamo avuto nel 1992 l’esercito nell’operazione Vespri e non credo che ci siamo sentiti sotto repressioni di regime. Ma in emergenza si. Ripeto non ne farei un fatto ideologico. A Roma Rutelli avrebbe affrontato comunque il problema sicurezza. In campagna elettorale ha cercato di far capire (ma evidentemente non ha convinto) che vi era pronto anche Serra per cercare risposte concrete. Non credo sarebbero durati comunque per molto gli accampamenti sotto i cavalcavia vicino la stazione di Tor di Quinto. Anzi dopo l’omicidio Reggiani mi sembra abbia cominciato il governo Prodi a sgomberare quei campi…

    78. per chiudere l’argomento,se Brecht fosse vivo oggi,
      non scriverebbe una roba del genere.
      Non ci sono i presupposti.
      Troppe cose sono cambiate.

    79. E’ vero. In peggio.

    80. “..E’ vero. In peggio….”:
      avevo l’impressione che qualcuno qua dentro parlasse per luoghi comuni, per sentito dire, per moda e citasse poesie per darsi un tono.
      ora ne ho la certezza!
      @ stanton: forse avrei piu speranze con godot?

    81. Finalmente un po’ di autocritica.

    82. secondo me, che che ne dica Flavia, la poesia di Brecht continua purtroppo ad essere valida. Ho già citato il Tibet ma anche vicino casa nostra abbiamo assistito e rischiamo di tornare a vedere guerre etniche tra Bosniaci, Serbi, Croati, etc. Per non parlare dell’Africa dove vi sono stragi continue tra etnie rivali nell’indifferenza dei più. Se l’argomento però vuole essere quello di un simile pericolo in Italia, di un emergenza xenofobia, etc. etc. la risposta è…ni. In effetti il vento è diverso ma anche per colpa dei troppi episodi di criminalità dovuti agli stranieri. Il fenomeno però è trasversale. A Rozzano vi sono le ronde della giunta di sinistra. Il resto lo fa l’allarmismo dell’Europa tuttavia abbastanza interessato. La Spagna che è stata ben più dura sull’immigrazione clandestina, strepita perchè teme che – se l’Italia diventa più rigida sul problema – i flussi migratori ritornino a interessare le sue coste.
      P.S. perchè non si riesce a parlare di questo argomento senza polemiche? E’ abbastanza evidente lo schieramento di alcuni commentatori (incluso l’autore del post), ma qui la parte politica c’entra fino ad un certo punto. La verità raramente è fatta di bianchi e neri ma più spesso di moltissime gamme di grigio.

    83. M.Fantoni
      io non so chi scrive in questo blog,ed a quali fini.
      70 anni fa la Germania produceva armi e si accingeva ad invadere l’Europa.
      Oggi l’Italia invade la Germania,con i Rifiuti napoletani.
      70 anni fa era meglio?

    84. @ emilio: sei sicuro di aver inquadrato correttamente sia il contesto che il senso di quanto ho scritto?

    85. M.Fantoni
      vai tranquillo,che la tua ironia e’ chiara.
      pero’ ci sono altri che sostengono che oggi e’ peggio di quei tempi.A me non pare che si profilino oggi
      le nubi oscure di fine anni 30.

    86. che forte!!!!!
      vedere i meridionali che non vedono il fascismo…..hi hi hi hi sarà un modo per non pensare che dopo i rom toccherà ai terroni????? hi hihi h

      by mirtilla terrona da sempre

    87. la mamma dei cretini,sempre incinta e’

    88. Carissimi tutti,
      Vorrei ricordare a proposito dei temi del razzismo e dell’odio etnico che il 27 maggio (quindi ieri) è stato il 15° anniversario della strage della fila del pane avvenuta nel 1993 a Sarajevo. Vorrei che tutti voi vedeste il video su you tube per ricordare cosa è la guerra e cosa produce il razzismo ed il nazionalismo. Avevo appena vent’anni quel giorno e ricordo ancora le impressionanti immagini. Spero che Rosalio possa inserire questo video avvertendo sulla crudezza delle immagini. In ricordo di tutte le vittime dell’odio razziale.
      Grazie!

    89. mi sembra un intervento fuori,ma proprio fuori luogo.
      Si sta trasformando in razzismo e nazionalismo l’esigenza di sicurezza che chiedono gli italiani.
      Da un rapporto(Ministero dell’interno)
      sui crimini in Italia su un triennio:
      .
      …………………..in testa
      Omicidi volontari Rumeni
      Tentati omicidi Marocchini
      Lesioni dolose Rumeni
      Violenze sessuali Rumeni
      Furti in abitazione Albanesi
      Furto con strappo Marocchini
      Furto di auto Rumeni
      Furto con destrezza Rumeni
      Rapine a domicilio Rumeni
      Rapine in banca Tedeschi
      Rapine in Uff.Postali Irlandesi
      ” in Esercizi Commerc Rumeni
      ” in strada Marocchini
      Estorsioni Rumeni
      Frodi e Truffe Marocchini

    90. adesso che sull’episodio di aggressione a Roma
      e’ saltato fuori un reoconfesso (vedi Repubblica)
      con tatuato sul braccio il “Che”,
      che comunque ha discinto
      la sua azione da ogni notazione politica
      che dite?
      Mi ricorda il frastuono sui murales su messina denaro
      (che poi sono risultati opera di 2 balordi).
      .
      Per me c’e’ chi soffia per fare montare
      inquietudini che non esistono.

    91. Caro Emilio,
      Tutti sanno che il rapporto del Ministero dell’Interno fa riferimento non a tutti i reati commessi in Italia ma ai soli reati commessi in Italia dagli immigrati. Il Ministero dell’Interno ha fatto una classificazione per nazionalità solo dei reati commessi dai “non italiani”. Dunque le tue interpretazioni sono fuori luogo e fuori tema. I rumeni sono al vertice della classifica non perchè hanno una predisposizione genetica al crimine ma perchè semplicemente è la comunità più numerosa in Italia. Dopo ciò che ho scritto vorrei farti riflettere sull’ulòtima frase che hai scritto “PER ME C’E’ CHI SOFFIA PER FARE MONTARE INQUIETUDINI CHE NON ESISTONO”

    92. Caro Rosalio,
      Spero sia stato letto il messaggio scritto il 28/05/2008

    93. il fatto e’ che noto sempre piu’ spesso la tendenza a generalizzare ed ad esagerare,partendo da un singolo episodio,che spesso non e’ rispondente nemmeno alla verita’ dell’accaduto.Cosi’ e’ successo per i murales
      e cosi’ per il fatto di Roma.Due eventi che non hanno nulla a che vedere ne’ con la mafia ne’ con la politica
      (come precisato dagli autori nelle rispettive interviste).
      Eppure i blog sono pieni di commenti allarmistici
      Il PDL e’ un partito di Centro Dx,non un partito di DX.Il nocciolo duro e’ costituito da elettori moderati di Centro.Siamo in Europa e non vedo queste spinte “nazionalistiche”.Non possiamo meritarci di essere definiti “razzisti” solo perche’ vogliamo mettere freno a chi delinque.L’Italia e’ un paese che fin’oggi ha accolto immigrati da tutte le parti del mondo,dimostrando grande solidarieta’ umana.
      Detto questo,per me,chi spera di alimentare inquietudini
      di varia comprovazione scomodando Brecht od eventi storici,e’ uno che legge troppi libri di storia e
      filtra il presente attraverso la visione di fatti e situazioni ormai remote ed irripetibili,e poco pertinenti.
      Se si rispedisce un delinquente a casa sua non e’ per razzismo o per odio etnico.E’ solo per dare serenita’ alle famiglie italiane e consentirgli di vivere in pace la loro vita.
      I dati da me riportati mostrano un ventaglio di crimini
      che io stesso non immaginavo fossero cosi’ ben classificati. Non auguro a nessuno di incrementare
      la statistica.

    94. …acora una cosa
      Se in questo paese li leggessero tutti i libri di storia si voterebbe meglio e staremmo molto meglio tutti! Leggeteli i libri di storia poichè gli uomini e le donne sono sempre uguali e leggendo la storia (soprattutto la storia d’Italia degli ultimi 60 anni) capirete molte cose del presente!

    95. la cosa che ti sfugge e’ che qui puoi incontrare gente che la storia degli ultimi 60 anni(se non di piu’) l’ha vissuta sulla propria pelle ,oltre che avere studiato praticamente tutto quello che le scuole di ogni ordine e grado erano in grado di offrire.Vero e’ che ci sono i famosi corsi e ricorsi storici,i cicli,ma quanti sono
      in grado di capire quando veramente si sta ripetendo un ciclo?
      I piu’,mi pare,fanno politicaccia.

    96. Caro Emilio,
      Ma io non parlavo dei corsi e ricorsi della storia!
      Parlavo degli uomini e delle donne che in epoche differenti e poste davanti a circostanze simili si comportano allo stesso modo (o quasi); non parlavo di episodi che possono ripetersi ciclicamente. Faccio un esempio: alla fine della seconda guerra mondiale quando scoprirono i campi di sterminio nazisti tutti urlarono “mai più, mai più”, dopo qualche decennio ecco ripetersi i fatti (vedi i Gulag, la Cambogia, l’ex-Yugoslavia il Cile ecc.). Attenzione alle persecuzioni anche mediatiche nei confronti della gente immigrata!
      Ciò ovviamente non impedisce che gli immigrati delinquenti vanno si espulsi ma solo dopo avere scontato la pena in Italia.

    97. @ Riccardo
      questa della immigrazione e’ una cosa maledettamente
      complessa,aggravata dall’ingerenza e dalle spinte della politica.
      Forse,sui punti cruciali,converrebbe fare un Referendum e sentire cosa vogliono veramente gli Italiani.
      Tu proponi di fare scontare la pena in Italia a chi delinque.
      E’ una scelta,solo per fare un esempio,che io non vedo bene e ti dico perche’.
      In primis si dice che le carceri sono sature.
      E poi non vedo perche’ ci dobbiamo caricare pure i costi di mantenimento in carcere di gente che e’ arrivata clandestinamente in Italia e
      sopravvive fuori della legalita’.
      Questi 2 elementi sono piu’ che sufficienti per rinviare queste persone nei loro paesi.
      Resta da capire che fare con clandestini di dubbia provenienza.Se li accompagni ad altra frontiere,nemmeno
      li fanno entrare.Qui sono arrivati perche’ le nostre coste sono una lunghissima frontiera praticamente incontrollabile.

    98. Caro Rosalio,
      cosa è successo al messaggio?

    99. Caro Alessandro è stato rimosso per violazione della policy dei commenti. La prossima volta ti prego di chiedere delucidazioni per e-mail. Grazie.

    100. Faccio le mie scuse ad Emilio ma credo di non poter più scrivere in questo blog. Il mio messaggio precedente non aveva nulla di offensivo! Se poi bisogna “allinearsi” all’opinione comune per essere ascoltati, questo mai! Tolgo il disturbo.
      Scusate.

    101. Riccardo bisogna allinearsi alle leggi dello stato che la policy osserva. Ti prego di non andare ancora fuori tema. Grazie.

    102. Ho letto la policy e non ho scritto nulla di offensivo.
      Stavo discutendo civilmente!

    103. Riccardo se non ti dispiace sta a me valutare. Sono dispostissimo a darti qualunque delucidazione per e-mail. Purtroppo sono costretto a rimuoverti eventuali ulteriori commenti che in questo post sono fuori tema.

    104. @ Riccardo
      non so cosa sia successo.Non esiste un’opinione comune cui allinearsi.Questa e’ “una piazza” in cui tutti possono dire la loro,solo che si limitino ad argomentare con moderazione ed educazione e senza aggredire gli interlocutori.Tutto si puo’ sostenere,e su tutto si puo’ anche cambiare idea,quando gli argomenti risultano convincenti.

    Lascia un commento (policy dei commenti)