venerdì 20 ott
  • Presentato il 384esimo “Festino”

    È stato presentato il 384esimo Festino di Santa Rosalia. Ideazione e regia sono a cura di Alfio Scuderi. Il Festino di quest’anno, La Santuzza – Rosalia, rosa oltre le spine, è dedicato ai sequestrati di tutto il mondo.

    “Carro della Città” di Jannis Kounellis

    Saranno tre i carri e le Santuzze che sfileranno lungo il Cassaro la sera del 14 luglio:
    1- il Carro della Città disegnato da Jannis Kounellis e ricoperto di cristalli Swarovski, già presente lo scorso, anno avra a bordo Paride Benassai, Gino Carista, Giacomo Civiletti e Giorgio Li Bassi (a rappresentare i quattro mandamenti) con la Banda di Palermo;
    2- il Carro del Sentimento popolare, ideato da Fabrizio Lupo, con luminarie e una coppia di sposi posti sotto alla statua della Santa, Elisa Parrinello e la Piccola Orchestrina Ditirammu;

    “Carro del Sentimento popolare”

    3- il Carro della Rosa oltre le spine, ideato da Marcello Chiarenza, con un impianto “terreno” fatto di rami e fiori, che aspira al cielo, sorvolato da un firmamento stellato, costituito da reti di pescatori e da migliaia di specchi; la Santuzza, dipinta a foglia d’oro zecchino, si troverà sopra un monte ricoperto di trentamila rose, Monte Pellegrino.

    “Carro della Rosa oltre le spine”

    Il Festino sarà aperto da Pino Caruso e Claudio Gioè che daranno voce all’orazione con brani tratti da scritti dell’autore e regista Michele Perriera, accompagnati dalle musiche dei Sun e dal Gruppo Polifonico del Balzo.

    A Porta Felice l’ultima invocazione alla Santa sarà affidata a un rap di Vincenzo Pirrotta e alla musica di Salvatore Bonafede.

    Al termine del corteo, una grande luce si accenderà ai piedi di Monte Pellegrino verso il santuario di Santa Rosalia per ricordare tutte le persone sequestrate, bambini, donne e uomini, sotto ogni latitudine, nell’ambito dell’iniziativa Light to freedom. Al Foro Italico, dove sarà montato uno schermo gigante per seguire tutta la sfilata dei carri, si esibirà Nino D’Angelo per una quarantina di minuti circa, poi i fuochi pirotecnici e a concludere il concerto dei Tinturia.

    Tutto il Festino 2008 sarà realizzato da scenografi, musicisti, ballerini, figuranti e maestranze siciliani.

    Da domani al 13 luglio cunti, triunfi, musiche popolari, canti e racconti della devozione che hanno segnato la storia di Palermo e della sua festa apriranno le celebrazioni in onore di Santa Rosalia. Coinvolti in una ventina di spettacoli gli artisti palermitani particolarmente esperti nello studio e nella ricerca di questa secolare tradizione.

    Domani alle 21:00 al Teatro Nuovo Montevergini (piazza Montevergini) sarà inaugurata la mostra Viva Palermo e Santa Rosalia!, visitabile dalle 18:00 alle 22:00; ingresso libero.

    Palermo
  • 24 commenti a “Presentato il 384esimo “Festino””

    1. E’ ufficiale.
      Per la 1^ volta dopo almeno 30 anni non vivrò il festino.
      Per me è triste.
      Vado in vacanza per scelta, questo festino è “assente” (non è questione di soldi, anzi è l’unica cosa buona)
      ed io … non credo ai fantasmi.
      Comunque, prima di palesare la mia “vigliaccheria”, 2 cosine le voglio dire:
      1) La scelta dei “Palermitani” (autori-attori), secondo me è una gran paraçulata dell’amministrazione in carica, che in questo modo intende “sedare” il malcontento popolare (in parte ci riuscirà).
      2)Tuttavia la cosa gli si ritorcerà contro perchè qualcosa mi dice che sarà un successo inaspettato, ed a quel punto dovranno spiegarci COME hanno speso i milioni negli anni passati, dovranno spiegarci come fà un “carro ORRIBILE” a costare 100 ieri ed uno “cosìcosìvà” 20 oggi.
      Buon festino comunque a quelli che ci saranno.

    2. …Tutto il Festino 2008 sarà realizzato da scenografi, musicisti, ballerini, figuranti e maestranze siciliani…
      Finalmente…
      era ora…
      e… NINO D’ANGELO?

    3. Nino D’Angelo non è né scenografo né musicista, né ballerino, né figurante, né (ahimé) maestranza… 🙂

    4. Sono davvero molto triste e molto addolorato di vivere in una città meravigliosa gestita in una maniera così orribile. Neanche io andro’ a vedere il festino, Tinturia a parte senza offendere nessuno…..il resto è davvero penoso.

    5. Sera tarda. Stanza monumentale di un palazzo nobiliare palermitano, scrivania, luce soffusa e una lampada da tavolo che illumina varie carte e documenti poggiati sulla scrivania. Alberto e Dionigi sono seduti, l’uno di fronte all’altro.

      ALBERTO: Che dici figghiò, secondo te abbiamo impostato tutti quelli che dovevamo impostare? (sospirando) ‘Nchia ru’ cavuru…

      DIONIGI: Aspè compà, prima am’a pensare au carro, i scenografie, ba sinnò chi ci cuntamo st’anno?

      ALBERTO: Minchia vero. Vabbè, u carro u facemu cca m’Paliermo, sta minchiata ri sguaroschi nni custò un mar’i piccioli orall’anno e un ci fu uno, dico uno, ca rissi ca era bieddu stu carro… (pausa) U’ greco, poi… picchì, chi c’è bisuogno ri uno ca vene ra’ Ghecia pi’ ffari un carro? “Vengo da Salonicco, fammi fare un carro ricco”, ahaahahahha…

      DIONIGI: Ah, tipo “Vengo dal Peru’, fammi quello che vuoi tu”? Minchia sì troppo fuoirte, compà, ahahhahahah…

      ALBERTO: hahahaha… aaaaah, bedda matri, chi travagghio infame…

      DIONIGI: E allora, deciso, carro con maestranze palermitane.

      ALBERTO: Sè, sè, un potemo fare malafiura, già ca’ st’anno è megghio ca ti mietti u’ casco, figghio’, ca rici ca’ t’hann’ a tirare i pass ZTL, ci nn’è na’ poco ca s’i ficiro plastificati… viri ca’ struppìa!

      DIONIGI: Miiii, autru chi clinica, ‘cca mi mannanu vieru au ‘spitale… Compà ma un ci po’ miettere ‘nnau carro una gabbietta i plechisigras tipo papamobbile?

      ALBERTO: Nca cieirto beddu mio, a mé cumpare un cià fazzu a gabbietta? Apposto, carro palermitano con protezione antipass, chiddici!

      DIONIGI: Grazie compà.

      ALBERTO: Dovere. (pausa) Penzamu ai musicisti e all’attori, cu ciam’a mettere st’anno?

      DIONIGI: Vabbè, i soliti, no?

      ALBERTO: Sè, compà, cca stamu cuminciannu a farini schifiare pi’ daviero, viri ca’ a ggiente un’è tutta chietina, s’a stanno squarannu ca ogni bbuota ‘mpuistamo l’amici…

      DIONIGI: No, no, compà, u viri? Io ci l’assicuravu a chiddu ca u’ ‘mpuistavo st’anno, unnè ca ci pozzo appizzare sta malafiura…

      ALBERTO: Vabbò, como rici tu… allora ci facemu fare sta cosa, a cosa ‘cchiù ‘mpuirtante, vabbene? (sussurrando fra sè e sè) Pare ca a ggiente un s’a squara ca cci facemu fare u fistinu pì paàrisi a casa tutto l’anno.

      DIONIGI: Un minni futte niente, tanto io quasi che sono fuori, ca già mi siddiò tutte ste poliemiche, cuose… Ma picchì a ggiente un si va a fare un bello giro ca’ vairca, un aperitivo, scancio i scassarimi a’ minchia ammìa? Ca poi è inutile ca fai tutto l’onesto, ca ‘ccà vìu puru u nnuommo ri l’amico tuo… chiddu ca suona i tamburi. Chiè, t’u scuirdaisti a malafiura ca fici l’anno scorso? (si alza, e con fare grottescamente grottesco…) VI-VA SAN-TA RO-SA-LIA, VI-VA SAN-TA RO-SA-LIA, TA-TA-TA TATTA’. Minchia un t’u ricuordi a ggiente ca’ friscava ra’ bella? Ma no pi gghiri appresso a iddu cu’ a samba… PICCHI’ FACìA SCHIFO! BRIGUAGNA! Vistutu comè un cretino….

      ALBERTO: O’, compà, calmati, un t’aggitare. (pensa) Minchia vero è, u friscaru tutti, quannu fu… Bà sinnò facemu na cuosa, u facemu suonare cu’ u’ gruppo chiddu suo storico, chiddu ri cose mediterranee, palermo al centro del mediterraneo, cose menze arabe, marranzani, i cuose contr’a mafia, il sole con le spighe di grano, accusì capace ca’ a ggiente un sinn’adduna, che dici compà?

      DIONIGI: Sè, mi pare miegghiu. Ciam’a ffari cridiri a ggiente ca ci su sempre cose nuove, e invece ci su sempre i stesse cuose…

      ALBERTO: Haha… e spinnemu cchiù picca, haha (si ferma, sorride pensieroso) Aspè, sta cosa ca’ ricisti mi pare ca’ a liggivu a quacche banna… Boh… Bello però, haha, ci su sempre cose nuove, e invece ci su sempre i stesse cuose…

      DIONIGI: Ti nn’è ‘nsignare i cuose beddu mio…

      ALBERTO: (pensa, poi assume un espressione preoccupata) Aspè compà, ma si chiddu suona cu’ gruppo am’a paàri n’atra para i cristiani… e i picciuli pu’ carro unn’i pigghio?

      DIONIGI: Minchia.

      (pausa lunga)

      ALBERTO: Vabbè talè, pigghiamo u carro ri sguaroschi ca u posteggiavu a’ Villa Giulia e pi st’anno gira arrè chistu.

      DIONIGI: Mmmmh, vabbò. Però accussì nn’avanzano un sacch’i piccioli.

      ALBERTO: Vabbè, quello che è problema? HAAHAHAHAHAHHAHAH

      DIONIGI: HAHAHAHAH, Fussero chisti i pobbremi! AHHAHAHAHAHH

      ALBERTO: Ahi, ahi (stremato dalle risate), minchia ru cavuru, compà… Senti, piuttosto mi sa che la gabbietta di plechisigras un t’a pozzo fare cchiù, unn’a miettu ca avemu u carro bello pronto e chiavi in mano? Unn’è ca u pozzo smuntare e rimuntare, ba sinnò un ficimo niente…

      DIONIGI: Vabbè niente plechisigras compà. Talè, forse st’anno manco c’acchiano ‘n capu au carro, mi nni vaio alle Hawaii, e vi saluto a tutti.

      ALBERTO: ‘Nchia, sì un fango, compà.

      DIONIGI: Compà… (pausa) u’ fango crisci unn’è ca’ a tierra è muadda.

      FINE

    6. E ci saranno tre Cammarata in ogni carro per gridare W Palermo e Santa Rosalia? Mi auguro di no…uno ni basta e n’assuvecchia.

    7. Saverio: superlativo! senza parole.

    8. Saverio, tu avissi a scriviri ‘i scieneggiature pi’ Sbilberg.
      Noànzinò, chidda è fantascienza.
      Tu avissi a scriviri i sceneggiature per il mondo di Quark.
      Compliementi Savè, sei un genio!

    9. Nonostante il periodo poco brillante dell’amministrazione e del sindaco causa ztl e aumenti vari credo che in questa occasione non sia giusto fischiare il sindaco perchè ricordiamoci che dobbiamo festeggiare la Santuzza.Per fare una contestazione al sindaco credo che si debba fare nella sede del municipio in un’altra occasione.

    10. Saverio mi unico ad Alex…
      Totogol, in linea di principio hai perfettamente ragione, ma allo stato attuale quella del Festino sarebbe l’unica occasione pubblica per incontrare il nostro “fantomatico” sindaco… I palermitani sono arrabbiati, tanto arrabbiati e la Santuzza, per quanto spero non ce ne sia bisogno, li perdonerà.

    11. Un fati abili picchì alla snai l’assenza du signor sinnacu stu annu non la quotano…

    12. Uno dei festini più tristi della storia di Palermo!A vedere in che condizioni versa per ora Palermo mi viene da piangere….AMO LA MIA CITTà e soffro vedendola in questo stato (è maledettamente n’grasciata (sporca),lasciata nell’abbandono più totale, con i quartieri popolari ormai invasa dall’immondizia! A CAMMARATA dico solo di farsi una bella acchianata a Monte Pellegrino e di restarci per sempre nel punto più alto del santuario per lasciare la mano a qualche altro!

    13. E pensare che adesso avremmo potuto avere Orlando…Siamo senza speranza e senza vergogna. Mi vergogno per la vostra ignoranza che vi ha fatto rieleggere il sindaco piu’ cool d’Italia. E quando diciamo questo…ricordiamoci sempre che ai tempi tutti questi cartelloni di M….A sono costati milioni di Euro. V E R G O G N A. mILIONI DI EURO prelevati da un fondo speciale da utilizzare solo in casi di calamità o problemi straordinari. W Nino d’angelo il vostro Beniamino.

    14. Ma perchè vi scandalizzate tanto. Nino D’Angelo rappresenta bene questo sindaco, questa giunta e i suoi elettori.

    15. Il festino tolta la parte religiosa (che non costa nulla) è una macchina sparti soldi.
      Signori ci sono persone ed aziende che fondano buona parte del loro fatturato da introiti pubblici.
      Ci sono aziende a Palermo che hanno il 90% del fatturato generato da incarichi e appalti della pubblica amministrazione.
      E mi sembra superfluo parlare di Nino D’Angelo.
      Dobbiamo parlare degli 800.000 euro spesi per qualche giorno di manifestazioni.
      E poi quando uno chiede 3000 euro per una mostra o altro…gli viene detto che il comune non ha soldi in cassa.
      Qui giocano con il nostro pane.
      Le aziende chiudono e licenziano mentre alcune con 10 staggisti si arricchiscono.
      Saluti

    16. Pippiniello, se avessimo avuto il tuo splendido Orlando non sarebbe cambiato niente a parte la faccia del sindaco meno cool e piu’ “professore”….io penso che come succedeva ai tempi di Orlando, parlando a livello di cultura (questo è l’argomento del post) ci sono sempre i soliti “D.E.P.O.S.I.T.A.R.I.” (sai quelli che gridano “io sono anni che”,”io sono la storia del teatro di Palermo” eccetera: che tanto continuano a gridare anche ora seppur CON LA BOCCA PIENA, in quanto continuano a mangiare nel piatto in cui poi versano – che il troppo stroppi ?) e gli altri stanno a guardare…se poi vogliamo parlare di abbindolare i problemi della città facendo mega mostra di operazioni culturali ben architettate, che adesso al momento invece mancano e ovviamente peggiorano anche la situazione non inversa, questa è “un’altra (solita) storia”…

    17. RAGAZZI LA FEDE VERSO LA NOSTRA SANTUZZA CI PORTERà AD ACCETTARE OGNI TIPO DI REALIZZAZIONE DI FESTEGGIAMENTI KE FARANNO QUINDI IO DICO SE SIETE D’ACCORDO….VIVA SANTA ROSALIA E BASTA!!!!!!!!!!!!!

    18. STASERA LA GRANDE FESTA!!!!!!!!!!!!!!! VIVA LA SANTUZZA!!!

    19. Spero che piova 🙂

    20. speriamo si sgonfi una ruota della barca, così finisce ‘sto baraccone di baggianate

    21. scusate, la ruota è di legno. allora speriamo se la mangino i topi strada facendo, tanto con tutta la monnezza che c’è per strada i topi non dovrebbero mancare, no??

    22. Mi sa che questa volta di monnezza non ce ne sarà tanta! 😉
      L’associazione APAS farà il servizio di RACCOLTA DIFFERENZIATA durante il Festino!
      Si tratta di un servizio svolto da VOLONTARI DISOCCUPATI con mezzi propri e autogestito, fatto per sensibilizzare sia i cittadini che GLI AMMINISTRATORI della città alla raccolta differenziata.
      La discarica di Bellolampo è quasi piena, ed è inaccettabile che materiali riciclabili finiscano in discarica mentre possono essere rivenduti!
      I volontari dell’APAS vogliono dimostrare che fare la raccolta differenziata è possibile, anche in situazioni difficili come questa!

    23. Dopo 384 festini, il carro dell’anno precedente verrà ricilclato…dicono per mancanza di fondi… però per pagare Nino D’Angelo i fondi li hanno trovati..che vergogna, ma poi che c’entra Nino D’angelo con il festino???voi sapete dare una risposta?

    24. secondo me il festino quest’anno è stato belliximo, il carro cn le rose è il miglioreeee

    Lascia un commento (policy dei commenti)