lunedì 20 nov
  • Insediato il gruppo di 12 manager siciliani per Palermo

    Si è insediato ieri a Villa Niscemi il gruppo di 12 manager siciliani e palermitani voluto dal sindaco Diego Cammarata per dare suggerimenti utili alla vivibilità e lo sviluppo della città di Palermo.

    Si tratta di Francesco Caltagirone (presidente della Società Acqua Pia Antica Marcia), Massimo Capuano (amministratore delegato di Borsa Italiana Spa), Elio Catania (presidente e amministratore delegato dell’Azienda trasporti milanesi Spa), Salvatore Mancuso (fondatore di Equinox Management), Gaetano Micciché (responsabile Divisione Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo Spa e amministratore delegato di Banca Imi Spa), Antonello Perricone (presidente di Rcs Periodici), Gianni Puglisi (rettore dello Iulm e presidente della Fondazione Banco di Sicilia), Umberto Quadrino (amministratore delegato di Edison Spa), Angelo Sajeva (presidente e amministratore delegato della Mondadori Pubblicità Spa), Giuseppe Spadafora (amministratore delegato e direttore generale di Cassa Lombarda), Salvo Spiniello (consigliere di amministrazione di Fondiaria Sai Spa) e Vito Varvaro (direttore operazioni e sviluppo del Gruppo Della Valle).

    Palermo
  • 67 commenti a “Insediato il gruppo di 12 manager siciliani per Palermo”

    1. sono confuso.
      non so se tagliare in 12 fette la città e aspettare le briciole del banchetto , o festeggiare per questo consesso di mega manager di certa fama..

      a prop. sono gratuiti spero!?”? chi li ha sti piccioli!

      chi vivrà vedrà!

    2. ehm ma i vari assessori non dovrebbero già servire a questo?

    3. è come dire che tutto quello che è stato fatto fino ad oggi dal sindaco cammarata a palermo è stato fatto male, anzi malissimo. Speriamo che questi specialisti, senza nessun potere, senza nessun incarico, nel tempo libero di sabato e domenica ( quando non curano i loro affari) riascano in qualcosa di buono

    4. ora si che diventeremo veramente cool!

    5. Mi stupisco di qualcuno di questi.
      Gianni Puglisi ad esempio, alla presentazione del libro di Barbera Azzarello alla Storia Patria si è lasciato andare a quindici minuti di sferzaqnte critica, da persona con il voltastomaco, verso Camamrata e la città di Palermo, l’università a altro. Lo pososno confermare olre 400 persone presenti.
      Orla lo si trova li ad indossare la maschera di zorro in difesa della città e di conseguenza di questa amministrazione che oggi la governa.
      La sua decenza ha un limite, anzi la sua indecenza è senza limiti, naturalmente parlo di decenza intellettuale visto che ci tiene a ritenersi tale

    6. Sono tutti manager o imprenditori di origine palermitana e siciliana: anche se non tutti esenti da conflitti di interesse, hanno almeno il vantaggio di essersi affermati in contesti sociali più evoluti e meglio amministrati (da Londra a Milano). Meglio loro -gratis- che quel sottobosco di consulenti senza arte nè parte così spesso ingaggiati dal Comune con danno erariale.

    7. A me sembra una buona notizia. Avere gratis la consulenza di 12 manager veri, non è male.
      poi sarà il tempo a confermarlo.

      p.s.
      sai che mi stranizza al storia di puglisi/cammarata in realtà il sindaco gli deve molto, e per ricambiare lo ha inserito ovunque. boh..si saranno rotti i telefoni.

    8. Non sa più a chi rivolgersi x fare riprendere Palermo. Assessori non bastano, consulenti non bastano, e ora arrivano i manager -gratuiti-.
      Gratuiti???
      O x caso il loro insediamento potrebbe essere collegato a quella delibera di fine anno di 324 mila euro x la comunicazione e immagine della città (di cui tanto si è parlato in questo blog)???
      Questo è un caso x …. !!!

    9. non è una cattiva notizia, purché ,per una volta ,in buona fede. Vedremo!
      Franz

    10. Ma Puglisi non è già stato Assessore alla Cultura? Perchè non ci pensava allora a migliorare la vivibilità e lo sviluppo?? Ennesima presa per i fondelli. Pazzesco!! E penso che se adesso è a titolo gratuito tra qualche anno verrà fuori qualche progetto milionario che sarà affidato, ovviamente senza data, a qualche affiliato…così, per ricambiare il favore!

    11. ovviamente senza ‘GARA’ non data

    12. io vi confesso che voglio davvero vederci un lato positvo, sarà che ho bisogno di vedere qualcosa di buono dopo tanti sbagli.
      lo prendo come un atto di umiltà (forse è troppo)
      semmai spero che davanti a tanti più che illustri nomi, ci si possa liberare di esperti inutili che non hanno dato risultati , consulenti a corrente alternata, talvolta gratuiti talvolta no.
      ecco diciamo che forse un ricambio delle consulenze ci voleva davvero.
      (sempre che sia un ricambio e non una mera somma…)

      in futuro vedremo se a quel tavolo abbiamo messo missionari o colonizzatori. oggi proviamo a dare fiducia..

    13. Certo il Sindaco non è nuovo al delirio di onnipotenza che
      alberga indisturbato nel partito di riferimento:ma che addirittura si circondi di “dodici apostoli” era inimmaginabile persino al suo CaroLeader,ma ormai da troppo tempo in questo disgraziato Paese l’Immaginazione al potere ha superato tutti i confini conosciuti

    14. Dice il saggio”SE PALERMO VUOI SALVARE CAMMARATA DEVI FARE ANDARE”

    15. Date pure fiducia…però che l’operato di Elio Catania (a capo dell’ATM, cioè dei trasporti pubblici) sia in discussione anche qui a Milano però è un dato di fatto. Sappiamo che ha fatto male in FS, sappiamo che sta facendo male in ATM e lo prendiamo come superesperto?? Continuo a pensare che ci sia qualcosa che non va! 😐

    16. “per dare suggerimenti utili sulla vivibilità e lo sviluppo della città di Palermo” mm..mi lascia perplesso, sembra troppo generico. Mi sa di quel tale Sig.Wolf che, in Pulp Fiction, si presentava dicendo “Sono il signor Wolf, risolvo problemi.”
      Insomma, sempre la solita bella storiella del cambiamo tutto per non cambiare niente.

    17. Mi dispiace.
      Mi dispiace ma non ci riesco.
      Accettare il fatto che i 12 sono gratis è lo stesso principio del Mc Donald, ora, ho passato rispettivamente 9 e 6 anni a far capire ai miei pargoli che i “pupazzetti” di “Madagascar” NON E’ possibile che te li regalano.
      9 e 6 anni, hanno imparato alla fine ” il trucco” del “Gratis”, hanno imparato che l’happycoso è fatto di scarti, è senza sapore, che l’unica cosa che compri sono … “i pupazetti”.
      12 Esperti gratis?
      Sì, da Mc Donald.
      🙁

    18. Beh, se adesso però ci lamentiamo perchè gli esperti sono esperti siamo alla frutta!
      Io la penso come la sig. Petix: “forse si vuole fare qualcosa”. Riguardo il *gratis* voglio ancora vedere il bicchiere mezzo pieno: tantissimi palermitani illustri si sono da sempre offerti per fare risorgere Palermo in maniera del tutto gratuita e con qualsiasi amministrazione.

    19. Ottimista lo sono per natura, e dunque propenderei istintivamente anch’io per la positività. Però…..Cioè, non so se mi spiego, dodici direttori d’orchestra messi insieme, dodici leader insieme? mah! Mi sembra più la lista da facebook del blog di Cammarata. Tanti bei nomi che fanno un bell’effetto….diranno sicuramente delle cose bellissime, ne sono certo, ma chi le farà poi? L’amministrazione Cammarata?

    20. ma se questo incompetente se ne andasse a casa, si dimettesse e lasciasse posto anche solo ad uno di questi 12 manager, non sarebbe tutto piu’ semplice?

    21. staremo a vedere. Certo che per alcuni problemi non servirebbero esperti ma basterebbe qualcuno che sa l’ABC dell’amministrazione: fare mettere le cinture di sicurezza e il casco, organizzare la raccolta differenziata, fare funzionare i mezzi pubblici, togliere di mezzo i posteggiatori abusivi, ecc.

    22. …credo che abbiano seguito il consiglio che davo qui sul blog di creare team di esperti a tema…

    23. Notizia interessante.. speriamo solo che non gli diano troppo a mangiare. seno poi gli cala il sonno e non si conclude ninete 🙂

      Scherzi a parte. Dubito che basti un team di esperti. soprattutto se continua a mancare il leader. Chi dovrebbe guidare palermo?

    24. cari rosalii, ma avete letto la pagina palermitana de La Repubblica? Si parla proprio di questi fantomatici manager: peccato F.G. che ci costeranno 400 milioni (forse un pò troppi???!!!?)!
      Dimenticavo di dire che, poveri noi, più della metà di loro nn ha una laurea nonostante occupino delle posizioni chiave per una città e nonostante il bando del primo cittadino chiedesse competenze adeguate ed adeguati titoli di studio. come faranno ricchi imprenitori, banchieri e immobiliaristi a gestire la nostra monnezza e il nostro traffico?
      ma picchì hanno a ffare sempre i soliti fissarie?

    25. Domani cammarata ha gia annunziato che andranno a trovarlo anche i fantastici quattro, mago merlino, batman e robin e forse si vocifera che chiederà un prestito a paperon de paperoni.
      sono fiducioso.
      forza ragazzi e forza cammarata.tu si che sei un super eroe!!
      ba ieccattii.

    26. Se l’Emiro Diego porta Qui, Quo Qua e Tip e Tap e li nomina consulenti per l’infanzia (a gratis) con sede al Giardino Inglese e alla villa Giulia (come cartone animato alla Cuba c’è già Dieguito…), alle prossime elezioni voto Forza Italia 🙂

    27. A questo punto la domanda è:
      Chi dei dodici lo tradirà?

    28. Mi ricorda l’ultima cena…gli elementi ci sono tutti, il messia, i dodici apostoli.
      Ci manca che dica “prendetevela e finitela di mangiarla tutta”…A CASA O ALTROVE!!

    29. sarà….. la fiducia l’ho persa da tempo….. diceva mio nonno “nuddu fa nienti pi nienti”

    30. @ peppe 2484
      “ci costeranno 400 milioni (forse un pò troppi???!!!?)!”

      peppe scusa mi dici dove l’hai letto.
      non l’ho trovato.
      sei sicuro si parli dei 12 maghi o ti riferisci ai 20 e passa consu-lenti?

      @ Goku

      ti darei l’oscar! favoloso come sempre
      .

      io per contro (mi sa che la domenica mi rilasso troppo) rinnovo la mia fiducia:ma mica cieca fiducia!
      li osservo bene bene (tanto qui si sa tutto) e se è il caso cambio idea.

    31. Mi stupiscono non poco i commenti positivi.
      Che dei manager possano dare una mano a come si tarocca un bilancio o ad evitare la bancarotta o a fare gli intermediari di comodo caso mai si dovessi svendere qualcosa(tipo Palazzo delle Aquile) lo posso anche capire. Ma ditemi cosa c’entrano con la vivibilità di Palermo?
      Non è che prendi urbanisti, architetti, manager, esperti di informatica, di infrastrutture,agronomi, medici, psicologi, ascolti parte della società civile, delle associazioni, etc, fai un forum e trai le somme e dici:”questa è la Palermo che vorremmo!”.
      No, troppo complicato.
      Va bè che ci sono i saldi, ma mettere una città in svendita in modo così spudorato mi sembra onestamente troppo…

    32. ok lo ammetto.
      non ci credo nemmeno se li vedo!
      volevo per una volta essere fiduciosa, positiva, possibilista.
      è durato un giorno, non so, sarà sta maledetta domenica domenica, ma oggi già finì.
      ricapitoliamo:l’argomento è i 12 tutors per durbans, bene.
      ma stiamo pazziando?
      ora,o abbiamo trovato dei veri missionari, ma di quelli che pure padre pio si può ammucciare o lo devo capire chi ce li porta questi gurù, questi cervelli già fuggiti a tornare qui tot volte all’anno a scervellarsi per proporre metodi innovati e soluzioni all’avanguardia a questi “cervelli” stanziali (fuggire no?).
      si faranno i migliori affari e si spolperanno pure la rascatura, e non potremo fiatare perchè… wow sono gratis!
      e i consulenti gratis
      e i geni gratis

      manco fosse la missione arcobaleno….
      sarò malopensante ma se c’è una cosa che non mi convinse MAI è la gratutà.

      p.s.
      W il lunedì.

    33. @Stefania
      basta farti un giro su Wikipedia (o su gran parte dei siti istituzionali) per capire che gran parte di questi manager, cercano un posto dove svernare, atteso che a Milano, Donna Letizia per l’Expo non li ha potuti accontentare tutti (guarda caso anche li occorrevano i saggi…non fate battute,mi raccomando!).
      Mi fate dire che siamo una succursale dell’ufficio di collocamento di Milano?

    34. SI MA KISTI I PAGAMU!!!!

      Metà dei manager senza la laurea ecco chi guida le ex municipalizzate!

      LEGGETE QUI: http://palermo.repubblica.it/dettaglio/Meta-dei-manager-senza-la-laurea-ecco-chi-guida-le-ex-municipalizzate/1575437

    35. @bobby malley:
      quello si riferisce alle municipalizzate, mentre il post si riferisce a dei consulenti. Sono due cose differenti.

    36. Occhio ragazzi! Si avvicinano le elezioni europee e si comincia a suonare la grancassa.

    37. Oh Stefania, finalmente! 😀

    38. Ciao ragazzi. Devo dire sinceramente che questa notizia mi ha stupito un po’. Sembra interessante, ma vorrei sapere:
      1) Verranno pagati o no?
      2) Quanto tempo dedicheranno alla città? Quando e dove si riuniranno? Che tipo di atti produrranno?
      3) Di che materie o progetti si occuperanno in particolare?

      Chiarite tutte ste cose, potremmo ricominciare a discuterne.

      In ogni caso, passatemi una battuta, un paio di suggerimenti banali per Cammarata potremmo darli anche noi, prima ancora che ci pensino i 12 saggi. Ad esempio:
      a) Risanare AMIA;
      b) Risanare AMAT.
      Le nostre municipalizzate sono in stato di dissesto e neanche riescono ad assicurare la normale erogazione dei servizi.
      Tuttavia, mi chiedo se abbia senso chiedere a colui, che ha prodotto un dissesto, di risanarlo… Forse la risposta è no, per cui l’unico suggerimento che VERRA’ dai saggi, per il bene della città, non può che essere: CAMMARATA, per cortesia, DIMETTITI.

    39. Proprio ieri leggevo su Repubblica che il Comune di Palermo ha finora rifiutato la proposta di consulenza offerta GRATUITAMENTE dall’Università e adesso spuntano questi 12 managerS. Bene, evidentemente ne sanno loro più dell’Università.

      Ora, dico io, che ce la teniamo a fare un’Università se nemmeno il Sindaco vuole i suoi consigli…

    40. Stiamo in buone mani. Per la cronaca Elio Cosimo CAtania è l’ex Amministratore Delegato di Ferrovie dello Stato, il cui Gruppo nel secondo anno della sua gestione ha totalizzato due miliardi di passivo. Ed è lo stesso signore che dopo questo risultato ha preteso – per il licenziamento da parte del Governo Prodi (beninteso Silvio non ha protestato) – una liquidazione che si vocifera essere di quasi 10 milioni di euro. E qui mi fermo, perché si potrebbero aggiungere altre male fatte sulla sua permanenza in ferrovie… Un saluto dalla capitale

    41. @werner:
      A proposito di Milano, già avevamo riciclato Renato Pozzetto per Kals’Art…

    42. Qualcuno ha dimenticato o non è a conoscenza del Piano Strategico di Palermo “Capitale dell’Euromediterraneo. (vedere sito del Comune sul logo PSP). L’ATS (associazione temporanea di impresa) con Capofila EcoSfera si è aggiudicata con bando la progettazione del Piano Strategico di Palermo con un costo circa di 320 mila euro. Il principio è stato quello di costruire l’idea concreta dello sviluppo prossimo futuro della città con la partecipazione di cittadini, gruppi, associazioni, etc. Sulla carta un processo partecipativo in qualche modo “dal basso”. Lasciando perdere la pubblicizzazione degli incontri e i criteri di rappresentatività dei vari partecipanti,su cui vi sarebbe da discutere, seppure con molti limiti si sono tenute delle assemblee per temi che hanno prodotto documenti e anche contestazioni. Essi rappresentano il contributo dei palermitani, organizzati e non, per la stesura del Piano. A cosa è servito organizzare una cosa così complessa (più incontri, plenarie, etc) se nelle intenzioni del Diego c’era altro? I 12 saggi, rifletto, per provenienza e competenze mi fanno pensare ad un eventuale modello di sviluppo della Città governato essenzialmente da interessi e logiche lontane da uno sviluppo realmente sostenibile…o sviluppo sostenibile è una locuzione troppo “vetero”? Si tratta di 12 saggi appartenenti al mondo del “privato” lontani dalla realtà locale e ciò in netto contrasto con la filosofia di Agenda 21 che prevede la costruzione di uno sviluppo locale sostenibile partecipato e costruito a partire dai cittadini. La beffa è che la partecipazione di Palermo ad Agenda 21 viene sbandierata dai nostri amministratori a Convegni e Seminari come momento di grande partecipazione democratica ai processi di progettazione dello sviluppo della Città. La mia preoccupazione, anzi quasi certezza è che si andrà avanti con operazioni fumose utili a coprire investimenti predatori da parte di grossi gruppi, senza che si sostenga il tessuto sano o sanabile della piccola e media impresa, sottraendolo al pizzo e alla Mafia, sul quale in questi anni l’amministrazione non ha completamente investito (vedi rendiconto di Bilancio 2007) per non parlare delle politiche di microcredito mai sostenute dal Comune.

    43. Troppi consulenti (a titolo gratuito o meno) e pochi investitori. Anzi, quando se ne presenta qualcuno buono, come il fondo di Dubai, evidentemente fiuta l’aria e gira al largo!
      Questi, più che consulenti, sono una comitiva di amici che si ritrovano a feste a Panarea e a matrimoni nella cappella Palatina: li vedi ogni tanto arrivare tutti assieme all’aeroporto con le rispettive signore.

    44. I consiglieri comunali di Palermo (fonte tgs) hanno ricevuto un aumento di stipendio pari ad 800 euro mensili…passano da 2500 lorde a 3300.

    45. @marco viper

      prima o poi bruxelles aprirà il vaso di pandora dei fondi alla nostra regione e ci crocifiggerà..è vero.
      per esempio prenderà una grossa gomma e cancellerà l’indecente ricapitalizzazione di Amia avvenuta in questi giorni.

      ma devo dirti che non sono d’accordo sul fatto che i politici sono TUTTI da buttare.
      io non posso dire di avere ottimi rapporti con loro, ma ho visto qualche caso (pochi, pochissimi) che da speranza.
      il fatto di buttarli tutti nella stessa pozzanghera rende vano lo sforzo di quei pochi che provano davvero di ripulire un sistema degno di una fogna.
      quindi vi prego cerchiamo di dare a quei pochi esemplari almeno la soddisfazione di un distinguo.

    46. ma questi esimi signori consulenteranno? gratis, e poi hanno tutto questo tempo-interesse da perdere e poi ma il nostro dieguito da dove li prende dal sacco queste trovate?

    47. Concordo con Stefania “sarò malopensante ma se c’è una cosa che non mi convinse MAI è la gratutà.”

    48. Ricordate: la nostra isola è sotto la DITTATURA DEI PEGGIORI. Io sono un esule siciliano e voi siete la resistenza.

    49. Oh che bravo Rosalio…
      Stefania, non cambierà niente, visto che l’unica soluzione è censurare chi dice le cose pane pane e vino al vino…
      Purtroppo non credo ce ne siano da salvare, e lo stato in versa la città lo dimostra.
      Però finchè si censura chi dice che è un atto mafioso quello di autoaumentarsi lo stipendio di ben 800 euro lorde….non si va certo verso un miglioramento. Qui anzichè indignarsi si censura. Non va bene proprio. Assolutamente. Beh…forse avrò urtato la “suscettibilità”di “qualcuno”…e ne sono contento!!

    50. @ Giovanni P.
      Insomma, etimologicamente parlando, l’opposto di “aristocrazia” (il governo dei migliori). E come si dovrebbe dire? Cacocrazia? Chiedo aiuto a qualche esperto di greco classico per questa bella intuizione e mi iscrivo al partito dei “resistenti”.

    51. Ahah. Grazie Cosimo. Ho fatto il classico ma il greco non lo ricordo. Sul web ho trovato xeiron, etton (peggiore) o adunatos (incapace).

    52. Ho fatto uno sforzo anch’io, con i vecchi libri di ginnasio. Da oggi proclamiamo la Sicilia prima “Chiristocrazia” del mondo (tanto non lo capisce nessuno e sembra pure una cosa bella, quasi snob, oppure una cosa religiosa per via dell’assonanza). Poveri noi.

    53. Ciao a tutti,
      va bene suggerimenti utili per la vivibilita’ e lo sviluppo di palermo…..MA SE DIEGO CAMMARATA SE NE TORNASSE A CASA SI VIVREBBE MOLTO MA MOLTO MEGLIO

    54. MarcoViper hai semplicemente violato la policy dei commenti.

    55. Viper,perdi tempo inutile
      levaci rima

    56. Coponata sei pregato di rimanere in tema. Grazie.

    57. @ Antonella – Stefania
      Ho negli occhi ancora l’evento dell’insediamento alla Casa Bianca di Obama.
      Ho nel cuore le parole del suo discorso.
      Ho quasi pianto, lo confesso. E la cosa, credetemi, non accade facilmente.
      Oggi, come il 4 novembre, farò incetta di giornali per farli, domani, leggere ai miei figli.
      Ambiente, solidarietà verso i meno fortunati, rilancio dell’economia, rispetto e tolleranza tra uomini di ogni etnia, religione, credo politico.Temi semplici ma fondamentali, facilmente comprensibili da chiunque.

      Vedo poi i trafficanti della politica nostrana inetti, spocchiosi, pregiudicati e inconcludenti (non ne salvo nessuno, Stafania…) che parlano una lingua comprensibile solo agli iniziati (un po come la messa in latino o i massoni).
      Piani stragegici, POR, Agenda 21e compagnia varia: vi domando chi ha il dovere conoscerli e chi ha il dovere di vigilare sulla loro applicazione? Vi sono opportunità per la città? Chi ha il DOVERE di attivarsi? Il pensionato, il panellaro o chi è stato delegato con il voto popolare a governare questa sventurata città e questo paese ormai sull’orlo della guerra civile?
      Maggioranza ed opposizione (opposizione…!) hanno responsabilità gravissime.
      Sono in realtà complementari l’una all’altra. Certo, c’è chi governa ma c’è chi deve controllarne l’operato, giorno dopo giorno, con attenzione e dedizione, mettendo a nudo le contraddizioni del sistema per promuoverne il ricambio.
      A Palermo, l’opposizione non esiste; si materializza misticamente 2 mesi prima delle elezioni amministrative.
      Va a traino della maggioranza (5 anni da consigliere buttali via, economicamente parlando…) litiga su tutti e tutto, studia la scissione dell’impossibile (tranne qualche sporadico caso) per ottenere visibilità. Non porta a casa nessun risultato: anzi, da lezione su come non ottenerli.
      Non credo più a nessun sedicente politico, figurati ai sedicenti saggi (ma poi perché “saggi”… non potevano chiamarli più correttamente “affaristi”?).
      Un ultima cosa. Spero che qualcuno comprenda da quello che succede nel mondo, che la Politica vera è passione, rinnegare se stessi per darsi agli altri, avere alte visioni della società.
      Se vuole, l’esempio c’è: basta avere l’umiltà di imparare.
      ws

    58. Werner,
      Obama al momento è un simbolo, potrebbero veramente cambiare tante cose nel mondo, incrociamo tutti le dita.
      Per Palermo dovremmo attivarci tutti, in fondo i politici li eleggiamo noi, forse se anzichè incensarli durante le campagna elettorali li fischiassimo sonoramente un pò di rossore in viso vedremmo spuntarlo.
      Serve gente nuova, GIOVANE, che abbia idee,e senza nessun vecchio dinosauro che prova a frenarlo. Qualcuno che trascini tutti in un vortice nuovo di rinnovamento totale. Ecco qui, forse senza volerlo ho messo in evidenza il problema principale di Palermo: “Ci vuole QUALCUNO che…”. Eccolo qui, ognuno di noi dice questa frase, è una frase giustissima, solo che mette il soggetto che la pensa in una situazione di “attesa”. Che succede quindi? Io la penso e “attendo”, tu la pensi e “attendi”, così come tutti gli altri, e va a finire che “attendiamo” tutti e non si muove nessuno.
      A Palermo dovremmo imparare a completare questa frase, e dire “Ci vorrebbe QUALCUNO che…ecc ecc, e quel qualcuno posso essere IO”, mi spiego? Dobbiamo uscire dal fatalismo secolare che ci attanaglia, altrimenti ci lamenteremo nei secoli nei secoli senza risolvere niente…

    59. @Marco
      I simboli sono importanti,tracciano la via, aggregano, creano riconoscibilità. Obama è un po di più. E’una realta, è un esempio concreto.
      Caspita, ci penso da quattro mesi per trovare un riferimento simile e mi sovvengono nomi come Papa Woitjla o Madre Teresa (per carità con i dovuti distinguo).
      Siamo assuefatti purtroppo a politici che piuttosto che volare alto strisciano basso.
      Sul fatto che dobbiamo smettere di delegare e lamentarci è vero; dobbiamo metterci la faccia,fare posto a gente diversa, non c’è dubbio…
      qull’IO potresti essere tu…perchè no?
      ws

    60. Operazione di facciata classificabile come mero specchietto per le allodole. Le persone in questione non sono certo dei fessi ma essendo anche superimpegnati, è prevedibile che si riuniranno due-tre volte all’anno per discutere sul nulla, non avendo né le competenze né un pieno mandato a fare alcunché. Naturalmente, presenteranno note spese che saranno puntualmente pagate dal Comune di Palermo (anche i consulenti “a gratis” hanno delle spese, no?).
      Fra tutti questi, ne ho conosciuto personalmente due.
      Un paio di estati fa Elio Catania ad un concerto benefico che si tiene ogni anno al Cala di Volpe, a Porto Cervo (OT). Sarà che era in vacanza, sarà che aveva preso la buonuscita da FS, era molto di buonumore. Non mi ha granché impressionato (ma del resto abbiamo scambiato poche battute), anche perchè poi Zucchero si è “lasciato andare” e l’attenzione dei presenti è stata catalizzata dal suo battibecco con parte del pubblico.
      Nel 2003 ho invece conosciuto Salvatore Mancuso, personaggio siciliano conosciuto e rispettato nel mondo della finanza. L’impressione che ne ricavai fu buona, sia pure a livello epidermico. Adesso ho letto che col fondo Equinox è entrato nel capitale di CAI per l’operazione Alitalia.
      Massimo Capuano mi sembra un tipo in gamba, ma non l’ho conosciuto personalmente: pare che abbia un caratterino niente male, diciamo così.
      Francesco Caltagirone è in questo momento forse l’imprenditore più liquido d’Italia e non ha certo bisogno di presentazioni.
      Gaetano Micciché è il fratello di Gianfranco nonché quello che ha lavorato per Intesa-San Paolo al progetto Fenice (operazione CAI-Alitalia): è molto vicino a Passera e se non sbaglio è il n. 3 di Intesa-San Paolo. Gode di ottima reputazione e si è costruito la sua carriera da solo.
      Vs. Leone
      _____________________
      PS Per Cosimo e Giovanni P.: propongo “coprocrazia”. Fatemi sapere se vi aggrada. Ciao.

    61. Leone,sempre un “piacere” leggerti.
      piacre amaro, pur sempre piacere.
      squarci di verità e lucidità ben dosati, forse troppo, ne servirebbero di più.
      saluti
      v

    62. Quoto stalker e aggiungo: ciao Leò, fatti sientiri cchù spissu.

    63. Beh, anche CRASTOCRAZIA non sarebbe malaccio..

    64. Grazie stalker e Totò, sempre troppo buoni col qui presente felino.

      ______________
      PS Federico, “crastocrazia” mi piace, rende meglio l’idea. Sulla stessa linea, aggiungo quindi anche “fangocrazia”.

    Lascia un commento (policy dei commenti)