giovedì 23 nov
  • Caso T & T: botta e risposta con Ciavarello e Rosalio al TG5

    Dopo la pubblicazione del post che parlava delle indagini sulla società T & T corporation Ltd. riconducibile a Maria Concetta Riina (figlia del boss Totò) e al marito Tony Ciavarello quest’ultimo è intervenuto nei commenti con un fitto botta e risposta con commentatori ed esponenti del mondo dell’informazione (tra cui Stefania Petyx, Lirio Abbate, Gery Palazzotto e Francesco Viviano).

    Molte testate si sono occupate dei commenti su Rosalio, tra cui il TG5 (edizione delle 20:00 di ieri; da 25′ 51″ a 27′ 26″).

    Rosalio al TG5

    I legali di Ciavarello e Riina hanno diffuso delle comunicazioni: «Consterebbe al signor Ciavarello che gli accertamenti della Guardia di Finanza siano ancora facenti capo a documentazione sigillata, da esaminare. C’è da chiedersi come sia possibile, quindi, che vengano pubblicate simili fiorite descrizioni, lesive, mi pare, oltre che della reputazione del mio assistito, del possibile segreto istruttorio» e «la nostra assistita si dichiara assolutamente estranea tanto alla proprietà che al management (parola peraltro che pare perfino eccessiva per la modestia dell’impresa), essendo stata presente al fianco del marito unicamente per attività di segretariato manuale. […] Costituisce lesione assolutamente grave ed inaccettabile dell’immagine personale della nostra assistita che si sia accomunato la medesima alla mafia. La responsabilità penale è personale e giova ribadire una volta ancora in conformità a civiltà giuridica e al rispetto delle regole minime civili,che la Sig.ra Maria Concetta Riina si dichiara assolutamente estranea a qualunque contesto meno che legale. La stessa pertanto si riserva di agire nelle dovute sedi a tutela della propria reputazione».

    Palermo, Rosalio
  • 17 commenti a “Caso T & T: botta e risposta con Ciavarello e Rosalio al TG5”

    1. Trovo parecchio discutibile quando le testate d’informazione (incluso il TG5) ci citano con un generico “un blog di Palermo” e affini. Mi sembra più corretto e completo invece l’approccio dell’Ansa e degli altri che hanno riportato il nome del blog.

    2. E’ lo scarso giornalismo che c’è in giro, viviamo in una Italia piena di faziosi e schiavi del potere…

    3. Sinceramente ci sono rimasto male nel non sentire il nome della fonte su cui era riportato il botta e risposta.
      Trovo invece molto corretto Rosalìo quando dà sempre i link dei siti citati nel suo blog (ad esempio quello del tg5).
      Non so se è scarso giornalismo, so che è scarsa multimedialità. Per alcuni il web 1.0 è ancora una chimera figuriamoci il web 2.0

    4. Siete ingiusti, secondo indiscrzaioni l’edizione delle 12.00 del TG5 aprirà con il servizio:
      “Caso T & T: botta e risposta con Ciavarello e TG5 su Rosalio”!

    5. questo è un paese davvero difficile, dove spesso e volentieri si viene giudicati senza sapere realmente di che si sta parlando. Auguro a Tony di dimostrare al più presto che, la sua buonafede e la sua voglia di lavorare in maniera cristallina, nonostante il fardello assai pesante. In bocca al lupo!!

    6. La news con il nome del blog rosalio oggi su repubblica palermo.

    7. Tony…non è discutibile…si chiamano scelte editoriali…lo avesse fatto Tgcom lo “scoop” avrebbero citato…

    8. Vassily per me è discutibile. A meno che io come “scelta editoriale” la prossima volta non dovrei scrivere che siamo stati citati da un noto tg nazionale della più importante rete privata pur di non farne il nome. Ad ogni modo è secondario…il giornalismo tradizionale non lo vedo messo troppo bene tanto. 🙂

    9. Aggiungo che il Giornale di Sicilia non ci ha citati…avevate dubbi? 😉

    10. Minchia Tony, rilassati picciotto.

      chi cita cita e tutto fa buon brodo. Poi diddire il peccato ennon il peccatore mi pare buona creanza di prima seconda e terzultima Repubblica. Noi ce lo abbiamo detto pure a Silvio beddo: sciaqquati la bocca due volteprima di parlare di Pelermo (blogghi inclusi). Qui si tratta comunque di vera famosità nella bloggosfera. Robba che a quel cugghine di Peppe Grillo ci fai la permanente coi broccoli.
      Comunque ora, colla nuova leggge dilizzia puoi allargare il bloggo tuo del 20percento che nesce dallo schermo e arriva a coprire il mondo fituso che gli circonda.
      Devotamente baciolemani
      Bernardo P

    11. ultimamente la stampa regionale ha altre gatte da pelare… anzichè chiedere scusa, piglianu di ‘ncapu!

    12. non riesco a vedere il servizio.. l’edizione integrale linkata qui mi si ferma al minuto 14.40 e non va avanti, come se il video fosse finito. non capisco perè.. Perchè non lo estraete e lo mettete su youtube, e magari mettete il link anche sulla pagina di Rosalio su Facebook?

    13. Il sito di mediaset fa davvero penare per quanto riguarda i filmati. Rai vince 10 a zero in questo caso

    14. quando con Bispensiero sottotitolammo il video “sex crimes and vatican”, realizzando uno scooppone, pochissimi citavano Bispensiero. Persino la trasmissione di Santoro, che riuscì a trattare dell’argomento solo dopo che noi facemmo parlare pure i muri di quel video (prima di noi nessuno in Italia ne aveva mai parlato, finchè non lo facemmo vedere a più di 5.000.000 di italiani in rete – il video più visto della storia di Google Italia) si limitò a dire: “un blog”.
      Fatto sta che oggi fa più giornalismo un blog di mille testate giornalistiche!
      Finchè dura approfittiamone!

    15. A voler essere pignoli violerebbero le condizioni di utilizzo dei contenuti del sito non citando la fonte («L’utilizzo dei testi e delle immagini contenuti in questo blog è soggetto alla normativa italiana sul diritto d’autore. È possibile pubblicare e redistribuire testi e immagini citandone la fonte»).

    16. sono due giorni che provo a scrivere un commento su livesicilia sul pezzo di puglisi (http://www.livesicilia.it/2009/03/20/e-sul-blog-il-genero-di-toto-si-difese/) che fa il riassunto del botta e risposta tra ciaravello e i commentatori su rosalio.
      E sono due giorni che rimane in attesa di moderazione e poi non me lo pubblicano…non so se qui posso pubblicarlo, magari è OT ma ci provo lo stesso. Mi scuso sin da adesso se violo le norme di comportamento di questo blog
      “non capisco se sia incompentenza o semplice malafede il fatto che tra tutti i commentatori che hanno dialogato con il signor ciaravello non venga fatto il nome di un commentatore che tra l’altro è stato proprio il primo a iniziare il dibattito. Parlo della signora Stefania Petix”

    17. Proprio ieri, invece, a Controcampo, approfondimento sportivo Mediaset in onda su Rete 4, il giornalista e conduttore Alberto Brandi ha citato in diretta Mediagol.it come fonte di alcune dichiarazioni del presidente Zamparini.

      Qui trovate il video (la citazione è intorno al minuto 0:28″).
      http://www.mediagol.it/articolo.asp?idNotizia=25336

    Lascia un commento (policy dei commenti)