sabato 18 nov
  • Pittosfori

    La siepe dei pittosfori è verde di giada e grassa come una scrofa. Ma è lei che ferma il vento quando arriva maligno da Tramontana. E al riparo se ne stava quieto a spazzolare il pelo bianco del persiano Salman. Spazzolare un gatto, sentire la resistenza mai inesorabile dei nodi e scioglierli solo con movimenti leggeri. E pensare a se stessi ed a ben altri nodi. Alla ricerca di un Grande Spazzolatore.

    Pittosfori (illustrazione di Giuseppe Lo Bocchiaro)

    I racconti di tre righe
  • 2 commenti a “Pittosfori”

    1. magari:”Bello e abbronzato”

    2. Provate all’autolavaggio. Quando le grandi spazzole iniziano a muoversi. Dentro il veicolo sembra di galleggiare sereni, protetti dalla candida schiuma. Assumete a quel punto una posizione fetale, appoggiando la testa sul volante, pronti a rinascere in un mondo migliore. Non dura molto purtroppo. Vanno di fretta anche lì, come da ogni altra parte. “Avanti avanti, dottò, solo un minuto ancora e la mandiamo via….”

    Lascia un commento (policy dei commenti)