martedì 21 nov
  • “Cammarata in barca e Palermo affonda” a piazza Pretoria

    Il gruppo Per la rimozione del Sindaco Cammarata ha organizzato per oggi alle 11:00 la manifestazione Palermo affonda a piazza Pretoria. I manifestanti sono invitati a portare con sé una barchetta di carta.

    “Cammarata in barca e Palermo affonda”

    AGGIORNAMENTO n.1: gallery fotografica di Antonio Pillitteri; gallery fotografica di Daniele Li Volsi.

    “Cammarata in barca e Palermo affonda” - Una foto della manifestazione

    AGGIORNAMENTO n.2: video di Angelo Trapani.

    Palermo
  • 47 commenti a ““Cammarata in barca e Palermo affonda” a piazza Pretoria”

    1. mi raccomando andiamo tutti in piazza, non facciamo come al solito che tutti siamo bravi dietro a un monitor ma adesso è arrivato il momento di ribellarci a questo schifo.

    2. Ecco la differenza!
      Se i 2000 dipendenti Amia si trovassero all’improvviso senza stipendio, a piazza Pretoria arriverebbero con mazze spranghe e napalm per smontare il palazzo e farsi sentire, noi colpiti dal raddoppio irpef (anche se fossimo max 20.000 e tutti uniti) arriviamo con le leggiadre e delicate barchette di carta, facendo sorridere di piu’ il già sorridente primo cittadino!

    3. Manifestazione? Neanche per idea. Cammarata deve fare il suo dovere fino in fondo 🙂

    4. Speriamo che AMIA – AMAT – SISPI e simili falliscano presto

    5. Cammarata sei il mio idolo !

    6. Che dirti…
      Sposatelo.

    7. Quello “speriamo che falliscano presto” è molto triste… dietro tutto questo ci sono gli uomini, le famiglie e le poche realtà aziendali di questa terra.
      Hai ragione gli Enti pubblici macinano soldi e levano risorse ad altri investimenti che produrebbero a loro volta reddito e lavoro, ma non ci resta altro che avere coraggio:NON CHIEDERE PIU’ FAVORI A NESSUNO. PERCHE’ SONO TUTTI UGUALI. MANGIANO TUTTI

    8. Davide, le tue parole sono state premonitrici…tutti bravi dietro i monitor a scandalizzarsi e indignarsi……gli INDEGNI SIETE VOI…… alla manifestazione c’erano un paio di centinaia di persone. VERGOGNA. Francamente mi aspettavo una sommossa popolare.
      Ce lo meritiamo tutti questo sindaco.

    9. @ Alex anche io sono stato alla manifestazione dalle 11 alle 12.15. Mi aspettavo più gente anche io.

    10. Perchè una manifestazione di palermitani abbia successo bisogna organizzarla così: tutti coloro che vogliono le dimissioni di Cammarata alle ore 11:00 di sabato si facciano trova in pigiama e pantofole a casa propria 🙂

    11. GRANDE NICOLA

    12. Eccovi il testo della porcata firmata da papi per autorizzare la giunta comunale l’aumento dell’addizionale irpef. Leggete bene il secondo comma, perchè c’è ancora qualche speranza di non vedere approvato questo aumento…opposizione sveglia!!!!

      1. Entro il termine di cui all’art. 1, comma 1, lett. a),
      dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26
      giugno 2009, n. 3786, in deroga all’art. 1, comma 3, del decreto
      legislativo 28 settembre 1998 n. 360, come sostituito dall’art. 1,
      comma 142, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, nonche’ all’art. 53,
      comma 16, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, il comune di Palermo
      e’ autorizzato a disporre la variazione dell’addizionale comunale
      all’imposta sul reddito delle persone fisiche con deliberazione della
      Giunta comunale. Il relativo provvedimento resta in vigore fino ad
      eventuale nuova variazione adottata con delibera del Consiglio
      comunale.
      2. Entro il medesimo termine di cui al comma 1, il comune di
      Palermo e’ autorizzato a disporre, in deroga all’art. 175 del decreto
      legislativo 18 agosto 2000, n. 267, le necessarie variazioni al
      bilancio di previsione con deliberazione della Giunta comunale. Il
      relativo provvedimento resta in vigore fino ad eventuale nuova
      variazione adottata con delibera del Consiglio comunale.

    13. L’unica manifestazione utile è quella dentro la cabina elettorale al momento del voto ma anche su ciò ho i miei dubbi, perché il banco non lo tiene la categoria dei lavoratori dipendenti.

      http://www.corriere.it/economia/09_settembre_20/rizzo_denunce_redditi_cfe199e8-a5b4-11de-a2a4-00144f02aabc.shtml

      http://www.uil.it/fisco/Categorie%20di%20imprenditori_a.pdf

      http://antefatto.ilcannocchiale.it/glamware/blogs/blog.aspx?id_blog=96578&r=174210

    14. siamo nel guiness dei primati: Palermo è la città con l’addizionale comunale Irpef più alta in Italia

    15. intanto sperare in un fallimento di un azienda fatta in maggior numero di padri e madri di famiglia che lavorano (gli anonimi si fanno il culo) x portare a casa uno stipendio è da veri imbecilli, tuonare slogan facili è proprio riduttivo.
      Quello che è successo è la smascherata punta di un iceberg enorme e che affonda le radici in anni e anni di cultura furbesca di questo paese.
      Chi vi scrive, così come scrive qui non è tanto migliore perchè nel sistema malato ci si è trovato immerso, tutti voi pure, che almeno una volta nella vita avete cercato, al bisogno, l’amico, il parente, il santo in paradiso.. la raccomandazione e la spintarella.
      E’ come giustificare il ciclista che si dopa perchè tutti gli avversari si dopano.
      Siamo tutti vittime e carnefici di questo sistema sballato e imbroglione… Questo non giustifica nessuno, non assolve nessuno, ma siamo tutti in parte colpevoli. Purtroppo.

    16. Sperare nel fallimento di un’azienda non è bello, ma nel caso particolare di Amia, Gesip e forse Amat si tratta di aziende già fallite che vengono artificiosamente tenute in piedi grazie ai milioni di euro del contribuente.
      Non oso neanche parlare della qualità dei servizi.
      Quando però è il caso di centinaia di piccole e medie imprese private che falliscono con altrettanti decine di migliaia di padri di famiglia che perdono il posto nessuno ci fa caso.

    17. Caro Dandy è vero che gli anonimi si fanno il culo per portare lo stipendio a casa, ma purtroppo sono la minoranza di chi lavora in queste aziende compartecipate dal comune.
      La maggioranza è costituita da : Malacarni, fannulloni imboscati, parenti e amici di ….., varie ed eventuali.
      Per di più entrati senza merito, senza titoli ed alla faccia di chi ha studiato diversi anni sempre per portare uno stipendio a casa.
      Io personalmente non mi sento colpevole bensì vittima di qualche ingiustizia sociale quindi mi auguro dal più profondo del cuore che nonostante gli aiuti dello stato e le addizionali varie si arrivi al crack.
      Tutti a casa e pedalare.
      Lo sai quante braccia sono state strappate all’ agricoltura ?
      Penso sia arrivata l’ora di una inversione di tendenza.

    18. Con questo provvedimento Cammarata avra’ conservato i favori di 2000 dipendenti comunali che ovviamente per garantirsi il posto di lavoro lo rivoteranno, ma ha perso molti piu’ voti tra la gente di destra che lo ha votato visto che a mio parere questo e’ un provvedimento che suona di ASSISTENZIALISMO…L’AMIA, la GESIP sono aziende che vengono rifocillate con i soldi statali un po’ come accadeva con la vecchia ALITALIA. Qaundo i bilanci chiudevano in rosso c’era lo Stato a far quadrare i conti. I dipendenti AMIA sono quasi il doppio di quelli che lavorano a Milano che mi pare un po’ piu’ pulita della nostra citta’. Questi posti sono solo un bacino di voti che fanno gola al politico di turno. Quello che mi stupisce e’ come mai i sindacati oggi si scagliano contro questo provvedimento che garantisce i lavoratori che li finanziano….mah contraddizioni dei nostri tempi! Cammarata il sindaco blu con l’anima rossa!!!!!

    19. Sono stato anch’io alla manifestazione.
      Sinceramente sono rimasto deluso.
      Tra turisti, manifestanti, giornalisti e forze dell’ordine non si è superato le cinquecento persone.
      Purtoppo il popolo palermitano (in questo caso il popolo di Facebook) si è dimostrato di non essere di “bella”! Troppo facile fare “bordello” dietro una tastiera….per potere raggingere gli obiettivi bisogna essere presenti ed avere le p.a.l.l.e.
      Per chi non ci è stato, qualche foto della manifestazione:
      http://www.flickr.com/photos/daniele_photo/3955798374/

    20. VERGOGNA !!! Aumenta l’IRPEF e non querela L’AMMINISTRATORE RESPONSABILE DEL BUCO di BILANCIO della municipalizzata A.M.I.A.
      Pagano sempre i sudditi/contribuenti gli errori dei loro amministratori ELETTI, ma ormai sfiduciati dal popolo.
      E’ doverosa una ribellione morale dei palermitani, ineluttabile nel contesto politico panormita che appare, ormai, privo di etica pubblica e privata dei responsabili degli alti incarichi istituzionali e amministrativi di questa disgraziata e irredimibile città più INCOOL…di tutte !

    21. Posso esprimere le mie perplessità su una cosa che viene chiamata società ‘privatizzata’ e ‘municipalizzata’?
      Questa strana forma societaria, che di privato pare abbia solo il nome, essendo a capitale pubblico (e quindi non a rischio d’impresa, e quindi collusa con la pubblica amministrazione ed identificantesi con essa), ed assumendo non in base a logiche societarie di tipo privato, ma a segnalazioni del proprietario (il Comune, ed appunto il pubblico, il cui capitale, ricordiamoci sempre, deriva dalla tassazione dei cittadini, mentre le responsabilità delle assunzioni sono strettamente clientelari epersonali ai singoli politici in carica al momento), credo sia davvero un’anomalia, in cui sono permesse tutte le possibili forme di irresponsabilità gestionale, e nessuna reale responsabilità individuale nelle persone fisiche.
      Trovo indecente che esista una simile forma giuridica, che salva tutti da ogni possibile responsabilità. Facciamo chiarezza direi, chiamiamo le cose con il loro nome ed evitiamo di creare questi strani ibridismi societari, che non hanno davvero senso.

    22. Io c’ero!
      Sono molto deluso da questa città. ( dalla gente)

    23. MarcoC
      un ente pubblico fornisce servizi dietro un corrispettivo ( tariffa).
      Se l’ente accumula passivita’,puo’ agire sull’aumento delle tariffe,che pero’ usualmente si preferisce contenere (prezzo politico),
      lasciando ad altri il compito di sanare il bilancio.
      Il ricorso a societa’ miste,pubblico(51%),privato(49%)
      si fa in quanto si riconosce al privato la capacita’ di
      perseguire una produttivita’ maggiore.
      Quando gli obiettivi non si centrano,si possono
      sostituire i Manager’s.

    24. purtroppo ero a casa impegnata a sentirmi male…mi spiace non esser stata in piazza…ma mi aspettavo una così bassa affluenza alla manifestazione

    25. Ma siccome queste societa’ ibride riescono a coprire i buchi con i soldi dei cittadini non falliscono mai perche’ hanno sempre linfa vitale nuova proveniente dall’aumento delle tasse a discapito della comunita’. Insomma privatizziamole così i dirigenti che non sanno tenerle in utile positivo vengono cambiati del tutto e licenziamo i lavoratori in sovrannumero messi lì solo perche’ “poverini” hano bisogno di dar da mangiare il pane alle loro famiglie. Io lavoro in un azienda privata con contratto part time e non ho i soldi per farmela una famiglia…pero’ il sindaco mi toglie dei soldi per darli agli LSU!!! Questo è un PIZZO Legalizzato!! La sinistra non strumentalizzi questa situazione perche’ e’ un chiaro esempio di ASSISTENZIALISMO STATALE uguale a quello che si e’ perpetuato per anni con l’ALITALIA! CAMMARATA ha tradito i suoi elettori e deve andaresene a casa! Cammarata dimettiti! Io un euro a questi LSU Orrlandiani ed ora Cammaritani non lo avrei dato me li hanno rubati dalla busta paga…nemmeno un centesimo in piu’. Andassero a lavorare sul serio. VERGOGNA !!!!!!!

    26. E la prossima volta votero’ ancora piu’ a destra visto che questa destra e’ assistenzialista e sprecona!!!!! VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    27. Concordo con Francesco. Si deve tornate a stabilire un criterio di responsabilità nelle cose.
      Capiaco che anche il modo in cui la politica usi le proprità private in questa politica così invadente, sia una rischio.
      Credo sia utile, anche laddove si stabiliscano contratti con società private, valutare bene il minimo di ribasso (non ricadiamo nell’esperienza della società appaltatrice del parcheggio del tribunale), e stabilire parametri di responsabilità e garanzia reciproca messu su carta con nomi e cognomi.
      Tutta questa ambiguità, vaghezza, in questo settore, produce solo grande corruzione, clientelismo ed inefficienza generale.

    28. Francesco
      hai toccato un tema di politica sociale che e’ di natura nazionale,ma si accentua nelle regioni del sud,
      e cioe’ l’utilizzo degli enti pubblici (Universita’ comprese)quali Ammortizzatori Sociali.
      Alla fine la gente si ritiene poco retribuita e si
      ritiene nel diritto di dare prestazioni scadenti.

    29. Francesco ha toccato un problema reale. Le società para-pubbliche, che sono un’assurdità giuridica, e spero ci sia qualcuno che studia legge qui, per dirmi che sono anomalie incomprensibili o no.
      Sarò manichea. IL pubblico é una cosa, il privato un’altra figura. Per me non esistono società miste,non hanno senso di essere perché i modi le forme, il senso sono assolutamente diversi.
      Manteniamo distinte le cose, ci sarà più chiarezza.

    30. Io c’ero….Palermo no.

    31. purtroppo non m trovo a palermo e non ho poturo partecipare alla manifestazione … da quello che leggo mio malgrado … devo constatare che è vero che ogni popolo ha il governo che si merita …
      forse noi siciliani abbiamo barattato il sole con la civiltà … ma stiamo attenti forse abbiamo esagerato visto che in questi giorni anke il sole ha abbandonato la sicilia e palermo …

    32. a Palermo solo per il week end, ne ho approfittato e anch’io ho portato la mia barchetta

    33. Luciana, ti dirò, esistono cittadini d’Italia molto meno responsabili di noi, non buttiamoci così giù.
      Si combatte una battaglia anche se vuoi contro i ‘mischini che debbono campare’, che é una battaglia assurda.Si ha un lavoro per chi ha la coscienza di farlo dnel pubblico. Chi impedirebbe a chiunque allora di diventare la stessa cosa? mero personale clientelare a disposizione dei politici che decidono?
      Se alcuni rifiutano certe stabilità o favori, é oerché sanno cosa significano, e non sono disposti a barattare la propria libertà a fronte solo di un lavoro che diventa sussidio, e non riconoscimento di personali capacità.
      Siamo a questo. Interroghamoci tutti se abbia senso.

    34. quando decidete di scendere in piazza con il napalm, anzicchè le barchette di carta, fatemelo sapere che vengo anche io.
      ‘nkia non l’avete capito che chi e’ dall’altra parte si è fatta una grossa risata 🙂 ???
      Chi è dall’altra parte si scanta e trema all’idea di cosa possono essere capaci i 2.000 dipendenti dell’AMIA (non provenienti di certo da Yale, nè dalla Columbia Univ.) se si dovessereo trovare senza stipendio per qualche mese !!!
      Scrivitivillu nta mirudda intellettuali raaa sinistra!!!

    35. marcodisalvo hai ragione, ad essere troppo fini non si ottiene nulla, siamo troppo educati per questo sindaco e questa città, ma intanto oggi mi sono tolta la soddisfazione di gridare quattro cosette a questi ladroni e sono contenta di essere una persona con un po’ di voglia di fare le cose.
      Quando scenderai in piazza col napalm fammelo sapere che vengo anch’io.
      La mia dignità non si misura con la partecipazione dei rosaliani.

    36. La cosa bella è che il fallimento di questa manifestazione,darà più forza a cammarata.
      Avrà pensato,Viri a sti 4 atti,ma cu mu fa fari,a perdiri tutti sti privileggi,e la gioa nel sodomi…i cittadini aumentando con gusto l’irpef,e continuare a fare le mie belle por.cate??
      Io non so,se orlando era peggio di lui,ma so per certo che quando c’era una certa corrente politica,le manifestazioni,si potevano chiamare tali.
      Palermo,ha perso l’anima,di lottare non gliene frega più a nessuno.
      Amia-AMAT-Sispi e company..è composta da una grossa percentuale di fannulloni,lo dicono i fatti…non le chiacchere..
      Io non mi parlo più co un mio parente dipendente amia,perchè u smirdavu ra bella……
      Io non ho padroni,cammarata non è il mio sindaco.

    37. Tutto è cambiato ma nulla è mutato non si fa altro che chiacchierare,lamentarsi,imprecare scrivere bei discorsi ma alla fine ieri 4 gatti.Quando si organizza qualche cosa seria chiamatemi.

    38. Uma
      le societa’ miste non sono un’assurdita’ giuridica,
      nascono in virtu’ di una legge ben precisa,
      che ne regola il funzionamento.
      In molti casi hanno funzionato benissimo,consentendo l’apporto del Know How da gruppi Privati.
      Qui non e’ ancora bene emerso perche’ e’ nata questa Gesip,cosa ci si aspettava,e se si sono fatte le mosse
      giuste per un corretto funzionamento,o,se vuoi,cos’e’
      che impedisce di avere buoni risultati.

    39. In padania e in etruria funzionano mediamente bene, in terronia mediamente male: cos’è che impedisce di avere buoni risultati? 😀

    40. Scusate ma bisogna anche dire che l’informazione è stata scarsissima sulla manifestazione, io volevo andare ma su rosalio fino a venerdi non c’era nessuna info!

    41. @Uma
      Grazie, non si deve essere dei geni per capire che al sud queste societa’ miste diventano solo dei bacini per gente che si vuole beccare uno stipendio con il minimo sforzo o con sforzo nullo.
      @Nat
      Orlando nel 2001 ce ne ha mollati 7000 di LSU e Cammarata ne ha inseriti 970 circa all’AMIA. sai cosa significa? Che solo questi pesano all’AMIA per piu’ di 1.000.000 di euro al mese. Il numero dei dipendenti AMIA e’ il doppio di quelli che ci sono a Milano ma lavorano 1/4 rispetto ai loro colleghi perche’ sanno solo lamentarsi e far pause caffe’ e sigarette perche’ sono sempre stanchi…ma chi li controlla? Anche loro hanno capito che lì ci devono stare e basta. Io non ne avrei assunto nemmeno uno perche’ secondo la mia idea di libero mercato del lavoro i lavoratori vengono assunti in base alla domanda e non perche’ “ci devono stare”. Cammarata con quest’atteggiamento ha continuato la politica Orlandiana, ha stabilizzato FORZATAMENTE dei lavoratori inutili alla collettivita’. Non riesco pero’ a capire come mai io elettore di destra non sopporto questo modo di fare politica e tutta la sinistra adesso la pensa come me…quando se ci fosse stato Orlando avrebbe agito nello stesso modo garantendo il lavoro dei suoi LSU.

    42. Tralaltro dei parenti di gente che sta all’opposizione in consiglio comunale è stata assunta in alcune di queste società. Sono tutti gli stessi….

    43. Ragazzi, alla fine consoliamoci pensando di avere fatto qualcosa di buono per la nostra città, forse ci proviamo maldestramente, ma che importa, io la sera e anche la mattina posso continuare a vivere non rimproverandomi nulla e continuando a ringraziare il buon Dio al quale devo tutto sicuramente, non alla politica, che per dirla come Brigitte Bardot, mi disgusta.

    44. La scarsa partecipazione forse e’ stata causata dalla scarsa pubblicita. Perche non proviamo a fare dei manifesti da attaccare per strada, per una prossima e spero immediata lotta contro chi sta succhiando il nostro sangue. Non dobbiamo mollare anche per i nostri figli, per evitare che loro fuggano via per cercare cio’ che avrebbero di diritto nella loro terra natia. Forza Palermo, risorgi dalla fogna

    45. Ecco il danno fatto del raddoppio Irpef.
      Entro il 30 (mercoledì) settembre il Consiglio Comunale puo’ annullare quella delibera.

      Ed ecco che arriva in Consiglio Comunale la delibera di raddoppio dell’Irpef.

      Riusciranno i nostri eroi consiglieri comunali a “debellare” quella delibera di Giunta ?
      Lo scopriremo entro mercoledì 30 settembre di che pasta sono fatti !!!
      Scommesse accettasi ….;-)

    46. io c’ero!!!!!!!!!!!!!!!

    47. I ragazzi della manifestazione hanno proposto di incontrarci presto in un luogo chiuso per parlare e la proposta era di andare in giro per i quartieri di Palermo a parlare alla gente e far capire perchè non si può più votare questa gente.
      L’invito era anche di iscriversi a FB al gruppo
      “Buttimo fuori cammarata” o qualcosa del genere per tenersi in contatto.
      Chi è interessato sa come muoversi…

    Lascia un commento (policy dei commenti)