mercoledì 22 nov
  • Lutto per Messina al World festival on the Beach

    Bandiera dell'Albaria con fascia nera in segno di lutto

    In segno di lutto per le vittime italiane causate dalla frana nel Messinese quest’anno in occasione del World festival on the Beach sul pennone della sede dell’Albaria a villa Gregorietti in piazza Valdesi oltre alla bandiera del circolo sventolerà anche una fascia nera.
    Il circolo Albaria da sempre sensibile alle vicende legate al territorio non può non tributare il giusto rammarico per una tragedia annunciata. La violenza dell’uomo sulla natura quali le coste, il mare, le montagne, le foreste portano sempre ad eventi tragici. Gli interessi di pochi ed il disinteresse di molti finalizzati a lucrare su tutto, senza rispetto di nulla, dilania la vita di quelli che invece hanno sempre vissuto nel rispetto del prossimo. Se pensiamo alla Sicilia, un Isola cosi bella da togliere il fiato, ma umiliata e deturpata dall’abuso edilizio e non solo da quello, perché abusare è sempre lecito, non possiamo non indignarci e capire che forse bisogna prendere coscienza di quello che ognuno di noi può fare anche nel più semplice dei gesti quotidiani.

    Ospiti
  • 7 commenti a “Lutto per Messina al World festival on the Beach”

    1. Ecco. Appunto. Mettiamo una bella fascia nera sul pennone e poi via! Tutti in acqua!!! Yeah.
      Certo, magari si sarebbe potuta annullare la manifestazione in segno di protesta e indirizzare i soldi (quelli rimasti) a Messina.
      Ma no. Perché annullare una cosa positiva nella nostra regione, che attira attenzione internazionale e che anzi è indice di come si possano far bene le cose (coi soldi pubblici) anche qui al sud?
      Giusto.
      Per cui… tutti in acqua!!! Yeah!!!

    2. Concordo con Isaia.
      In toto.

    3. concordo con isaia ma c’è una cosa che ho notato subito leggendo il post quel “In segno di lutto per le vittime italiane causate dalla frana nel Messinese” quell’italiane ha attirato la mia attenzione. Perchè in tutta questa storia le vittime messinesi sono state trattate da tutto tranne che da italiane. Sono state trattate da ultime fra gli ultimi. Italiani di serie B. Era voluto quell’italiane o è stato un caso?

    4. Cari amici di Rosalio, il termine Italiane è stato fermamente voluto proprio perchè l’Italia è una e non esistono morti di serie A e di serie B.
      Per quanto concerne il commento di Isana , ne sono molto dispiaciuto. Chi conosche il Festival sa che è una manifestazione quasi totalmente finanziata dai privati e per minima parte (veramente minima) dalla Regione Siciliana.
      Se si pensa a quale spreco di pubblico denaro spesso siamo costretti ad assistere è veramente singolare che il World Festival on the BEach venga accusato di sperperare il denaro pubblico, comunque le critiche costruttive aiutano a crescere, ma in questo caso è fuori luogo criticare una decisione che è nata spontanea e commossa, si rischia di svilire un gesto di solidarietà che ognuno manifesta come crede…..

    5. Eduardo, io invece ho apprezzato il vostro gesto.
      Non penso che i commentatori precedenti avrebbero chiesto al calcio di fermarsi, ammesso che negli stadi ci si fosse ricordati di questi morti, cosa che non mi risulta.
      BRAVI, non a caso la vela è ancora una cosa pulita.

    6. Quoto Isaia…yeah!!!

    7. Non concordo completamente con il commento di Isaia. Questa manifestazione è l’unica manifestazione MONDIALE rimasta a Palermo e grava quasi zero sulle tasche della sicilia, è quasi totalmente supportata dagli sponsor. Non so quanto richieda di denaro una manifestazione come questa alla regione scilia ma sicuramente non più di 5mila euro (e forse sono tanti, troppi) ora vorrei chidere… cosa sono 5mila euro in confronto ad una strage come quella di messina? Avrebbero cambiato qualcosa? Io penso che togliere questi soldi a World festival sarebbe stato assurdo, avrebbe solamente privato di un evento mondiale una città come la nostra che ha solo bisogno di questo, di pubblicizzarsi all’estero e favorire il turismo. Trovo privo di senso ciò che dici, invece trovo corretto l’esposizione della fascia nera, che non farà altro che sollecitare l’attenzione pubblica sul problema gravissimo cui è dentro la provincia di Messina. Correggetemi se sbaglio….

    Lascia un commento (policy dei commenti)